Creato da laurabrowns il 06/07/2006

me...

Ci guadagno-disse la volpe il colore del grano

Gatti grassi II Stampa artistica
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Cantico dei cantici 3

"Sul mio letto durante
le notti ho cercato
colui che la mia anima ha amato.
Lo cercai, ma non lo trovai.
Lasciami levare, ti prego,
e andare in giro per la città;
nelle strade e nelle pubbliche piazze
lasciami cercare colui che
la mia anima ha amato.
Lo cercai, ma non lo trovai.
Le guardie che facevano
la ronda nella città mi trovarono:
'Avete visto colui che
la mia anima ha amato?'
Le avevo appena oltrepassate
che trovai colui che la mia anima ha amato.
L'afferrai, e non lo lasciavo andare,
finché l'ebbi introdotto
 nella casa di mia madre
e nella stanza interna di colei che era stata incinta di me.
Vi ho posto sotto giuramento,
o figlie di Gerusalemme,
per le gazzelle o per le cerve del campo,
di non cercar di svegliare
né di destare [in me] l'amore
finché esso non vi sia incline"

- Salomone

 

TAG

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

 

« ----........... »

Post N° 157

Post n°157 pubblicato il 21 Luglio 2008 da laurabrowns

quand'ero piccola pensavo alla crescita come ad un viaggio

avventuroso e misterioso...ci pensavo specialmente

come ad un'esperienza futura, e lontana...

solo da poco tempo (da poco tempo interiore, che ha una misura

completamente diversa dal tempo esteriore....

è così lento e denso e circolare)

mi sto rendendo conto che la crescita, intesa come formazione

della personalità e del carattere, come comprensione

delle proprie esigenze, avviene quotidianamente, non si attende,

non sarà provocata da eventi sensazionali futuri.

il mio percorso interiore è un fiume che scorre in un letto che

 necessariamente cambia giorno per giorno, perchè le acque

lo corrodono, lo assecondano, lo combattono:

in alcuni punti ne spostano gli argini,

in altri zolle di terra li rinforzano e lo rimpiccioliscono...

ma questa mutevolezza non provoca instabiità ed insicurezza:

al contrario l'incessante scorrere delle acque,

 nonostante (anzi per fortuna) i piccoli cambiamenti di rotta,

 le impercettibili o improvvise e devastanti variazioni di percorso,

non pregiudicano la perpetuià del suo scorrere

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/laurabrowns/trackback.php?msg=5112261

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Auroras77
Auroras77 il 23/07/08 alle 22:59 via WEB
questa è vita..man mano che il tempo passa le incertezze diventano certezze i sogni lasciano spazio alla realtà e la vita ha le sue mutazionie e nemmeno te ne rendi conto...buona serata
 
Auroras77
Auroras77 il 11/08/08 alle 17:52 via WEB
tic tac il tempo passa ed è arrivato anche per me il momento di andare in vacanze..buone vacanze...
 
Seldon_72
Seldon_72 il 23/09/08 alle 17:37 via WEB
A volte quelle acque che descrivi sono quelle di un fiume: ho spesso risalito la corrente ma ora è come se volessi farmici trascinare..
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

laurabrownstomas2013Auroras77mayk10senzanima_ioreny.filaria.franzaSirStephen.61gabrilella3zell815annalisa196ner.oneSULTASgin_88romanticalove
 
Amanti con mazzo di fiori Stampa artistica di Marc Chagall
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Nella mia giovinezza ho navigato
lungo le coste dalmate. Isolotti
a fior d’onda emergevano, ove raro
un uccello sostava intento a prede,
coperti d’alghe, scivolosi, al sole
belli come smeraldi. Quando l’alta
marea e la notte li annullava, vele
sottovento sbandavano più al largo,
per fuggirne l’insidia. Oggi il mio regno
è quella terra di nessuno. Il porto
accende ad altri i suoi lumi; me al largo
sospinge ancora il non domato spirito,
e della vita il doloroso amore.

"Ulisse" U. Saba