Il cristiano oggi

blog dove si parla di Gesù e di tutto ciò che avviene oggi intorno a noi

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

L'ALCOLISMO UNA GRANDE PIAGA SOCIALE

Post n°12 pubblicato il 25 Gennaio 2012 da maurizio_mezieres
 
Foto di maurizio_mezieres

Proverbi 20:1 Il vino è schernitore, la bevanda inebriante è turbolenta, e chiunque se ne lascia sopraffare non è saggio.

Bellissima e sempre attuale la Parola dell'Eterno che va a toccare tutti i tasti e le assurdità della vita di oggi.

Già, perchè lo scopo dei giovani oggi, quando si va a divertirsi, è quello di mettersi il più possibile al centro dell'attenzione con innumerevoli gesti, uno tra questi è il bere cosi copiosamente da non essere più in grado di controllare più il proprio essere e quindi di fare cose appunto come dice la Parola stessa non sagge.

Ne conosco tanti giovani e purtroppo questa è una piaga che li avviluppa cosi morbosamente da legarli alla fine in tal modo da ritrovarsi alcolizzati senza neppure accorgersene.

Indistintamente maschi e femmine senza distinzione bevono si ubriacano nei vari pub e discoteche , mettendosi poi alla guida rovinando loro e le famiglie che li amano.

Giovane che leggi sappi che Gesù ti ama e che la tua vita è preziosa agli occhi suoi, sappi che l'uso smisurato di sostanze alcoliche portano turbolenza interiore, quindi violenza in alcuni casi verso le persone che più ami e soprattutto malattie a livello epatico mortali.

Se ti ritrovi in questa condizione e comprendi questo piega subito il tuo cuore davanti a Gesù, chiedigli di liberarti dall'alcol ed in un istante, se la tua supplica è fatta col cuore egli ti libererà.

Dio ti benedica

 

 
 
 

UN MONDO DI GUAI

Post n°11 pubblicato il 12 Dicembre 2010 da maurizio_mezieres
 
Foto di maurizio_mezieres

 

 

Evangelo di Matteo cap 24:5.13

5 Poiché molti verranno sotto il mio nome, dicendo: Io sono il Cristo, e ne sedurranno molti. avvenga, 6 Or voi udirete parlar di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi, perché bisogna che questo ma non sarà ancora la fine. 7 Poiché si leverà nazione contro nazione e regno contro regno; ci saranno carestie e terremoti in varî luoghi; 8 ma tutto questo non sarà che principio di dolori. 9 Allora vi getteranno in tribolazione e v'uccideranno, e sarete odiati da tutte le genti a cagion del mio nome. 10 E allora molti si scandalizzeranno, e si tradiranno e si odieranno a vicenda. 11 E molti falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti. 12 E perché l'iniquità sarà moltiplicata, la carità dei più si raffredderà. 13 Ma chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato.

 

Ora qualcuno di voi dirà: “allora è vero quel che si dice da più parti, che questo Dio è duro, vendicatore e si diletta quasi quasi a vedere queste sofferenze.”

Purtroppo è proprio questa l'idea che parecchi uomini, anche se si definiscono credenti e frequentanti una chiesa, magari una volta la settimana, hanno di Dio.

Il mondo è avviluppato da guerre continuamente, i terremoti devastano intere città provocando vittime su vittime, straziando bambini, simbolo dell'innocenza, ma perché tutto ciò?

Eppure Gesù afferma: bisogna che queste cose avvengano verso 6, però dice anche non turbatevi, non vi sviate, ma perché?

Bisogna, come più volte ho detto, leggere quotidianamente la Parola di Dio, cibo e sostentamento per la nostra anima, è la Parola che ci apre gli occhi dello spirito e ci rivela i pensieri più profondi di Dio.

Nel Vangelo di Giovanni al cap 14 vers 30 troviamo scritto

Io non parlerò più molto con voi, perché viene il principe di questo mondo. Ed esso non ha nulla in me;

E' Gesù che afferma proprio che il mondo giace nelle mani del maligno con tutte le opere a lui annesse.

L'uomo oggi non avendo un rapporto profondo e quotidiano con il suo Padre celeste si lascia influenzare dalle idee malvagie del nemico delle anime nostre, sentendosi come Dio.

Infatti pretende di esplorare lo spazio mandando in orbita orribili missili che hanno bucato l'ozono, con tutto ciò che ha comportato all'ambiente che ci circonda; Pretende di mutare il corso della natura pompando alberi da frutto ed animali da macello con steroidei e sostanze chimiche, dannose ed inesorabilmente infauste per l'essere umano; per non parlare del potere economico-politico che sempre lo stesso uomo, passatemi il termine “con un suo pseudo dio”, vuole raggiungere ance a costo di vite umane e quindi di guerre sanguinarie.

In conclusione, è giusto e normale, come dice Gesù, che avvengano guerre e terremoti, carestie e malattie, perché l'uomo a causa del suo orgoglio e della sua ribellione sta causando tutto questo, autodistruggendosi inesorabilmente obbedendo e soddisfacendo il suo vero padrone, quel principe di cui parla proprio Gesù.

Cari nel Signore, noi che abbiamo conosciuto la verità in Cristo non ci scoraggiamo e non permettiamo che l'amore si affievolisca, non lasciamoci sedurre da chi in nome di un dio immaginario sta causando la rovina di questo magnifico pianeta creato dall'Eterno proprio per noi, andiamo avanti sapendo che Gesù 2000 anni fa ci aveva avvisato e continua a farlo ancora oggi con amore e con lacrime amare vedendo tutto il suo creato pian piano autodistruggersi.

Dio ci benedica insieme

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

L'INSEGNAMENTO DELL'ASINO

Post n°10 pubblicato il 23 Ottobre 2010 da maurizio_mezieres
Foto di maurizio_mezieres

Salve a tutti, comprendo che vi sembrerà strano l'argomento che oggi mi accingo a trattare, eppure la Parola di Dio questo semplice ed ai giorni d'oggi quasi inutile animale lo prende spesso come termine di paragone da imitare e da rispettare.
Qualcuno potrebbe dirmi ma non bisogna essere imitatori di Cristo? Assolutamente si, ma Dio si serve di tutto ciò che ha creato per istruire, riprendere e far crescere coloro che lo amano e che si studiano giorno per giorno di osservare la sua Parola, quindi anche dell'asino.
Nel libro del profeta Isaia al capitolo 1 vers. 3 leggiamo: Il bue conosce il suo possessore, e l'asino la greppia del suo padrone; ma Israele non ha conoscenza, il mio popolo non ha discernimento.
Dio qui parla non a coloro che non lo conoscono ma al suo popolo chiamandolo, passatemi il termine "ignorante e senza discernimento".
Ciò è pura verità l'asino, considerato dall'uomo un animale senza conoscenza qui è innalzato da Dio al di sopra della sapienza del suo popolo, infatti oggi molti "isdraele" che dicono di conoscere Dio non leggono la sua Parola che è l'unico libro che ci mostra il carattere dell'Eterno e la via che conduce al cielo.
Alcuni la leggono ma come se si leggesse un libro di letteratura, altri leggono per specularci sopra, una parte invece legge solo con la propria intelligenza, non pregando e chiedendo al Signore il discernimento e la guida dello Spirito Santo.
Nel vangelo di Marco cap 11 vers 2-3 leggiamo Andate nella borgata che è dirimpetto a voi; e subito, appena entrati, troverete legato un puledro d'asino, sopra il quale non è montato ancora alcuno; scioglietelo e menatemelo.  E se qualcuno vi dice: Perché fate questo? rispondete: Il Signore ne ha bisogno, e lo rimanderà subito qua.
Questi sono dei bellissimi versi che si riallacciano ancora più profondamente a quello che stavo dicendo, infatti l'uomo cosi chiamato oggi razionale pone all'apice della sua esistenza il proprio io e non Dio.
Gli Isdraeliti aspettavano un Messia re, che entrasse a Gerusalemme a cavalle, animale considerato dall'uomo simbolo di regalità; Invece Gesù vi entrò montando un puledro d'asina, animale dei poveri, insignificante, mite adoperato per i lavori agricoli.
Ma la bellezza del nostro Dio è proprio questa, trasformare le cose che per l'uomo sono insignificanti in strumenti di insegnamento e riprensione per chi si lascia guidare dallo Spirito Santo.
Concludo, anche perchè non voglio stancarvi nella lettura con questo magnifico capitolo di numeri cap22 dal verso 21
21 Balaam quindi si levò la mattina, sellò la sua asina e se ne andò coi principi di Moab. 22 Ma l'ira di Dio s'accese perché egli se n'era andato; e l'angelo dell'Eterno si pose sulla strada per fargli ostacolo. Or egli cavalcava la sua asina e avea seco due servitori. 23 L'asina, vedendo l'angelo dell'Eterno che stava sulla strada con la sua spada sguainata in mano, uscì di via e cominciava ad andare per i campi. Balaam percosse l'asina per rimetterla sulla strada. 24 Allora l'angelo dell'Eterno si fermò in un sentiero incavato che passava tra le vigne e aveva un muro di qua e un muro di là. 25 L'asina vide l'angelo dell'Eterno; si serrò al muro e strinse il piede di Balaam al muro; e Balaam la percosse di nuovo. 26 L'angelo dell'Eterno passò di nuovo oltre, e si fermò in un luogo stretto dove non c'era modo di volgersi né a destra né a sinistra. 27 L'asina vide l'angelo dell'Eterno e si sdraiò sotto Balaam; l'ira di Balaam s'accese, ed egli percosse l'asina con un bastone. 28 Allora l'Eterno aprì la bocca all'asina, che disse a Balaam: 'Che t'ho io fatto che tu mi percuoti già per la terza volta?' 29 E Balaam rispose all'asina: 'Perché ti sei fatta beffe di me. Ah se avessi una spada in mano! t'ammazzerei sull'attimo'. 30 L'asina disse a Balaam: 'Non son io la tua asina che hai sempre cavalcata fino a quest'oggi? Sono io solita farti così?' Ed egli rispose: 'No'. 31 Allora l'Eterno aprì gli occhi a Balaam, ed egli vide l'angelo dell'Eterno che stava sulla strada, con la sua spada sguainata. Balaam s'inchinò e si prostrò con la faccia in terra. 32 L'angelo dell'Eterno gli disse: 'Perché hai percosso la tua asina già tre volte? Ecco, io sono uscito per farti ostacolo, perché la via che batti è contraria al voler mio; 33 e l'asina m'ha visto ed è uscita di strada davanti a me queste tre volte; se non fosse uscita di strada davanti a me, certo io avrei già ucciso te e lasciato in vita lei'. 34 Allora Balaam disse all'angelo dell'Eterno: 'Io ho peccato, perché non sapevo che tu ti fossi posto contro di me sulla strada; e ora, se questo ti dispiace, io me ne ritornerò'. 35 E l'angelo dell'Eterno disse a Balaam: 'Va' pure con quegli uomini; ma dirai soltanto quello che io ti dirò'. E Balaam se ne andò coi principi di Balak.
Fratelli, che l'Eterno ci faccia grazia di aprire i nostri occhi per contemplare con discernimento quello che ci circonda per innamorarci sempre più di questo meraviglioso Re e Salvatore Gesù che morendo su quel duro legno della croce a pagato una volta, per tutti coloro che si incamminano nel suo meraviglioso sentiero che conduce nella Gerusalemme Celeste.

 
 
 

LA BIBBIA

Post n°9 pubblicato il 02 Ottobre 2010 da maurizio_mezieres

 
 
 

SVEGLIA GIOVANI

Post n°8 pubblicato il 04 Marzo 2010 da maurizio_mezieres
Foto di maurizio_mezieres

Guardando un po’  in giro efrequentando ogni giorno  le nuovegenerazioni, ho potuto notare la mano di satana all'opera, in maniera moltodelicata ma anche molto efficace. Non sto parlando di giovani che non hannoancora fatto una esperienza personale con Gesù, ma di credenti lavati epurificati dal sangue dell'Agnello. Il diavolo vuole  lavorare nella mente di coloro che cercano diservire Dio sussurrando pensieri sottili che portano il giovane credente pianpiano ad uniformarsi più al comportamento dei giovani di oggi,che vivono nelmondo lontani dalla volontà di Dio.   Il pericolo più grande che ilgiovane credente teme è quello dell'emarginazione. Si, avete capito benel'emarginazione dal gruppo che frequenta e che gli da quegli attimi di gioia passeggerache svaniscono col calar della notte. Si perde di vista il consiglio diGesù quando ci avverte: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dàil mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.”(Vangelo di Giovanni cap.14:27). Il giovane cristiano quindi, per paura dirimanere solo, cerca di imitare gli amici con tutto ciò che ne consegue: alcol,discoteca, corsa con le macchine, ed altro ancora, pensando di rimanere sempresobrio e di riuscire ad autocontrollarsi. Macome noi sappiamo bene, ce lo dice Gesù, un po’ di lievito fa lievitare tuttala pasta ed in questo caso non è un po’ il lievito, ma è soprabbondante rispettoalla pasta. Qualcuno potrebbe obiettare: "ma fratello io ho provato adire il pensiero di Dio ai miei amici, ma loro si sono beffati di me, mi hannodetto che sono superato, che non volevano più avere a che fare con me ed io hodovuto un  po’ rivedere le mie posizioni “  Ecco dove sta l'opera del diavolo rivedere lenostre posizioni, mettere un velo semitrasparente ai consigli che Dio ci hadato. Il  risultato: una morte lenta eprogressiva dello spirito, pian piano subentrano le insidie del maligno che nonsto qua ad elencare, fino a che il giovane cristiano arriva ad un vicolo ciecodove viene ingabbiato con sbarre d’oro, piacevoli a vedersi, ma sempre sbarresono e sempre prigioniero è !  Concludo, scusate la lunghezza delpensiero, ma credetemi che di questi giovani cristiani che avevano fattoun'esperienza con Gesù e che alla fine si sono fatti ammaliare da questo mondone ho visti tanti.   Prepariamoci perché il ritorno di Gesù è vicino,noi non sappiamo quando avverrà ma Gesù ci dice di avere sempre l'olio e adaverlo in abbondanza nelle nostre lampade, perché a che giova guadagnare tutto  il mondo e poi perdere la nostraanima?   

Dio ci benedica tutti insieme e ci tenga stretti a se

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: maurizio_mezieres
Data di creazione: 19/05/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

maurizio_mezierestre3mendoshinecrazydiamondaliat0lemniscata64marygracedgl3VincenzoAttenapinelli1981miriade159grespi.ritafra873alessandro_lillikarlotta_diolegi_2009paolettigabriella
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao a tutti! Mi chiamo Sofia e ho 13 anni. E sono...
Inviato da: sofi13
il 26/07/2013 alle 09:00
 
Condivido pienamente il blog,e spero di contattare sempre...
Inviato da: marcella losacco
il 27/03/2012 alle 13:25
 
pace a te, se scarichi il programma zpoc trovi tutta la...
Inviato da: maurizio_mezieres
il 02/03/2010 alle 20:49
 
ciaoo sto cercando una canzione di ANGELO MAUGERI cantore...
Inviato da: sara
il 16/01/2010 alle 23:02
 
Grazie x essere passato dal mio blog...a presto...Dio ti...
Inviato da: kb_7
il 15/07/2009 alle 17:48