Creato da videoGreenpeace il 13/11/2007
Il blog di Greenpeace in Italia

Manda Silvio a Copenaghen

 
 

Sostieni Greenpeace

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 56
 

Ultime visite al Blog

angels1952diagatninograg1la.vegetarianamattiamarianiBlob.blogcarlafestacercoilmiocentroulisse.61danbartfabri4986nikbuonvino90Astarte_123unamamma1michele011
 

Ultimi commenti

auguri
Inviato da: ninograg1
il 14/05/2016 alle 08:11
 
buon anniversario per lo "sbarco in libero di...
Inviato da: ninograg1
il 14/05/2013 alle 07:31
 
scusa per il ritardo, buon compleanno e buon 2012
Inviato da: ninograg1
il 15/05/2012 alle 20:24
 
Girl games, stars and dolls dress up games, barbie games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:44
 
Thanks for agenzia investigativa roma taking this...
Inviato da: giochi winx
il 15/02/2012 alle 19:11
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Pacific Voices Tour: Naz...Pacific Voices Tour: agg... »

Direttamente dalla Rainbow Warrior, Alessandro Gianný, il direttore delle campagne

Post n°82 pubblicato il 28 Luglio 2009 da videoGreenpeace
 

                                         
La fortuna gira. Ha girato parecchio da queste parti. Dopo Skerki siamo andati a Marsala a prendere un amico, un biologo, che ci accompagna per un tratto della nostra visita al Canale. Ripartiamo subito per il Banco Avventura.

Forse si chiama così perché, per come sono approssimative le carte nautiche, trovare il posto giusto è stata un’avventura. Un sacco di tempo, e il mare che comincia a montare. Trovato il punto, lanciamo la boa per segnalarlo e caliamo il gommone. Il mare, monta ancora. Siamo in acqua su Hurricane (gommone grigio della Rainbow Warrior). La boa,
manco si vede. Le onde, quando si sommano, sono di 2 metri. Se un sub si sperde, in queste condizioni non lo ritroviamo più. Decidiamo di lasciar perdere… e cerchiamo di recuperare almeno la boa! Mica facile. Torniamo sulla nave bagnati come se l’immersione l’avessimo fatta.

Obbligatorio ridossarsi da qualche parte. Dove? Pantelleria! L’unico versante ridossato è a Sud. Ci arriviamo di notte ballando non poco. Finalmente un po’ di pace: ce ne restiamo alla deriva (troppo pericoloso ancorare sul fondale che scende ripido) osservando
distrattamente le luci sulla costa e in mare. Qualche villa, un faro, e un po’ di barche.

La mattina dopo ci svegliamo e il vento (e il mare mosso: forza 5) è sempre lì. Inutile andare altrove. Decidiamo di farci un’immersione a Pantelleria. In fondo, per tutti è la prima su quest’isola. Mentre ci prepariamo, mi accorgo che una delle barche che ha passato la notte a poche centinaia di metri da noi è un peschereccio a strascico. Sciacca
o Mazzara, I suppose. Prendo il binocolo: è delle parti di Palermo. Strano.

La corrente gira il peschereccio. A poppa vedo qualcosa di grosso (a occhio nudo) e boe colorate. Prendo il binocolo e ci giurerei che ci vedo sopra una rete. Troppo grande per essere quella dello strascico. Troppo sospetto. Mando il gommone con Dave (uno che le spadare le conosce quanto me) a controllare. Per radio la conferma: spadara!

Vistosi scoperto, il peschereccio (Federica II: non Federico, come l’imperatore. Proprio Federica!) salpa l’ancora. Altra conferma. Lo seguiamo e intanto allertiamo le Capitanerie di Trapani e Pantelleria: quest’ultima al telefono ci conferma che stanno inviando la vedetta.

Nel frattempo, consulto il registro dei pescherecci dell’UE: questa barca ha solo licenza per lo strascico. Non può avere a bordo nemmeno un centimetro di rete! Il mare è forza 5, e noi seguiamo i fuggitivi a circa due miglia di distanza. La vedetta non ci mette nemmeno tanto ad arrivare. Dopo meno di un’ora e mezza, siamo già tutti sulla via del porto di Pantelleria.

Arriviamo al porto poco prima dell’una, sotto un sole cocente. Passiamo alla capitaneria le foto (fatte dal gommone quella mattina) come le “prove” che ci hanno spinto a chiamarli. Ma tanto, basta guardarlo, quel peschereccio. Non solo hanno a bordo una spadara (a
maglia larga), rete completamente vietata. Hanno pure i palamiti: legali… ma per chi ha la licenza!

Cominciano le operazioni di sbarco della rete: in quattro ore non sono finite! La rete è tantissima. Tra dieci e quindici, stimiamo noi. Dodici (verosimile) secondo la Capitaneria. Alle quattro cominciano a sbarcare i pesci: 16 pesci spada e 14 tonni: 2 spada e 8 tonni sono “dichiarati” sotto la taglia minima legale (ma tanto… che c’è di legale su sto peschereccio)?

Insomma: brava la Capitaneria di Pantelleria, ma come fa un peschereccio ad arrivare a 250 km di distanza con ben due attrezzi illegali a bordo senza che nessuno se ne accorga?

Torniamo a bordo praticamente cotti dal sole, ma soddisfatti. Doveva essere una giornata piatta, al massimo un paio di immersioni. E invece… la fortuna gira!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/greenpeace/trackback.php?msg=7444695

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
ajfadda il 29/07/09 alle 11:33 via WEB
ma davvero bisogna rischiare quasi la vita per beccare questi mascalzoni(mare forza 5, appostamenti, notti bianche ecc.)? se ne vanno indisturbati in giro per il mare a seviziare pesciotti sotto taglia...e chi se li compra lo sa? che si strozzassero!
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
MicheleB. il 18/08/09 alle 16:18 via WEB
Invito tutti i frequentatori del sito e consumatori di pesce a reperire (peraltro facilmente) informazioni per un consumo consapevole dei prodotti ittici; comprare bene in pescheria si pu˛, Ŕ semplice e non dispendioso. Cosý si da un buon aiuto al mare.
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
MicheleB. il 16/09/09 alle 15:29 via WEB
A tal proposito vorrei aggiungere (anche se ho l'impressione che scrivere su questo blog sia come parlare nel deserto) che la Coop ha smesso di vendere tonno rosso, in risposta agli appelli per la salvaguardia di una specie a rischio. Nella convinzione che nessun altra realtÓ della grande distribuzione ne seguirÓ l'esempio, spero che tale scelta aziendale venga estesa anche al pesce spada. PS: non sto facendo pubblicitÓ per nessuno.
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
adrian il 14/12/11 alle 15:34 via WEB
Car games have been around for a long time and over the last couple of years, they have undergone several developments to enhance their appeal. This has been made feasible through online websites and while this is the case, several factors will need to be deemed before deciding to engage in this mode of play. For starters, as a player, it is crucial to state that several online sites offer these games. Most of them have an array of alternatives placed which permit the player to choose what appeals best to them. Car games Play Car games Truck games Racing games Car racing games Tractor games Monster truck games Drag racing games Stunt games Atv games Nascar games Dirt bike games Bike games Bmx games Motocross games Motorcycle games Car parking games Parking games Motorbike games Drifting games Driving games Jocuri pentru copii Jocuri barbie Jocuri barbi Jocuri de imbracat Jocuri pentru fete Giochi Giochi gratis Giochi gratis Giochi per ragazze
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.