Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Nel nido degli scorpioniPasqua sacrificale »

Se Olindo Canali non fosse un PM starebbe già in galera!

Post n°997 pubblicato il 28 Marzo 2009 da vocedimegaride

Gazzetta del Sud/Messina del 24 marzo u.s.
TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA (prima, anonima; poi, autografa) DEL PM OLINDO CANALI, tuttora in servizio in Procura! - L'ALLEGRA GESTIONE DEI "PENTITI". CI CHIEDIAMO SE PER ANALOGIA, TECNICA CARA AI TOGATI NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI, NON POSSA ESSERE VERIFICATA LA GESTIONE DEI "PENTITI"  NEL PROCESSO A BRUNO CONTRADA. IL CASO CANALI DEFLAGRA MENTRE IL CSM TIENE "SOTTOCOPERTA" LE IMBARAZZANTI PARENTELE DEL PROCURATORE MESSINEO (uno di più feroci colpevolisti di Contrada)... C'E' DA RIVEDERE SE IL PAPA' DELLA FUTURA EUROPARLAMENTARE SONIA ALFANO CANDIDATA DAL GIUSTIZIALISTA DI PIETRO SIA CADUTO DAVVERO VITTIMA DELLA MAFIA O DI UNA VENDETTA PERSONALE... EVENTO ACCIDENTALE PER IL "VITTIMIFICIO" DI STATO. CI SAREBBE DA RIFARE IL PROCESSO PER LA STRAGE DI VIA D'AMELIO, PER LE DICHIARAZIONI DEL NUOVO PENTITO SPATUZZA... INSOMMA TROPPE COSE NON QUADRANO, ALCUNI EQUILIBRI SI SONO INESORABILMENTE SPEZZATI... MOLTI DUBBI SU MOLTE SENTENZE SI AFFACCIANO.

Barcellona 11.01.06 - Rifletto su molte cose. Il Procuratore Croce, findal mese di MarzoAprile (del 2005) ha smesso di chiamarmi al telefono.I colleghi pure. Ho inviato sms di auguri di Natale e Capodanno emolti, dell'ambiente - magistrati, funzionari, avvocati, forzedell'ordine - non mi hanno risposto. E i silenzi sono significativipiù di quelli che ti hanno risposto. La mia estromissione dalla D.D.A.è stata una liberazione per Croce. Che, evidentemente, non sapeva comefare. Sia detto per inciso. Gigi Croce è una persona onesta. E mi ha, asuo modo, voluto bene. Credo abbia sofferto (in senso lato del termine)a cacciarmi. Ma non poteva fare nient'altro. Su di me è sceso un velodi silenzio, di abbandono, di distacco. Soprattutto il silenziotelefonico mi inquieta. Segno evidente che da tempo sono intercettato.Ha smesso di chiamarmi addirittura Parmaliana! Ed è tutto dire!Evidentemente da Lumia o da gente vicina a lui ha saputo qualcosa.Forse è una salvezza. Se sono stato intercettato da tempo, forsequalcosa (se non tutto) emergerà a mio favore. Ma so già lacontrorisposta: ‘Certo! Non parlava al tel. Perché sapeva di essereintercettato!' Il dubbio mi viene ora. Non mi è venuto prima. Ma le cose non le vedi, strada facendo, le vedi quando metti insieme ipiccoli tasselli di ogni giorno. Solo così, ad un certo punto, compareil mosaico. Un'altra cosa mi fa pensare. La ritrovata cortesia dei Carabinieri ed il freddo della Polizia. In questi giorni, dal 28.12 perl'esattezza, ho lavorato con la P.S.. Buona cortesia, niente da dire.Ma velato imbarazzo, silenzi più che scambi. Soprattutto tra il funzionario e gli agenti della Mobile. E' come se lavorassero conqualcuno con cui si devono mostrare ad ogni costo gentili ecollaboranti, ma di cui sanno che è prossima la fine processuale. E chetoccherà proprio a loro arrestare. Nessuno può immaginare quanto pesiil senso di imbarazzo, di solitudine, di emarginazione. Nessuno. Ma loaccetti come regola del gioco. Ti adatti e fingi che tutto sia normale.In fondo più delle tue sorti personali conta quel poco di lavoro che puoi ancora fare. Credo che, per una sorta di obiettività, chi, tra la A.G. ha preso le indagini su di me, le abbia tolte ai carabinieri e le abbia date alla Polizia. Ciò giustificherebbe entrambe le cose. Mi arresteranno. Su questo non ho dubbi. Non so quale sarà l'imputazione.Escludo omicidi, droga, escudo rapine, pedofilia, estorsioni, usura, falsi. Escludo quasi tutto il codice penale. Tranne il 416-bis. E' in fondo il reato più facile (è un paradosso) da contestare. TermeVigliatore? Rugolo? O cosa di altro? Sarò senza difesa. Questo è certo.Conosco le regole del gioco. Quando ti accusano di qualcosa che non haifatto, quando i tuoi comportamenti sono letti in una visione che tutti li organizza secondo (lecite, per carità!) ipotesi di lettura, non puoi difenderti. Ho lavorato anch'io da PM così. Ci lavoriamo tutti, così.Toccherà a me, come è toccato a molti. Quasi tutti giustamente arrestati. E anche il mio arresto sembrerà giusto, sacrosanto, provato e fondato. E sarà così. Non credo neppure ricorrerò mai al tribunale del riesame. A che serve? Se un P.M. chiede ed un G.I.P. concede una misura cautelare è segno che la lettura delle carte è convincente. Un tribunale del Riesame, su certi tipi di indagine può poco o nulla. Starò in galera fin quando sarà il tempo per uscire. Questo è ilrispetto per le regole, e per in principi dello Stato di Diritto. Setocca a te, tocca a te. Non è così per tutti: un normale cittadino hail diritto di difendersi. Un Magistrato no. Un Magistrato deve saperaccettare le decisioni dei colleghi. E' vero, invece, che mi sono unpoco perso, impigrito, imborghesito. Non ho coltivato i rapporti sociali, professionali. Ho capito che per me era finita quando Rosa Raffa e Emanuele Crescenti hanno chiesto l'ergastolo per Galati Giordano all'"abbreviato'"di Mare Nostrum. Per me era finita perché Galati Giordano nel processo principale l'avrei utilizzato, sia pure per parti, come un testimone prezioso per l'accusa. La richiesta di ergastolo era segno inequivoco: Galati Giordano, tra le mille nefandezze (vere) che ha commesso, aveva accusato anche Pippo Gambino esarebbe stato teste nel processo a suo carico. Io avevo fatto quellarelazione su Gambino. Rosa Raffa e Emanuele (due ottimi magistrati,Emanuele anche una persona di spessore umano - e non è facile trovarne-), erano e sono rimasti dalla parte di Gambino. La richiesta di ergastolo per Galati era un segnale a Gambino, a Galati Giordano e a me. D'altro canto è vero che nessuno di loro si è sentito quantomeno nella necessità di chiedermi nulla sulla impostazione della requisitoria. Ed era assolutamente necessario concordare una linea unica tra l'abbreviato ed il procedimento principale. Non è statof atto. Non ci ha pensato (o ci ha pensato?) neppure Gigi CROCE. Segno che,  forse,  già dall'epoca, ero stato tagliato fuori. Se togliete Repici, Colonna e qualcun altro, non è rimasto nessuno dalla mia parte. Anche Repici è dalla mia parte, sia pure a modo suo. E' da quella parte in cui non si fanno sconti a nessuno. Neppure a quelli che, per un tratto o forse sempre, hanno camminato, con te, sulla stessa strada. A Repici l'unico appunto che posso fare (se ancora posso fare appunti a qualcuno) è che, difendendo Piero CAMPAGNA nel processo per la morte della sorella, ha saputo, deve aver saputo, la verità sull'omicidio ALFANO e sulle dichiarazioni di Bonaceto. Quella che io sospetto da tempo. Non certo dai tempi dell'indagine, ma almeno da un paio di anni a questa parte. Triste è stato doversi tenere dentro tutto. Repici non la dirà mai. E questo farà di lui, anche di lui, un  "imperfetto", rispetto ad una sua perfezione morale, culturale e professionale quasi assoluta. I suoi dubbi, professati poi mica tanto in segreto e a nonpoche persone, sulla responsabilità di Merlino e di Gullotti, la dicono lunga sulla sua capacità di analisi e sulla sua onestà intellettuale. E' un Leninista. Me lo fece capire un suo accenno, politicamente corretto e segno di grande conoscenza dell'ideologia marxista. Disse, una volta, (non ricordo a proposito di chi) "E' un leninista, farebbe qualsiasi cosa per il potere' . Aveva ragione, ma questa frase va intesa bene, e credo di averla intesa giusta. Come Lenin con gli ideali puri del marxismo e della rivoluzione bolscevica, che erano da far trionfare in qualsiasi modo (e giustamente, ritengo io), anche Repici farebbe qualsiasi cosa pur di affermare la sacrosanta vittoria della Verità e della Giustizia sulla Mafia. Qualsiasi cosa, a qualunque costo. La vittoria finale fa passare in secondo piano i mezzi e, soprattutto, le  convinzioni personali. Come ho fatto io.  Anche con Pippo Gullotti. Pippo Gullotti: che nemesi. Assolto da omicidi che aveva certamente commesso o di cui era certamente il mandante, finirà per aver scontato parte di pena per uno da cui è probabilmente estraneo. Ma se avesse dato anche solo una possibilità a sé o ad altri, di dimostrare l''altro' che è stato l'omicidio ALFANO, forse avrebbe aiutato se stesso, pur rimanendo fedele al suo clichè di capo mafia (e che tale sia nessuno può metterlo in dubbio, nemmeno lui). Bastava dare una spiegazione plausibile dell''altro' che fu. Ma, come lui stesso ha sempre ripetuto, "si vuole difendere senza accusare" Ma così non ha aiutato se stesso e nemmeno quelli che ha protetto, con il suo silenzio, in questi anni. Sa bene cosa è avvenuto quella sera. Ed il suo silenzio è stata la sua condanna. E la prova,  forse, che l'omicidio ALFANO è davvero un omicidio di Mafia. Lo hanno salvato le recenti polemiche: tutto quello che è uscito in questi giorni è la vera, unica, solida base su cui potrà chiedere (ed a parere mio ottenere) la revisione della sua condanna. Probabilmente uscirà prima lui di galeradi quando uscirò io. Non lo dico per provocazione, lo dico convinto: mi farà enormemente piacere. Ho fatto il mio lavoro come ho potuto, per quello che ho potuto, o che mi hanno lasciato fare. Dal 1999,dall'epoca del lavoro infernale nelle udienze di mare Nostrum - che nessuno può immaginare - ho perso la morsa sul mio lavoro di P.M., e su Barcellona. Ma soprattutto ho perso il tempo per comprendere, capire e stare vicino alle persone giuste. In fondo la stessa frequentazione con Rugolo, sia pure nei termini che io so e che non è quella per cui verrò arrestato, è il segno che quel dannato lavoro, o meglio quel modo di lavorare in cui mi hanno lasciato, mi aveva fatto perdere lucidità, precisione e forse tensione. Un po' di sbracamento lo devo ammettere. Epure un po' di presunzione. Colpire, giustamente, Palano per i suoi delitti è stato un altro delitto di presunzione che il suo precettore Tano GRASSO non mi ha mia perdonato. Ed avere contro Tano GRASSO è come avere contro una corazzata americana. E Tano Grasso significa Lumia, significa Gigi Croce. Significa Gambino. Significa buona parte dei DS. Non un complotto, di certo. Mai! Sarò colpito per in miei comportamenti, non per altro. Che, come ho detto, saranno letti ed organizzati concettualmente in una sola chiave di lettura. Ma quando queste persone ti abbandonano, è segno che sei davvero solo. Perché a loro non interessi più. Perché non sei affidabile. Perché colpisci i nemici ma anche (pedestremente, quasi goffamente, rudemente,ingenuamente) gli amici. A dire la verità non mi è costato molto fare quella relazione su Gambino. Mi è costato molto di più testimoniare non a favore di Marcello MINASI al CSM. Quella testimonianza (vera) l'avevo davvero patita. E tanto. Ma non potevo fare diversamente e forse, oggi,Marcello (un altro dei pochi che si salva, pur nella sua extravaganza enaivetè) lo ha capito. Franco GRECO ha fatto una relazione su una richiesta di un suo fraterno amico, Ciccio MISIANI, e a lui si èguardato come uomo retto e magistrato intransigente. Io ho fatto la mia su Gambino e passo per un traditore. La differenza geografica a volte è determinante. Non posso però tacere di una cosa che ho nel cuore datempo. Ho conosciuto molti avvocati in questi anni. Molti li ho difesi anche davanti a colleghi. Sono bravi, preparati, più onesti, intellettualmente di quanto essi stessi appaiano o vogliano apparire. Lo so che i miei colleghi a volte non li sopportano. Ma sbagliano. La bravura e la preparazione degli avvocati fanno crescere noi magistrati. Ringrazio, allora Tommaso Autru Ryolo, Tommaso Calderone, Giuseppe LoPresti,  Bernando Garofalo, Luigi Autru Ryolo, dai quali ho ricevuto, oltre a profondi insegnamenti su come deve essere un P.M. e su come debbono essere fatte le indagini, una vera e ricambiata stima personale. Franco BERTOLONE è il Franco CASSATA tra gli avvocati. A volte il troppo bene che vuole ad alcune persone (e a me compreso) fa,i n lui, perdere lucidità. Ma è un cuore grande. Raggiungerò Ciccio SIDOTI, LA TORRE, Gianni LEMBO, MONDELLO, Pippo SAVOCA, nel novero dei magistrati che, lavorando a Messina, hanno raggiunto la galera. Come sempre,  finisco sempre nella parte dei perdenti. In fondo faccio il P.M., sono di sinistra e tengo all'Inter. Tra i vincenti proprio mai! Non so quando succederà. Ma succederà. Quando questa lettera sarà resa più o meno pubblica, sarò in galera. A nessuno venga in mente di difendermi. Non ne vale la pena. Come diceva Heidegger  "Das Dasein istals solches Schuldig'" : "L' Esserci è, di per sè stesso, colpevole'. Un dio laico mi aiuti. Il Dio dei Cristiani non me lo sento da tempo.

Inondiamo di mails il ministro! Sul sito www.angelinoalfano.it compilate il form della sezione "Contatti".
“Caro ministro Alfano perchè non manda un'ispezione alla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto? Perchè Canali è ancora al suo posto? Perchè non revisioniamo il processo Contrada?”

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: