Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvgnessi.iolearmonia93prefazione09leo1842m.antoniettacatellapasquale.pato7Modu_diesurfinia60Nebroscerbiattoagosto170crosi68060MARI066
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Messaggi di Dicembre 2020

Arriva la neve... MALTEMPO: COLDIRETTI PUGLIA, PRIMA NEVE SUL GARGANO; ALLARME GELO PER VERDURE E ORTAGGI

Post n°27462 pubblicato il 27 Dicembre 2020 da forddisseche

Arriva la neve...

MALTEMPO: COLDIRETTI PUGLIA, PRIMA NEVE SUL GARGANO; ALLARME GELO PER VERDURE E ORTAGGI

Prima neve in Puglia sul Gargano con Faeto innevata e l’arrivo del repentino freddo anche in pianura che colpisce le coltivazioni invernali in campo come cavoli, verze, cicorie, radicchio e broccoli ma lo sbalzo termico improvviso ha inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra. E’ quanto afferma Coldiretti Puglia, che segnala brusco cambiamento climatico in un 2020 che si è classificato fino ad ora come il quinto più caldo dal 1800, con una temperatura di quasi un grado superiore alla media storica (+0,96 gradi) sulla base dei dati Isac Cnr.

“Il clima pazzo sta contribuendo a consumare il suolo per il 67,5% in contesti prevalentemente agricoli o naturali, depauperando pezzi di territorio e deturpando il paesaggio, oltre ad impoverire il tessuto imprenditoriale agricolo pugliese”, denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Sono evidenti le conseguenze dei cambiamenti climatici, dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, come accaduto a partire da gennaio dove l’inverno bollente ha lasciato il posto ad una primavera pazza e ad un inizio di inverno bellente, dove si sono succeduti numerosi eventi estremi, secondo le elaborazioni su dati dell’European Severe Weather Database (ESWD), come 3 tornado di cui due in provincia di Bari e 1 in provincia di Lecce, 10 grandinate violente nel barese e sul Salento, 2 trombe d’aria nel barese e nel foggiano, frequenti nubifragi improvvisi, oltre alle nevicate di febbraio, le gravi gelate del 24 e 25 marzo scorsi e la violenta grandinata del 6 luglio scorso in provincia di Taranto, a Massafra, Castellaneta, Martina Franca, Manduria e Avetrana, con il nubifragio che nel foggiano ha distrutto in pochi attimi 300 ettari di pomodoro da San Severo ad Apricena, da Poggio Imperiale fino a Lesina, per finire alle grandinate e ai nubifragi che hanno colpito la Puglia tra settembre e novembre.

Il rischio idrogeologico, con differente pericolosità idraulica e geomorfologica, riguarda il 100% dei comuni della BAT, il 95% dei territori di Brindisi e Foggia, il 90% dei comuni della provincia di Bari e l’81% dei comuni leccesi e sono 8.098 i cittadini pugliesi esposti a frane e 119.034 quelli esposti ad alluvioni, secondo le elaborazioni di Coldiretti Puglia sulla scorta dei dati ISPRA.

Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici, dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – conclude la Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con costi per oltre 3 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.



 

 
 
 

Arriva la neve...

Post n°27461 pubblicato il 27 Dicembre 2020 da forddisseche

Arriva la neve...

 
 
 

Antiche tradizioni sipontine – Virne (Inverno) A cura di Pasquale Ognissanti (Archivio Storico Sipontino)

Post n°27460 pubblicato il 27 Dicembre 2020 da forddisseche

Antiche tradizioni sipontine – Virne (Inverno)

A cura di Pasquale Ognissanti (Archivio Storico Sipontino)

Manfredonia, 27 dicembre 2020. Per le vecchie generazioni,  l’inverno era il periodo più triste dell’anno; esso  per i lavoratori giornalieri e per i pescatori significava non potere lavorare, a causa dei  cattivi tempi, per cui la miseria era incombente sulle loro famiglie.

Va pur detto  che il ricordo si è perpetuato (e per molti aspetti, anche se con emotività diverse, senza fare  retorica o metafora, pare ancora attuale) con i proverbi ed i modi dire che  qui riportiamo, a fare inizio subito  da dopo Natale.

Dope Natéle
(de virne)
ce vole fuche e strafuche
Dopo Natale (d’inverno)/ occorre fuoco e cibo
Dope Natéle fridde e féme
Dopo Natale freddo e fame
Ji ttriste a scì
pe mmére u Virne
E’ triste (terribile) andare/ per mare d’Inverno
 
I maletimbe de virne
ne mbassene méje
I cattivi tempi d’inverno/ non passano mai (durano molto tempo)
 
Timbe de virne:
timbe de nFirne
Tempi di Inverno:/ tempi di Inferno
U Virne vene schjitte p’i puverille
L’Inverno arriva solo per i poveri
Vene Virne
p’i méle vestite
Viene Inverno/ per i mali vestiti
Virne assutte:
virne curte
Inverno asciutto; inverno corto

A cura di Pasquale Ognissanti (Archivio Storico Sipontino)

 
 
 

Foggia, neonata positiva al Covid operata: sta a casa e si è negativizzata La piccola ha avuto un decorso post operatorio tranqu

Post n°27459 pubblicato il 26 Dicembre 2020 da forddisseche

Foggia, neonata positiva al Covid operata: sta a casa e si è negativizzataLa piccola ha avuto un decorso post operatorio tranquillo ed è stata dimessa dopo cinque giorni

  
ospedali riuniti Foggia
 
 
 
 

FOGGIA - Una bambina di 8 mesi, positiva al Covid, è stata sottoposta ad intervento chirurgico lo scorso 3 dicembre per «invaginazione intestinale» presso la Struttura di Chirurgia Pediatrica Ospedaliera del policlinico Riuniti di Foggia.

 

Alla fine dell’intervento, la bambina è stata ricoverata nell’area Covid dedicata. La piccola ha avuto un decorso post operatorio tranquillo ed è stata dimessa dopo cinque giorni. E' tornata a casa dove nel frattempo si è negativizzata. E’ il primo caso di una paziente pediatrica di soli 8 mesi operata presso il Policlinico foggiano. 

 
 
 

Maltempo, bloccati i collegamenti tra Termoli e le Isole Tremiti Brusco calo delle temperature nelle ultime ore in tutto il Mol

Post n°27458 pubblicato il 26 Dicembre 2020 da forddisseche

Maltempo, bloccati i collegamenti tra Termoli e le Isole Tremiti

Brusco calo delle temperature nelle ultime ore in tutto il Molise e neve in montagna a Campitello Matese (Campobasso)

(ANSA) – TERMOLI, 26 DIC – Interrotti i collegamenti tra Termoli e le Isole Tremiti (Foggia). A causa delle avverse condizioni meteo, la motonave merci e passeggeri “Isola di Capraia” è rimasta nel porto molisano.

Lo riporta l’Ansa Puglia.

La Capitaneria di porto ha diramato un avviso di burrasca valido fino alla serata di oggi. Il bollettino prevede mare mosso e vento di nord-est forza 7.

Brusco calo delle temperature nelle ultime ore in tutto il Molise e neve in montagna a Campitello Matese (Campobasso). (ANSA).

 
 
 

Vieste / Grandi Risultati per il Nucleo del benessere animale

Post n°27457 pubblicato il 26 Dicembre 2020 da forddisseche

L'immagine può contenere: 3 persone, persone in piedi
Grandi Risultati per il Nucleo del benessere animale della Polizia Locale di Vieste !!

E' stato istituito circa un anno fa dal Comune di Vieste, fortemente voluto dall’assessore all’ambiente Vincenzo Ascoli ,nell'ambito del Progetto ZERO CANI IN CANILE, che ha debellato il randagismo a Vieste. Con l'apertura della pagina Facebook " Polizia Locale Vieste -Nucleo Tutela e Benessere Animale" i loro post sono arrivati alle oltre 100.000 visualizzazioni. Attraverso la pagina educano, spiegano procedure e raccontano storie di animali salvati. Inoltre, fanno campagne educative nelle scuole, effettuano controlli su microchip e deiezioni. Consensi altissimi e tanti complimenti nei commenti,da tutta Italia per questo Nucleo speciale che in sinergie con Forze dell'ordine, ASL, Associazioni, salva tanti animali. Nei commenti c'è chi ha taggato i ministri affinché venga preso come esempio e istituito in tutti i Comuni d'Italia. La nascita del Nucleo è una delle tante azioni che il progetto di lotta al randagismo " Zero cani in canile " prevede. Il progetto adottato dal Comune di Vieste è stato ideato dalla dott.ssa Francesca Toto e realizzato dai volontari di Vieste della LNDC.
Mostra meno

 
 
 

Foggia. Ciao Benito Stanco “il ‘papà’ di giocatori, allenatori e dirigenti del calcio”

Post n°27456 pubblicato il 26 Dicembre 2020 da forddisseche

Foggia. Ciao Benito Stanco “il ‘papà’ di giocatori, allenatori e dirigenti del calcio”


Un anno trascorso male non poteva terminare peggio.

Colui che dagli anni ’60 ad oggi è stato il “papà” di tanti giocatori, allenatori, dirigenti sportivi di Capitanata, ci ha lasciato.

A Benito Stanco tutti noi dobbiamo qualcosa. Il calcio lo rimpiangerà.

A 85 anni, fino all’ultimo suo respiro, Benito ha pensato alla sua famiglia naturale e a quella in cui ha vissuto per decenni, il suo mondo, quello fatto di campi verdi e palloni.

E siamo certi che ovunque adesso si trovi, starà passeggiando sui bordi di un campo grande come il mondo.

Ciao Presidente, che la terra ti sia lieve…

ASD FOGGIA INCEDIT

 
 
 

Rodi Winter Music 2020: al via la rassegna musicale in streaming Il programma degli eventi in streaming. Rodi Winter Music AUT

Post n°27455 pubblicato il 26 Dicembre 2020 da forddisseche

Rodi Winter Music 2020: al via la rassegna musicale in streaming

Il programma degli eventi in streaming.

Gargano, 26 dicembre 2020. Sarà un’edizione digitale, quella di quest’anno del Rodi Winter Music 2020. Il festival, giunto al secondo anno, è organizzato dall’Associazione “Luigi Russo”, presieduta da Domenico Sinigagliese, con la direzione artistica del M° Raffaele Manuel Padula (Saxophonist – Cannonball Musical Instrument and JLV Paris ARTIST).

Quattro grandi appuntamenti trasmessi in streaming sulla pagina Facebook “Rodi Summer Music”, di esibizioni integrali registrate prima degli ultimi DPCM. Nei giorni 26, 28, 29 e 30 Dicembre 2020, alle ore 17.00, si alterneranno le esibizioni dei maestri Manuel Padula, Luca Cocomazzi, Antonio Montecalvo, Radiana Redaelli, Simone Nicoletta e Shoko Gamo. “Un’occasione in più per sentirci un po’ più vicini con l’auspicio di poter tornare il prima possibile alla normalità” è quanto espresso sulla pagina della rassegna.

 
 
 

L’Esercito impegnato nel sociale a Foggia Pubblicato il 24 Dicembre 2020 Categorie Tags Nei giorni scorsi gli uomini

Post n°27454 pubblicato il 26 Dicembre 2020 da forddisseche

L’Esercito impegnato nel sociale a Foggia  
 
 

Nei giorni scorsi gli uomini e le donne del 21° Reggimento artiglieria, unità dell’Esercito inquadrata nella Brigata Meccanizzata “Pinerolo” di Bari, hanno donato 320 kg di generi di prima necessità alla mensa dei poveri “San Pio da
Pietrelcina” gestita da fra Michele Placentino dei Frati Cappucini di Foggia. I militari, con il supporto del Cappellano Militare fra Giuseppe Rubio, volontariamente e con entusiasmo hanno messo in atto l’iniziativa in vista delle Feste Natalizie, dando vita in caserma, in pochi giorni, ad una raccolta di generi di prima necessità per supportare i più
bisognosi della comunità cittadina. Alla donazione ha preso parte Fra Matteo Lecce, Segretario provinciale della Provincia Religiosa di Sant’Angelo e Padre Pio dei Frati Minori Cappuccini e Presidente dell’Associazione di Volontariato Mensa dei Poveri “San Pio da Pietrelcina” ONLUS , il quale ha elogiato i militari foggiani per il gesto di generosità ed altruismo. L’iniziativa si unisce a una recente partecipazione del Reparto alla raccolta di sangue,
promossa dall’AVIS comunale presso gli Ospedali “Riuniti” del Capoluogo Dauno, ed al concorso per la realizzazione, in collaborazione con la ASL, del Drive Through dell’Operazione IGEA di San Severo. Il Comandante di Reggimento, Colonnello Andrea Gallieni, ha ringraziato i suoi militari che, nonostante i molteplici impegni su più fronti nell’Operazione “STRADE SICURE”, continuano a dare prova di altissimo senso di responsabilità e integrazione con la realtà locale.

 
 
 

Auguri, cinema Paris (di Francesco A.P. Saggese) Il botteghino, la sala, le poltrone, il grande schermo, le luci che si spengon

Post n°27453 pubblicato il 26 Dicembre 2020 da forddisseche

Auguri, cinema Paris (di Francesco A.P. Saggese)

Il botteghino, la sala, le poltrone, il grande schermo, le luci che si spengono, il film che comincia, l’intervallo, i titoli di coda


Il botteghino, la sala, le poltrone, il grande schermo, le luci che si spengono, il film che comincia, l’intervallo, i titoli di coda. Il virus si è portato via anche questo; un rito che riempiva con una certa cadenza i nostri giorni: prendendosi un venerdì, un sabato sera o un pomeriggio di domenica.
Ma questa non è la prima volta che qualcosa o qualcuno ha provato ad uccidere i “cinema” di paese.

Ci sono ad esempio le tv a pagamento, le scelte dei singoli, i sempre più imponenti televisori che regnano sovrani nei nostri appartamenti, e poi le gigantesche multisala, con film diversi e proiettati ad ogni ora; per questo molte sale cinematografiche hanno dovuto spegnere per sempre i proiettori, togliere le poltrone, chiudere il botteghino.

Ma se buona parte del mondo sembra andare solo in questa direzione, c’è chi invece prova a stringere i denti e a non farsi risucchiare dai tempi che cambiano; c’è chi prova a porre un argine allo scorrere ineludibile delle cose, quasi a dire, fermiamoci un attimo, riprendiamoci luoghi, atmosfere, emozioni, sogni.

È successo così a Vico nel 2014, quando il giorno di Natale ha aperto i battenti il Cinema Paris.

Un piccolo cinema di paese nel cuore del Gargano, una pietra preziosa incastonata su un gioiello, su questo fazzoletto di terra dove nel secolo scorso erano già presenti altri due cinematografi (Cinema Razionale e Cinema Teatro Gargano della famiglia Scelsi), in cui si sono consumate storie di risate e di lacrime, di amori e di tradimenti, di cow boy e di sceriffi.

Oggi siamo qui a raccontare una storia legata alla tradizione di questo territorio garganico, parte integrante della sua anima, quella del Cinema Paris di Vico, nato sulle fondamenta dell’ex cinema Razionale, ed oggi di proprietà delle famiglie Baldassarre – Parisi, che con le chiusure dettate dall’emergenza covid19 sta affrontando un momento di forte preoccupazione.

A testimoniare questa storia, Vincenzo Baldassarre, di supporto alla sua famiglia nella gestione del cinema vichese, in particolar modo a suo zio, Mino Parisi che insieme a sua moglie Filomena Triggiani, se ne occupano quotidianamente.

Vincenzo ci parla direttamente dall’interno della sala cinematografica, tra il grande schermo e le sue poltrone rosse, immerso in un silenzio insolito, e lo fa con parole che attraversano generazioni di donne e di uomini, parole che non si fermano e che vogliono andare lontano [potete guardare sotto il filmato realizzato da Pasquale D’Apolito – Studio 28mm].

Noi siamo qui perché crediamo in questa storia, e per dire al “Paris” che vogliamo tornare presto in sala, perché vogliamo continuare a sognare e a riconoscerci negli universi possibili che solo il cinema sa offrire, oltre che ritrovare un luogo di aggregazione culturale.

Sono questi i nostri auguri di compleanno al “Paris” che il giorno di Natale compie sei anni.

Con questi auguri vogliamo celebrare la vita che continua seppur con un ritmo diverso, con l’auspicio che presto la vita si riprenda tutta la vita, dai sorrisi agli abbracci, fino ad arrivare al biglietto del botteghino, alla sala, alle poltrone, al grande schermo, alle luci che si spengono, al film che comincia, e a noi, con gli occhi persi nella storia dell’ultimo film.

Francesco A.P. Saggese

 
 
 

Totti, Ilary Blasi, Federica Pellegrini e tanti altri per il poliambulatorio di San Giovanni Rotondo Questo grazie all'impegno

Post n°27452 pubblicato il 26 Dicembre 2020 da forddisseche

Totti, Ilary Blasi, Federica Pellegrini e tanti altri per il poliambulatorio di San Giovanni Rotondo

Questo grazie all'impegno dell'Associazione Amici dei Bambini di Peschici, che ogni anno regala emozioni e piccoli doni ai giovanissimi pazienti. Una bellissima dimostrazione di solidarietà.

Francesco Totti, Ilary Blasi, Federica Pellegrini, Fabrizio Bosso, Karima, Niccolò Pirlo, figlio dell’allenatore della Juventus, il ventriloquo Andrea Radicchi e il sassofonista Stefano Di Battista hanno formulato personalmente gli auguri di Natale ai bambini ed al personale sanitario del Poliambulatorio Giovanni Paolo II di San Giovanni Rotondo.

Video Player
00:00
05:17

Questo grazie all’impegno dell’Associazione Amici dei Bambini di Peschici, che ogni anno regala emozioni e piccoli doni ai giovanissimi pazienti. Una bellissima dimostrazione di solidarietà.

 
 
 

Per un Natale della cura, auguri Nella creazione è l’uomo che viene fatto a somiglianza di Dio.

Post n°27451 pubblicato il 25 Dicembre 2020 da forddisseche

Per un Natale della cura, auguri

Nella creazione è l’uomo che viene fatto a somiglianza di Dio. Nell’Incarnazione è invece Dio che vuole assomigliare all’uomo.

Lo depose in una mangiatoia”. Così dice il vangelo!

Per il credente, il Natale è un mistero grande. Immenso. Che non si può spiegare. Il Dio in cui egli crede si spoglia della sua divinità per vestire i panni dell’umanità. Non è l’uomo a celebrare Dio, ma, al contrario, è Dio a celebrare l’uomo. Lo onora. Quasi si inchina di fronte alla sua bellezza mista a fragilità. Entra nella sua forma, quella che Egli stesso ha creato.

Perfino l’ateo J. P. Sartre se n’è accorto, quando mentre era prigioniero nel 1940, durante la Seconda guerra mondiale, scrivendo un bellissimo testo sul Natale, dal titolo “Bariona”, ha affermato: “Questa carne divina è la mia carne. È fatta di me, ha i miei occhi e questa forma della sua bocca è la forma della mia. Mi rassomiglia. È Dio e mi assomiglia”.

Nella creazione è l’uomo che viene fatto a somiglianza di Dio. Nell’Incarnazione è invece Dio che vuole assomigliare all’uomo.

E per noi, che forse siamo stanchi dell’uomo, il quale, come ebbe a dire il filosofo E. Cioran, sta passando di moda, questa di certo è una bella provocazione. Per credenti e non.

Lo depose in una mangiatoia”. Così dice il vangelo! “Deporre”: gesto materno che significa poggiare con delicatezza e infinita tenerezza.

E così a Natale vediamo un Dio deposto in una culla prima di esserlo da una croce. Un Dio deponente e non tanto un Dio Onnipotente.. Esposto anch’egli alla fragilità di un gesto che ha la cifra dell’accoglienza. Anche Dio chiede due braccia che lo sostengano e un seno su cui adagiarsi. Un volto su cui perdersi e una voce che lo riconosca.

Dio chiede a noi quella tenerezza che Lui stesso ci ha donato. Chiede cura, Lui che è il Dio della cura.

Si, il Dio della cura chiede cura, perchè è la cura che ci definisce. Perchè prendersi cura di Dio è prendersi cura dell’uomo. Di ogni uomo!

E allora, auguri a tutti. Che questo Natale sia un Natale della cura! Per tutti . Nessuno escluso!

 
 
 

La manfredoniana Giulia Scarano tra le candidate sul sito influencer più seguito d’Italia Intanto, amici, concittadini e simpat

Post n°27450 pubblicato il 25 Dicembre 2020 da forddisseche

La manfredoniana Giulia Scarano tra le candidate sul sito influencer più seguito d’Italia

Intanto, amici, concittadini e simpatizzanti, potranno votarla a questo link: https://www.webboh.it/webboh-awards-2020-votazioni/

Manfredonia, 24 dicembre 2020. Se non conoscete Favij, Cecilia Cantarano o Lyon, probabilmente non siete adolescenti o non ancora genitori. C’è, infatti, un mondo virtuale che viaggia ormai in parallelo a quello reale, dove i nuovi miti sono ragazzi e ragazze che con spigliatezza e creatività hanno conquistato il web, entrando negli schermi e nei cuori di migliaia di giovani.

Tra i nuovi ‘influencer’ si è da poco affermata una giovanissima manfredoniana, Giulia Scarano, tra le protagonisti indiscusse del Collegio 5.

Quattordici anni, biondissima e con un viso bricconcello sempre pronto ad esplodere in fragorose risate, Giulia ha conquistato il pubblico italiano fin dalla prima puntata, quando si è presentata con un bel caciocavallo nostrano, olive e scaldatelli.

E c’è proprio la Scarano a contendersi il titolo di COLLEGIALE dell’anno sul seguitissimo sito Webboh, che con i Webboh Awards 2020 ha deciso di celebrare la fine di questo anno decretando i migliori creator e le più interessanti rivelazioni.

La giovane manfredoniana è stata sicuramente la Collegiale più notata in questa edizione con tutta la sua vivacità, il carattere peperino e la Puglia nel cuore. Per Giulia sicuramente questa esperienza è stata la prima di tante altre avventure televisive, e dopo essere stata ospite al Tg2 Post la scorsa settimana, domenica 27 dicembre alle 7.18 interverrà in diretta a Uno Mattina in Famiglia.

Intanto, amici, concittadini e simpatizzanti, potranno votarla a questo link: https://www.webboh.it/webboh-awards-2020-votazioni/

(basterà cliccare sul volto di Giulia nella sezione COLLEGIALE dell’anno). C’è tempo fino a martedì 29 dicembre alle 23.59.

In bocca al lupo Giulia!

Maria Teresa Valente

 
 
 

VIESTE – Gli auguri della neo comandante della Polizia Locale Il Dic 25, 2020 90

Post n°27449 pubblicato il 25 Dicembre 2020 da forddisseche

VIESTE – Gli auguri della neo comandante della Polizia Locale 

 
90
 

Il Comandante della Polizia Locale di Vieste, augura a tutta l’Amministrazione Comunale, a tutta la Cittadinanza, a tutte le Autortità Civili, Militari, Religiose e a tutte le associazioni di volontariato e agli organi di stampa-televisione e radio, sinceri Auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo, con la speranza che sia foriero di grandi novità, soprattutto legate alla grave pandemia che ci affligge.
A tal proposito invita tutti, in particolar modo in queste festività, al rispetto della vigente normativa anti-covid19, ricordando altresì che nella nostra Città è severamente vietato vendere ed utilizzare in ambito cittadino micro e macro esplodenti.

Il Comandante
Comm. Capo Avv. Caterina Ciuffreda

 
 
 

digitale terrestre dvb-t2

Post n°27448 pubblicato il 24 Dicembre 2020 da forddisseche

Fonte foto: lensw0rld - stock.adobe.com

HOW TODigitale terrestre 2021: in quali regioni italiane bisogna cambiare TVManca poco allo switch off del digitale terrestre di seconda generazione, ecco quali sono le regioni italiane dove arriverà prima il segnale DVB-T2. 24 Dicembre 2020

Nel 2021 lo “switch off“, cioè il passaggio dal vecchio digitale terrestre a quello di seconda generazione in standard DVB-T2, entra nel vivo. Con il nuovo standard potremo vedere più canali, ad una risoluzione e qualità maggiori, ma in alcuni casi dovremo cambiare TV o decoder.

Il passaggio dal digitale di prima generazione a quello di seconda non è una scelta facoltativa: gradualmente il vecchio segnale verrà spento e chi non ha un apparecchio compatibile non vedrà più nulla. Il Governo italiano, infatti, ha già assegnato alcune frequenze attualmente usate dal digitale terrestre (ma che non saranno usate dal DVB-T2) agli operatori telefonici: serviranno ad ampliare la rete 5G. Per fortuna lo switch off non arriverà “tutto e subito“, ma sarà graduale e differenziato anche geograficamente. L’Italia è stata divisa in 4 aree, ognuna delle quali passerà al digitale terrestre di seconda generazione in un momento diverso. Ecco a chi tocca prima nel 2021.

DVB-T2: le regioni in Area 2 e 3

Sembra strano, ma è così: le prime regioni che passeranno al DVB-T2 nel 2021 non saranno quelle inserite in Area 1, ma quelle in Area 2 e 3. In queste regioni il segnale attuale verrà spento nel periodo 1 settembre – 31 dicembre 2021:

  • Emilia Romagna
  • Friuli Venezia Giulia
  • Lombardia
  • Piemonte
  • Provincia Autonoma di Trento
  • Provincia Autonoma di Bolzano
  • Veneto
  • Valle d’Aosta

Chi risiede in questi territori deve controllare che il suo TV (o il suo decoder esterno) sono compatibili con il DVB-T2, altrimenti dal primo settembre 2021 non vedrà più la televisione.

Come sapere se la TV è compatibile con DVB-T2

Il modo più semplice per sapere se il proprio apparato televisivo, cioè la TV con decoder integrato o il decoder esterno, è compatibile con il nuovo standard DVB-T2 è semplicemente cercare tale scritta sul dispositivo: quasi tutti i modelli compatibili hanno un bollino adesivo applicato che dichiara la compatibilità con lo standard in questione.

Ma, attenzione: non bisogna fare confusione tra bollino DVB-T2 e bollino DVB-S2. Il primo è per il digitale terrestre di seconda generazione, il secondo è per il digitale satellitare di seconda generazione (che in Italia vuol dire quasi esclusivamente la piattaforma tivùsat).

Un altro modo per essere certi che il nostro apparato è pronto al futuro è andare ai canali 100 o 200: se la TV mostra la scritta “Test HEVC Main10” allora è tutto ok, se non mostra niente vuol dire che non è compatibile con il DVB-T2.

Cosa fare se la TV non è compatibile con DVB-T2

Se né il televisore né l’eventuale decoder esterno sono compatibili con il digitale terrestre di seconda generazione, allora c’è poco da fare: vanno cambiati con modelli compatibili, o non si vedrà più nessun canale TV.

Per fortuna esiste un apposito incentivo pubblico, il cosiddetto Bonus TV 2020 (che durerà ovviamente anche nel 2021): è riservato alle famiglie con ISEE fino a 20.000 euro (autocertificati) e consiste in uno sconto diretto al momento dell’acquisto fino a 50 euro.

 
 
 

Vieste / Gli auguri Natale Casa Riposo Gesù e Maria Vieste .

Post n°27447 pubblicato il 24 Dicembre 2020 da forddisseche



Vieste / Gli auguri Natale Casa Riposo Gesù e Maria Vieste .


 
 
 

Vescovo Moscone: “NATALE 2020 impegno e preghiera”

Post n°27446 pubblicato il 24 Dicembre 2020 da forddisseche

Vescovo Moscone: “NATALE 2020 impegno e preghiera”

Perché ogni giorno sia NATALE impariamo a mettere da parte le proprie esigenze, aspettative, i propri desideri di onnipotenza davanti allo sguardo concreto dei più fragili

IMPEGNO

Perché ogni giorno sia NATALE impariamo a mettere da parte le proprie esigenze, aspettative, i propri desideri di onnipotenza davanti allo sguardo concreto dei più fragili … il servizio guarda sempre il volto del fratello, tocca la sua carne, sente la sua prossimità fino in alcuni casi a ‘soffrirla’, e cerca la promozione del fratello[1].

PREGHIERA

Dolcissimo Gesù,

sappiamo che anche quest’anno, bagnato di lacrime e sangue per la pandemia, sarà Natale … anzi, che ogni giorno dell’anno è incarnazione della verità del Tuo Natale in mezzo all’umanità e nel centro della creazione.

Ma i nostri occhi sono annebbiati e la cecità ci impedisce di vederti e riconoscerti nato e presente tra noi nella nostra carne ed in quella di tutte le nostre sorelle e fratelli provati dalla malattia, dalla povertà e miseria crescente, dal lavoro messo a rischio, da un futuro che sembra senza prospettive e da un orizzonte a tinte fosche.

Allora, come i due discepoli in fuga verso Emmaus, preghiamo te che ti fai Pellegrino sulla terra e nella storia, perché rimanga con noi, se no si fa buio; ti preghiamo perché apra gli occhi della nostra cecità e faccia ardere il nostro cuore; ti preghiamo perché con la tua presenza curi la nostra vista ed i nostri sentimenti, allora torneremo, come i due discepoli, di corsa a Gerusalemme … e Gerusalemme per noi sono le città, i paesi e le case del nostro Amato Gargano!

AUGURI NATALE

Con Te che scaldi i nostri cuori ed illumini le nostre menti, saremo fermento nella società lottando per i diritti partendo dagli ultimi; saremo sale nel ricco patrimonio culturale da seminare di Vangelo; saremo luce nell’ambiente naturale per custodirne l’irresistibile bellezza; saremo fraternità ed amicizia che mantengono vive e giovani le comunità ecclesiali.

E’ questo, Gesù, il Natale che sogniamo e ci impegniamo a costruire. Abbiamo fede forte e speranza sicura che le nostre Chiese parrocchiali e domestiche saranno madri di cuori che generano relazioni d’amore e il nostro Amato Gargano si trasformerà in un autentico presepe.

Dolcissimo Gesù, sii il nostro Redentore e Salvatore e noi, tuoi discepoli, saremo Natale per tutti i nostri Fratelli e Sorelle, con noi compagni e pellegrini nella storia verso il Tuo Regno.

Amen!

+ Franco, vescovo

[1] Francesco, Omelia a L’Avana-Cuba (20 settembre 2015) e Fratelli Tutti n. 115

 
 
 

VIESTE – Affidati i lavori di sistemazione di via Napoli e della “punta della banchina” Ultimo aggiornamento Dic 23, 2020 176

Post n°27445 pubblicato il 24 Dicembre 2020 da forddisseche

VIESTE – Affidati i lavori di sistemazione di via Napoli e della “punta della banchina” 

 
176
 

Formalizzate, da parte del Settore tecnico comunale, retto dall’ing. Vincenzo Ragno, le procedure di gara e contestualmente affidati i lavori per altre opere pubbliche di imminente realizzazione a Vieste e proposte dall’assessore al ramo, Mariella Pecorelli.

 

La prima riguarda i lavori di sistemazione di Via Napoli, compresa tra viale XXIV Maggio e viale Giovanni XXIII, che sarà completamente pavimentata, arredata e livellata ai fini dell’accesso in sicurezza anche ai disabili. I lavori, per complessivi 52 mila euro, Iva compresa, sono stati affidati, tramite procedura MePa (Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione), alla ditta “Basso srl”, con Sede Legale in Melfi (Pz).

L’altro affidamento riguarda la sistemazione dello “slargo” della Punta della banchina (o Punta Santa Croce), che sarà pavimentato con materiale del tipo “acciottolato” e completato con elementi di arredo e dissuasori per renderlo del tutto pedonabile. I lavori, per complessivi 43 mila euro (oltre Iva ed oneri di legge) saranno eseguiti dall’impresa Melillo Costruzioni Srl con sede in Volturino.

 

Intanto con la Giunta comunale, con altrettante delibere adottate in data di oggi, ha approvato i progetti definitici ed esecutivi relativi al rifacimento delle facciate del Municipio, che sarà anche impreziosito con illuminazione artistica su tutti e tre i lati principali, e della sistemazione del cortile interno dello stesso Palazzo municipale, dove, tra l’altro, è stata rinvenuta la “tomba d’élite”, che sarà adeguatamente valorizzata.

 
 
 

VIESTE – Martedì Consiglio comunale per l’approvazione del bilancio 2020 Il Dic 23, 2020 83

Post n°27444 pubblicato il 23 Dicembre 2020 da forddisseche

VIESTE – Martedì Consiglio comunale per l’approvazione del bilancio 2020 

 
83
 

E’ stato convocato, dal presidente Alessandro Siena, il Consiglio Comunale di Vieste, in seduta di 1^ convocazione e con modalità in “Videoconferenza”, per il giorno 29-12-2020 (Martedì) alle ore 9:00 e di 2^ convocazione per il giorno 30-12-2020 (Mercoledì), alle ore 11:00 per la trattazione del seguente ordine del giorno:

  1. Approvazione bilancio consolidato 2019.
  2. Razionalizzazione delle Partecipazioni Pubbliche ai sensi dell’art. 20 del D.Lgs. 175 del 19.08.2016, come integrato dal D.Lgs. 100 del 16.06.2017
  3. Programma triennale Lavori Pubblici 2021/2023 – Elenco annuale Lavori Pubblici 2021 – Programma biennale 2021/2022 degli acquisti e dei servizi – Approvazione
  4. Piano delle Alienazioni e valorizzazioni immobiliari, ai sensi dell’art. 58, L. 133/2008 – Triennio 2020-2022 – modifica ed integrazione
  5. Determinazione tassi di copertura dei costi dei servizi a domanda individuale per l’anno 2021.
  6. Verifica aree e determinazione prezzi di cessione per l’anno 2021.
  7. Approvazione nota di aggiornamento al Documento Unico di Programmazione (DUP) 2021/2023 ai sensi dell’art.170 del D.Lgs. 267 del 18.08.2000.
  8. Approvazione Bilancio di Previsione, Nota integrativa e Indicatori dei risultati attesi per il periodo 2021/2023.
  9. Istituzione mini aree sosta nel territorio comunale – Atto di indirizzo e parere.

 
 
 

Pronto soccorso raggiungibile in pochi minuti, l’Orbitale rivoluziona il Riuniti di Foggia. Dattoli: “Voglio rimanere qui altri

Post n°27443 pubblicato il 23 Dicembre 2020 da forddisseche

Pronto soccorso raggiungibile in pochi minuti, l’Orbitale rivoluziona il Riuniti di Foggia. Dattoli: “Voglio rimanere qui altri 5 anni”

 

La nomina per 6 mesi a commissario straordinario del Policlinico di Bari. La prorogatio a Foggia. Il dg è sempre stato l’assessore ombra di Emiliano, che ora lo ha richiamato nel ruolo di super manager dei due ospedali più importanti della Regione

  

La nomina per 6 mesi a commissario straordinario del Policlinico di Bari. La prorogatio a Foggia. Vitangelo Dattoli è sempre stato l’assessore ombra di Michele Emiliano, che ora lo ha richiamato nel ruolo di super manager dei due ospedali più importanti della Regione. La scorsa estate era stato chiaro: “Solo Superman è meglio di lui”. Nei mesi scorsi è stato accusato per alcune scelte organizzative e strategiche (allarme degli operatori nei reparti per rischio Covid e destinazione del Deu alla pandemia), in piena emergenza, arrivando spesso alla ribalta nazionale per casi eclatanti (fila di ambulanze in Pronto soccorso). Il governatore riconfermato, dopo la nomina di Pierluigi Lopalco, lo ‘rilancia’ come supervisor della sanità pugliese dopo lo scandalo legionella nell’ospedale barese.

Dottor Dattoli, Emiliano lo ha paragonato ai supereroi della Marvel, ma davvero può gestire la complessità di due policlinici in piena emergenza Covid?