**TEST**
Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 40
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nicoletto.enricolastwillpompeidgluriconcologiaperrinomorpheusdlg0fraticelli93je_est_un_autrepietro_791.itmel_ania1daunfiorepatmari64massimo.sbandernolange_itmarcandy2009lacarmen.a
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

« Come utilizzare il nostr...“Il governo dice di rest... »

"Forse adesso possiamo sentire meglio quello che provano queste persone"

Post n°7608 pubblicato il 15 Marzo 2020 da manu78_it

C’è chi interpreta le raccomandazioni della sicurezza con spavalderia e superficialità, mostrandosi scettico ed evitando di credere alle “catastrofiche” notizie dei telegiornali, continuando ad affollare pub, centri commerciali o i circoli bocciofili dove una birretta passata di mano in mano o una partitella a carte a distanza ravvicinata, corredata da urli, tosse e starnuti, non può farci alcun male, anzi ci distrae. Costoro sono inclini a un pensiero magico, considerano le regole esagerazioni, sfoggiano un sorrisetto spavaldo e sprezzante per chi si mostra disciplinato....Ma questa epidemia, con l’identificazione delle zone rosse, introduce un altro elemento: l’ansia di non poter attraversare i confini, la paura di non poter disporre, a proprio piacimento, della vicinanza dell’altro, delle persone della propria famiglia di origine. Ormai è usuale per i giovani studiare o lavorare fuori del loro luogo di nascita, ma il cordone ombelicale rimane attaccato alla propria terra, alle proprie origini, ed è importante che le vie di ricongiungimento vengano lasciate aperte.

Coronavirus, nella notte presi d’assalto i treni nelle stazioni di Milano. “In molti senza biglietto, disposti a pagare la multa pur di partire”

Di notte alla stazione di Milano le persone si affollavano per tornare a casa prima di rimanere bloccate. Probabilmente erano le persone più giovani della famiglia, i migranti interni, coloro che avevano avuto la forza di uscire da un paese o da una regione che offriva meno per cercare lavoro o andare a studiare in una regione con maggiori opportunità, persone che in quel momento sentivano l’urgenza di ricongiungersi alla famiglia o per proteggere o per essere protetti prima di essere bloccati da qualcosa di invisibile, misterioso e terrorizzante che stava accadendo.

 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI

:))
Inviato da: pietro_791.it
il 21/03/2020 alle 18:40
 
E' successo anche a Milano. E infatti si è disposto...
Inviato da: stefano_75sc
il 18/03/2020 alle 10:58
 
Spero che sia una notizia falsa. multare i senza tetto...
Inviato da: Fabio
il 18/03/2020 alle 10:56
 
Grazie a tutte le persone che nonostante le note difficoltà...
Inviato da: stefano_75sc
il 18/03/2020 alle 10:49
 
che tristezza
Inviato da: olgy120
il 17/03/2020 alle 16:55