**TEST**
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

antica4emilytorn82puffa80ninograg1unamamma1nacly82giodibenedetto89sds.serramentiadoro_il_kenyasmeraldoluciaalmera1974alphabethaastrong_passionLanzichenecco79pinopassante
 

Ultimi commenti

come possono negare come possono dimenticare... onore a...
Inviato da: NeVeRmInD89
il 22/12/2008 alle 19:04
 
Un video che riassume un pò la vicenda Alitalia:...
Inviato da: L_irrequieto
il 05/11/2008 alle 16:53
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 16:20
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 22:30
 
ti consiglio vivamente di farlo..sarebbe un bel regalo per...
Inviato da: Anonimo
il 21/12/2007 alle 17:11
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
Creato da: wahid2 il 15/01/2007
discussione sulla necessità di un ricambio generazionale

 

 
« SOTTOSCRIVI IL PATTO GEN...Messaggio #14 »

ALLA FACCIA DELLA COERENZA

Post n°13 pubblicato il 12 Febbraio 2007 da wahid2

Li chiamano “cattolicanti”. Si tratta di quegli uomini politici che differiscono dai “cristianisti”, per il fatto di essere accomodanti, soprattutto con se stessi. Sono quelli che ostentano la loro fede, i loro valori, ma sempre più spesso se ne servono per fini politici. Come è il caso dei Dico e quindi della famiglia.

E allora ci si chiede: se molti di loro (i leader del centrodestra) hanno cosi tanti impicci familiari, prime e secondi mogli, figli di primo e di secondo letto, immaturità sentimentali, insomma una vita familiare che certamente non può essere presa come modello, con quale credibilità questi stessi possano ergersi a testimoni della vita cristiana e proclamarsi, con la benedizione delle gerarchie ecclesiali, difensori della sacra famiglia?

In una società in cui divampa la rincorsa al gossip, viene naturale confondere anche in politica lo spazio che separa il pubblico dal privato. Ed allora ecco la politica attraverso lady Fini, Veronica o la suocera di Berlusconi, il marito della Prstigiacomo, la prima moglie televisiva di Calderoni. E davvero su questo terreno non c’è “cattolichesimo” che tenga: si predica bene, ma si razzola male.

Oppure c’è fin troppa famiglia nel caso di Mastella, che con la moglie presidentessa ammette di essere arrivato vergine al matrimonio, ma che poi lo santifica con un gran partito famiglia. Oppure ce n’è fin troppo poca di famiglia nel caso dei veri "cattolicanti" Casini, Berlusconi, Bossi, Fini e l'ultima arrivata Santachè.

Dubitare è lecito. Si pensi alla Pivetti, che l'altro giorno è comparsa in versione sado-maso con frusta. Quando ricopriva la carica di Presidente della Camera portava la croce al collo, era terrorizzata che nelle occasioni ufficiali si vedessero le gambe.

E allora alla faccia della coerenza. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/inprogress/trackback.php?msg=2282058

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento
 
 

GABER DOCET

"!a libertà non e' star sopra un albero,

  non è neanche avere un'opinione,

  la libertà non è uno spazio libero,

  libertà è partecipazione"


 

INVITO ALLA LETTURA