Blog
Un blog creato da g1b9 il 10/01/2009

Sentimentalmente

Tutto ció che mi dá emozioni....

 
 

***

   Nel mio blog utilizzo  immagini trovate sul Web. Alcune siuramente hanno il copyright;  qui sono usate con scopo culturale , divulgativo  e critico, tuttavia toglierò immediatamente l'immagine, qualora questo uso dispiacesse agli autori.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

 

 

 

Messaggi del 23/09/2020

Dalla Corsica... L'uomo che non poteva amare..

Post n°4730 pubblicato il 23 Settembre 2020 da g1b9
 

 

Sono stata sempre un'assidua lettrice di   Marcello  Veneziani. L' ho conosciuto prima come giornalista, poi come scrittore di saggi politici visti dal suo punto di vista di filosofia di vita. Chiunque vive nella logica, nella ragione, nel buonsenso e non si lascia travolgere dalle paure di emarginazione di questa nostra vita quotidiana  ,incentrata sul pensiero unico di questo regime occulto, non può non apprezzare. Ho ritrovato un suo racconto ed  ho piacere di appuntarlo qui-

 

Dalla Corsica ...L'uomo che non poteva amare...

In una taverna sul mare di Cargese, in Corsica, ho conosciuto la storia di un uomo che val la pena raccontare. Lo chiamavano U Scorbutu. Era un denigratore storico dell'amore. Lo disprezzava come una malattia e un'illusione, una perdita di energie e un trafugamento d'intelligenza e spirito a vantaggio della carne e dei languori. Non era refrattario al sesso, ma rifuggiva dall'amore come dalla peste. Erano famosi i suoi motti per ridicolizzare l'amore e  gli amanti.  Poi, col passare degli anni, dopo aver a lungo corteggiato platealmente la morte e averla invocata anche nella taverna dove eravamo seduti quella sera, U Scorbutu cominciò a farsi taciturno e sempre più pensieroso. Finché un giorno davanti a una spiaggia disse a un amico (traduco dal suo gergo rozzo): la sabbia sta finendo i suoi granelli, si vuota il futuro e si riempie il passato; è tempo di rovesciare la clessidra. E da quel giorno U Scorbutu entrò in Amore.  Amò pazzamente, giocosamente, con gioia e dolore, donandosi a lei anima e corpo. L'amore creò ulcere e metastasi sul suo corpo, ischemie nella sua mente, e lui ne morì. Ebbe il tempo di dire che l'amore era per lui una malattia letale, il suo disprezzo era un dispositivo di autodifesa del suo organismo troppo sensibile all'amore. «L'amore è un dio...» e non finì la frase. Erano caduti gli anticorpi e gli esorcismi che lo immunizzavano dall'amore. Troppo vulnerabile era il suo organismo o troppo forte era il suo amore per reggere i suoi colpi. U Scorbutu morì d'amopatia.

 

 
 
 
 

 

 
 

RELATHIONSHIP

Don't let someone become a priority in your life , when you are an  optional in their life... Relationships work best when they are balanced.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

g1b9nosside64pilastr1monellaccio19a.perfect.mangigolomantovaanmicupramarittimacassetta2autonoleggiobarbierifcb.studiomassimoavarobfabelnuovacooperativaalegreco54
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

motori ricerca

 


contatori internet

popoli e comunità