**TEST**

Siamo soli

(nell'immenso vuoto che c'è)

 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.mFedericaPmark614alda.vincinisurvivantAlly_Mcebalarr.fedecostanzatorrelli46filonziantonellakiariccivito5550coppo_toPatryRougeilVentodiMiryamDi.Emma
 

HO APPENA LETTO

 
 

I MIEI BLOG AMICI

- Incredibile ma vero
- Màs que nada
- A ruota libera
- Una nuova vita
- Imperfetta Umana
- A volte sanguino...
- Sturm und Drang
- follia fiabesca
- Galline da corsa
- Alchimia
- Trattasi di cuore
- albatros
- Bulimika
- datti voce....
- graffioinfinito
- Pensieri in libertà
- LA VITA
- Ambrosia e cicuta
- Viaggio insieme a me
- Due Destini
- i miei preferiti
- pensandovivendo
- Amare...
- il mio canto libero
- Bastarda_mente
- Le mie emozioni...
- vibrazioni...
- Diario di un vampiro
- FRAMMENTI D'AMICIZIA
- FAVOLE E INCUBI
- occhi negli occhi
- TUTTO PUOSUCCEDERE
- pulce nel cuore
- Novità_in_arrivo
- La dea che ride
- Alloscuro di tutto
- .My.Name.Is.Violet.
- ventoesereno
- GreenTea
- Giorni... e sogni
- Le ali del vento
- DIMMI ... ...
- La voce del silenzio
- le verità di vera
- latripladea
- Nayuma
- L ATTIMO FUGGENTE
- NUVOLE E LENZUOLA
- Principessa persiana
- Mafycamente
- scleri gaffe e corna
- SEMPRE e PER SEMPRE
- ledicolante
- LA VOCE DEL CUORE
- NUEVA VIDA LOCA
- Briciole Di Pane
- Ransie la strega
- Life Oh life
- Un po di tutto
- restore
- TROVARE UN SENSO ...
- Il blog della Kate
- FIRENZE SHIATSU
- Tefnut Slight Return
- Colorando
- BULIMIA DI VIVERE
- IO E TE...NAPOLI
- Il mondo di Morgana
- CavolinodiBruxelles
- Ilvolo_delloccasione
- Crazy dragonfly
- Cera una volta...
- puntotao
- KimKiss is Back!
- in solitudine
- nuvola viola
- MONOLOGO IN ROSSO
- ora si vola...
- voci dal sottosuolo
- Di palo in frasca...
- SILENZIO...
- Xennemente TSUNAMI
- latuaossessione3
- Angeli
- parzialmentescremato
- La luna
- viandantegrigioombra
- ZONA FRANCA
- senza senso
- Una carezza
- Città-ragnatela
- vita e sopravvivere
- OTRA VEZ..
- IO_E_TE__INSIEME
- CARRY75
- FORZA E FRAGILITA
- MareMatta
 
Citazioni nei Blog Amici: 49
 

FACEBOOK

 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« Il gioco delle partiAmare cos'è »

Eutanasia di un amore

Post n°78 pubblicato il 04 Aprile 2007 da guerrierlumiere

La mia anima mi ha parlato,
amore, e mi ha illuminato.
E spesso anche a te l'anima parla
e ti illumina.
Tu infatti sei come me,
e non c'è differenza tra noi,
se non questa:
io esprimo cio che è dentro di me
in parole che ho udito nel mio silenzio,
mentre tu custodisci tacito
cio' che è dentro di te.
Ma la tua silenziosa custodia 
ha lo stesso valore del mio tanto parlare. 
(Kahlil Gibran)

Da oggi il mio blog cambia. Seguo il consiglio di principessapersiana. Diventa un diario. Fino ad oggi era stato un modo per confrontarsi. E dunque anche gli argomenti che trattavo erano più o meno accattivanti in funzione di ricevere più commenti possibili. Ma adesso ho l'esigenza di mettere su carta i miei pensieri. E magari quando tra molto tempo le cose saranno cambiate, rimarranno uno sfocato ricordo di emozioni un tempo forti e che mi faranno persino un po' di tenerezza. E arriverò persino a rimpiangere di avere provato un sentimento. Perché è sicuramente molto peggio non riuscire ad amare. C’è stato un periodo in cui ho pensato di non esserne capace. E’ finito tutto troppo presto per capire se fosse l’amore vero. Però l’ho sperato. Dal momento in cui ti ho vista la prima volta e ho pensato che allora i colpi di fulmine esistevano.
Stamattina mi sono svegliato con il tuo sapore sulle labbra. Era un ricordo ben nitido, quel sapore misto di fumo che per noi "non fumatori" all'inizio appare persino sgradevole e che col tempo sono arrivato ad adorare e che adesso sento come una cosa rara. Spesso si dice che i difetti di una persona ti allontanano. Per me è stato il contrario. Il tuo essere aggressivo, fredda e glaciale, il tuo non farmi sentire a volte cosa provavi per me. Il tuo allontanarmi ogni volta.
Le tue mani, mani da lavoratrice. Mani dedite a lavori duri, ma capaci di esprimere una dolcezza senza fine. Capaci di farmi vibrare il corpo e l'anima al solo sfiorarmi. Sono stato fiero di quelle mani. Sono stato orgoglioso di aver percorso un tratto di strada con una persona coraggiosa, che ha attraversato le difficoltà della vita e non si è fatta sopraffare. Purtroppo dentro di te sono rimaste scorie velenose. Scorie che non ti fanno andare per il sottile quando c’è da dire le cose in faccia.
Complementari anche in questo. Io con la mia difficoltà ad esprimerti ciò che provavo. Che speravo che tu capissi dai miei sguardi, dai miei gesti, perfino dai miei silenzi quanto stessi diventando importante. A volte anche te non eri da meno. Scoprivo le emozioni che avevi provato attraverso le tue mail ricche di parole che avevano la capacità di lasciarmi senza parole. Però quella notte quando tu mi hai sussurrato lo sai che ti adoro mi sono sciolto…e non sono riuscito a fartelo capire. E allo stesso tempo pur essendo la prima volta che dormivamo insieme  ho sentito che qualcosa non funzionava. Ancora adesso non me lo so spiegare. Ma non te ne ho parlato, convinto che fosse solo una sensazione passeggera. Avrei dovuto dirtelo? Non so. Il fatto è che l’amore è una continua conquista.
Ho vissuto rapporti in cui tutto era scontato. Soprattutto l’amore. Con te non è mai stato così e questo mi costringeva ogni volta a lasciarti e a riprenderti. E ogni volta che ti riprendevo cresceva dentro di me la consapevolezza che non volevo perderti. Ho trascinato un rapporto d’amore per anni, quando mi rendevo conto che il sentimento era già qualcosa che assomigliava a un rapporto tra fratello e sorella. Ho sbagliato. Non so se riuscirà mai a perdonarmi. L’ho detto oggi a una mia collega che mi ha apostrofato: “ma come, hai lasciato la tua compagna dopo 5 anni? Sei proprio uno stronzo.” E io che già stavo male per conto mio ho sentito come una pugnalata in pieno petto, senza neanche avere il tempo di difendermi.
Complementari nelle parole. Ti ho detto ti amo nel momento in cui mi hai abbandonato. Chissà. Forse una puerile richiesta di non buttarmi via. E io non sono una persona che dice ti amo facilmente. Ma è vero che spesso prendo delle scorciatoie dicendo delle mezze verità per paura di ferire, per paura di perdere per sempre le persone. Cazzate. Le persone si perdono lo stesso. Tu invece molto diretta. Sincera pure troppo, senza preoccuparti di ferire. Ma così facendo non lasciando speranze vane alle persone.
Si dice che qualsiasi incontro si faccia nella vita è funzionale a qualcosa e ha un senso.  Sicuramente il tuo incontro mi ha cambiato nel mio modo di pormi con le persone. Nell’essere anch’io più diretto. Tutto questo lo so. Ma la tua mancanza quando si fa dolore vero non mi fa pensare. Tutti i ricordi, le canzoni che mi hanno riscaldato il cuore, che mi facevano abitare su una nuvoletta…si, quegli stessi ricordi adesso fanno male. Migliaia di istantanee che appaiono nella mente a bruciapelo. Gli abbracci, le cene a base di crepes, la panchina degli innamorati con l’idillio rotto dal signore insensibile che non aveva trovato di meglio che sedersi accanto a noi, la fontana delle stagione con un bacio di fronte ad ogni statua, le tue mani cercate continuamente. E’ la sera che mi manchi di più. Quando invoco il sonno come una liberazione da tanti pensieri. E la notte i cui minuti non passano mai, quegli stessi minuti che quando ero insieme a te volavano alla velocità della luce. Non me lo so spiegare ma una parte di me non riesce a rassegnarsi. Alla fine non so se sia meglio dimenticarti velocemente dimostrando implicitamente a me stesso che non so amare o farti restare dentro facendomi capire che stavolta eri proprio la donna giusta.
 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: guerrierlumiere
Data di creazione: 09/10/2006
 
 

AREA PERSONALE

 

IL TEMPO NON HA LIMITI

Anche se non sento dentro me “Amore”
Ritorno sempre là
A quelle immagini
Ai giorni liberi
Pieno di entusiasmo sembrerò
Solo a chi non saprà comprendere
il vuoto dentro me
E rimangono le lacrime in bilico
Dietro gli angoli degli occhi che sorridono
Il tempo non ha limiti
Non passa per dividerci
È un pretesto sai che non basta mai
per difenderci
Il tempo cura i lividi
Difende dai pericoli
Di un amore che mai
dimentica il tempo tra di noi
Il ricordo inafferrabile lo so
Che male più non fa
Ma se ti incontrerò
io non mi salverò
Cresce dentro l’anima
La voglia che ho di te
Distanze fragili ci uniscono di più
E non trovo le parole
per spiegarmelo
Perché quelli che si cercano poi
si perdono
Il tempo non ha limiti
Non basta per dividerci
È un pretesto sai che non basta mai
per difenderci
Il tempo cura i lividi
Difende dai pericoli
Di un amore che mai dimentica noi
Ci sono attimi che non ritornano più
- Vivrò pensando a te -
Il tempo è un alibi per non amarti più
- Vivrò pensando te -
Ti sento accanto a me come se fossi qui
Il tempo non ha limiti
Non passa per dividerci
È un pretesto sai che non basta mai
per difenderci
Il tempo cura i lividi
Difende dai pericoli
Di un amore che mai dimentica noi
Il tempo tra di noi…
 

QUELLO CHE VORREI FARE:

“Molte persone temono la felicità. Per tali persone, essere contenti nella vita significa cambiare molte delle loro abitudini - e perdere il loro senso di identità. Spesso siamo scontrosi verso le cose buone che ci accadono. Non le accettiamo, perché ci farebbero sentire in debito nei confronti di Dio. Pensiamo: ‘Meglio non bere dal calice della felicità, perché, quando sarà vuoto, soffriremo immensamente.’ Per questa paura di rimpicciolirci, non riusciamo a crescere. Per la paura di piangere, non riusciamo a ridere.”
 

PENSIERO DEL GIORNO

Dice il maestro: “Oggi è un bel giorno per fare qualcosa fuori dall’ordinario. Potremmo, per esempio, ballare per la strada mentre andiamo al lavoro. Guardare direttamente negli occhi di uno sconosciuto, e parlare di amore a prima vista. Dare al capo un’idea che può sembrare ridicola, un’idea che non avevamo mai menzionato prima. I Guerrieri della Luce si permettono tali giorni. Oggi, potremmo piangere su antiche ingiustizie difficili da accettare. Potremmo telefonare a qualcuno a cui avevamo giurato di non parlare mai più (ma da cui avremmo desiderato ricevere un messaggio sulla segreteria telefonica). Oggi potrebbe essere considerato un giorno aldilà della sceneggiatura che scriviamo quotidianamente. Oggi, ogni colpa sarà permessa e perdonata. Oggi è un giorno per godere la vita.” 
 

LA MIA POESIA

Ti amo come se mangiassi il pane spruzzandolo di sale
come se alzandomi la notte bruciante di febbre
bevessi l'acqua con le labbra sul rubinetto
ti amo come guardo il pesante sacco della posta
non so che cosa contenga e da chi pieno di gioia
pieno di sospetto agitato
ti amo come se sorvolassi il mare per la prima volta in aereo
ti amo come qualche cosa che si muove in me quando il
crepuscolo scende su Istanbul poco a poco
ti amo come se dicessi Dio sia lodato son vivo.
 

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30