Creato da informatore66 il 07/03/2013
Curiosità e notizie dal mondo
 

 

« Galline nutrite a canapaEcco la mucca con le cor... »

Scoperto in Tibet l'antenato di tigri e leoni

Post n°93 pubblicato il 16 Novembre 2013 da informatore66
 
Foto di informatore66

Alcuni scienziati hanno scoperto in Tibet, sull'Himalaya, il teschio fossile del più antico grande felino, antenato di tigri e leopardi che oggi conosciamo.

Si tratta di una scoperta fondamentale dal punto di vista dell'evoluzione. Fino a questo momento si riteneva che i grandi felini che oggi conosciamo si fossero sviluppati in Africa, ma il più antico resto fossile risale ora all'Asia. I resti ritrovati risalgono riportano indietro nel tempo la storia dei grandi felini di almeno 2 milioni di anni fa.Le tigri e i leoni, dunque, vedrebbero l'Asia, e non l'Africa, come loro terra di origine. La specie ora ritrovata è stata identificata con il nome scientifico di Panthera blytheae.

 L'animale avrebbe vissuto in Asia, nelle fredde regioni dell'Himalaya, da 4 a 6 milioni di anni fa. Secondo quanto dichiarato dagli esperti, le sue dimensioni sarebbero state inferiori rispetto a quelle dell'attuale leopardo delle nevi.Osservando il teschio e la dentatura, gli scienziati hanno ipotizzato che il felino cacciasse proprio come il moderno leopardo delle nevi, soprattutto per quanto riguarda l'utilizzo della dentatura anteriore e posteriore.Il fossile più antico ritrovati fino ad ora per quanto riguarda i grandi felini era datato a 3,6 milioni di anni fa ed era stato rinvenuto in Tanzania. Il ritrovamento potrebbe confermare l'ipotesi secondo cui l'origine geografica delle pantere e dei loro simili sia da collocare in India o più in generale in Asia, nonostante i reperti più antichi ritrovati prima dell'ultima scoperta si trovassero in Africa. Il fossile è stato descritto nei dettagli all'interno dell'articolo "Himalayan fossils of the oldest known pantherine establish ancient origin of big cats" pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society Biological Sciences.

servizio a cura di: ( informatore66 )    

immagini e video ( dal web )

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

Meteo Stuzzica la Notizia

 

 

Meteo Campania

 

 

Ultime visite al Blog

informatore66MarsarellaMaxtakeoffluciano.florio1979francysantdabdidabdaverollapark8andromeda20151122BELFANCIULLO1789zodiacmainecoonarianna.rosiclaudio.malguzzigiorgio2007JBRIVIDO
 

FACEBOOK

 
 
 

Area personale

 

Video curiosi e divertendi

Gossip

OMACristian e Chanel Totti hanno fatto laprima comunione insieme: guarda

Cristian e Chanel Totti hanno fatto la prima comunione insieme: guardaI figli di Francesco e Ilary Blasi hanno fatto la comunione insieme. Lui ha 9 anni, lei ne ha 8. Ecco una foto [...]

Continua a leggere: http://www.gossip.it/#ixzz3aWPmlWQp

 


 

 

EMPRE PIU' INNAMORATI Buffon e la D'Amico si mostrano con orgoglio mano nella mano agli obiettivi

Buffon e la D'Amico si mostrano con orgoglio mano nella mano agli obiettiviGigi e Ilaria una volta si nascondevano alla vista degli obiettivi, poi hanno iniziato a non badarci, e ora [...]



 

 

Gossip

Per Claudia Galanti sono già iniziate le vacanze al mare: è volata a Porto Cervo

Per Claudia Galanti sono già iniziate le vacanze al mare: è volata a Porto CervoLa showgirl ha fatto le valigie ed è volata in Sardegna. Ovviamente nell'amata Costa Smeralda, dove [...]

 

Scoperta a Bari cava con impronte dinosauri

Una cava con migliaia di orme di dinosauri, risalenti al periodo del Cretaceo, circa 100 milioni di anni fa, è stata scoperta la scorsa estate dal paleontologo barese, Marco Petruzzelli, all'interno del parco Lama Balice, nella città di Bari. Una anticipazione della ricerca è data dal quotidiano La Repubblica. Il paleontologo, specializzato in icnologia (branca che studia le impronte fossili degli animali) ha rilevato le impronte in un'area compresa nel parco di Lama Balice, che si trova ad un chilometro dall'aeroporto e a ridosso della periferia cittadina.

Si tratta di un giacimento con un numero stimato di circa diecimila orme di dinosauri, con una concentrazione di tre-quattro impronte per metro quadrato. Secondo lo studioso, le impronte fanno pensare che sull'area abbiano camminato ''dinosauri sia di specie erbivora che carnivora''. Il ritrovamento è stato notificato alla Soprintendenza ai beni archeologici, alla presidenza del parco e alla Regione Puglia, affinché l'area possa essere messa sotto tutela''

 

Seguici siamo anche su:

         

 

Oroscopo del giorno

 

La vita e le sue scoperte