Creato da: fulvia1953 il 14/11/2011
Terra aria acqua fuoco

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

fulvia1953eles515Ladama.dei.velenipaia2010Bernardodgl1soulesoulletizia_arcuriElemento.ScostanteoscardellestelleSAL313chiarasanylacky.procinoacer.250Sky_Eagle
 

Ultimi commenti

Carissima Fulvia, intanto grazie per i tuoi passaggi sempre...
Inviato da: Riyueren
il 31/05/2017 alle 15:30
 
E' vero, cerchiamo proprio di rendere sacro il nostro...
Inviato da: fulvia1953
il 27/05/2017 alle 11:10
 
Grazie Susanna, un carissimo saluto.
Inviato da: fulvia1953
il 27/05/2017 alle 11:06
 
Concordo pienamente.
Inviato da: Riyueren
il 26/05/2017 alle 19:35
 
Ognuno ha i suoi modi per rendere sacri i momenti della sua...
Inviato da: Riyueren
il 26/05/2017 alle 19:34
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

"Un  eremo non è un guscio di lumaca"  di Adriana Zarri

Con i suoi giorni brevi e le notti lunghissime, l'inverno è un abisso di luce e di buio; col suo silenzio è una stagione di ascolto, di attesa, di incontro: un incontro piu' intimo e segreto di quanto non sia dato in altre stagioni dell'anno: un incontro che ha sapore di casa, di madia, di stufe accese e di polenta. Bisogna per forza guardare dentro perchè di fuori non c'è nulla: solo stupende sfumature di grigio: dal piombo al perla, al luminescente al quasi bianco; e, se la nebbia si dirada, emergono le  braccia nude degli alberi, protese al cielo, inutilmente, come preghiere inascoltate. L'esaudimento, il calore, l'amore, si rifugia all'interno delle case; con le lampade accese, le tinte vive per contrastare gli smorti colori della terra. Ridimensiono la casa:Per risparmiare carburante mi rifugio in una sola stanza, a mezzogiorno. Tutto è piu' piccolo e raccolto. E dalla finestra guardo cadere le foglie, guardo scrosciare la pioggia, guardo salire la nebbia.

 

 

 

 
« tenebra e luce -Sole e pioggia »

Giorno di mare

Post n°32 pubblicato il 17 Giugno 2012 da fulvia1953

                 Non riesco a crederci nemmeno io, ma questa mattina sono stata al mare anche se era già tardi, le otto e mezza, ora insolita per me che  amo vederlo alle prime luci del giorno.  Insieme a lui ho fatto un bagno di umanità.  C'era una luce violetta all'orizzonte che diventava  lilla chiaro, una brezza leggera e tiepida che non dava fastidio e l'acqua un po' increspata così luccicante e trasparente; i pesci  sostavano dove l'acqua era più calda e scodinzolavano via solo al nostro passaggio, un paguro camminava a fatica tutto per traverso e tanti gusci vuoti di poracce arrivate lì con il moto del mare.  E' come ritrovare una persona che, nonostante i suoi sbalzi d'umore fondamentalmente è sempre la stessa, profondamente conosciuta ed immensamente ammirata ed amata.  Ho pensato di essere fortunata ad abitare in questa mia piccola città, alle spalle ci sono le colline e davanti ho il mare, così vicini entrambi e facilmente raggiungibili, perchè non godere di ogni attimo presente!  Guarda che bello! mai visto...una signora cammina sulla spiaggia con un eccentrico merlettato ombrellino da sole, bellissimo! poi più in là una coppia proveniente dall'India, così scuri di pelle, meravigliosi! Bambini che avevano già sparso sul bagnasciuga tutta la loro attrezzatura da spiaggia ma che lì rimaneva abbandonata perchè preferivano giocare con le onde del mare: piccole increspature di schiuma che arrivavano dolci dolci proprio per la loro gioia.  Madri che giocavano con i propri figli, nonni che erano il centro dell'attenzione attorniati dai nipotini, giovani padri che portavano in braccio orgogliosi bimbi piccolissimi ma già così tanto amati e circondati d'attenzione,  cappannelli di uomini che parlavano arabo nel loro modo animato e sempre qualche tono  sopra che tante volte danno l'impressione di stare litigando, ma poi qualcuno ride: falso allarme. Intere famiglie attrezzatissime, molto probabilmente vengono dall'interno, scaricano di tutto, ogni conforts per una degna giornata di mare, ci sono tavolini, poltroncine, ghiacciaia per le vivande ed ulteriore ghiacciaia per le bibite, doposole,cappellini,occhiali da sole, teli di tutti i tipi, doppi ombrelloni e le immancabili...carte,  per la partitina dopo pasto. E pensare che sono sempre andata al mare solo con un asciugamano e proprio al massimo portavo il "chiodo", un chiodo nel vero senso del termine, lunghissimo, perchè si giocava con quello ai miei tempi ed il più bravo era chi, dopo tripli salti mortali riusciva a farlo cadere in piedi conficcandolo nella sabbia bagnata. Sparse ci sono le coppie di slavi, così simili a noi, ma forse cercano troppo di imitarci e sono troppo seri, quasi tristi e sembra che ce l'abbiano con tutti.  Poi il mio sguardo, - sono rimasta pur sempre una bambina curiosa-  và alle donne, a questo nostro immenso mondo femminile. C'eravamo tutte, piccole, alte, grassocce, magrissime, conturbanti, nere artificiali, bellissime con corpo da mozzafiato; sdraiate scompostamente per prendere tutto il sole possibile, addormentate,  unte all'inverosimile, con mucchietti di alghe sulle spalle o sulle gambe per non scottarsi troppo o maestosamente sedute sui seggiolini come su un trono con tutto il parentado intorno pronto a ricevere ordini.  Confesso che ci guardavamo di nascosto per rubarci  con gli occhi ogni particolare interessante.  Sì, è stato proprio un bagno di umanità stamattina e ne sono contenta, ci vogliamo così differenziare gli uni dagli altri, vogliamo affermare il nostro piccolo mondo che è un mondo che ci siamo creati noi e da noi soltanto pensato;  lì sulla spiaggia c'erano solo tanti esseri umani: apparteniamo alla stessa specie, tutti quanti,  è il modo come usiamo i nostri pensieri che ci allontana e spesso ci mette uno contro l'altro. Ringrazio per questa giornata di mare e d'umanità.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/fulvia1953/trackback.php?msg=11390505

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
wolfghost1966
wolfghost1966 il 23/06/12 alle 22:01 via WEB
Anche se ufficialmente abito in una grande città la mia delegazione è in pratica un paese di 12 mila abitanti, infatti fino ai primi del '900 era una città a sé stante, e... è molto simile a come descrivi la tua: sul mare ma con le colline (nel mio caso i monti) subito alle spalle. E in effetti è una grande bella posizione :-) Diciamo che oggi faccio fatica a vedere la calca come "bagno di umanità", ma in fondo è proprio così, anche se preferisco continuare a preferire posti più tranquilli ed appartati :-) Un caro saluto! www.wolfghost.com
(Rispondi)
 
 
fulvia1953
fulvia1953 il 24/06/12 alle 12:33 via WEB
Ultimamente mi piace sentirmi circondata da persone, sarà forse che sono spesso sola, e poi mi piace osservare, non per criticare, ma solo per conoscere, vedere l'aspetto che ognuno dà alla propria vita, osservo i giovani, soprattutto le ragazze perchè mi piace sentirle libere, svincolate da tanti condizionamenti e rimango male quando sento che questi condizionamenti ancora scandiscono la loro vita, immagino le donne che saranno un domani. Un caro saluto a te Wolf!
(Rispondi)
 
 
 
wolfghost1966
wolfghost1966 il 13/07/12 alle 16:44 via WEB
Nessuno o quasi e' libero da condizionamenti. Forse quelli delle generazioni nostre erano piu' evidenti, e' vero, ma anche i giovani di oggi ne hanno di altrettanti, dont' worry ;-) www.wolfghost.com
(Rispondi)
 
lafatadelmare
lafatadelmare il 18/07/12 alle 20:02 via WEB
Se a te è piaciuto vuol dire che qualcosa ti ha reso sopportabile tutto quel trambusto, io in spiaggia non ci riesco a sopportare la folla, mi sembra che il caldo aumenti in proporzione alla gente che c'è, arrivo persino a pensare che l'acqua del mare è calda per colpa della gente...preferisco scendere in spiaggia verso le 19 di sera quando tutti sono andati via o quasi...quest'anno ancora non ho fatto nemmeno un bagno, sono stanca e anche se il mare è a 4 metri da casa mia ancora non sono convinta di andare a camminare sulla sabbia... la foto che hai messo rappresenta il tipo di spiaggia che io evito accuratamente...spero che tu possa andarci quando vuoi...un bacione!
(Rispondi)
 
 
fulvia1953
fulvia1953 il 18/07/12 alle 21:58 via WEB
Anch'io sai evito di solito la spiaggia in quei momenti, anche a me dà una sensazione di caldo, di solito vado di mattina presto, verso le sette e mezzo e tutto è d'incanto, ma...sarà che ultimamente mi ritrovo spesso sola ed allora un po' d'umanità mi rallegra.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.