frapeace

io tu egli noi voi essi

 

Profilo Facebook di Umberto Panipucci

 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

QUESTO ╚ UN...

immagine

á
 

COLONNA SONORA

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 26
 
 

 

« Protesta disperata dei d...Quanta solitudine! »

SanitÓ: quando la coperta Ŕ troppo corta

Post n°303 pubblicato il 11 Giugno 2011 da frapeace
 

Fra Umberto Panipucci


Articolo Apparso Sabato 11 Giugno 2011 su "Il Nuovo Molise"


  Una coperta troppo corta, in questo tipo di problema incappava, una volta, la gente povera (la maggior parte), quella costretta ad adattarsi con ciò che aveva. Se il prezioso accessorio era di dimensioni inadeguate non garantiva al corpo un’efficace difesa dal freddo. La testa o i piedi restavano fuori. L’analogia è troppo calzante per non essere usata con gli attuali problemi che la sanità sta vivendo sia a livello locale che nazionale. Purtroppo i tagli al settore sono stati drastici, basti pensare che tra il 2009 e il 2010 si è arrivati a 35 milioni di euro solo per la nostra regione! Non ci sono abbastanza soldi, i debiti relativi al bilancio generale ammontano a quasi 600 milioni di euro, solo per colmare quelli del settore sanità ogni molisano dovrebbe spendere di tasca propria 250 euro per ripagarli. Non si possono pretendere i miracoli, questo è chiaro come altrettanto lo è la necessità di una maggiore attenzione da parte delle istituzioni a quella che rischia di diventare un’emergenza. E’ il prezzo da pagare per anni di sperperi e cattiva gestione, è il costo di una politica distante dalle reali esigenze dei cittadini che ha giurato di servire, ma ha avuto come massima priorità l’accrescimento e la conservazione del potere, un malcostume diffuso in tutt’Italia con tutto il dovuto rispetto per le eroiche eccezioni. L’unica soluzione immaginabile è la riduzione di distanza fra istituzioni e popolo, trasparenza, partecipazione reale e consapevole alla gestione della cosa pubblica, limitare le ingerenze delle lobby di potere politico economico, che detto in breve diventa: più democrazia, più valori, più trasparenza. L’Italia è una repubblica, vuol dire che la gente è sovrana (non è una battuta), ma un re che non voglia farsi abbindolare dal primo consigliere opportunista ha bisogno di buoni maestri. Quando cominceremo a cercarli?

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/frapeace/trackback.php?msg=10307874

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
bahkty
bahkty il 11/06/11 alle 20:51 via WEB
Non sono le scelte politiche a dover preoccupare chi le appoggia si per˛, bisognerebbe ricominciare a pensare autonomamente senza condizionamenti ideologici e religiosi. Buona cena.
 
 
frapeace
frapeace il 12/06/11 alle 14:21 via WEB
L'idea di parire dal nulla Ŕ un illusione, saremo sempre condizionati dal pensiero che ci ha preceduto. C'Ŕ piuttosto bisogno di nuove sintesi capaci di valutare il bene del passato e accogliere le buone novitÓ.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: frapeace
Data di creazione: 20/07/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 

NO AL RAZZISMO!


 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: frapeace
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
EtÓ: 47
Prov: CB
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom