Blog
Un blog creato da semplicementecomplic il 05/03/2007

Amare

...null'altro

 
 

PROGRAFIC

 

LUCIA PINTO BLOGSPOT

 

IMPRECISI SPUNTI

 

L. P.

  Amore non sprofonda mai

ed ha una ostinazione

che non uccide.

(L.P.)

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

PHOTOGRAPHY

 

ULTIME VISITE AL BLOG

LACARTADELTEMPOUnBrividoAssolutomadis3ail_tempo_che_verraharryhellerpausacaffe70thejumpingprincipe69_9sbicegopmatteo.saponaroelisar_81menta_menteforestales1958mar.nickIN.V0L0
 
Citazioni nei Blog Amici: 74
 

ULTIMI COMMENTI

scusa se ti rispondo qui ma la casella piena, mi fa molto...
Inviato da: il.fiore.di.carta
il 03/07/2012 alle 12:19
 
Grazie per l'attenzione Juliette...
Inviato da: semplicementecomplic
il 28/06/2012 alle 22:46
 
Immagine e poesia bellissime, mi trasportano al senso...
Inviato da: Lady_Juliette
il 28/06/2012 alle 12:45
 
ciao L.
Inviato da: ladymiss00
il 23/03/2012 alle 15:38
 
Sicura :)
Inviato da: ladymiss00
il 29/01/2012 alle 19:46
 
 
 

AREA PERSONALE

 

 

Grazie Giada...

Post n°235 pubblicato il 15 Aprile 2011 da semplicementecomplic

Le tasche piene di sassi

 
 
 

L'imbrunire superbo

Post n°234 pubblicato il 12 Aprile 2011 da semplicementecomplic

                                                                                 imm. Lucia Pinto

*

L'imbrunire è superbo
s'arrocca nei cristalli
Amo selvaggiamente
le rose
la sera
Hanno come regni
tra i petali umidi
Bellezze vertiginose
Suono di luce
nei gambi stagliati

*

Volta maliarda
sono avvinta
ai tuoi fianchi
E tu sei flessuosa

*

[Amare, null'altro - LietoColle]

 
 
 

da "L'intradotto fracasso del legame"

Post n°232 pubblicato il 07 Aprile 2011 da semplicementecomplic

*

*

Che tu misconosca in questo nero di perla la nenia che parve feroce, il succo dolce di questa primavera  precocemente  invecchiata cocente estate, che non reclama assenti ma tiene il gioco allo sgomento d'essere in pochi, due, a fare uno...
a nulla serve. Chè l'iridata resa di ogni tempo, sa la consegna e il passo. La stoffa delle braccia . la levità dell'ala.

*

*

 
 
 

Nel canto dell'occhio

Post n°231 pubblicato il 07 Aprile 2011 da semplicementecomplic

                                                                                     imm. L.P.

*

mie  lune
miei soli
e lo sfarzo dei semi
e la zolla lunga

mio calice
mio ebbro mattino
mio anello di vento
mio spicchio di sasso

nido arroccato
nel canto dell'occhio
spina fumante
del fusto intatto

* 


zitto miracolo
di ginestra

 *

zitto miracolo
zitto miracolo

 *

*

(...come l'impeto dell'acqua al precipizio
l'impellenza della moltitudine prossima alla gola
la supplica del canto che viene per vedere)

 

 
 
 

Se

Post n°230 pubblicato il 06 Aprile 2011 da semplicementecomplic

 

imm.L.P.

*

Se un altro fiato
dovesse zampillare
da te melodia
non crederti
ti prego
E ricorda
i sospiri ingoiati
nella sera primavera
Quando lenzuola
erano istante
e noi perpetui
Quando occhi e seni
erano spade
e l'infinito un tuffo
Quando la strada c'era
e il resto altrove
Quando luce e buio
unanime in goccia
profumavano in fondo
Ed io soffiavo
E tu soffiavi
Ed era ogni arte

*

(2005)

 
 
 

Bellezza

Post n°229 pubblicato il 04 Aprile 2011 da semplicementecomplic

 

                          imm. L.P.

*

Non genufletterti
son scabra
snervo di danza
ago e spago
fòlgori e spìgolo
non mi guardare
Non sono il gigante buono
e neppure robusto
mi sfoglio
lo vedi
ti fai di lame
così
E poca e poca
io mi castigo
e smorfio
e miscredente

Però rimani...
ancòra

*

(2007)

 
 
 

Partii un giorno dal mio dolore

Post n°228 pubblicato il 03 Aprile 2011 da semplicementecomplic

immagine Lucia Pinto

*

 

Partii un giorno dal mio dolore con un mantello rosso porpora.
Il respiro fumante nell'aria bianca e cristallizzata, sopra ad un'acqua condensata, lucente di una opaca profondità.
Intorno, fusti carnosi arrampicati ad un nulla indistinto e fasci radiali diffusi mi attraversavano senza far male.
Una selva congelata affollata di assenza. Incantevole come stregata e senza occhi.
Trasognata, proseguivo senza versi.
Non avevo direzione. Non ero intorno e non a confronto. Non avevo parole, non immagini, non impulsi, non rivelazioni.
E lontano...lontano...s'era smarrita la memoria d'ogni luogo, desiderio, rinunzia o volontà.
Mi tenevo stretta nel mio mantello a riverbero ovattato della mia essenza ancestrale, mentre un cielo uniforme nella sua informità, come zucchero sortilego, mi premeva senza afflizione in quello spazio senza vento e senza tumulti.
Non so se giorni erano passati o un solo istante, ma mi svegliai come da un sonno, ai piedi di un fusto di fronde lamellari, intrisa dall'effetto del fuoco nel gelo. Quasi come io fossi stata incandescente e avessi spezzato in quel punto l'equilibrio del luogo.
La neve era dispersa in un'acqua di porpora trasparente, ed io allargai il mantello intorno alla mia forma scoprendo una topografia di lacerazioni stillanti senza spasimi.
Quella regione di mancanza, feriva senza dolére. Consumando.
Nel piccolo specchio d'acqua venato riconobbi i miei occhi e la mia distanza e la radice che dalla terra porta in alto e cominciai a scavare lì, verso il basso, sentendo l'odore del cielo che si apre in fluido tenue. Il Cielo più puro e luminoso, quasi ardente.
Inseguendo i miei occhi e tutto quel che ci vedevo dentro, nel piacere struggente di una eterna stilettata che mi ricongiungeva ogni volta al mio essere sparpagliato in ogni dove.

Ancora non mi compio. Ma tutto si muove.

*

*

 

Lucia Pinto

brano contenuto nell'Antologia "Viaggiare con bisaccia e penna" edita da LietoColle

 

 

 
 
 

All'intelletto dell'Amore (sensuale oltre il confine del bisogno)

Post n°227 pubblicato il 10 Gennaio 2011 da semplicementecomplic

*

*

 

Posiamoci un bacio

Fosse solo un colore
da spolverare
sul primo sogno del buio

*
*

 
 
 
 
 

Imperdonabile

Post n°224 pubblicato il 12 Giugno 2010 da semplicementecomplic

*

Sentirsi possibili.

*

*

*

Tra lune allegre della bocca
 sottoi baci.

 
 
 

Acqua

Post n°223 pubblicato il 06 Giugno 2010 da semplicementecomplic


Ho avuto visioni per parole
ma quando le parole
si sono fatte sostanza
larga dentro da somigliare a verità
la carne pareva volesse scoppiarmi.
Non sono pronta per Dio
nè per il paradiso che chiede in terra

*

Lui mi gridava- bevi!
Acqua, soltanto acqua.
Non refrigerio di parole
non alluvione di analogismi
Acqua.

 

 
 
 

Esser-si-mi-ti

Post n°217 pubblicato il 06 Ottobre 2009 da semplicementecomplic
Foto di semplicementecomplic

 

 

Che beatitudine non esserti pertinente
scompaginata memoria di filigrana
avvenire sott'acqua
con le piume bagnate
oh bimbo muto!
il primo che non debba liberare
il più spietato

L.P.

*

*

 
 
 

e tu mi ridi

Post n°215 pubblicato il 22 Aprile 2009 da semplicementecomplic

*

*

ascolta

 
 
 

lascia che

Post n°214 pubblicato il 05 Aprile 2009 da semplicementecomplic

*

*

 

Iride lacunoso
nelle altezze
e Tu...
il mio Dio
inginocchiato
ai miei piedi
Oh! quale dolore
più immenso
nelle mie caliginose
cavità
E in quale buio
nascondere
la  faccia
quando intorno
ogni cosa risplende ?
La carne fodera
brandelli di niente
e l'unica fibrilla
vaneggiante
e incompiuta
Nol lasciarmi
col tuo fiato
al mio ventre
Lascia che
mi inginocchi
anch'io

 

L.  (2006)

*

A distanza di tempo, volevo spostare le parole. Ma mi è av - venuta la memoria della percezione e altro non riesco a vedere, che sbavature d'inchiostro

 

 
 
 

non dovrai fare nulla

Post n°213 pubblicato il 02 Aprile 2009 da semplicementecomplic

 

*

*

*

Non dovrai fare nulla
Il mio tronco immateriale 
si spargerà nel vento che ti impasta
mulinerò come se fosse un suono
E tu stagliato silenzioso
come un gambo al cielo
tiepido di terra

 

L.

 

 
 
 

de - centrata

Post n°212 pubblicato il 29 Marzo 2009 da semplicementecomplic
Foto di semplicementecomplic

 

*

Presa a giro
mossa dentro le cose
trasferita

de-scritta ad arco
intorno curvo
al largo

La gerla pullula di pani
vedendo smetti di guardare
astro non ha sembianza

E invece salgo
intorno curvo
al largo

mossa dentro le cose
trasferita

Incavata nella tua stanza
rappresa mi tieni

ma pro-sciolta
non mi nego

e mi confermo

L.P.

 
 
 

...

Post n°211 pubblicato il 26 Febbraio 2009 da semplicementecomplic

*
*
*
*
*
Guardo le cime
Son sempre più sottili
Acumi spogli ormai
d'ogni chincaglia
Uguali al seme
a bruscoli di rena
che perdono la coda
*
L.
*
*
*


 
 
 

s-vincolo

Post n°210 pubblicato il 24 Febbraio 2009 da semplicementecomplic

*

 

 

*

La verità ci s-vincola senza scampo. Consanguineità dell'anima. Energia sincera senza le parole.
Aleggiare di meraviglia di tutte le meraviglie, mentre imparo e impari,che la bellezza non può essere piegata al fusto della necessità, allungato a una luce troppo umana.
Ma respirata,come il dolore del più potente strappo che non avviene.
E di te, non smetto di amare la propagazione dell'inconsapevolezza, i filamenti che si allacciano alle mie incomprensioni,trapassandomi vuota scatola di colline. Fermando la certezza che un Dio abbia visitato il tuo corpo e il mio, lasciando accesa una torcia per il tempo in cui non ci riconosciamo, ma che ci scruta(il tempo) toccare, tutte le ore del (suo)giorno, nelle forme del mondo.

 

*

Posa gli occhi con me
pulviscolo di coraggio
fiaccami nella notte
l'estate che mi stancò
Rivolo di valle
nel passaggio infernale
sentilo che ti slitto
sparsa nella tempra che ti assonna
Imparare a non volerti
mi tarla brutta e fumosa
un uccello pulsante e assiepato
Un frammento di trombo che s'arena
nell'ascesa del canto che resta
.

Lucia P.

 
 
 

per me che resto

Post n°209 pubblicato il 09 Febbraio 2009 da semplicementecomplic

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lucia P.

 
 
 

*

Post n°207 pubblicato il 31 Gennaio 2009 da semplicementecomplic

Roberto Matarazzo per Lucia

ERREMME

 
 
 
 

LUCIA PINTO

"AMARE, NULL'ALTRO"

Librerie fiduciarie LietoColle        

informazioni per l'acquisto     

 per ordini  anche LietoColle Tel/Fax 031 986292

 

ISPIRAZIONE

Questa ispirazione che irradia
non presume il malinteso
Nella sua intima incomprensibile affermazione
di nulla si cura
Che per la ragione sarebbe spaventevole
Stringe l'allusione,contenendo la sorpresa
Insabbia gl'interrogativi
rovistando timidamente una origine
frugando uno spunto
E' spietata
nella sua leggerezza
Trascinante
nella sua incompiutezza
Come una imprecisione
senza incertezza

 

CAMAIORE 2008