Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ferten1987giusto1962curcio.joristafalfonsodipalmalilla_1940angela.lvmarcoste_itagnese_740stefano_75scmi_piaci15acolombalevi0lamatvin
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

« Fosse stato Hulk col cav...Picasso scultore in mostra... »

Lucida follia

Post n°7022 pubblicato il 01 Febbraio 2019 da simona_780car

Andy Warhol... La grande mostra alla Villa Reale di Monza

Villa Reale di Monza. Tutto è lucida follia. Finalmente è stata inaugurata la grande mostra dedicata al padre della Pop Art: Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta, fino al 28 aprile 2019. L’esposizione, curata da Maurizio Vanni, presenta oltre 140 opere, dalle più iconiche rappresentazioni a quelle meno conosciute legate alla rivoluzione sessuale o al mondo della musica. Andy Warhol non ha bisogno di presentazioni, il suo modo di fare arte appartiene all’immaginario comune di quasi tre generazioni e segna uno spartiacque nella storia dell’arte, prima di Andy e dopo Andy. “Certamente Warhol era un artista che non si accontentava di ciò che veniva definito realtà, cercava una costante trasmutazione della materia , la realtà veniva trasformata, fatta rinascere e virare verso qualcosa in cui tutti potevano riconoscersi”, afferma il curatore. Parallelamente, infatti, la rassegna permette di ripercorrere gli anni che segnarono la società dei consumi e l’evoluzione della cultura americana, materialista, effimera, chiassosa. Non un percorso cronologico ma tematico, cinque sezioni –Miti oltre il tempo; Amore per la musica, da producer a ideatore di cover; Personaggi celebri. A uso e consumo; Rivoluzione sessuale– che mettono in scena gli umori, i sogni e le inquietudini della New York anni Sessanta, con i suoi protagonisti, da Marilyn ai The Velvet Underground, e i suoi oggetti cult, come le lattine di zuppa Campbell o il detersivo Brillo. Banalmente etichettata come effimera e superficiale, l’arte di Andy Warhol è un vero e proprio studio antropologico, egli si fa sismografo della sua epoca, trasformando la realtà come un alchimista.
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!