Creato da ioosvaldotujane il 10/03/2012
La giungla è qui

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultime visite al Blog

fin_che_ci_sonostufissimoassailorenza.raffaeleMartina_MilitoNonnoRenzo0Desert.69fridapmmarinovincenzo1958amistad.siemprem0n0liteILARY.85Costanzabeforesunsetpoeta.sorrentinoinfaticabile2annisexanta
 

***

Web Analytics Made Easy - StatCounter
 

 

Il panino della discordia che piace alla mafia

Post n°291 pubblicato il 22 Luglio 2019 da ioosvaldotujane
 

mcdonald's,italia,mafia,austria,hamburger

Gli stereotipi son duri a morire e quello italico più famoso è "pizza, mafia e mandolino".
Così McDonald's, con una quantomeno discutibile scelta, ha creato un messaggio pubblicitaro che reclamizza un hamburger ispirato all'Italia; su cartelloni apparsi in Austria c'è scritto così: "Für echte Mampfiosi", ossia "per veri golosi", ma anche "per veri mafiosi" usando un gioco di assonanze e di parole che ha sollevato polemica.
 Molti italiani in Austria hanno già fatto le loro rimostranze sulla pagina Facebook ufficiale, a cui l'azienda ha replicato: "Ci dispiace che non vi piaccia la nostra pubblicità, non volevamo davvero offendere nessuno. La nostra campagna non mira a discriminare le altre nazioni o a denigrarle in alcun modo. Piuttosto, l'amore per l'Italia doveva essere enfatizzato. Sfortunatamente, non è stato così e ci scusiamo ancora".
Enfatizzare l'apprezzamento per un paese attraverso una sua piaga non mi sembra una scusa intelligente... vorrei vedere se i tedeschi sarebbero contenti se si reclamizzasse il panino che piace a Hitler o se gioissero i colombiani per l'hamburger preferito dai narcotrafficanti. O magari si? Se così fosse, è il caso di dire, il mondo va davvero al contrario e tutto è perso.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Le vacanze che fanno schiattare il resto del mondo

Post n°290 pubblicato il 21 Luglio 2019 da ioosvaldotujane
 

La vita è dura, oggi, si sa e non è detto che, fra un salto mortale e l'altro per far quadrare il bilancio, avanzino i soldi per le vacanze estive. Anche così fosse, sarebbero misere vacanze in posti nazionalpopolari tipo la nostrana riviera romagnola, dove, per carità, il mare c'è, ma senza il sapore dell'esotico e dell'esclusivo.
Come rimediare allora?
Nell'era dei social è semplicissimo: simulare una vacanza da sballo su Facebook e Istagram, corredata di fotine di repertorio rubate dal web e cun un bel selfie dei vostri piedi abbronzati o, se femminili, dei piedi sulla sabbia con un bello smalto blu sulle unghie.
"Un saluto a tutti da questo splendido posto, uh... ecco un pappagallo, uh... laggiù c'è uno yacht che va a pesca di squali... uh... una conchiglia rosa!" Omettendo di comunicare, ovviamente, il malevolo pensiero che è l'obiettivo finale: schiattate tutti d'invidia, lista amici e followers, stavolta vi seppellisco!
E' tragico ma succede, l'umanità civilizzata è stata ormai assoggettata alla legge dell'apparire e del millantare.
Ovviamente ci sono risvolti negativi, occorre stare nascosti e non farsi sgamare, fare la spesa sotto copertura, tenere le persiane sempre chiuse, resistere alla tentazione, durissima per i complulvivi da social, di postare alcunchè.
Personalmente preferisco vacanze tarzaniche, ruspanti ma genuine e, soprattutto, non virtuali.

piedi,mare,vacanze,estate

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Constatazione

Post n°289 pubblicato il 19 Luglio 2019 da ioosvaldotujane
 

Non importa di che sesso sei, di che religione, quale sia il colore della tua pelle o le tue inclinazioni sessuali, la zanzara è l'essere meno razzista che esista, ti ama così come sei.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Un vero duro

Post n°288 pubblicato il 17 Luglio 2019 da ioosvaldotujane
 

tarzan,liana,vignetta,duro

In questo mondo di uomini che fanno la ceretta, si depilano le sopracciglia, fanno le lampade, mettono le creme antirughe e vanno pure dalla pedicure... a volte mi sento un'eccezione perchè mi sembra di percorrere il viale del tramonto del maschio (svirilizzato, non più padre e combattente, privato di ogni rito  che lo identifica da sempre come uomo e come guida) in abiti e sembianti anacronistici.  Insomma, sento la mia razza in estinzione, come un panda qualunque. E pensare che è stato un uomo ad inventare la lavatrice, questo dovrebbe già essere motivo sufficiente per essere grati al mondo maschile. Immaginiamo una vita senza centrifuga e programmi di lavaggio: un incubo. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La Lecciso senza trucco? Scoprirlo ma anche no

Post n°287 pubblicato il 15 Luglio 2019 da ioosvaldotujane
 

Gli estivi, amletici dubbi di Loredana Lecciso, partecipare o non partecipare al prossimo Grande Fratello Vip?
Dichiarando di essere tentata, su un settimanale di gossip, si affretta però ad aggiungere: «Non so se avrei il coraggio di farlo; e la mattina senza trucco? Ho sempre avuto paura di mostrarmi nella mia quotidianità, dovrei girare nella casa con un passamontagna».
Cara Lecciso, non sei bellissima, al massimo belloccia grazie a tutto l'ambaradan di interventi estetici, aggiunte e riduzioni, palestra, cremine, alghe, trucco e parrucco; non hai un particolare talento, non sei nemmeno davvero vip non fosse che hai volteggiato tra le lenzuola con un vero vip come Albano (peccati di mezza età per lui e di presunzione per te), perciò... sei perfetta per il Grande Fratello Vip.
Poi vedi tu, se senza trucco, pur mantenedo le parti in silicone, sei davvero orrenda, valuta. Il web, lo sappiamo noi tarzanici, è spietato.

loredana lecciso, botox

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso