Creato da porqettina il 17/06/2007
E finalmente divenni la sete che giaceva nella terra, con il sonno rosso e i sogni rossi, e la lenta certezza che ero troppo debole per girare ancora la ruota.Vorrei abbandonarmi al piacere lussurioso e fatale, sapore pallido di vino, suono di violini. E poichè giaccio tra i tormenti , procedo dolente per lo stretto valico della vita.

david-swanson---a-forrest-muse

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

teramanopercasoilcontebaglionisesso_matto0adoro_il_kenyastrong_passionsaverio970alexcrowjasmin_e0piratadellerosjjgeppodspdsp2008artospsicologiaforensesalinidamianogiorgione6
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Contatta l'autore

Nickname: porqettina
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Etą: 49
Prov: TE
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

 

Post N° 15

Post n°15 pubblicato il 22 Febbraio 2008 da porqettina

mi rifugio qui perchč in fondo questo č un rifugio..

uno spazio letto da molti ma che io non conosco.

libera di esprimere quello che sento: rabbia delusione qualcosa che non č dolore ma ci si avvicina molto.

delusione.ho fatto tutto da sola.non c'č da imputare nessuna colpa ad altri.

ho fatto tutto da sola illudendomi stupidamente, senza che nessuno me ne desse motivo.

ok e adesso?punto e a capo.oggi piove il cielo č grigio,un tempo grigio come il mio umore.mi piace questo tempo perkč si accorda col mio attuale stato d'animo.grigio.

ho voglia di piangere........

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »