libera informazione

siamo sotto regime, possibile che ci sia ancora gente che non se ne accorge ....? o semplicemente se ne frega e non vuol vedere!! rivogliamo lo Stato libero e democratico nato dalla RESISTENZA!! FALCONE E BORSELLINO, SONO LORO I MIEI EROI!! "Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini!"

 

19 LUGLIO 1992

image

"E' normale che esista la paura, in ogni uomo, l'importante è che sia accompagnata dal coraggio.
Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti."
Paolo Borsellino

 

In un Paese che sta andando alla deriva, che è schiacciato dalla casta e la cui informazione è in mano ai media di regime, un'informazione libera e corretta è forse l'unico barlume di speranza ....
Sapere esattamente come stanno le cose, dà la possibilità alla gente di ragionare con la propria testa. Questo blog vuole essere una vetrina che raccoglie informazioni da chi racconta i fatti, tali e quali, senza manipolarli. Vuole essere semplicemente informazione, affincè sempre più persone sappiano!
quartastrega

 











 

 Gli italiani hanno votato "democraticamente" regime e mafie. Adesso sono cavoli amari, per tutti!!

 Più di 125mila accessi contemporanei su raiperunanotte in streaming

Il più grande evento web della storia italiana

www.youtube.com/watch?v=lhaJ_nYQOZU  Riccardo Iacona (Presadiretta)
 
 

     VOGLIA DI CAMBIARE


Vi consiglio la lettura di questo libro per capire come si potrebbe vivere sfuttando le energie alternative a costo zero, la bioedilizia, ecc, in totale arnomia con l'ambiente. L'Italia č un Paese "primitivo", i governanti pensano al nucleare come il "futuro", come una nuova fonte di energia.
Peccato che gli altri Paesi europei la stanno dismettendo perchč largamente superata!!! Complimenti, arriviamo sempre dopo gli ultimi!

 

 

solo il 5% del fabbisogno mondiale č prodotto dal nucleare: fa ridere! e pensare che abbiamo sole, vento e acqua che non aspettano altro che darci energia!!! Sapete quanta acqua occorre per raffreddare un impianto nucleare? ma l'acqua non č inesauribile!

 

5 DICEMBRE 2009 NO B DAY

 

il Popolo dice basta!!

 

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

 

« Omeopatia, dentista e ps...Pdl all'attacco della C... »

Processo breve, via libera della Camera con 314 voti a favore

Post n°164 pubblicato il 14 Aprile 2011 da laquartastrega
 

www.ilfattoquotidiano.it

Silvio Berlusconi ce l’ha fatta. Con una maggioranza di 314 voti, il processo breve è stato approvato dalla Camera. Fino all’ultimo momento l’opposizione ha tentato di ritardare quello che si annuncia come un vero e proprio disastro per la giustizia italiana. Per salvarsi dai suoi processi, il Cavaliere ha dato il via libera alla cancellazione di circa 15mila processi, tra cui alcuni tra i più sanguinosi e terribili della recente storia del Paese. Alla Camera è stata battaglia, al Senato non sarà la stessa cosa anche se il tempo potrà favorire, in qualche modo, il lento logorarsi del partito del premier, ormai ostaggio di una guerra per bande che proprio questa settimana si riuniranno in banchetti diversi, dispersi per la Capitale, in attesa (tutti) di cannibalizzare quel che resta del Pdl. E, forse, anche di Silvio.

Intanto, per Berlusconi questa norma rappresenta l’ennesima vittoria parlamentare. La maggioranza, seppur puntellata dalla constante presenza dei ministri, di fatto ha retto bene una serie di sedute tesissime e non prive di trappole ordite dall’opposizione sul filo del regolamento, segno che per restare a galla (e andare dritti verso l’agognato vitalizio parlamentare, ottenibile solo a fine legislatura) sono tutti pronti a pagare qualsiasi prezzo a Silvio. A cominciare dalla sua impunità. E’ stato quando ormai era tutto perduto e persino l’unico voto segreto sull’articolo 3 è passato con 316 voti, dunque con 10 voti in più della maggioranza, che lo sfogo delle opposizioni si è fatto dolente. “Abbiamo fatto tutto il possibile contro questa vergogna – ha commentato amaro Dario Franceschini – questo provvedimento volevano approvarlo in due giorni solo due settiamane fa, abbiamo fatto un’opposizione intransigente, usato e interpretato creativamente tutte le norme parlamentari, abbiamo tenuta aperta il più possibile questa vergogna davanti al Paese”.

Forse servirà anche questo. L’aver urlato, a telecamere aperte poco prima del voto finale, che con il processo breve si salvava certo Silvio dai suoi processi, ma si dava anche un poderoso colpo di spugna alla domanda di giustizia dei parenti delle vittime dell’Aquila, o a quelli di Viareggio o, comunque, a tutti quelli che sono in attesa di veder condannare qualcuno per omicidio colposo, per la prima volta da molto tempo ha mostrato che un’opposizione in Italia c’è; di questo il Cavaliere dovrà tenere conto anche in vista delle prossime elezioni, anche se crede di aver inferto, con questo provvedimento, un colpo ferale ai suoi acerrimi “nemici” giudici. Da tenere presente un dato: durante la conferenza dei capigruppo, Fabrizio Cicchitto, capogruppo Pdl, aveva chiesto ai colleghi dell’opposizione di “astenersi da plateali atti di provocazione” per “non dare una brutta immagine del Parlamento”; quando si dice senza vergogna.

Ora il processo breve passa al Senato dove si prevede che possa essere approvato definitivamente entro la fine di maggio (compreso il necessario passaggio in commissione). A quel punto tutte le speranze saranno riposte nel Capo dello Stato. In questi giorni di feroce dibattito, molto spesso si sono rincorse le voci che vorrebbero Giorgio Napolitano fortemente critico sulla legge. L’ipotesi più accreditata prevede che il Colle possa bocciare solo una parte della legge, rinviandola alle Camere per questioni di possibile incostituzionalità (si parla, ovviamente, della parte sulla prescrizione breve), ma la risposta di Berlusconi, a quanto si apprende, sarebbe già pronta. E capace di far scoppiare un conflitto istituzionale di portata maggiore di quelli visti finora; nel Pdl circola la voce che il Cavaliere sarebbe intenzionato a far riapprovare dalle Camere l’articolato “solo modificando qualche virgola”, in modo da obbligare Napolitano, come prevede la legge, a firmarla comunque.

Un affronto alle istituzioni, senza dubbio, di cui Silvio Berlusconi si farà nuovamente beffe pur di raggiungere lo scopo; prima l’immunità, poi una nuova vittoria elettorale, forse un po’ prima del 2013, in una campagna elettorale puntata tuitta contro il potere giudiziario. Il primo passo verso il raggiungimento dell’obiettivo è già stato fatto giusto stasera, in diretta tv. Adesso il Cavaliere è ad un passo dalla prescrizione del processo Mills e, in successione, da quello Mediaset e Mediatrade, mentre per l’affaire Ruby forse dovrà attendere che l’ennesima porcata, la norma Mugnai presentata al Senato sul processo lunghissimo, vanifichi anche questo ennesimo sforzo della magistratura per ottenere giustizia. Il processo breve, però, è anche altro, oltre ad ennesima, vergognosa legge ad personam. E’, soprattutto, un colpo mortale alla giustizia italiana e a tutte quelle persone che da anni, spesso davvero da troppi anni, attendono di vedere pagare i colpevoli di alcuni dei più gravi delitti che hanno punteggiato gli ultimi decenni della storia criminale del Paese.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/laquartastrega/trackback.php?msg=10112701

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
 
 
 

INFO


Un blog di: laquartastrega
Data di creazione: 20/02/2008
 

".... Che potrò io rendere a te, o Regina, ricca di pietà e di magnificenza? La vita che mi resta io consacro a te, ed a propagare ovunque il tuo culto, o Vergine del Rosario di Pompei, alla cui invocazione la grazia del Signore mi ha visitato. Promuoverò la devozione del tuo Rosario; narrerò a tutti la misericordia che m’impetrasti; predicherò sempre quanto fosti buona con me, affinché anche gl’indegni come me, e i peccatori a te si rivolgano con fiducia."

 

  SE MI ABBANDONI,
SEI UNA BESTIA!

 

23 MAGGIO 1992

"Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini!"
Giovanni Falcone

 

19 LUGLIO 1992

image

"E' normale che esista la paura, in ogni uomo, l'importante è che sia accompagnata dal coraggio.
Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti."
Paolo Borsellino

 

voglio scendere

 

"Proclamare il diritto all'uguaglianza in una società che ha bisogno di una massa di schiavi salariati vuol dire aver perso la testa" [Friedrich Nietzsche - 1889]

 

diffondi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.mmy2ndLifealb.55zlets_playlumil_0SottoScontrolloquasar.1al9081fin_che_ci_sonoSky_Eagleciro.alBlueSteelesemprescomoda1991Butturfly66sols.kjaer
 

ULTIMI COMMENTI

buon compleanno
Inviato da: ninograg1
il 02/10/2016 alle 11:57
 
TANTI AUGURI DI BUON COMPLEANNO BACI PIETRO
Inviato da: gattoselavatico
il 02/10/2012 alle 10:26
 
buon compleano e buon 2012
Inviato da: ninograg1
il 02/10/2012 alle 07:52
 
Non č chiaro il commento ....
Inviato da: laquartastrega
il 07/09/2012 alle 09:56
 
alle 14:00 non ti fanno pių male le gambe?1200 euro al mese...
Inviato da: gianluca
il 02/09/2012 alle 17:19
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova