Un blog creato da goccedirugiada_ddb il 23/07/2005

gocce di rugiada

favole e poesie di Donatella De Bartolomeis

 
 
 
 
 
 

DONATELLA DE BARTOLOMEIS

Donatella De Bartolomeis

Tel. 338.7780160
amorepsiche_1968@libero.it
anche su Facebook

immagine

Sono nata il 07 luglio del ’68 nell’immensa luce di Salerno.
Sento ancora forte l’influenza del mare; il suo odore, i suoi colori, il suo rumore riescono a darmi tranquillità e forza al tempo stesso. E’ allora che la mia mente di gabbiano trova pace e soddisfazione.
Sono cresciuta nell’amore assoluto e disinteressato di genitori, stupendi ed unici, che hanno cercato di inculcarmi valori preziosi con l’esempio più che con le parole e di una sorella minore più matura e saggia di me.
Mi sono sposata a 24 anni con un uomo silenzioso e paziente che ancor oggi, dopo 13 anni, non riesce a comprendere la mia inquietudine. Roberto, l’uomo che mi ha donato quanto di più prezioso si possa avere: due meravigliosi bambini. Marco e Martina i miei piccoli-grandi amori. 
I
 miei scritti non hanno e non vuogliono avere alcuna pretesa letteraria; vorrebbero semplicemente regalare un’emozione, un frammento di sogno a chi li legge.

 

 
 
 
 
 
 
 

PREMI E RICONOSCIMENTI

Premio L'inedito
Finalista sez. poesia


...............................................................

10° Concorso Internazionale di Narrativa “STORIE di DONNE” FENALC (SA)
Romanzo "Gocce di Rugi@da"

 
.......................................................

Kriterion 2008
II classificata con la poesia "Una manciata di cielo

 

Foto di goccedirugiada_ddb 

 

Kriterion 2009
Segnalazione di merito per il romanzo "Fermati e respira"

 

Foto di goccedirugiada_ddb

.......................................................

Premio "Narra il saggio"

ATTACCHI DI PANICO - Donatella De Bartolomeis

 
 
 
 
 
 
 

MANTRA

La dodicenne avellinese Martina Bruno
si aggiudica il primo premio del Concorso Onda d’arte

Foto di ass.amorepsiche

 

 Il primo premio della sezione libri editi è andato alla dodicenne Martina Bruno di Manocalzati (Av) con “Un mondo in bianco e nero”.

Hanno letto e interpretato i brani premiati artisti di assoluto rilievo: Giorgio Caprile, Simonetta Pozzi, Carla Marcelli, il Gruppo Teatrale “Quelli del mercoledì” coordinati da Silvana Ansaldo, Heera Franco Carola e Irene Ciravegna, con le allieve della sua Scuola “The Dance Studio”. Mario Mesiano ha presentato la serata.

CLICCA

Le poesie e le filastrocche di Martina

 
 
 
 
 
 
 

SHIATSU

Diverse le attività di volontariato
Ama la  filosofia zen e  la cultura orientale

Diplomata in Shiatsu
Operatrice AIFS

Ha partecipato

Marzo 2007 AIFS – 6° congresso nazionale
La via del cuore e della trasformazione: Shiatsu  – Qi Gong - Meditazione

Maggio 2006 giugno 2006  IRFRI  - sede Pellezzano (SA)
Seminario Teorico-pratico di Bioenergetica

Marzo 2005 AIFS – 4° congresso nazionale
Dalle emozioni ai sentimenti: Shiatsu  – Yoga – Meditazione e  seminario di psicologia  a cura del dott. Masi della Sapienza di Roma

 
 
 
 
 
 
 

GABBIANI

2007 corso di bioenergetica

2010 corso di Floriterapia e Digitopressione emozionale

INTERVISTA

CLICCA 
 

Non so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace.
Io son come loro
in perpetuo volo.
La vita la sfioro
com'essi l'acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch'essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere
balenando in burrasca.
(Cardarelli)
 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

ATTIVITÀ SVOLTE

Attività svolte x le aziende
Supporto nella ricerca e formazione di venditori e segretarie
Formazione venditori, segretarie e telefoniste
Organizzazione Team di vendita
Organizzazione telemarketing e customer care
Organizzazione, analisi e gestione del portafoglio clienti
Creazione e organizzazione del data-base
Analisi delle azioni commerciali e pubblicitarie
Sviluppo del piano strategico
Organizzazione fiere ed eventi
Tecniche di affiancamento sul campo
CORSI
Corsi di formazione per venditori
- Tecniche di vendita (base e avanzato)
- Telemarketing
-Gestione del portafoglio
-Gestione del tempo
-La vendita in fiera
Corsi di formazione per segretarie
-Organizzare il lavoro
-Vendere di più accogliere meglio
-Customer Care
-Gestire il telefono

Corsi di formazione per manager
-La comunicazione come strumento di impresa
-Presentare con successo idee e prodotti
-Come gestire e fidelizzare i collaboratori

Corsi per la crescita personale
-Come conquistarsi un lavoro
-Affrontare e risolvere i problemi
-Imparare a conoscersi
-La via della felicità
-Riarmonizzazione Energetica Emozionale

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

IL MIO MITO

immagine 
SE TU MI DIMENTICHI

Voglio che sappia
una cosa.

Tu sai com'è questo:
se guardo
la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l'impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se ciò che esiste,
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m'attendono.

Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserò d'amarti a poco a poco.
Se d'improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
ché già ti avrò dimenticata.

Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi alla riva
del cuore in cui affondo le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell'ora,
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.

Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne n‚ si oblia,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finché tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscir dalle mie.
(Neruda)

immagine

 

 
 
 
 
 
 
 

Messaggi del 07/12/2006

 

Zoologia Fantastica

Post n°98 pubblicato il 07 Dicembre 2006 da goccedirugiada_ddb
 

Rappresentazione scenica a cura di Enzo Marangelo.

Fantasie e divagazioni sulla scia di emozioni vissute

Un orologio umano di una strabiliante architettura ad ogni scansione lascia scivolar giù una foglia autunnale quasi a designare il trascorrere delle stagioni e la caducità delle cose.

D’improvviso ritorno bambina con la mia zolla di terreno trafugata in giardino: foglie, terriccio, fuscelli, tutto sembra immobile, ma io so che non è così, che ovunque c’è vita, basta aspettare e saper guardare.

Improvvisamente qualcosa si muove, nasce dal terreno sotto i miei occhi sgranati che osservano esterrefatti e carichi di meraviglia.

Lentamente emerge, si srotola da presunta posizione fetale, prende forma, si muove come solo lui può fare, vive di una vita propria che è solo ed unicamente sua …respira… 

Respiri straordinariamente singolari che nulla sembrano avere di umano, se non la metafora di uno squarcio di vita emozionale, sia essa rabbia, paura , orgasmo.

E proprio i respiri, i suoni cambiano di colpo lo scenario: sono immersa totalmente con la testa in acqua, nel mio mare che fu, e in apnea cerco di distinguere i rumori ovattati, i gorgoglii, il canto di antiche sirene.

Anche il tempo elogia la vita scandendo ogni nascita con magici rintocchi.

Giochi di luci, immagini, suoni, figure mitologiche che l’una dopo l’altra ripopolano la mia fantasia,

immaginario meraviglioso e surreale di una ragazzina che parlava con gli alberi e con le formiche, ma, suo malgrado, non riusciva a comunicare con gli uomini.

Ecco i ruoli, le immagini, le finzioni che si rovesciano: la bestia è l’uomo e l’uomo è la bestia.

Gli animali fantastici altro non sono che latori formali di un’idea ad essi sottesa, metafore viventi di caratteri, vizi, passioni che assumono valenze umane.

Questi  mediatori dell’invisibile si rivelano espressioni fisiche di conflitti psichici e cercano di smascherare con il loro simbolismo il problema centrale dell’uomo.

In ogni gesto, infatti, e in ogni sospiro sembra di poter cogliere un messaggio esplicito; un dialogo che si esplica attraverso il linguaggio del corpo, la gestualità, le movenze, i suoni che emettono.

Le persone, invece, in un incredibile scambio di ruoli, perdendo di vista l’uomo in quanto tale, si trasformano in bestia, isolate nel loro microcosmo di solitudine e di linguaggi incomprensibili fino ad arrivare al caos totale, una torre di babele ricostruita all’ombra di un’assurda mitologia.

Nel caos anche il tempo si ferma e tace.

… e, come sempre, come da un copione atavico e assiomatico, dopo la tempesta la quiete.

E nella pace assoluta l’animale-uomo, diviso e spaccato in sfaccettature tra di loro divergenti, in un gesto estremo di libero arbitrio, ricerca la sua pienezza ritrovandola soltanto nel nulla nel quale si dissolve.

Così queste strane, ma familiari figure, dolcemente, timidamente si ricongiungono all’uno, dove l’uno è rappresentato da questa immagine che già da tempo aleggiava sulla scena, grandiosa nella sua fermezza, un ritorno alla madre natura che è uomo e donna e con due enormi ali al posto delle braccia tutto avvolge.

Se avessimo il coraggio di ascoltare i personaggi di questa zoologia fantastica,  invece di limitarci a guardarli come semplice e nuda rappresentazione scenica, se avessimo il coraggio di entrare in comunicazione con loro, si trasformerebbero in superbi maestri di vita sulla via che conduce alla scoperta del sé.

  Donatella De Bartolomeis

 
 
 

SPOON RIVER

Post n°97 pubblicato il 07 Dicembre 2006 da goccedirugiada_ddb
 

Interpretazione scenica a cura di Enzo Marangelo

Sensazioni e pensieri stracciati…

Un martellare scomposto, uno schiodare l’anima dal legno del corpo , un battito cardiaco che vuole rivedere la luce, diviene inaspettatamente scansione ritmica di un “tempo” quotidianamente regolare, per poi riprendere l’armonia della sua scompostezza prima del silenzio.

Miriadi di energie vibranti emergono dall’oscurità trascinandosi un corpo che ormai non è più prigione, né rifugio, ma un cencio invisibile da strascicare nella scalata verso il ricordo di una vita che non si è vissuta.

Anime inquiete cercano di ripercorrere il loro tempo, le loro emozioni, le frustrazioni, le solitudini, le speranze, le ipocrisie. Ora che non sono più, possono raccontarsi la verità, liberi finalmente di guardarsi dentro senza timori e senza pregiudizio alcuno.

Quel risalire il tempo, lasciando lungo la strada fogli di vita andata, è forse l’unico modo per riguadagnare in parte ciò che avevano permesso venisse loro portato via.

Uomini e donne, non molto distanti da noi, imprigionati da falsi moralismi, deleteri perbenismi,  hanno solo creduto di vivere.

La miseria umana traspare dagli atteggiamenti dei personaggi, dalla loro corporeità, nonostante siano anime senza corpo.

Un uomo si dimena ai colpi di frusta inferti da voci che si accavallano  e, con i loro isterismi quotidiani di una miseria intesa non solo come indigenza, ma come povertà dell’anima, spietatamente infliggono schiaffi.

Le mani reggono la testa pronta ad esplodere da un momento all’altro, quasi il frastuono confuso e sgretolante della prigione domestica, rivissuta a livello di trapano del cervello, non fosse più esterno, ma dentro di lui pronto a deflagrare da un istante all’altro.

Cos’era stata la loro vita?

Un giocattolo solitario di un mondo che non reca in sé nessun segno umano e non potrà mai essere neanche il preludio di un’esistenza realmente vissuta.

Una donna divisa e altalenante tra i ricatti morali inferti in nome di una fede che tutto è fuorché il suo originario amore ed il falso perbenismo di personaggi che sputano sentenze e giudizi innescando, in chi cade nelle loro reti, l’auto-castrazione dei sogni, delle emozioni, del sé.

L’unica possibilità di riscatto, l’unica opportunità di vivere è proprio nella morte, ed io oserei dire nella pazzia, perché un pazzo e un morto possono essere coerenti e sinceri con se stessi fino alle estreme conseguenze, liberi così di poter piangere nei loro epitaffi quell’autobiografia che non è mai stata scritta, ora gridando, ora rimpiangendo, ora lamentando nel vento confessioni e storie, sentimenti, emozioni, paure represse e seppellite infondo ai loro corpi.

Una morte dunque più viva e vera della vita stessa nella quale l’unica possibilità di redenzione sembrava essere, più o meno consapevolmente e profondamente, vestirsi di ipocrisia.
Anime che chiedono di riscattarsi nella loro dignità di individuo pur sapendo che ormai hanno perso per sempre sensazioni, sussulti, passioni, percezioni e turbamenti che solo l’alchimia dell’unione corpo-mente-spirito può vivere.

Personaggi comunque condannati all’incompiutezza: da vivi castrati nell’animo; da morti privati del corpo.

I movimenti, le voci si trasformano in suoni di un tempo scandito in un battito, battito che nella gestualità del corpo, che infligge il colpo, diviene una fustigazione e un lamento, un pianto sommesso.

Ecco dunque un mondo rovesciato, verniciato insolentemente di conformismo e che in cuor suo trabocca di ipocrisia

Se ora la teatralità è così abile nel mostrarci una verità che, pur aleggiando continuamente davanti ai nostri occhi, continua a celarsi dietro una non accettazione della stessa, può fornirci la teatralità anche la formula magica per tirar fuori il nostro vero io, ciò che realmente siamo e non quello che gli altri hanno voluto che fossimo?

Può insegnarci l’arte, come libera espressione del sé, ed in particolare il teatro a tirar fuori le miriadi di sfaccettature che dimorano dentro di noi: singolari, avvincenti, folli, curiose, coraggiose, audaci?

Riusciremo mai ad aprire le porte del nostro personale inferno ed affrontare i demoni?

A corre il rischio di uscire dal gregge pur di appagare i nostri sogni e soddisfare i nostri desideri?

  Donatella De Bartolomeis

 
 
 

Post N° 96

Post n°96 pubblicato il 07 Dicembre 2006 da goccedirugiada_ddb

Chiedo scusa a tutti per la mia assenza, ma sto gestendo il blog dell'associazione culturale amorepsiche e non riesco a gestire contemporaneamente due blog, per cui vi aspetto tutti al seguente indirizzo.

http://blog.libero.it/AssAmorepsiche/view.php

Via abbraccio tutti e vi aspetto

Donatella De Bartolomeis

 
 
 
 
 
 
 
 
 

EDIZIONI IL PAPAVERO - MARKETING D'AUTORE


Un blog di: EdizioniIlPapavero




 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

I MIEI LIBRI

                   ROMANZI

    immagine
Fermate e respira    Gocce di rugiada

RACCONTI             MANUALI

    
Il dono di Natale   Ammainate le vele:
                           
lavoro in vista!

 

 MONOLOGO

Foto di goccedirugiada_ddb 

Il doppio volto della Superbia

SAGGI

ATTACCHI DI PANICO - Donatella De Bartolomeis

Ha creato i video

-  Vernissage di Ledebi
- Il dopoguerra a Mirabella Eclano
- Fermati e respira
- Il laboratorio del sentire
- La palestra delle emozioni
- Sfumature di donna
- Sfumature di donna: venature d'amore
- Per una goccia d'amore
- Poesie e filastrocche di Martina Bruno

 
 
 
 
 
 
 

ANTOLOGIE

E' presente nelle ANTOLOGIE

    Foto di goccedirugiada_ddb 

 

Foto di goccedirugiada_ddb

 
 
 
 
 
 
 

L'AMORE SU INTERNET

 Ha curato le Antologie

    
Cresciamo Insieme  Per una goccia
                              d'amore

   
Sfumature di donna

         
venature d'amore  
La magia dell'amicizia

Ha curato la prefazione per 

 
Caprilia Antiqua

Marzo 2008  “Il dopoguerra a Mirabella Eclano. Il difficile cammino della democrazia” di Marisa Bruno edito dai Per Versi Editori di Grottaminarda (AV)

Marzo 2008  “Mirabella Eclano-viaggio attraverso le tradizioni del lavoro nella seconda metà del XX secolo” di Marisa Bruno edito dai Per Versi Editori di Grottaminarda (AV)

Novembre 2007 il romanzo breve “Il silenzio delle parole” di Ilde Rampino edito da Per Versi Editori

Novembre 2007  il romanzo breve “L’arcobaleno in bianco e nero”  di Claudio Cutolo edito dalla Delta3 Edizioni

 
 
 
 
 
 
 

FERMATI E RESPIRA

"Fermati e Respira"

Leggi l'articolo a pag.10 CLICCA

Radio città

Campania Tour

Napoli.com

Per saperne di più seleziona
"Fernati e respira" nella stringa
TAGS

 
 
 
 
 
 
 

ROMANZO GOCCE DI RUGI@DA

Gocce di rugiada

immagine

Lenta e decisa, così la favolosa storia d\'amore riesce a nascere e crescere per i protagonisti e per chi si avventura nella sua lettura. Imparare ad amare di nuovo, questo è quanto devono fare Luna e Pegasus e lo fanno in un maniera del tutto semplice ma vera, intensa. Ricominciare a fidarsi e a lasciarsi andare ai propri sogni e alle proprie emozioni. Il freddo fiato corto quando si cercano e sentono ardere il fuoco dentro, quando un semplice sguardo li lega per un soffio di tempo.
Amarsi fino in fondo pur non perdendo il rispetto per la famiglia e per la vita reale.
Scappare, evitare, trattenersi...ti fa sentire giovane e fortunato di poter amare ancora. Nonostante le accese scene di sesso la volgarità non fa parte del testo e la pulizia del discorso è padrona di questo libro.
Novità assoluta il racconto si sviluppa attraverso e-mail e se ciò che desiderava l’autrice Donatella De Bartolomeis era “regalare un’emozione, un frammento di sogno a chi lo legge”, il suo sogno si è realizzato in pieno. A otto mesi dalla presentazione del libro, che ora è in vendita presso le librerie, ancora arrivano numerose le e-mail e gli sms di chi, stimolato dalla lettura di “Gocce di rugiada”,  .ha riscoperto la capacità di lasciar libero di volare il proprio cuore

Per saperne di più seleziona
Gocce di rugiada nella stringa
TAGS

 
 
 
 
 
 
 

IL DONO DI NATALE

Il dono di Natale



Prefazione

Ho letto tutto in un fiato il Dono di Natale, ed ho provato, giunta alla fine, il sottile desiderio di poter prolungare la piacevole e tiepida sensazione di benessere: il calore avvolge le membra e, soffusamente, aleggia nell�io e lascia pian piano penetrare stille concentrate di amore che, a m� di terapia, sviluppano dolci emozioni,
Dal buon sapore, il Dono di Natale, non il racconto di un sogno, non una favola per romantici; suggerisce, invece, un modo per interpretare la vita: vivere ogni momento, aprendo una finestra su se stessi, spalancata sulla realizzazione di sè, cui dedicare uno spazio atemporale che non priva gli altri della normale quotidianit�, avvincente o angusta, col peso di concrete responsabilità , vissuta nella consapevolezza di rinunce, abbandoni ed assenze. E, per scenario, quale connubio migliore se non la magia del Natale coniugata al dono magico delle emozioni vibranti, vissute positivamente, e non esasperate?
Anche il ritmo colpisce: non è affannoso, agitato; è espressione di un lento assaporare lo star bene, del gustoso piacere di una pietanza consumata in compagnia di quanti sono in sintonia con noi.
Il percorso narrato in questo racconto, ci spinge, dunque, a non� rifugiarci nei sogni, per sopravvivere, ma, piuttosto, ad interpretare il quotidiano in modo da non fingere più con se stessi nè con gli altri. In fondo la quadratura del cerchio non è difficile da realizzare: basta convincersi che esiste il modo per non rinnegare se stessi, per continuare a coltivare emozioni e passioni, senza farsi aggredire da voluminosi sensi di colpa o da irresolubili conflitti morali.
Il senso più giusto della vita sta nel non soffocare l'io che si nutre di passione, di emozioni, di armonia, per poter, così, affrontare meglio il divenire muto e silenzioso dell'esistenza.
Basta un gesto semplice : varcare la soglia del concreto e librarsi nella dimensione pura del vivere per riuscire ad essere quello che non sempre ci permettono di mostrare: anime alla continua ricerca della condivisione pura ed esaltante della verità vissuta sul filo delle emozioni

Matilde Della Sala

 
 
 
 
 
 
 

ANTOLOGIE

Teatro

Il doppio volto della superbia

                 CLICCA

 

Donatella De Bartolomeis

Ha frequentato corsi di

- Dizione, Pronunzia, Lettura
- Laboratorio di teatro terapia

Ha condotto corsi di

- Teatralizzazione delle emozioni per bambini

Ha recensito

- Zoologia fantastica CLICCA

- Spoon River  CLICCA

- Alter Ego - CLICCA pag. 10

 
 
 
 
 
 
 

RECENSIONI E ARTICOLI

Recensioni

Il grido dell'anima di Angela Pece CLICCA

Zoologia fantastica CLICCA

Spoon River  CLICCA

Diario Beat di Antonio Fiore CLICCA

Articoli

Alter Ego - CLICCA pag. 10

Ansia e depressione CLICCA

"Un mondo in bianco e nero" CLICCA e leggi pag. 15

Lo Shiatsu e le dipendenze spirituali CLICCA

Vivere il corpo attraverso la Bioenergetica CLICCA

Il Kung-Fu  CLICCA

 
 
 
 
 
 
 

PRESENTAZIONI

Ho organizzato e presentato

Sfumature di donna 2008 CLICCA

Ansia e depressioneCLICCA

Festa della donna 2008 CLICCA

Vernissage di Mario Barrotta CLICCA

Cena d'autore CLICCA  CLICCA

Un post al sole di Tina Galante CLICCA

Il coraggio di guardare oltre di Paola De Angelis CLICCA

100 metri di colori, emozioni, parole CLICCA CLICCA CLICCA

Sfumature di donna 2007  CLICCA

L'arte informale della strega aborigena CLICCA

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

NOIDUESOLISOLIipso53precitevolissivevolmcastello_nicebagninosalinaroraziocinanteEdizioniIlPapaverogiuseppe.paolantoniosexydamilleeunanottelalodagaetanobonifaciozan.giovanniverongia59lubopounsorrisopertedgl1
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

ho letto molto volentieri questo articolo.Ciao da Artecreo
Inviato da: sexydamilleeunanotte
il 13/09/2016 alle 12:13
 
Fiera dell'oriente
Inviato da: puzzle bubble
il 02/05/2012 alle 21:17
 
i tuoi cm un cielo di stelle il tuo vento ke mi...
Inviato da: noemi
il 21/01/2012 alle 22:53
 
Bello perdersi nei racconti di un'opera...
Inviato da: miracconto
il 08/09/2011 alle 13:31
 
buon otto marzo..:-)))dew
Inviato da: lightdew
il 07/03/2011 alle 21:36
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23