Blog
Un blog creato da liena67 il 26/02/2007

Mondo Alla Rovescia

IO ALIENA - vita personale, sociale, politica, idee, poesie, pensieri e racconti in questo pazzo mondo

 
 

IL MIO ALTRO BLOG

Caricamento...
 

AREA PERSONALE

 

LA MIA LIBRERIA ANOBII

 
Proteggi le donne!


 

FACEBOOK

 
 

GLBT







 

LIBERA INFORMAZIONE








 

SITO SCOMUNICATO!


 

ULTIME VISITE AL BLOG

ansa007cialone.ritagifree70massima2002libealexvinxfainasaltabalenaveronica_schillacilo_snorkilucia.candiolubopoargenyafreedomtreegius1010lam44
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

IL VOSTRO BLOG NEL MONDO

 

phpisti malvisti

 

 

 

Add to Technorati Favorites

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: liena67
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 53
Prov: MI
 
Creative Commons License
Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

« Sono tornataLa prima presentazione d... »

Ma che Munnezza!

Evito di farla lunga (il lavoro è decisamente tanto....e il sonno anche....)

Evito di sottolineare cosa penso in merito alla trovata di Ruini/Ferrara sulla moratoria sull'aborto....basti leggere e sottoscrivere l'appello CONTRO questa assurda proposta

Evito di sottolineare che sono quasi sempre uomini che pontificano sul diritto o meno all'aborto ma non si capisce dove siano quando fanno sesso senza preoccuparsi della contraccezione (statisticamente il preservativo o altra forma di metodo viene utilizzato da pochissimi) ed infatti alla mia domanda alla fine dei commenti del post di cateviola nessuno ha risposto!

Evito di sottolineare che gli stessi uomini che pontificano contro l'aborto, gli stessi che magari si "dimenticano" di utilizzare metodi contraccettivi, sono poi quasi sempre anche gli stessi che quando si parla di educazione sessuale a scuola inorridiscono e vorrebbero si parlasse solo di api e fiori fino all'università.

Mi soffermo invece sulla "munnezza" reale, quella che si trova a mucchi in Campania, quella che in questi giorni brucia per strada, quella munnezza di cui quasi nessuno pare conoscere la "provenienza"

E allora ricordiamole queste cose, così come il bravissimo Saviano racconta nel suo lungo ma esauriente articolo sulla repubblica del 6 gennaio:

"Sullo smaltimento dei rifiuti in Campania ci guadagnano le imprese del nord-est. Come ha dimostrato l'operazione Houdini del 2004, il costo di mercato per smaltire correttamente i rifiuti tossici imponeva prezzi che andavano dai 21 centesimi a 62 centesimi al chilo. I clan fornivano lo stesso servizio a 9 o 10 centesimi al chilo. I clan di camorra sono riusciti a garantire che 800 tonnellate di terre contaminate da idrocarburi, proprietà di un'azienda chimica, fossero trattate al prezzo di 25 centesimi al chilo, trasporto compreso. Un risparmio dell'80% sui prezzi ordinari.

Se i rifiuti illegali gestiti dai clan fossero accorpati diverrebbero una montagna di 14.600 metri con una base di tre ettari, sarebbe la più grande montagna esistente sulla terra. Persino alla Moby Prince, il traghetto che prese fuoco e che nessuno voleva smaltire, i clan non hanno detto di no."

Naturalmente la Regione Lombardia si è affannata subito a dire no ad un aiuto, ovvero accogliere parte della munnezza in eccesso nei suoi inceneritori

Bon....per favore....se qualche camorrista è in ascolto....la prossima volta che un azienda del nord vuole smaltire "affidandosi" alle vostre aziende....la munnezza tossica poi scaricatela sotto al Pirellone......vediamo poi cosa dicono

(scusate ma quann ce vò ce vò!)

p.s.: inutile dirlo che non è un inceneritore a risolvere il problema ma ben altro!

Beppe Grillo lo rammenta in questo suo post e io lo riassumo di seguito:

Inceneritori, perché no.
1 - L’incenerimento dei rifiuti li trasforma in nanoparticelle tossiche e diossine
2 - L’incenerimento necessita di sostanze come acqua, calce, bicarbonato che aumentano la massa iniziale dei rifiuti
3 - Da una tonnellata di rifiuti vengono prodotti fumi e 300 kg di ceneri solide e altre sostanze
- le ceneri solide vanno smaltite per legge in una discarica per rifiuti tossici nocivi, rifiuti estremamente più pericolosi delle vecchie discariche
- i fumi contengono 30 kg di ceneri volanti cancerogene, 25 kg di gesso
- l’incenerimento produce 650 kg di acque inquinate da depurare
4 - Le micro polveri (pm 2 fino a pm 0,1) derivanti dall’incenerimento se inalate dai polmoni giungono al sangue in 60 secondi e in ogni altro organo in 60 minuti
5 - Le patologie derivanti dall’inalazione sono: cancro, malformazioni fetali, Parkinson, Alzheimer, infarto e ictus. Lo comprovano migliaia di lavori scientifici
6 - Gli inceneritori, detti anche termovalorizzatori, sono stati finanziati con il 7% della bolletta dell’Enel associandoli alle energie rinnovabili insieme ai rifiuti delle raffinerie di petrolio al carbone. Senza tale tassa sarebbero diseconomici. Nell’ultima Finanziaria è stato accordato il finanziamento, ma solo agli inceneritori già costruiti
7 - In Italia ci sono 51 inceneritori, sarebbe opportuno disporre di centraline che analizzino la concentrazione di micro polveri per ognuno di essi, insieme all’aumento delle malattie derivate sul territorio nel lungo periodo
8 - I petrolieri, i costruttori di inceneritori e i partiti finanziati alla luce del sole da queste realtà economiche sono gli unici beneficiari dell’incenerimento dei rifiuti

Cosa fare con i rifiuti.
1 - Riduzione dei rifiuti (Berlino, per fare un esempio, ha ridotto in sei mesi i rifiuti del 50%)
2 - Raccolta differenziata porta a porta con tariffa puntuale
3 - Riciclo di quanto raccolto in modo differenziato
4 - Quanto rimane di rifiuti dopo l’attuazione dei primi tre punti va inviato a impianti per una selezione meccanica delle tipologie dei rimanenti rifiuti indifferenziati. La parte non riciclabile può essere trattata senza bruciarla con impianti di bioessicazione
5 - In termini economici non conviene bruciare in presenza di una raccolta differenziata perchè:
- il legno può essere venduto alle aziende per farne truciolato
- il riciclaggio della carta rende più dell’energia che se ne può ricavare
- il riciclaggio della plastica è conveniente. Occorrono 2/3 kg di petrolio per fare un kg di plastica
6 - La raccolta differenziata può arrivare al 70% dei rifiuti, il 30% rimanente può ridursi al 15-20% dopo la bioessicazione. Una quantità che è inferiore o equivale agli scarti degli inceneritori. Ma si tratta di materiali inerti e non tossici con minori spese di gestione ed impatti ambientali sanitari




 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

IL MIO PROFILO FACEBOOK

Profilo Facebook di Eliana Matania

 

NEWS DA BEPPE GRILLO

Caricamento...
 

IL BLOG DI TRAVAGLIO E C.

voglio scendere
 
 

NEWS ANSA

Caricamento...
 

ULTIMI COMMENTI

e come non darti ragione Pa.oletta...in effetti la...
Inviato da: liena67
il 06/07/2010 alle 18:14
 
balena... morbidosa come me... un saluto e un...
Inviato da: pa.oletta
il 03/07/2010 alle 09:57
 
assolutamente d'accordo
Inviato da: ninograg1
il 23/03/2010 alle 21:55
 
vi prego fatte tam tam telematico Arte, cultura,...
Inviato da: adelina
il 09/02/2010 alle 13:37
 
ti ritrovo sempre con piacere, sarei venuto volentieri...
Inviato da: uomodolcedgl4
il 01/11/2009 alle 17:40
 
 







 
 


immagine



 
Citazioni nei Blog Amici: 24
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CONTATORE VISITE