Creato da Sushye il 28/04/2008

Intima follia

"Sii tutto in ogni cosa, poni quanto sei nel minimo che fai" (F. Pessoa)

 

 

ci siamo persi......

Post n°561 pubblicato il 15 Gennaio 2009 da unuomoirrequieto.rm

 
 
 

Post N° 560

Post n°560 pubblicato il 01 Gennaio 2009 da Sushye

 
 
 

un anno felice tesoro.......

Post n°559 pubblicato il 30 Dicembre 2008 da unuomoirrequieto.rm

 
 
 

Post N° 558

Post n°558 pubblicato il 25 Dicembre 2008 da Sushye

 
 
 

Post N° 557

Post n°557 pubblicato il 22 Dicembre 2008 da Sushye

 

 

a

Nel piccolo paese di Oberndorf, in Austria, un giovane sacerdote, padre Mohr, stava dando le ultime istruzioni ai bimbi e ai piccoli pastori per provare il canto da eseguire nella notte di Natale.

Tra le navate silenziose si spandeva l'eco di un vocio allegro e di piccole risatine.

"Buoni, silenzio! Incominciamo!". Ma come padre Mohr appoggiò il dito sulla tastiera dall'interno dell'organo uscì uno strano rumore, poi un altro e un altro ancora.

"Strano", pensò il giovane prete. Aprì la porticina dietro l'organo e dieci, venti topi schizzarono fuori inseguiti da un gatto. Povero padre Mohr. Si voltò a guardare il mantice: completamente rosicchiato e fuori uso. "Pazienza", pensò, "faremo a meno dell'organo". Ma anche i piccoli cantori all'apparire dei topi e del gatto si erano scatenati in una furibonda caccia. Ed ora non c'era più nessuno.

Con l'organo in quelle condizioni e il coro dileguato dietro ai topi, addio canto di Natale.

Fu un momento di grande sconforto per padre Mohr.

Mentre, davanti all'altare maggiore si chinava nella genuflessione gli venne in mente l'amico Franz Gruber il maestro elementare che, oltre ad essere un discreto organista, se la cava bene nel pizzicare le corde della chitarra.

Quando padre Mohr giunse a casa sua, Gruber stava correggendo i compiti degli scolari al debole chiarore di una lucerna. "Bisogna inventare qualche cosa di nuovo per la messa di mezzanotte, un canto semplice che accompagnerai con la chitarra. Qui ho scritto le parole: sta a te vestirle di musica...Ma in fretta mi raccomando!". Uscito padre Mohr, Gruber prese subito in mano la chitarra e dopo aver scorso il testo lasciatogli dal prete cominciò a cercare tra le corde le note più semplici. A mezzanotte in punto, del 24 dicembre 1818, la chiesa parrocchiale traboccava di fedeli.

L'altare maggiore era tutto sfolgorante di lumi e di candele accese.

Padre Mohr celebrava la S. Messa.

Dopo aver proclamato il vangelo di Luca che narra la nascita del Salvatore si avvicinò, con il maestro Gruber al presepio e con la voce tremante intonarono:

 

"Stille Nacht, Heilige Nacht (Notte silenziosa, Notte santa) ...".

 

Dalle navate si persero nel silenzio le ultime parole del canto.

Un attimo dopo l'intero villaggio le ripeteva davanti a Gesù, come la schiera degli angeli del vangelo di Luca.

E da allora non si è più smesso di cantarlo, non solo ad Oberndorf ma in tutto il mondo.

È diventata una delle musiche più care del Natale.

E di padre Mohr e di Franz Gruber che ne è stato?

Nessuno dei due ha avuto il tempo di rendersi conto di quanto hanno donato al mondo senza aver avuto in cambio nulla.

a

(dal web)

a

a

a

a

(Ricorda di abbassare il volume del video sulla sx dello schermo)

 
 
 

Post N° 556

Post n°556 pubblicato il 21 Dicembre 2008 da Sushye

a

a

Natale , un giorno

a

Perché
dappertutto ci sono cosi tanti recinti?
In fondo tutto il mondo e un grande recinto.

Perché
la gente parla lingue diverse?
In fondo tutti diciamo le stesse cose.

Perché
il colore della pelle non e indifferente?
In fondo siamo tutti diversi.

Perché
gli adulti fanno la guerra?
Dio certamente non lo vuole.

Perché
avvelenano la terra?
Abbiamo solo quella.

A Natale - un giorno - gli uomini andranno d’accordo in tutto il mondo.
Allora ci sarà un enorme albero di Natale con milioni di candele.
Ognuno ne terrà una in mano, e nessuno riuscirà a vedere l’enorme albero fino alla punta.

Allora tutti si diranno "Buon Natale!" a Natale, un giorno.

a

(Hirokazu Ogura)

a

 
 
 

Serena notte

Post n°555 pubblicato il 12 Dicembre 2008 da Sushye

a

a

a

 
 
 

Post n°554 pubblicato il 10 Dicembre 2008 da Sushye
 
Tag: Neve

a

Cade la neve

a

a

Sui campi e su le strade,
silenziosa e lieve,
volteggiando, la neve
cade.

Danza la falda bianca
ne l'ampio ciel scherzosa,
poi sul terren si posa,
stanca.

In mille immote forme,
sui tetti e sui camini,
sui cippi e sui giardini,
dorme.

Tutto d'intorno è pace;
chiuso in oblìo profondo,
indifferente il mondo
tace

a

(Ada Negri)

a

 
 
 

Festa di fiori..........

Post n°553 pubblicato il 08 Dicembre 2008 da andinea

................... per tutti noi

 

 

 
 
 

Sono tornata......................

Post n°552 pubblicato il 07 Dicembre 2008 da andinea

................................vieni a visitare il mio blog che ho appena creato e partecipa attivamente

 

 

 
 
 
Successivi »
 

La colomba della pace vola di sito in sito.
Aiutiamola a fare il giro del mondo portandola nel tuo sito web.

25 aprile 2006 

 
 

 

FACEBOOK

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

AREA PERSONALE

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

ULTIMI COMMENTI

... PER ME POTEVI RESTARE
Inviato da: nonmegusta
il 22/08/2009 alle 00:01
 
con l'aiuto di una parte di consapevolezza..ciao vio
Inviato da: violette51
il 02/03/2009 alle 09:28
 
I rucordi sono una cosa bellissima,meno male che...
Inviato da: Anonimo
il 17/01/2009 alle 11:18
 
Per te tantissimi auguri di serenità e di realizzazione dei...
Inviato da: Sushye
il 01/01/2009 alle 13:48
 
un bacio.............
Inviato da: unuomoirrequieto.rm
il 25/12/2008 alle 11:51
 
 

...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

k_granchelliPellegrino_Dariopolmagnusaureliobotteghinadiuska3Anais_2016pittoredeisensitittyswithgilas640a_manneatestipaolo40fammi.sognare2Suomi81unuomoirrequieto.rmClaudioFrisenda
 

I TUOI OCCHI

 img151/461/intheblinkofaneyekz7oj9.gif

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
che tu venga all'ospedale o in prigione
nei tuoi occhi porti sempre il sole.
I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
questa fine di maggio, dalle parti d'Antalya,
sono così, le spighe, di primo mattino;
i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
quante volte hanno pianto davanti a me
son rimasti tutti nudi, i tuoi occhi,
nudi e immensi come gli occhi di un bimbo
ma non un giorno han perso il loro sole;
i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
che s'illanguidiscano un poco, i tuoi occhi
gioiosi, immensamente intelligenti, perfetti:
allora saprò far echeggiare il mondo
del mio amore.
I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
così sono d'autunno i castagneti di Bursa
le foglie dopo la pioggia
e in ogni stagione e ad ogni ora, Istanbul.
I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
verrà un giorno, mia rosa, verrà un giorno
che gli uomini si guarderanno l'un l'altro
fraternamente
con i tuoi occhi, amor mio,
si guarderanno con i tuoi occhi.

( Nazim Hikmet )

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

COPYRIGHT

La maggior parte delle immagini inserite in questo sito è prelevata dal web e, pertanto, potrebbe essere coperta da copyright.
Tutti i diritti su testi, immagini, fotografie, audio e video clip appartengono ai rispettivi proprietari, anche se non citati
La riproduzione di tali opere in questo sito non ha fini di lucro.
Le immagini coperte da copyright saranno rimosse su richiesta dei proprietari e previa dimostrazione del copyright.
 

...

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con periodicità. Non può essere considerato, pertanto, un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001