Blog
Un blog creato da g1b9 il 10/01/2009

Sentimentalmente

Tutto ció che mi dá emozioni....

 
 

***

   Nel mio blog utilizzo  immagini trovate sul Web. Alcune siuramente hanno il copyright;  qui sono usate con scopo culturale , divulgativo  e critico, tuttavia toglierò immediatamente l'immagine, qualora questo uso dispiacesse agli autori.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

« Un deferente omaggio...Un foglio ... »

Henry Miller e Anais Nin..

Post n°4923 pubblicato il 10 Aprile 2021 da g1b9
 

 

“Ti amo. Sono insaziabile. Ti chiederò di fare l’impossibile. Che cosa sia, non lo so. Probabilmente tu me lo dirai.”     Anais

 Inganno e incantesimo ,il peccato ,la natura, poichè peccare è seguire l'istinto e l'istinto è natura. Questo il titolo, la copertina,o quello che vi pare di un amore travolgente che si impossessò di due artisti Anais Nin e Henry Miller allorchè si incontrarono a Parigi  ,due rivoluzionari della scrittura, che vissero  una travolgente storia di amore, nascosta tra passione , tradimenti,e ogni loro notte d'amore  nasceva una poesia..

 A Parigi accade sempre qualcosa di magico.  Anaïs Nin era così giovane e così bella (e anche così sposata); Henry Miller ne aveva  quaranta, sposato, anche lui. Henry stava scrivendo il suo Tropico del Cancro, che gli costerà  tanta critica, Anais perfezionava quel suo diario, che  farà di lei una della scrittrici più intriganti del secolo. Lui sangue tedesco, esibizionismo e ribellione,  lei il fuoco erotico, l’eleganza sfacciata, la perversione. E in mezzo l’amore.  Entrambi narcisisti, scelsero tuttavia il segreto e il silenzio per una storia al limite del pensabile, un sodalizio  nascosto in novecento pagine scritte a macchina, uno scambio di lettere che  riuscì a rendere accettabile  questo rapporto solo perché nascosto nella scrittura.  Per due scrittori la migliore occasione per amarsi, per scriversi, infilare subdolamente nei loro matrimoni il loro peccare e la loro arte.

“Vent’anni di lettere che mettono a nudo, oltre ogni pudore, un rapporto sentimentale che si rivela ben più carnale e terreno di quanto ci si potesse immaginare“

Una storia d’amore  vissuto con la tensione animale: il divampare di un fuoco che riusciva ad incenerire razionalità e pudore,una passione che si realizzava nell'impossibile ,un fuoco che non solo bruciava, ma che incendiava  la continua ricerca dell'arte nell'erotismo.La loro storia fu un dar forma alle loro parole,  Henry affogava gli inganni della vita sulle gambe di lei, che diventavano capoversi ,le loro bocche attimi di un'attesa interminabile,i loro orgasmi ripetevano i loro versi come un eco- Erano  la rivelazione del loro sogno erotico, che traboccava.

 “Tu mi hai travolto e mi hai viziato. Continuo a chiederti cose sempre più difficili. Mi aspetto che tu compia miracoli. Non sai quanto mi mancano le notti che abbiamo trascorso assieme e quanto hanno significato per me. Altre volte sei solo un fantasma, uno spettro. Vieni e mi fai ammalare di desiderio, brama di possederti, di averti sempre vicina, a parlarmi con naturalezza, a muoverti come se tu fossi una parte di me.”

Henry Miller

Solo nel 1987, dopo la morte di entrambi, si scoprì il loro mistero , di cui prima non si seppe nulla: 250 lettere selezionate che svelavano più di vent’anni (dal1932 al 1953) di eros e poesia. In Italia la raccolta è :“Anais Nin e Henry Miller, Storia di una passione“, edita Bompiani.  Tutte queste lettere si consumarono nella passione come la rigiada su un campo di grano. Forse tra i due fu più suggestione che amore.Quando lei gli scriveva per raccontargli di quanto fosse meravigliosa New York, lui le rispondeva, preso da paura o da gelosia:

 ” A volte mi dico che forse non è stato giusto, da parte mia, mettere il mio scrivere al di sopra di tutto il resto. Sono un uomo e voglio la mia donna. E se la scrittura interferisce, al diavolo la scrittura”. 

Perchè non si scelsero mai, si nascosero sempre? Nè la paura, nè la colpa li aiutò a dimenticare questo amore che sarebbe solo potuto essere una corsa continua a trasformare in lecito ed accettabile quello che solo il buio permetteva loro di vivere, la rincorsa senza fine di qualcosa che non esisterà mai. Riuscirono ad accettare la colpa, a legittimare l'eros perchè riuscirono ad infilarlo nell'amore privandolo del senso di peccato. Dopotutto il vero peccato sarebbe stato rinunciare a tutto questo-

 

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

RELATHIONSHIP

Don't let someone become a priority in your life , when you are an  optional in their life... Relationships work best when they are balanced.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

g1b9surfinia60alexandralovemonellaccio19paperino61tomarinovannigryllo73vita.perezla.cozzagrillipelletterievidokcingfrancescopalermoamici.futuroieriantonellafab
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

motori ricerca

 


contatori internet

popoli e comunità