Blog
Un blog creato da g1b9 il 10/01/2009

Sentimentalmente

Tutto ció che mi dá emozioni....

 
 

***

   Nel mio blog utilizzo  immagini trovate sul Web. Alcune siuramente hanno il copyright;  qui sono usate con scopo culturale , divulgativo  e critico, tuttavia toglierò immediatamente l'immagine, qualora questo uso dispiacesse agli autori.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

Messaggi del 14/04/2021

Fitorisanamento e fitoproduzione di metalli per uso industriale.

Post n°4927 pubblicato il 14 Aprile 2021 da g1b9
 

 

  Niente di nuovo sul fatto che le piante vivano di luce e che traggano il loro nutrimento dalla terra, assorbendo da questa non solo l'acqua, ma tutti i nutrienti  necessari ed anche quelli inutili, tuttavia nel terreno.  Ne consegue che piante   da frutto oppure  ortaggi, cresciuti in terreni inquinati, siano altamente nocivi all'uomo. Da questa osservazione è nata l'idea del fitorisanamento, consistente nel coltivare adeguate piante su terreni da decontaminare fino a completo risanamento ambientale, abbattendo gli altissimo costi della bonifica- Molte piante hanno questo potere decontaminante e fra queste le più note sono: Girasoli, tabacco, brassica, salice, alfa alfa (l'erba medica), pioppi. Queste le specie più conosciute e usate fino a oggi. Ma anche canapa e vetiver, che assorbono i metalli pesanti, la senape indiana, che assorbe piombo, cesio, cadmio, nichel, zinco e selenio, mentre il girasole elimina nichel e cromo. Tra tutte emerge il fogliame di Alyssa bertolonii, una pianta dai fiori gialli che vive nelle fessure delle rocce; può contenere fino all'uno per cento di nickel: duecento volte il livello che ucciderebbe la maggior parte delle altre piante. Oltre a questo uso, molto semplice,comprendere in che modo simili vegetali, chiamati iperaccumulatori, gestiscano il metallo ,potrebbe aiutare a sviluppare colture in grado di crescere su terreni contaminati, che non solo ripulirebbero il terreno, ma potrebbero fornire quello che manca nelle diete povere di metalli,  e persino di raccogliere il metallo dal suolo.Per raggiungere questi obiettivi, i ricercatori di tutto il mondo stanno cominciando a lavorare sulla stessa varietà di pianta - un organismo modello - per studiarne il lavoro e confrontare i loro studi di ricerca. La pianta, grazie a dei geni contenuti nel suo Dna, assorbe metalli dalle radici e li accumula nelle foglie all'interno dei vacuoli dove restano intrappolati fino a quando le foglie non cadono sul terreno. Il latice  all'interno di questi potrebbe essere utilizzato per produrre batterie . E'di stamattina la notizia che, anzichè lasciar cadere le foglie, che tornerebbero ad inquinare il terreno, queste potrebbero essere raccolte, essicate e trasformate in polvere, dalla quale estrarre i metalli pesanti, usati nell'industria. Una notizia che mi ha incuriosita parecchio e credo che la scienza non tarderà a darci la prova che si è arrivati al Know how per realizzare tutto questo con grande beneficio per l'ambiente e l'umanità.

 

 

 
 
 
 
 

RELATHIONSHIP

Don't let someone become a priority in your life , when you are an  optional in their life... Relationships work best when they are balanced.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

JOY1961paperino61tomonellaccio19g1b9lorifabnuovo123abizotta38licsi35peamici.futuroierivincenzoschieppativirgola_dfMario939surfinia60alexandralove
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

motori ricerca

 


contatori internet

popoli e comunità