Creato da: languageisavirus001 il 15/07/2005
Eavesdropping on your conversation

Area personale

 

Infetti



The Cats Will Know

poesie, racconti e letteratura postmoderna

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

 

Ultimi commenti

peccato non leggerti più. saluti, ovunque tu sia
Inviato da: Randle.P.McMurphy
il 20/02/2012 alle 01:18
 
sai cos'è bello? quello che leggo qua.
Inviato da: Blanca_Cruz
il 15/01/2009 alle 12:39
 
a me salutami il Dottor Finch :)
Inviato da: Lutsy
il 04/01/2009 alle 03:13
 
ma non conosci quel vecchio detto: del papavero non si...
Inviato da: Randle.P.McMurphy
il 02/01/2009 alle 19:41
 
salutami bill
Inviato da: sammylele
il 04/12/2008 alle 21:38
 
 

Ultime visite al Blog

Randle.P.McMurphyumamau0allavacicarlosopalmardetlef81MaryReadvaleriapaiuscosertore0dorotessamanugasp75francesca.defendiladymiss00eleonora.itDuchesss
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Messaggio #180Messaggio #182 »

Post N° 181

Post n°181 pubblicato il 24 Maggio 2007 da languageisavirus001

immagine

Armati di un fucile a pompa Remington rubato in un negozio di pegni, di un punteruolo rimediato chissà dove e della loro furia, entrarono nel piccolo supermarket 7eleven indossando delle maschere di gomma dei Tre Porcellini. Una luna gonfia, pallida e deforme li guardava dall’alto.

Il commesso del turno di notte dietro la cassa, non ebbe nemmeno il tempo di posare il giornale sportivo che stava leggendo che fu raggiunto da un pallettone calibro 12 Magnum. L’effetto fu devastante: il colpo sparato da meno di due metri gli sventrò la cassa toracica. Gli occhi del ragazzo, sbalzato dallo sgabello contro il muro, rimasero spalancati e increduli come quelli di una bambola di pezza.

L’altra commessa in servizio nel supermarket fu raggiunta mentre, semiparalizzata a terra dalla paura, tentava di strisciare verso il retro del negozio, in due la immobilizzarono minacciandola col punteruolo, il terzo invece, senza pensarci troppo, le infilò la canna del fucile in bocca e premette il grilletto proprio quando la ragazza stava iniziando a pisciarsi addosso. Sul pavimento di linoleum giallastro sembrò formarsi un arcobaleno con i colori della morte.

Il più vecchio dei Tre Porcellini aprì la cassa e ne prelevò il contenuto: duecentocinquantaquattro dollari; subito dopo non riuscì a nascondere il proprio disappunto per il magro bottino buttando giù la cassa dal bancone  e prendendola a calci. Poi tutti insieme riempirono di sigarette e quant’altro delle buste di plastica ed uscirono precipitosamente come erano entrati, dirigendosi verso la macchina lì di fronte, dimenticandosi tanta era la foga, di togliersi le maschere di gomma. 

Randy Jackson, di ritorno dallo Sweetie-O, vide una macchina svoltare a velocità folle, con i pneumatici che stridevano sull’asfasto bagnato dall’umidità notturna e rimase a bocca aperta quando si accorse che chi guidava l’auto e i suoi passeggeri erano i Tre Porcellini, nonostante ciò neanche per un solo istante prese in considerazione l’idea di smettere di bere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/languageisavirus/trackback.php?msg=2744613

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
>> 2007: Ancora razzismo "coperto" da Digiland!!! su Napoli Romantica
Ricevuto in data 01/06/07 @ 17:09
Eh si è così...leggete pure da questo blog: Inviato da back2thecommunity il 30/05/07 @ 20:21 via ... (continua)
 
Commenti al Post:
sammylele
sammylele il 24/05/07 alle 11:51 via WEB
Smettere? Il quei casi è il momento di incomiciare.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.