Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

zuzzurelandovololowQuivisunusdepopulobnndariodestrobi.2casaligianmassimocoppaVinkembrunafortunato0711oivufuscinicoblunaar75toninomastromaurogiulia_770.itsimona_780car
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

« Roma grande mostra su Hi...Ci prova Turner.. »

Russia, identità e rivoluzione..

Post n°6601 pubblicato il 12 Marzo 2018 da giulia_770.it

Bologna-MAMbo ‒ fino al 13 maggio 2018. Da Chagall a Malevič, da Repin a Kandinskij, la mostra bolognese ripercorre non solo la storia rivoluzionaria della Russia, ma delinea anche l’evoluzione della sua identità artistica.

Si apre con un ampio excursus sulla fase prerivoluzionaria l’esposizione bolognese che si nutre del patrimonio del Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, un ente nato a questo scopo, ovvero documentare l’arte russa, consolidandone l’identità e rendendola esplicita agli occhi. Fondato nel 1895 da Nicola II, fu poi ampliato dai governi rivoluzionari che nazionalizzarono molte collezioni private. È uno dei musei più grandi del Paese, cosa che in Russia, dove la grandezza è smisurata, rende evidente la vastità degli spazi e delle collezioni.
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!