Creato da skarma64 il 05/03/2010

IlPiccoloMondoDiMery

se si fa molto silenzio si può sentire crescere l'erba...

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« .....Un pianeta fuori rotta »

Emozioni per ricordare

Post n°48 pubblicato il 30 Novembre 2011 da skarma64

 

Ricordare è una gran cosa. E questo è ovvio.
Chi non trarrebbe giovamento dal riuscire a memorizzare velocemente e facilmente testi, immagini, suoni?

E’ molto meno ovvio realizzare che dimenticare può essere altrettanto utile che ricordare. Dimenticare, o meglio, vivere in modo diverso un ricordo. Lasciare che il ricordo si affievolisca, sbiadisca, come la stampa sulla carta chimica, con il passare del tempo.

Prova a chiedere a chi soffre di sindromi post-traumatiche.

Il problema lì è proprio non riuscire a lenire il ricordo di un trauma. L’esperienza emerge ripetutamente dalla memoria con la stessa forza emotiva del giorno in cui è stata vissuta, ritorna ancora, ancora, ancora…

La memoria è legata indissolubilmente all’emozione. Si àncora ad uno stimolo esterno e quando questo si ripresenta riaffiora il ricordo e l’emozione dell’evento.

L’emozione è associata alla produzione di adrenalina e l’adrenalina favorisce il consolidamento nella memoria di lungo periodo.

Ti ricordi dove eri e cosa facevi il 3 marzo 2002? Penso di no.
Ti ricordi dove eri e cosa stavi facendo l’11 settembre 2001, nel momento in cui hai avuto la notizia dell’attaco alle torri gemelle? Immagino proprio di sì.

E’ il cosiddetto “ricordo lampadina” reso particolarmente nitido dalle sue implicazioni emotive.

Più l’evento traumatico più produce un’imprinting mnemonico radicato.
Finché il ricordo è accettato e le emozioni legate a quel ricordo sono sopportabili non rappresenta un problema. Ma quando le implicazioni emotive provocano sofferenza, una sofferenza inaccettabile allora si vorrebbe non ricordare.

Le componenti del ricordo sono tre:

  • il ricordo del fatto
  • il ricordo dell’emozione vissuta in contemporanea o in conseguenza al fatto
  • l’emozione che quel fatto ci suscita adesso

Possiamo continuare a ricordare il fatto, possiamo ricordare l’emozione che abbiamo sentito e provare, oggi, la stessa emozione ma con un’intensità minore rispetto a quella provata allora.

Oppure possiamo rivevere ancora oggi il fatto con la stessa intensità emotiva, tanto da renderci il ricordo insopportabile, talmente insopportabile che, talvolta, si manifesta un meccanismo di difesa che porta a respingere l’evento e a segregarlo nell’inconscio. Ma anche in questo caso il ricordo ha la persistente caratteristica di riaffacciarsi in incubi notturni o pensieri ossessivi.

Per dimenticare, o meglio, per lenire le pene del ricordo, occorre rielaborare.

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/gabbiana/trackback.php?msg=10849388

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

misteropaganoskarma64alf.cosmoscassetta2lauraclimintiWeb_Londonbru.auguiorkiLicya55LSDtripchiarasanyDream_Hunterdaria.visintinfreselioreds
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963