Creato da JungleDavide il 19/12/2007
Riflessioni di un ragazzo sulla vita, sulla società, sulla musica...

Area personale

 
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
avv.Barbatelligabrivaleady.1989gaetano6000defalcolory1973lorenamelislucamontinarorv500ferrari_giorgio.gfoldangeloemanueledamico69bartolozzifaling.granatagiovannial.pappalardo68mingus.store
 

Ultimi commenti

 
Quante volte ci ho pensato su, Il mio mondo sta cadendo...
Inviato da: marta
il 06/12/2011 alle 17:09
 
Se hai tempo da buttare vallo sprecare in altri luoghi,...
Inviato da: Sara
il 27/05/2009 alle 22:23
 
ma che simpatica! sei solo 1 cafona, come ti permetti a...
Inviato da: lellis
il 04/05/2009 alle 14:56
 
ed a me chi mi scopa?
Inviato da: romina
il 30/03/2009 alle 20:06
 
uè davide non mi ero accorto di questo articolo! scusa ma...
Inviato da: Anonimo
il 12/01/2009 alle 12:27
 
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
 

 

 
« L'OMOSESSUALITA E LA FA...AFFINCHE' TORNI LA LUCE... »

PER FAR SI CHE CI SIA ANCORA UN DOMANI...

Post n°15 pubblicato il 29 Gennaio 2008 da JungleDavide

MORGANA E' MIA FIGLIA...E' UNA RAGAZZINA VISPA DI CINQUE ANNI CHE HA SEMPRE VOGLIA DI GIOCARE...HA DEI GRANDI OCCHIONI VERDI E I CAPELLI CASTANI, E IL NASO FORTUNATAMENTE LO HA PRESO DALLA MADRE!!! NON SI STANCA MAI E QUANDO LA SERA TORNO A CASA DAL LAVORO MI ASPETTA DIETRO LA PORTA, MI SALTA IN BRACCIO E MI DICE DI ANDARE IN CAMERA SUA PER FARMI VEDERE UNA COSA, E UNA VOLTA ARRIVATI  PARTE UNA BATTAGLIA A COLPI DI SOLLETICO SUL LETTO CHE TERMINA SOLO CON L'ARRIVO DELLA CATTIVA DI SEMPRE..LA MAMMA...CHE METTE IN CASTIGO TUTTI E DUE!!! CHE BELLA LA VITA...GIA'...C'E' SOLO UN PICCOLO PARTICOLARE..MORGANA NON E' ANCORA NATA...IO NON SONO ANCORA PADRE...E QUELLO CHE VI HO RACCONTATO E' SOLO FRUTTO DELLA MIA FANTASIA E DEI MIEI SOGNI...ANCHE SE NEL MIO CUORE SENTO CHE C'E' VERAMENTE, E PIU' PASSA IL TEMPO E PIU' MI SEMBRA CHE MI CHIAMI...MI SEMBRA DI VEDERLA IN UN POSTO PIENO DI BAMBINI CHE SONO IN "ATTESA"...E MENTRE LA GUARDO NEGLI OCCHI, LE DICO DI STARE TRANQUILLA PERCHE' TRA UN PO' SARA' QUI CON ME...

NON VEDO L'ORA CHE VENGA QUEL GIORNO...E COME TUTTI MI CHIEDO SE SAPRO' ESSERE GIUSTO CON LEI ...SE SAPRO' AMARLA ABBASTANZA...SE SARO' IN GRADO DI NON FARLA MAI SENTIRE SOLA...SE SARO IN GRADO DI PROTEGGERLA... SE SARO' UN BUON PADRE!  IL MONDO DI OGGI PURTROPPO TI SPINGE A CHIEDERTI  ANCHE SE POTRAI MANTENERLA ECONOMICAMENTE...MA SE E' VERO CHE LA MIA INFANZIA NON E STATA PIENA DI REGALI E GIOCATTOLI,E CHE I LEVIS 501 LI VEDEVO ADDOSSO AGLI ALTRI...E' VERO PURE CHE SONO STATO SEMPRE FELICE ED ORGOGLIOSO DI QUELL'INFANZIA, E SE LO SONO STATO IO SONO SICURO CHE UN GIORNO LO SARA' ANCHE LEI.

I BAMBINI SONO LA PARTE COLORATA DEL MONDO, SONO LA GIOIA,SONO L'AMORE...SONO IL FUTURO. SENTO TANTE PERSONE CHE DICONO DELLE ASSURDITA' DEL TIPO..."METTERE AL MONDO UN FIGLIO OGGI E' DA IRRESPONSABILI"..."QUESTO MONDO FA SCHIFO"..."E' MEGLIO NON FARGLI VEDERE QUESTO MONDO" E BLA,BLA,BLA...MA IO DICO, OGGI NOI SIAMO QUI E' ABBIAMO AVUTO LA NOSTRA POSSIBILITA'...ABBIAMO POTUTO SCEGLIERE NOI SE QUESTO MONDO E QUESTA VITA FANNO COSI VERAMENTE SCHIFO O SE C'E' DEL BUONO...ABBIAMO AVUTO LA NOSTRA CHANCE...

ABBIAMO VISTO IL SOLE SORGERE E LA SERA SIAMO RIMASTI A GUARDARE LE STELLE...QUELLE PIU' LUMINOSE, E MENTRE LE FISSAVAMO SIAMO RIMASTI A SOGNARE..COSI'.. AD OCCHI APERTI...SIAMO STATI SEDUTI SOPRA UN PRATO TENENDO PER MANO LA PERSONA AMATA...IL VENTO ACCAREZZAVA I  NOSTRI CAPELLI E GLI SGUARDI DICEVANO QUELLO CHE LE PAROLE NON POTEVANO ESPRIMERE...SIAMO ANDATI CON GLI AMICI IN GIRO INVECE DI ENTRARE IN CLASSE E SIAMO TORNATI A CASA CON QUELL'ANSIA E CON QUELLA COSCIENZA SPORCA CHE SOLO CHI MARINA LA SCUOLA PUO AVERE! E POI ABBIAMO VERSATO TANTE LACRIME PER CHI SE NE ANDATO...ABBIAMO VERSATO LACRIME PER CHI CI HA ABBANDONATO..MA ABBIAMO VERSATO ANCHE LACRIME DI GIOIA PER UN SI...E ABBIAMO RISO FINO ALLE LACRIME!...ABBIAMO COMBATTUTO LE NOSTRE BATTAGLIE...A VOLTE LE ABBIAMO VINTE...E QUALCHE VOLTE LE ABBIAMO PERSE...E SIAMO RIMASTI SOTTO LE LENZUOLE DI UN LETTO TROPPO ACCOGLIENTE MENTRE QUALCUNO URLAVA CHE ERA TARDI!! ABBIAMO VISSUTO QUESTO MONDO E LO RIVIVREMMO CENTO VOLTE ANCORA...E SE NON  DIAMO LA POSSIBILITA' AI NOSTRI FIGLI DI VEDERLO SIAMO NOI GLI EGOISTI...E IN QUEL POSTO DOVE IO VEDO LA MIA MORGANA VEDO ANCHE I VOSTRI DI FIGLI...SONO LA...CI ASPETTANO...VOGLIONO AMARE ED ESSERE AMATI.

SECONDO ME I GIOVANI STANNO CAMBIANDO, E VOI  CHE LEGGETE QUESTA RUBRICA E CHE SIETE SEMPRE DISPONIBILI AL CONFRONTO, NON SIETE COME DICONO...SUPERFICIALI ED EGOISTI, ANZI...SIETE PROFONDI,RIFLESSIVI E PIENI DI BUONI PROPOSITI. IO SENTO NELL' ARIA UNA NUOVA  RINASCITA DEI VALORI  DA CUI PUO' NASCERE UNA NUOVA SOCIETA'...MAI PIU' PERSONE CHE METTONO IL LAVORO,GLI AMICI, LA CENA FUORI E LA PARTITA DI CALCETTO PRIMA DEI FIGLI E DELLA FAMIGLIA...MAI PIU' PERSONE CHE PENSANO  CHE  DEDICARE LA PROPRIA VITA AI FIGLI SIGNIFICHI SACRIFICARE LA PROPRIA...CRESCERE UN FIGLIO SIGNIFICA DARE UN SENSO ALLA PROPRIA VITA...E QUANDO ARRIVERA' IL GIORNO CHE IL SIGNORE DECIDERA' CHE PUO' BASTARE...IO VOGLIO VEDERE QUELLO CHE LASCIO DI ME IN QUESTA VITA...E VOGLIO VEDERE COSA LASCIO AL MONDO...A QUEL MONDO CHE MI HA AMATO E CHE HO CONTRACCAMBIATO REGALANDOGLI ANCORA UN FUTURO...

 

C'E' BISOGNO DI NOI RAGAZZI PER CREARE UN MONDO MIGLIORE DOVE I FIGLI TORNINO AD ESSERE IL CUORE DELLA FAMIGLIA E IL FRUTTO DELL' AMORE PER LA VITA, MA SOPRATTUTO C'E' BISOGNO DI NOI PER FAR SI CHE CI SIA ANCORA UN DOMANI...   

       

                                                          

                                                            DAVIDE SCARABELLI

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/laparolaadavide/trackback.php?msg=4002043

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 13:43 via WEB
Che bella la tua visione del mondo! Però non credo che i giovani di oggi siano molto migliori di quanto pensi, e non hanno assolutamente quel desiderio dei figli di cui parli.Non sta cambiando nulla e tu sei un sognatore...splendido...ma sempre un sognatore. Questa è una battaglia persa,mi spiace.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 13:47 via WEB
Ciao Davide, sono Elena... mi hai commossa sai... purtroppo quello che dici è bellissimo ma non è poi così vero, secondo me, che i giovani d'oggi ci credano di più di ieri... forse meno... ma tu allora che aspetti a mettere al mondo Morgana... ho visto su myspace che hai una meravigliosa ragazza e se anche pensasse solo il 10% di quello che dici tu sono sicura che sareste dei genitori stupendi:-) Spero mi perdonerai se mi permetto di fare un copia/incolla di una lettera di un missionario italiano in Kenia che mi è arrivata pochi giorni fà... un abbraccio,Elena
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 13:51 via WEB
Qui in Kenya è impensabile vedere una coppia di sposi darsi un bacio in casa, o camminare mano nella mano in pubblico - ci sono degli ostacoli culturali fortissimi da superare. Ma tutti sanno quanto sia importante per una coppia manifestarsi il proprio affetto con un bacio o un abbraccio, fosse anche in cucina o su per le scale. E meglio se lo vedono anche i figli. I figli adorano vedere i propri genitori innamorati! Che cosa meravigliosa è quando i bambini sono piccoli e qualche volta la mamma per rasserenarli li porta nel lettone matrimoniale, mettendoli al centro tra mamma e papà. Il bambino immediatamente si quieta, ed è come se facesse una domanda: "Mi lascerete ancora partecipare del vostro amore?" I figli vogliono essere al centro dell'amore dei genitori. A dire il vero, è l'unico posto in cui dovrebbero essere. Dio ha qualcosa da dirti a questo riguardo, e sta scritta nel libro del profeta Malachia 2, 13-17: «Voi coprite di lacrime, di pianti e di sospiri l'altare del Signore, perché egli non guarda all'offerta, né la gradisce con benevolenza dalle vostre mani». Ti chiedi: "Perché?" La risposta a questo rifiuto del Signore ad ascoltare le preghiere è decisamente sorprendente: si sta tradendo il matrimonio! Dio dice: «E chiedete: Perché? Perché il Signore è testimone fra te e la donna della tua giovinezza, che ora perfidamente tradisci, mentr'essa è la tua consorte, la donna legata a te da un patto». Dio dice: "Tu non stai trattando il tuo coniuge come hai promesso nel giorno del tuo matrimonio, per questo io non ascolto le tue preghiere". Perché Dio ci tiene così tanto al matrimonio? Lui dice: «Non fece egli [Dio] un essere solo dotato di carne e soffio vitale? Che cosa cerca quest'unico essere, se non prole da parte di Dio?» Dio dice che quando non funziona il tuo matrimonio, ai tuoi figli succede qualcosa di estremamente dannoso. I figli spiritualmente sani scaturiscono da coppie dove i genitori si amano reciprocamente, come hanno promesso nel giorno in cui si sono sposati. Alcune persone pensano che per risolvere i problemi e i conflitti che scaturiscono all'interno della coppia, la cosa migliore sia mettere la parola "fine" al loro matrimonio. Il seguente versetto dice in modo molto chiaro che cosa Dio pensa a riguardo di questa scelta: «Io detesto il ripudio, dice il Signore Dio d'Israele». Dio vuole che le relazioni siano sanate,non interrotte; che si combatta per andare avanti, invece che la resa. Quando un bambino sta nel lettone in mezzo ai due genitori, anche se infante, respira la sicurezza che ogni bambino dovrebbe ricevere - quella di sapere che l'amore dal quale lui o lei è nato è ancora forte. Quando il bambino si quieta nel lettone, quella domanda inespressa: "Mi lascerete ancora partecipare del vostro amore?", dice che l'unico posto in cui un bambino trova sicurezza è nell'amore che il papà ha verso la mamma e viceversa. Senza quell'amore il bambino cresce insicuro, con poca autostima, incapace di prendere decisioni. I figli non si amano perché si ama il proprio coniuge. I figli spiritualmente sani sono quelli che vengono afferrati dal flusso traboccante di amore che il papà e la mamma hanno tra di loro. La più grande cosa che un papà può fare per i propri figli è amare la loro mamma, e viceversa. Forse l'amore che provavi una volta verso il tuo coniuge sta svanendo. Forse ci sono muri di risentimento, o un freddo silenzio o la mancanza di affetto. Tuo figlio ti sta guardando, tua figlia ti sta guardando e hanno disperatamente bisogno che tu e il tuo coniuge facciate qualsiasi cosa pur di rimettere in piedi il vostro matrimonio. Che ricorriate a tutte le forme di aiuto possibili per riaccendere quell'amore dal quale loro sono venuti. Forse sono troppo grandi per dirtelo, ma puoi essere sicuro che nel profondo del loro cuore ti stanno chiedendo: "Mi lascerete ancora partecipare del vostro amore?" Per quell'amore vale la pena combattere, vale la pena sacrificarsi. Tra l'amore tuo per il tuo coniuge e viceversa, quello è il posto nel quale tuo figlio è stato creato per vivere
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 13:55 via WEB
io.....ecco.....so che sono fuori luogo ma ti consiglierei soltanto di fare post più brevi perchè non tutti hanno sufficiente tempo per leggere tutto... perdo sempre un sacco di tempo a leggerti e giorni come oggi dove ho solo un quarto d'ora di riposo mi trovo in imbarazzo.... perciò ti prego magari la prossima volta sii più sintetico, ok? Un bacio, Giò
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 14:02 via WEB
bè è molto bello che davide esprima così tanto se stesso... e credo che sia difficile mettere a nudo il proprio cuore davanti a tutti come fà lui.. quindi mi sembra che sei indelicato... magari leggerai con calma i suoi post quando avrai un pochino più di tempo... ciao
 
   
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 14:26 via WEB
gli avevo semplicemente dato un consiglio che magari avrebbe anche attirato più visitatori; se leggi le statistiche dei blog e i consigli che da libero per essere letti di più te ne convincerai anche tu. non ho mai messo in dubbio il fatto che davide sia bravo e non ho mai detto che non è profondo; dico solo che la vita è frenetica e che venendosi tutti incotnro certamente si semplificherebbe tutto. ciao
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 14:30 via WEB
ah ho capito... scusami :-)
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 14:33 via WEB
Caro giò anche tu hai un blog? ti sento molto esperto... facci sapere così ti veniamo a visitare
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 19:33 via WEB
perchè andate tutti contro a giò? lui o lei, non sos e sia uomo o donna, ha semplicemente espresso la sua opinione e quel che è più bello è che sotto questa opinione si vede chiaramente che ha poco tempo però legge lo stesso questo blog! Ha chiesto di fare post più brevi per permettere anche a lui di leggere, penso che sia soltanto l'espressione di una voglia di partecipazione grande! Io proporrei una cosa: il primo che legge e che quindi commenta nel suo commento fa anche un piccolo riassunto dell'articolo letto: che ne dite? almeno ci veniamo tutti incontro! Anche io lo farò se sarò la prima a leggere! Questo post di davide dovrebbe proprio essere una ispirazione ad essere tutti uniti nel formare un mondo migliore! Iniziamo ad aiutarcid a questi piccoli gesti, sarebbe una cosa bellissima!
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 30/01/08 alle 17:09 via WEB
veramente io (Massimo) che avevo risposto a giò gli ho prontamente chiesto scusa quando si è spiegato e oltretutto x fare amicizia gli ho chiesto se aveva un suo blog, e non era ironico, era in modo carino... non trovo senso al tuo commento... scusa hai visto il male dove c'erano scuse...
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 17:49 via WEB
VOLEVO DIRE..GRAZIE A GIO' PERCHE' SE COMUNQUE MI CHIEDE DI ESSERE SINTETICO E' PERCHE VORREBBE AVERE LA POSSIBILITA' DI LEGGERE CIO CHE SCRIVO...QUINDI E' INTERESSATA E ALLORA MI SENTO DI RINGRAZIARLA... LA VERITA' E' CHE IO DI COMPUTER NON CI CAPISCO MOLTO E ANCOR MENO DI COME SI FACCIA O SI TENGA UN BLOG...SCRIVO CIO CHE SENTO DI GETTO..TUTTO QUI..PERO' FATE BENE A DARMI CONSIGLI..PERCHE' COSI POSSO MIGLIORARE! ...COMUNQUE... SPERO CHE IL POST VI PIACCIA E MI AUGURO DI TROVERE TANTI COMMENTI SU UN ARGOMENTO A ME MOLTO CARO...CIAO:-)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 19:08 via WEB
Ciao… bè, quello che penso è che il marcio della società non siano affatto i giovani, ma che semmai loro, anzi, noi, possiamo qualcosa in tema di risanamento della società… gli adulti fanno presto a giudicare, a dare ad un ragazzo del “mammone”, del drogato, dello scansafatiche, dell’irresponsabile, ma anziché sputare sentenze e blaterare a vuoto dovrebbero interrogarsi su due cose: 1. di chi è la colpa del fatto che lo Stato Italiano va a rotoli; 2. come mai i giovani sono così. La colpa di questo stato deplorevole è sicuramente dei cosiddetti adullti; ai giovani la società è stata consegnata disfatta così com’è. Loro hanno avuto la fortuna di crescere in un’Italia in pieno boom economico (li chiamavano gli anni del “miracolo economico”) e tutto ciò che sono stati capaci di fare, crescendo, è stato rovinare la floridezza del nostro bel Paese. E cosa lasciano adesso a noi? Un’Italia in costante cammino verso la totale degradazione. Per rispondere al secondo punto, se una parte dei giovani (e, tenderei a specificare, solo una parte, nemmeno troppo predominante) ha poca responsabilità e tende ai vizi anziché al lavoro la colpa è nuovamente degli adulti. Perché? Presto detto: perché non hanno saputo impartirgli la giusta educazione. Di buoni genitori ce ne sono stati abbastanza pochi, e quelli hanno avuto, in linea di massima buoni figli. Tutti gli altri sono stati troppo occupati a divorziare, a dedicarsi al Dio consumismo o a dedicarsi al lavoro. E ai figli chi vi badava? Asili nido, baby sitter, a volte i nonni, che puntualmente viziano i bambini ma che sicuramente almeno hanno impartito una qualche educazione ai poveri pargoli per cui i genitori esistevano solo nel week-end. Ecco perciò di chi è la colpa dei giovani “degenerati”. E adesso parliamo invece dell’altra parte dei giovani, di quelli che vogliono impegnarsi davvero per avere un futuro perlomeno decente davanti a loro. Ci dicono di studiare, la nostra enfatica Costituzione dice che “ai meritevoli è assicurato il diritto allo studio, anche a gradi elevati”, e poi ci accorgiamo che i libri delle superiori costano come non mai, che le tasse di iscrizione alle università sono alte anche per chi non ha reddito, che i libri universitari… bè, evitiamo proprio il discorso, mi viene la nausea solo a pensarci a quanto mi tocca spendere ogni semestre! E lo chiamano diritto… io lo chiamerei onere! Inoltre – e qui in qualche modo voglio inserirmi alle proteste un po’ razziste dei vari commenti comparsi sui post precedenti – devo vedere che gente straniera che frequenta la mia stessa università e che consegue risultati inferiori ai miei non paga nulla… e anzi gli danno anche dei fondi ulteriori per campare e un bel rimborso spese… perché a me no? Perché sono italiana? Non vedo una grande logica in questo ragionamento… Ma andiamo avanti! Se un giovane non vuole studiare e vuole subito iniziare a lavorare si vede inevitabilmente surclassato dai soliti stranieri, avvantaggiati all’assunzione anche da specifiche leggi confezionate su misura per loro. “Integrazione” la chiamano… si, ma integrare gli stranieri facendo fuori gli italiani mi sembra abbastanza assurdo! I lavori per cui non si è surclassati dagli stranieri sono di due tipi: statali (e per entrare servono raccomandazioni che ovviamente quasi nessuno ha) e precari… e un giovane come fa ad assicurarsi un futuro con un lavoro precario? Arrivati a 27-28 anni si è giudicati già “vecchi” per il precariato, e allora si va a spasso, a essere mantenuti dai genitori, oppure ci si dedica al lavoro nero (sul quale si è nuovamente surclassati dagli immigrati, che chiedono meno di noi perché hanno abitudini differenti dalle nostre e perché spesso strumenti e materie prime per il lavoro li acquisiscono con metodi illeciti) o ad attività illegali (spaccio di droga, truffe, raggiri, ecc…). Ma io dico: in una situazione del genere come si possono criticare i giovani! Guardate in che situazione ci troviamo, guardate! Pensate davvero che noi non vorremmo avere una famiglia nostra? Sposarci o convivere? Avere dei bambini di cui occuparci e a cui donare tutto il nostro affetto, possibilmente meglio di come voi “adulti capiscioni e sputasentenze” avete fatto con noi? Ve lo dico io: si che lo vorremmo! Solo che a differenza vostra forse non ne avremmo mai l’occasione! Per quanto mi riguarda se potessi finita l’università mi metterei al lavoro e mi farei una famiglia con il mio ragazzo; ma pensate che sarà così semplice realizzare questo sogno? Bè, sono sicura che qualcuno avrà da ridire su questa opinione chilometrica, ma non aspetto altro… per adesso concludo con un augurio: spero che tu Davide possa realizzare la tua vita con Alessia, siete splendidi, calorosi, affettuosi ed educati, sareste perfetti come genitori! Auguri ragazzi, vi voglio bene! Laura
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 30/01/08 alle 12:16 via WEB
Ciao Laura!!!grazie mille per gli auguri che contraccambio, augurando a te di realizzare il tuo sogno. Mettere al mondo figli è la cosa più bella che esista nella vita di una persona, che sia uomo o donna. E' pur normale essere spaventati di questo, viste le condizioni in cui siamo costretti a vivere, ma è pur vero che ci sono famiglie che campano 3/4 figli con uno stipendio come il mio o come quello della maggior parte della gente italiana.Allora cerchiamo di avere coraggio e di permettere a quelle piccole anime pure di vivere una Vita, che non sarà piena di soldi, ma sicuramente sarà piena di affetto e di amore... per loro... Buona giornata... Alessia
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 19:23 via WEB
Io non ho niente da ridire e concordo pienamente su tutto; i grandi fanno presto a criticare noi giovani, ma non si rendono conto che l’ignoranza delle nuove generazioni dipende dal fatto che loro che sono adulti le hanno educate male! Facevano presto loro del ’60 a vivere i loro “ideali” che non li hanno portati a niente…… si credono persone tanto profonde e in grado di giudicare a noi ma loro cosa hanno fatto? Niente hanno solamente saputo rendere una merda questa nostra Italia, e adesso pretendono che noi giovani prendiamo questa società resa da loro una merda e la facciamo diventare un morbido e accogliente giaciglio x la loro vecchiaia! A noi ci tocca lavorare senza essere sicuri che domani avremo ancora il nostro posto di lavoro – per dare una pensione a loro; ma un domani chi ce la da la pensione a noi? E poi basta fare di tutta l’erba un fascio: non esistono soltanto giovani scansafatiche drogati e disinteressati ai problemi della società e penso che noi che visitiamo il vostro sito e commentiamo su questo blog ne siamo la prova!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 19:26 via WEB
hai ragione! anche per me i giovani possono rimettere a posto l'istituto familiare! magari si andrà verso la fine del matrimonio ma questo verrà sostituito dalla convivenza. comunque sia l'importante è che ci siano famiglia, non matrimoni! anche io se incontro la persona giusta voglio formare una famiglia e fare die bambini di cui occuparmi insieme a quella che sarà la mia compagna! L'unica cosa è che non so quanto questo mi sia possibile, perchè per mantenere un bambino bene dovremmo lavorare in due o altrimenti io dovrei fare due lavori..... purtroppo la società non aiuta tanto..... spero che però le cose per te siano piu semplici e che morgana arrivi presto!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 19:29 via WEB
certo! basta con questa superficialità di giudizi! sono d'accordo col ragionamento di laura e del signore che ha commentato dopo, però sono d'accordo anche con davide: non ci permettono di vivere la nostra vita come l'hanno vissuta gli adulti, però in noi c'è la giusta voglia di cambiamento! e poi è vero questo sito e questo blog ne sono la testimonianza! guarda le persone che scrivono qui e che si trovano d'accordo con te questa è l'unica risposta vera alla tua domanda, alla tua speranza!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 19:43 via WEB
mi sembra che quello che doveva essere detto lo hanno gia detto mi sembra inutile stare a ripetere. voglio solo dire che avere bambini non significa rinunciare agli amici. le madri e i padri anzichè uscirsene a cena con loro andarci in palestra o al cinema o a fare un weekend in montagna potrebbero fare ogni weekend una cena insieme: oggi a casa degli amici, la prossima votla a casa nostra. ci starebbero pure i bambini che, anzichè rimanere a casa da soli, avrebbero relazioni affettive anche con altra gente. e poi se gli amici hanno anche loro dei figli ancora meglio, cosi mentre i genitori ridono tra loro i bambini giocano e si divertono. ci sono soluzioni per tutto, avere un bambino significa rinunciare meno di quanto l'opinione comune fa credere.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 19:52 via WEB
senza sogni nè speranze non ci sono cambiamenti! Ecco perchè sono dalla tua parte e cont e continuo a sperare! Non abbiamo il potere per cambiare nulla, ma non gettiamo mai la spugna, non si sa mai! La vita è troppo corta per rinunciare ai propri sogni!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 20:26 via WEB
Fai bene a sperare! E sai perchè? Ti rispondo con le parole della premessa (si chiama così?) della rubrica, che tra l'altro sono tue: Forse ho qualche anno in più rispetto a tanti utenti di questo sito e devo ammettere che mi ero fatto un opinione sbagliata sui giovani di oggi, ma su Jungle c’e’ gente invece che mi ha fatto ricredere. Ci sono ragazzi intelligenti, con cultura e con voglia di fare e di cambiare le cose, con la capacità comunque di essere sempre rispettosi delle idee altrui ma capaci di difendere le proprie. Ho scoperto ragazzi con dei valori sinceri e forti, ragazzi che valgono!!!Cazzo! Non sono solo degli ubriaconi del sabato sera!!! Perciò Davide continua a sperare perchè noi o almeno io speriamo insieme a te! Impegnamoci tutti e nonostante le difficoltà creiamole le nostre famiglie!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 21:10 via WEB
ben detto l'ottimismo è il profumo della vita
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/01/08 alle 22:22 via WEB
se finiscono le famiglie finiscono i figli, se finiscono i figli finisce il mondo, e io sinceramente non voglio essere l'ultima generazione di questo mondo! E se anche i bambini ci fossero sarebbero tutti figli di immigrati, dato che loro sono abituati a fare palate di figli che poi puntualmente trattano da cani (x lo meno le femminucce) e io non voglio stare in una italia islamica! Perciò facciamoli questi bambini! L'unico intoppo è che è un sacco diffiicle mantenerli... non riesco a mantenermi da sola con lo stipendio che prendo! Fatta la spesa e pagate le bollette i miei 850 euro sono belli che finiti...
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 30/01/08 alle 12:34 via WEB
Fare i figli si può, però farli e aver poco tempo da dedicargli sarebbe triste...... quello che dico è che attualmente per mantenerli o serve uno stipendio da almeno 1500 euro più qualche straordinario o servono dei genitori che aiutino economicamente... se no è brutto fare i figli e poi andare a lavorare moglie e marito... in questo modo gli si darebbero tanti giocattoli e niente affetto... e di cosa pensate che abbiano più bisogno i bambini? Io personalmente sarei pronta a rinunciare a ogni hobby e per quanto riguarda gli amici li farei venire a casa mia oppure ogni tanto farei una passeggiata con loro insieme alla carrozzina ma..... il tempo per mio figlio sarebbe comunque poco. Un tempo la donna poteva rimanere a casa e badare ai bambini, ma adesso come si fa? E' vero che esistono i lavori part-time, sono perfetti per l'occasione, perchè il tempo libero ti rimane e qualcosa guadagni, però è anche vero che i part time se li stanno prendendo tutti gli immigrati e che dopo 3 giorni che vai a pulire le scale ti dicono 'spiacente, ho trovato chi me le fa a meno"..... vero che poi dopo un pò ti vengono a richiamare perchè o quello non puliva bene o gli hanno rubato a casa, però, insomma... uno ha bisogno di una entrata sicura e com'è la società italiana adesso i part-time una entrata sicura non te la danno!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 30/01/08 alle 13:07 via WEB
io sono una mamma di 32 anni. posso dire che mio figlio non è la causa di nessuna privazione, anzi. invece di andare in palestra vado a passeggiare con lui e lo porto ai giardini pubblici: risparmio i soldi della palestra e faccio anche più movimento. Non ho molte conoscenze, ho soltanto tre amiche, delle quali due senza figli (una fidanzata e l'altra single) che mi vengono a trovare spesso e che mi accompagnano quando porto a spasso mio figlio, per cui loro sono zie, e l'altra con una bambina che è stata la prima amichetta del mio Marco. Perciò, come vedete, nemmeno rinuncio alle amicizie. Per il lavoro è un pò un problema, però tutto il tempo in cui non sto a casa ai miei figli ci pensano un pò i miei genitori, un pò quelli di mio marito. Appena torno però la mia prima preoccupazione è stare con lui; andiamo a fare la spesa insieme, giochiamo, mentre io cucino lui mi sta vicino e gioca con le costruzioni, che ci va matto. Quando mio marito torna da lavoro corre a farsi la doccia e subito viene a giocare con il bambino. Ci amiamo e, anche se la vita è dura e faticosa, specie a livello economico, riusciamo ad andare avanti contando sempre l'uno sull'altra. Anche lui vede sempre i suoi amici, che quando vengono si spupazzano il mio piccolo Marco, lo trattano già da ometto e gli vogliono tanto bene. Alla faccia di chi dice che agli uomini non piacciono i bambini. Per me è dura fare la commessa al supermercato, per mio marito è dura fare il muratore. Entrambi non sono lavori sicurissimi ma finchè c'è andiamo avanti. Comunque sarà il futuro ci rimboccheremo le maniche e sapremo cavarcela...... tutto questo per l'amore che c'è tra noi e per quello verso Marco. Certo se non ci fossero i nostri genitori sarebbe un problema, e capisco che, non avendoli tutti o abitando a distanza, molti una famiglia non possono permettersela. tuttavia vi consiglio di impegnarvi al massimo perchè, anche se servono tanti sacrifici, abbracciare ogni sera la persona che si ama e vedere ogni giorno il sorriso del proprio bambino è la cosa più bella che può esistere. Un bacio, Silvia
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 30/01/08 alle 13:10 via WEB
scusate se ho fatto molti errori ortografici, mi sono resa conto che ho scritto figli anzichè figlio e che ho ignorato del tutto i tempi verbali, però perdonatemi, sono tornata da poco dal lavoro e ho fatto in fretta e furia!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.