Creato da skarma64 il 05/03/2010

IlPiccoloMondoDiMery

se si fa molto silenzio si può sentire crescere l'erba...

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« ...... »

Perchè?

Post n°37 pubblicato il 20 Giugno 2011 da skarma64

in questi gg riflettevo sull'importanza di chiedersi perchè

e di chiedere "perchè?"

il perchè ci svela la connessione fra gli eventi,

ci rivela l'intimo legame fra le varie manifestazioni e l'uomo,

permette di intuire simboli ed analogie e ci aiuta a percorrere il sentiero della verità.

ci fa ragionare con la ns testa aiutandoci a scremare la ns personalità da condizionamenti inutili che ci tolgono più di quanto ci lasciano, grazie ai quali si sperimenta un leit-motive di vuoto o grigio alternato a note isolate di effimere soddisfazioni.

chiedere "perchè?" invita gli altri a fare lo stesso lavoro, uno stimolo ed un incitamento alla chiarezza.Per quanto siate dolorosi e rompiballe la gente vi ringrazierà, è come un esercizio di palestra: si fanno tante cose in automatico e raraamente ne indaghiamo le motivazioni.

Alle volte si scoprono cose interessanti su se stessi, alle volte capita che si parla veramente, anche con gli altri...

a questo proposito ( più o meno) ho trovato questo scritto:

..

 

 

 

Ogni generazione ha il diritto di vedere la vita nel modo in cui ha senso per lei, non per i genitori, gli insegnanti o il mezzobusto che legge il telegiornale. Ma, purtroppo, la gente accetta quello che le viene propinato senza pensarci più di tanto. Non si pone la domanda più liberatori a di tutte: perché? Perché facciamo questo in questo modo? Perché crediamo a questo o a quello? Chi lo ha detto? La domanda "perché?" è la forza motrice dell'evoluzione.
Durante una mia conferenza negli Stati Uniti, un'amica americana mi raccontò una storia che evidenzia in modo illuminante ciò che intendo dire. Raccontò che un giorno, mentre preparava la cena, tagliò via gli angoli di una fetta di prosciutto prima di metterla in padella.

- Perché lo fai? - le chiese il marito. - Non lo so... mia madre lo faceva sempre. - Perché tua madre tagliava gli angoli del prosciutto? - Non lo so, lo faceva e basta... dov'è il problema? - Telefona a tua madre e chiedile perché tagliava gli angoli del prosciutto.
Lei telefonò a sua madre.
- Mamma, ti ricordi quand'ero piccola e tu tagliavi sempre gli angoli del prosciutto? Perché lo facevi? - Perché la mia padella non era grande abbastanza.
Se suo marito non le avesse chiesto perché, lei avrebbe continuato a tagliare gli angoli del prosciutto e, molto probabilmente, lo stesso avrebbero fatto anche i suoi figli. Ecco come una generazione permette che il proprio senso di identità venga condizionato dalle generazioni passate, genitori, insegnanti e operatori dei mezzi di comunicazione. Non si chiede perché.

David Icke

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/gabbiana/trackback.php?msg=10340415

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
alf.cosmos
alf.cosmos il 20/06/11 alle 01:30 via WEB
Molto interessante...con i perchè si cresce...Infatti quando eravamo bambini c'è stato un periodo in cui chiedevamo perchè su tutte le cose. Era un perchè dietro l'altro. Se ci colleghiamo con il nostro Bambino Interiore cominciamo a chiederci il perchè della vita per cercare di risalire a cosa siamo...e allora ecco il percorso Spirituale che nasce con i perchè e non accettando dogmi creati dall'uomo...Un abbraccio cosmico :-) Alf
 
 
skarma64
skarma64 il 28/06/11 alle 13:58 via WEB
caro alf proprio come dici tu: il bimbo interiore sempre vivo e curioso con i suoi perchè ci conduce per la manina su un sentiero di crescita! ti abbraccio forte :-D mery
 
johnnyblues1
johnnyblues1 il 20/06/11 alle 01:43 via WEB
I "perchè" sono a doppio taglio: possono rivelare risposte semplicissime a quesiti inquietanti, ma anche dare risposte che si preferirebbero non conoscere. Senza i "perchè" non ci sarebbe la conoscenza e di conseguenza il progresso. JB
 
 
skarma64
skarma64 il 28/06/11 alle 14:03 via WEB
ehi johnny, grazie per il tuo intervento! nella ns realtà duale, fatta di chiari e scuri ce ne sono parecchie di armi a doppio taglio, dette anche facce della stessa medaglia: dipende da che lato la si guarda.. vero anche che c'è un rapporto di proporzione fra la conoscenza posseduta e i perchè che ci siamo fatti. un abbraccio :-) mery
 
Mater76
Mater76 il 20/06/11 alle 18:53 via WEB
Mi ha colpito molto la ricerca sulla "chiarezza"... e scopro che spesso ci riempiamo anche la mente con strati di bugie a noi stessi... A volte è più comodo l'automatismo, spendiamo meno energia, facciamo come automi o non facciamo affatto. Questo è apparentemente meno doloroso, ma col tempo si trasforma in macigni da trasportare, blocchi dispendiosi che prosciugano la nostra Energia, mentre la chiarezza ci rende luminosi in volto e straordinariamente più leggeri.
 
 
skarma64
skarma64 il 28/06/11 alle 14:11 via WEB
bell'approfondimento marianna.. la chiarezza non viaggia troppo comoda: "l' abitudine è un paio di scarpe strette che ti porta dove nn vuoi andare" era una frase della Fallaci di parecchio tempo fa quando era la mia maestra di libertà. Spesso verità chiarezza e libertà sono tre viaggiatori dello stesso scompartimento di treno. La pigrizia, gli automatismi invece non ci portano mai lontano. addirittura impossibile pensare che ci conducano in posti nuovi... un bacio, mia cara preziosa anima
 
   
Mater76
Mater76 il 01/07/11 alle 17:11 via WEB
Questo commento è più straordinario ancora. Preziosa, Tu :* ^__*
 
Mater76
Mater76 il 20/06/11 alle 18:56 via WEB
Ricordo, Mery, una frase che mi hai detto tempo fa in una occasione: "Vero che quando scopri una cosa nuova è emozionante come scoprire il mondo?" In quella frase hai reso perfettamente la gioia della Luce... Grazie : )
 
dake.hk
dake.hk il 21/06/11 alle 22:44 via WEB
Cercare e riuscir a trovare il senso di un perché è come trovare la chiave di una nuova porta...una volta aperta troverai scritto con le grandi lettere su un cartellone un altro perché...e cosi via finché lasciamo un ultimo perché sospeso nello spazio pronto ad esser raccolto da un altro passante di quel fascio di luce spalmato sul tempo. Un saluto a te Mery e buona serata.
 
 
skarma64
skarma64 il 28/06/11 alle 14:19 via WEB
caro dake, quanto tempo.. ho trovato in giro un messaggio di quando avevi il blog. così ho cercato il tuo profilo e poi il tuo blog. sorpresa: non c'era più! cos'è successo? ricordo che era un bel blog, poesia pura, rime gioiose e risvegliava l'anima pura e bambina che c'è in noi. un abbraccio forte dake, caro. ben ritrovato :-D
 
formybz
formybz il 28/06/11 alle 17:16 via WEB
Bellissima la riflessione e i commenti che seguono. Non so contribuire in modo degno, ma ci rifletterò di sicuro. Grazie. :)
 
 
skarma64
skarma64 il 28/06/11 alle 18:41 via WEB
benvenuta formybz: la tua presenza qui è già un degno contributo!! Che sei una persona riflessiva non ne dubito (come deduco dal tuo bel blog, che apprezzo ed è fra i miei preferiti!)..ti ringrazio e ti abbraccio ;-D
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

misteropaganoskarma64alf.cosmoscassetta2lauraclimintiWeb_Londonbru.auguiorkiLicya55LSDtripchiarasanyDream_Hunterdaria.visintinfreselioreds
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963