**TEST**
Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 40
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

LEOFORTEistitutomarchioun.signore.elegantec.mazzella_1935mamoro0nu.lo60carloreomeo0sabifAlessio.buffaablasorunasipbobo1954rfil.rombolacolucci.minoclaudiogarlantluctrinc1
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

« “città gioiello”In cammino sulle strade ... »

In un ritratto quel che contano sono gli occhi...

Post n°7566 pubblicato il 11 Febbraio 2020 da giulia_770.it

Dal 3 ottobre 2019 al 1 marzo 2020, la Fondazione Accorsi-Ometto, nel cuore della città di Torino, rende omaggio a Vittorio Corcos (1859-1933), pittore livornese..

Corcos a Torino

Sublime ed instancabile ritrattista, interprete dei costumi della raffinata società europea fin de siècle, la cui “bellezza” fu travolta dalla tragedia della Prima guerra mondiale, nella quale Corcos perse il suo unico figlio maschio.Il percorso espositivo, curato da Carlo Sisi, si scandisce come un raffinato romanzo suddiviso in 6 capitoli. Tutto comincia con gli “Sguardi” della sezione omonima, dedicata ai numerosi ritratti femminili che portarono il corrispondente del Times, De Blowitz, ad assegnare a Corcos l’appellativo di “peintre des jolies femmes”. Appena entrati nell’elegante e luminosa prima sala della Fondazione torinese, si rimane incantati di fronte agli occhi della giovane Paolina: fanciullina dagli occhi mesti e intensamente neri, dall’incantevole bocca, e dalle guance tendenti ad arrossire per pudore.Seguono numerosi ritratti di dame e contesse descritte con una precisione ed accuratezza fotografica intesa ad indagare l’animo femminile e la posizione della donna nella società di fine Ottocento e di inizio Novecento.
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!