IL RAMO RUBATO

... e ogni giorno, avidamente, il mio lato oscuro cresceva, cresceva, cresceva...

 

COPYRIGHT

Il materiale fotografico pubblicato in questo sito è composto esclusivamente da mie fotografie. E' assolutamente vietata la pubblicazione, o la riproduzione, di foto o di porzioni di esse, senza la mia esplicita autorizzazione. Andrà comunque segnalato il riferimento all'autore.

Sono tutelati da copyright legalmente dimostrabile tutti i racconti del blog. Alcuni sono stati pure pubblicati su un libro. E' possibile copiare parte dei miei racconti su altri siti o blog, parzialmente o integralmente, solamente con la mia esplicita autorizzazione, e segnalando il mio nome e linkando questo blog.

 

ULTIMI COMMENTI

AREA PERSONALE

 

 

« Miele e peperoncinoSolo una notte »

Lacrime di piacere

Post n°26 pubblicato il 10 Dicembre 2006 da il_ramo_rubato
 
Tag: memoir
Foto di il_ramo_rubato

Riemerge ieri sera il tuo ricordo, quasi per caso, dalla notte oscura della mia memoria. Piccolo fiume che sfocia di nuovo in questo mare, per poi disperdersi nelle sue acque.

Eri piccola e magra, quasi una bambina, eppure ti stavi laureando in medicina. Due occhi chiari,  dietro ad montatura invisibile, un viso che ispirava protezione. Dopo cena, quella sera, siamo andati da te. Non c'era la tua compagna di appartamento. Non sarebbe tornata... 

Scherziamo, ridiamo. Vuoi essere presa un po' in giro... e io sto al gioco. Ti prendo le mani, e dopo un po' ti ho in braccio sul divano, ti accarezzo un po'. Ricordo una gialla luce di un'abatjour accesa su uno spoglio tavolino e il tuo silenzio. Eri titubante, ma io volevo andare oltre al desiderio. Perdermi in te per farti perdere in me.
 
Ti ho spogliata, ho portato la tua testa con la mia mano al più dolce dei baci. Così gentile mi accoglieva la tua bocca.  Apro le tue gambe, uniamo i nostri corpi. Mentre lo facciamo io penso ad altro, non sono più lì con la testa. Prima ti prendo in modo tenero, ma alla fine sempre più duramente, in modo energico, fin crudo. Tu parlavi sottovoce non so con chi, mentre lo facevo. Poi ansimavi. Ma io continuavo, con forza. Poi, quando il mio piacere è scoppiato dentro il tuo ventre, gemevi.

Era l'ora felice del'assalto e del bacio. L'ora dello stupore e del desiderio... eppure ti sei messa a piangere come una fontana. Lacrime vere, che sgorgavano dagli occhi, scorrevano lungo le guance e arrivavano sul cuscino del divano. Singhiozzavi. Ti ho chiesto se andava tutto bene.
Tu mi hai sorriso. Mi hai detto quella cosa che non scordero, mi dici che lo facevi sempre quando ti piaceva davvero. "Piango sempre quando provo piacere. E' una cosa che sento partire dalla schiena, poi mi libera tutta... "
 
Di tante cose che di te ho dimenticato, questa mi rimarrà sempre impressa... perchè è proprio così, come dici tu: il piacere ama mescolarsi con il dolore, la tristezza con l'estasi, il desiderio con la paura. Non c'è appagamento sincero, se non si lega ad esso una profonda fame. E non c'è vera pace dei sensi, senza che essi possano poi combattere in dichiarata guerra. E sempre i sensi mescoleranno amabilmentegli opposti perchè tra loro si consumino e tra loro stessi si possano in fine annullare...

Testo scritto nel dicembre del 2006

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: il_ramo_rubato
Data di creazione: 28/10/2006
 

IL RAMO RUBATO

Nella notte entreremo
a rubare un ramo fiorito.

Passeremo il muro,
nelle tenebre del giardino altrui,
due ombre nell'ombra.

Nella notte entreremo
fino al tremulo firmamento,
e le tue piccole mani e le mie
ruberanno le stelle.

(P.Neruda)

 
Citazioni nei Blog Amici: 233
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom