Creato da stamp44 il 13/10/2008
Pensieri Sparsi per me e per chi vuol scrivere liberandosi la mente
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 1
 

david bowie

 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

mastropietro.andreail_dandy09stamp44Champagne33cinzia.68eperitomehdidiciottifairyTales0amanda39pannacottissimastellableu_lbgabbianina64soloxme2008okkiverdiggfrancescacammarota
 

Ultimi commenti

Ciao nic.
Inviato da: soloxme2008
il 05/11/2008 alle 18:18
 
:-)
Inviato da: soloxme2008
il 28/10/2008 alle 11:19
 
la mattinata grazie a Dio è iniziata bene seriamo che la...
Inviato da: stamp44
il 28/10/2008 alle 10:55
 
buongiorno stamp come và?
Inviato da: soloxme2008
il 28/10/2008 alle 09:41
 
smpre e comunque più forti noi per classe blasone e storia....
Inviato da: stamp44
il 27/10/2008 alle 10:26
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

EARTH WIND & FIRE

 

THE BEATLES

 

 

FRASE DEL GIORNO

Post n°2 pubblicato il 13 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

NEL GIORNO DELLA PURIFICAZIONE, VI SARANNO RAGNATELE TESSUTE OVUNQUE NEL CIELO

 
 
 

a mia moglie

Post n°3 pubblicato il 13 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

A te che sei l’unica al mondo
L’unica ragione per arrivare fino in fondo
Ad ogni mio respiro
Quando ti guardo
Dopo un giorno pieno di parole
Senza che tu mi dica niente
Tutto si fa chiaro
A te che mi hai trovato
All’ angolo coi pugni chiusi
Con le mie spalle contro il muro
Pronto a difendermi
Con gli occhi bassi
Stavo in fila
Con i disillusi
Tu mi hai raccolto come un gatto
E mi hai portato con te
A te io canto una canzone
Perché non ho altro
Niente di meglio da offrirti
Di tutto quello che ho
Prendi il mio tempo
E la magia
Che con un solo salto
Ci fa volare dentro all’aria
Come bollicine
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che sei il mio grande amore
Ed il mio amore grande
A te che hai preso la mia vita
E ne hai fatto molto di più
A te che hai dato senso al tempo
Senza misurarlo
A te che sei il mio amore grande
Ed il mio grande amore
A te che io
Ti ho visto piangere nella mia mano
Fragile che potevo ucciderti
Stringendoti un po’
E poi ti ho visto
Con la forza di un aeroplano
Prendere in mano la tua vita
E trascinarla in salvo
A te che mi hai insegnato i sogni
E l’arte dell’avventura
A te che credi nel coraggio
E anche nella paura
A te che sei la miglior cosa
Che mi sia successa
A te che cambi tutti i giorni
E resti sempre la stessa
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei sogni miei
A te che sei
Essenzialmente sei
Sostanza dei sogni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che non ti piaci mai
E sei una meraviglia
Le forze della natura si concentrano in te
Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano
Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano
A te che sei l’unica amica
Che io posso avere
L’unico amore che vorrei
Se io non ti avessi con me
a te che hai reso la mia vita bella da morire, che riesci a render la fatica un immenso piacere,
a te che sei il mio grande amore ed il mio amore grande,
a te che hai preso la mia vita e ne hai fatto molto di più,
a te che hai dato senso al tempo senza misurarlo,
a te che sei il mio amore grande ed il mio grande amore,
a te che sei, semplicemente sei, sostanza dei giorni miei, sostanza dei sogni miei...
e a te che sei, semplicemente sei, compagna dei giorni miei...sostanza dei sogni...

jovanotti

 
 
 

MESSAGGIO DEL GIORNO

Post n°4 pubblicato il 14 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

E' POSSIBILE CHE UN GIORNO UN RECIPIENTE DI CENERE SIA SCAGLIATO DAL CIELO, CHE ARDA LA TERRA E FACCIA RIBOLLIRE GLI OCEANI

 
 
 

PENSIERO DEL GIORNO

Post n°5 pubblicato il 15 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

SE SCAVIAMO LA TERRA IN CERCA DI OGGETTI PREZIOSI, PROVOCHIAMO CALAMITA' (PROFEZIA HOPI)

 
 
 

PENSIERO DEL GIORNO

Post n°6 pubblicato il 16 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

Avere avuto una buona educazione, oggi, è un grande svantaggio. Ti esclude da tante cose

 
 
 

Post N° 7

Post n°7 pubblicato il 17 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

STOP ALLA PEDOFILIA

 
 
 

IL MIO PICCOLO CONTRIBUTO AD UN GRAVE PROBLEMA

Post n°8 pubblicato il 17 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

STOP ALLA PEDOFILIA

 
 
 

OGGI NON SO CHE SCRIVERE

Post n°9 pubblicato il 20 Ottobre 2008 da stamp44

OGGI MI VIEN DIFFICILE POTER SCRIVERE QUALCOSA ED ANCHE CERCARE SUL WEB IMMAGINI O PAROLE DA INSERIRE.

 SONO TRISTE PRCHE' E' DA UN GIORNO CHE NON RIESCO AD IMMAGINARE COME UN GENITORE POSSA SOPRAVVIVERE AL DOLORE  DELLA PERDITA DI UNA FIGLIA.

L'UNICA COSA CHE POTRO' FARE E DEDICARE QUESTO PICCOLO PENSIERO A QUESTO PADRE E QUESTA MADRE DISTRUTTI DAL DOLORE.

 
 
 

PENSIERO DEL GIORNO

Post n°10 pubblicato il 21 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

Vi è solo una cosa al mondo peggiore del far parlare di sé, ed è il non far parlare di sé

 
 
 

EVADERE

Post n°11 pubblicato il 22 Ottobre 2008 da stamp44

LA VOGLIA DI EVADERE PRIMA O POI CI COINVOLGE TUTTI.

SPESSO ABBIAMO ANCORE CHE CI TRATTENGONO NEI NOSTRI PORTI QUOTIDIANI

ANCORE CHE POSSONO ESSERE SPLENDIDE COME UN AMORE O UN FIGLIO, MA NON PER QUESTO LA STRANA VOGLIA NON SI INSINUA NELLA NOSTRA ANIMA.

ED ALLORA COMINCIAMO A VOLARE CON LA FANTASIA AIUTANDOCI CON LA LETTURA CON INTERNET O CON LA MUSICA.

 OGGI PER IL PENSIERO DEL GIORNO HO SCELTO UN BRANO DI EDOARDO BENNATO CHE CI PORTA IN QUELL' ISOLA CHE NON C'E'

 
 
 

PENSIERO DEL GIORNO

Post n°12 pubblicato il 23 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

Le donne sono fatte per essere amate, non per  essere capite.

 
 
 

BACI

Post n°13 pubblicato il 23 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

Baci, baci ed abbracci

che diventano lacci

e più diventano stretti

più nascondono impicci

come un cane ti accucci

sui tuoi poveri stracci

e piano piano vai giù

come un programma di Socci

piano piano vai giù

ma poco dopo risorgi

solo che non ti accorgi

dei sorrisi  posticci

dei pensieri che scacci

delle cose che lasci

per banali capricci

d. silvestri

 
 
 

CATARSI

Post n°14 pubblicato il 23 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

Catarsi dal greco Katharrsis purificazione, usato nelle cerimonie di purificazione delle cerimonie religiose ed in riti magici.

Questa purificazione riguardava il miasma cioè una contaminazione o spirituale o materiale.

Nel linguaggio filosofico-religioso occidentale assume però un significato spirituale.

Platone usa catarsi riferendosi alla purificaione dell'anima dai mali interiori

E se, i nostri mali interiori provengono dal nostro lavoro, dai rapporti con i colleghi o nelle semplici relazioni sociali, come dovremmo affrontare questa purificazione?

Con l'evocazione come dice Freud o con l'oblio?

L'evocazione diventa difficile perchè implica la conoscenza della causa, con l'oblio si puo' più facilmente uscirne vincitori ma, bisogna trovare il mezzo.

Io uso il mio blog, a voi amiche ed amici lascio le mie parole, le immagini e le canzoni che trovate qui.

Ciao

 
 
 

Antonio Focas Flavio Angelo Ducas Comneno De Curtis Di Bisanzio

Post n°15 pubblicato il 24 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

 
 
 

The Fabs

Post n°16 pubblicato il 25 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

Mentre la mia chitarra continuava a piangere dolcemente

 
 
 

AMAURI CARVALHO DE OLIVEIRA

Post n°17 pubblicato il 25 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

ORA SO CAZZI

AMAURI

 
 
 

PENSIERO DEL GIORNO

Post n°18 pubblicato il 28 Ottobre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

IO HO LA COSCENZA PULITA.

FORSE PRECHE' NON LA USO!

 
 
 

EROTICA SENSUALITA' ESAUDITA

Post n°19 pubblicato il 03 Novembre 2008 da stamp44
Foto di stamp44

Labbra tremanti di seta,
candida ciliegia scartata
come una bacca svelata alla notte.
Le mani impunenti avanzano
sfiorano, prendono, scuotono.

La bacca si lascia mordere
lasciva si lascia bagnare
la bacca continua a tremare.

I seni leccati, scolpiti
da papille gustative
circondati da spirali di saliva
improntano
piramidi di piacere carnale.
Morsi, capezzoli e lingua.
"Distendi la tua pelle oh Dea!"
Capelli e collo confondo
e sulle dune del tuo corpo affondo.
Ti solco e tu, tu mi tieni e trascini.

Danze tribali di mani e piedi
ombre d'orme che diranno di sé...
Il tuo culo allo specchio
si strofina per farsi toccare,
mentre i miei occhi ti prendono i seni
le tue mani sono già oltre i miei pensieri..
 
Carezze e succulenti sapori,
ingordigie peccaminose, perverse, oscene..
E scene in bicchieri di Martini
di dita che girano, e girano... nei capogiri
poi entrano dentro e la lingua ci gioca.
Adoro la tua sensualità: sei la mia vergine ora!
Mentre saggi il dominio della mia cattiveria
e io il vigore della mia impotenza...
Del prenderti intera, da dietro,
avanzando nel tuo respiro
che cresce ancora e fra le cosce
le dita, le tue le mie, le dita!
in liquami di liquorose vanità...
Erotica sessualità esaudita,
l'orgasmo di seta s'appaga.

Francesca Cammarota

un grazie  di cuore a francesca per il permesso concessomi

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963