Creato da johnny.kraus il 07/12/2009

Poppy fields

Un altro modo per aumentare l'entropia dell'universo

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: johnny.kraus
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Etą: 39
Prov: AQ
 

AREA PERSONALE

 

 

What's the right brain?

Post n°138 pubblicato il 10 Luglio 2012 da johnny.kraus
 

Se non fosse che per me Mercedes significa Germania e Germania significa EsitoInfaustoDiDigestioneLaboriosa direi che ci hanno proprio azzeccato. Ma la proprietà transitiva è la proprietà transitiva e la matematica non è un'opinione.
Tuttavia credo che qui la Mercedes c'entri ben poco, avendo tirato fuori, tra l'altro, una cosa in linea di principio molto generica e difficilmente riconducibile di primo acchitto ad un contesto automobilistico.
"Ok, ma di che cazzo stai parlando?" vi chiederete... Non certo a torto, perché la cosa in questione non riguarda in realtà il mondo dell'auto ma quello della pubblicità, o come dicono gli americani, dell'advertising. E l'advertising ha tirato fuori qualcosa di davvero interessante.
Dunque in estrema sintesi la Mercedes vuole fare promozione puntando sul fatto che il nostro cervello ha le proprie funzionalità distribuite in modo molto disomogeneo tra i suoi due emisferi, in cui il sinistro spicca per logica e razionalità ed il destro per intuito e passione. La cosa è nota da tempo in ambito scientifico e qualche furbacchione ha pensato di tirarla in ballo per appiopparci in calce un bello slogan: "The best or nothing". Ammesso che lo slogan funzioni mi rimane ancora un po' arduo cosa c'entri con un'auto questa dualità nella distribuzione delle funzioni cerebrali, ma tant'è.
Cosa ne ho dedotto? Che posso benissimo mandare a cagare i dirigenti della Mercedes ed i loro pubblicitari visionari e prendere le immagini promozionali per quello che sono: una curiosissima rappresentazione di quello che tutti abbiamo più o meno in testa, ma soprattutto la formidabile diatriba che da anni va avanti nella mia di testa senza che prevalga uno dei due contendenti e metta finalmente il punto alla storia.
In realtà per dirla tutta a 32 anni non ho ancora ben capito quale sia la mia vera aspirazione nella vita e non credo che un giorno riesca a capirlo veramente. Sì perché se da un lato ho sempre avuto quella cavolo di logica e razionalità che finora ha guidato tutte le mie scelte, dalla scuola al lavoro, dall'altro lato c'è quel cazzo di emisfero destro che pulsa, cerca di farsi spazio, urla a modo suo, andando ad invadere e disturbare il sinistro che dall'alto della sua razionalità se ne strafotte e non lo calcola nemmeno. Ma lui è il cervello destro, il right brain, e se strafrega anche lui se nessuno lo prende sul serio, continua a tirare fuori musichette, disegnini, idee strampalate ma anche ottimi umori altalenanti ed irrequietezza multiforme. A forza di litigare i due finiranno per esplodere, di questo ne sono certo. Nel frattempo mi stuzzica quella parolina lì, right: che sia ora di scegliere il right brain? Che sia il momento di iniziare ad assecondare seriamente quelle cose che finora ho relegato nell'angolino dei passatempi? Che sia ora di cambiare proprio vita?

 

PS: Tanto per completezza ecco le immagini di cui sopra. Belle no? ;)

Brain left - Brain right

Brain left - Brain right

Brain left - Brain right

 

Le immagini sono tratte dalla rete

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

reiltara.vincenza8massimocoppacobra081ascoli2Nues.spantouffle2011animabileboezio62johnny.krauspaolovaldobal_zacBabola.Bubbolaninokenya1