**TEST**
Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 34 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

cassetta2giacinto.garceacile54falco1941fiordistella3gpaola61kristel.krinomadi50koonasquaw04bach1962mauriziocamagnaprefazione09surfinia60michele.1309
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« IDEA DI LIBERTA'IL CORroSIVO DI ORDALAN »

DONNE E MIGRANTI

Post n°683 pubblicato il 27 Ottobre 2007 da cile54

Sessismo/razzismo e informazione/deformazione

Il sessismo e il razzismo - nelle loro diverse forme: razzismo anti-migranti, lesbofobia, omofobia, transfobia, antisemitismo, razzismo anti-rom, violenza sulle donne ... - sono tra le più spietate modalità di dominio all'opera nelle società contemporanee con conseguenze drammatiche e talvolta micidiali sulla vita delle persone che ne subiscono gli effetti.

Affrontare questi fenomeni in termini di "emergenza securitaria" - anziché esplorarne le cause reali che sono attinenti ad un rapporto di potere di tipo sociale, economico e politico, nonchè culturale - si rivela utile solo a chi questo potere lo detiene come hanno dimostrato, dolorosamente, recenti fatti dall'omicidio di una donna nell'aula di tribunale che doveva sancire il suo divorzio da un marito violento agli ultimi suicidi di migranti nei Centri di permanenza temporanea.

Un contributo della redazione di "lavoroesalute" alla discussione in corso su marginaliavincenzaperilli.blogspot.com/

L'INFORMAZIONE, UNO STRUMENTO DELLA POLITICA CONTRO I DEBOLI

SESSISMO E RAZZISMO, INFORMAZIONE E DEFORMAZIONE

AD OPERA DEI MEDIA

L’informazione è fatta di messaggi visivi e di parole, scritte o parlate, spesso l’utilizzo che ne viene fatto sottostà ad una manipolazione dei contenuti delle vicende che si svolgono nella vita di tutti i giorni, manipolazione che dovrebbe starci sempre più stretta, ma che purtroppo non è così evidente, perché somministrata con arguzia e con modelli formalmente ineccepibili. Così gli avvenimenti hanno più o meno risalto a seconda di quanto l’informazione faccia o no il suo dovere, quasi che i picchi d’ascolto e l’attenzione siano essi stessi determinanti invece di come credo, debbano essere importanti i fatti in sé, indipendentemente se siano “di sinistra o di destra”, un po’ quel che succede per i libri o per i film che dovrebbero essere belli, o meglio piacere non per connotazione di parte, ma per il gusto personale del pubblico. Certo non posso pensare all’informazione come un esercizio di narrazione asettico e impersonale, l’espressione di opinioni anche divergenti è l’essenza della democrazia, il livello di attenzione sulla qualità e sulla pluralità dell’informazione deve però rimanere alto, perché per dirla in poche parole e forse scontate, il mostro si fa in fretta a crearlo, ma poi chissà qual è la realtà vera, posta tra l’oggetto-notizia e il soggetto-lettore e ancora, chissà poi come se la cava il mostro se non lo è e come se la cava se lo è … I messaggi che vengono proposti, spesso rinforzano, favorendo la formazione di una cultura fatta di stereotipi, opinioni permeate di qualunquismo e razzismo, certo molto “ben vestite”, ma sempre tali e dunque fonte di disagio per chi canta fuori dal coro e di continuo beneficio per chi muove i fili di questa operazione di dominio dei poteri forti.

Lo stesso ragionamento, penso sia applicabile su argomenti quali sessismo, lesbofobia, omofobia, razzismo anti-rom, anti-migranti, anti-tutto ciò che è diverso, scomodo, magari fastidioso, che in qualche modo ci irrita e infastidisce, perché così è. Alla mia mamma può tranquillamente dar fastidio vedere due donne che si baciano. A me può dar fastidio l’insistenza del rom al semaforo. La mia collega si può (giustamente) imbestialire di essere “sputata” ad un semaforo … tra l’umano fastidio della convivenza e l’accettazione di chi, suo malgrado, assume in sé tutto il peggio della diversità, c’è un percorso ad ostacoli, in cui fanno la parte del leone tutti coloro che per i più vari motivi soffiano sul fuoco mai sopito dell’intolleranza, trovando facilità nell’ argomentare “l’anti-tutto-ciò-che-non-è-simile-a-me” dalla nostra quotidianità di esseri umani. Scendere su terreni teorici, per me è sempre cosa faticosa, adesso è infatti il momento di domandarsi chi e perché ha interesse a non far crescere la cultura della tolleranza sia da parte di chi accoglie, che da parte di chi arriva con il suo carico di vita tanto difficile da sostenere, quanto per noi da comprendere. La cosiddetta emergenza sicurezza è l’evoluzione mediatica più facilmente accettabile per risolvere (secondo loro, ma loro chi?) i problemi che complicano la vita dei cittadini, “regolari” : le prostitute danno noia al pubblico pudore e al traffico? Nascondiamole in zone più periferiche ancora, magari riapriamo le case chiuse.

I lavavetri ci infastidiscono? Multiamoli e facciamoli soggiornare in galera, già che il sovraffollamento non è un problema. L’omossessualità ci turba? Sono tutti peccatori, indegni per avere una famiglia, andranno all’inferno e per adesso, diamoci giù con emarginazione e malinformazione, così che per esempio, tutti rischino di cadere nel vergognoso tranello di associare crimini a sfondo sessuale a tutti i gay del mondo.

Una donna si smarca da un marito violento o magari solo dal marito? Il maschio sempre più spesso si sente autorizzato a ricorrere alla violenza, fino ad arrivare a episodi drammatici come l’omicidio della donna nell’aula di tribunale, e in questo caso gli organi di informazione, se ne occupano, ma non con lo stesso impegno utilizzato con faccende più pruriginose, vedi omicidi di Cogne e simili.

La ricerca dei motivi veri che ci sono dietro tutto ciò che è disagio e che porta inesorabilmente ad intolleranza e violenza, è l’assenza più rumorosa ed evidente di tutto quello che sta succedendo, la ricerca seria di condizioni che ci pongano, tutti, in situazioni di minor disagio è quasi nulla, anzi chi lavora in tal senso c’è, ma chi lavora per vanificare ogni tentativo, ha mezzi e risorse illimitate, chi invece cerca modalità di contatto fra diverse realtà, chi combatte per trasformare tutto ciò in progetto politico, perché il progettare e il ricercare diventi realtà e terreno comune di confronto e ricerca di strategie condivisibili, si trova con pochi mezzi e facilmente oscurabili. Credo che i cosiddetti poteri forti, abbiano da guadagnarci a 360 gradi, dividi et impera è ancora una crudele realtà ed una più che esercitata attività di quanti, in doppiopetto, trovano nel disagio fonte di ricchezza, nella malinformazione voti e consenso, nella violenza la scusa per ricorrere alla repressione.

Il binomio repressione - criminalizzazione alimenta fenomeni e spazi di illegalità, spingere ancora e sempre di più “il diverso” ai margini, amplifica e favorisce, ledendo i diritti degli ultimi, situazioni di rischio per tutti. Le strategie che sfruttano, aumentandole ansia e paura, producono ulteriore insicurezza, portando la gente comune a chiudersi in casa, a inibire il contatto con l’esterno, diventando così facile preda, spesso inconsapevole, di chi con la scusa di “mettere ordine” trae vantaggi ( un potere politico ed economico esercitato senza che nessuno, o pochi, eserciti a sua volta il potere dell’espressione e della critica dato dalla democrazia ). Don Ciotti dice: - E’ giusto prendere atto della paura, ma la risposta non deve fermarsi ai sintomi del fenomeno (…) in un’ottica democratica, e progressista, la sicurezza deve essere vista come un diritto da garantire assieme ad altri diritti e non al posto di questi -.

Facendo nostra questa affermazione, è facilmente comprensibile come il suo effetto sia dirompente e come la filosofia della tolleranza e dell’accettazione dell’altro, se applicata a tutti i livelli della società, possa diventare un pericolo per chi ha fatto di razzismo, sessismo e malacultura strumento di potere. Per questo motivo, l’opposizione a questo pensiero dovrebbe coinvolgere quanto più possibile i diversi componenti della società civile ed è per questo che l’informazione assume un’importanza così grande e determinante per le sorti della democrazia e della civiltà.

REDAZIONE

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/lavoroesalute/trackback.php?msg=3491182

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
silvia.to
silvia.to il 27/10/07 alle 22:42 via WEB
ho letto fino alle scritte grandi, non ce la faccio a leggere il resto, sul computer mi si intrecciano gli occhi. Io sono convinta che le donne si sono evolute molto velocemente, e gli uomini non riescono a stare al passo, non accettano il cambiamento della società , le donne si sono modernizzate, gli uomini sono ormai un passo indietro e non lo accettano, i fidanzati i mariti che non accettano di essere lasciati e uccidono le loro donne, spero che tutto questo finisca, credo comunque che anche la televisione ha le sue colpe, facendo in continuazione vedere quasti assassigni, stimolano menti labili a seguire gli esempi.
 
 
cile54
cile54 il 28/10/07 alle 13:52 via WEB
Credo che l'informazione televisiva e stampa abbia le maggiori responsabilità. ma oramai anche molta politica è succube della potenza delle immagini e dei messaggi pubblcitari. ciao
 
crysalid
crysalid il 28/10/07 alle 02:34 via WEB
Prendo spunto solo dall'ultima frase, perchè il tema che poni è veramente complesso, e meriterebbe ben più di un breve commento. Mi sembra di notare che gran parte del giornalismo, oltre che colpevolmente omologato ed "organico", talvolta è anche un po' "sciatto" per convenienza. Certi TG sono diventati dei bollettini di cronaca nera, fatti apposta per alimentare paure spesso ingiustificate. Un giornalismo sul tipo di Report o di Annozero sta diventando un'eccezione: scavare nella profondità dei fatti costa troppa fatica e dà troppo fastidio a chi comanda.
 
 
cile54
cile54 il 28/10/07 alle 13:54 via WEB
Concordo sulle tue osservazioni, anche se spesso lo stesso Santoro cade nella trappola del scandalismo per fare audiance. Resta inimitabile la Gabanelli!
 
hilda_gadea
hilda_gadea il 28/10/07 alle 22:46 via WEB
Nessuno puo' o deve essere discriminato a causa dell'origine, della razza, del sesso, dell'eta', della lingua, della posizione sociale, del modo di vita, delle convinzioni religiose, filosofiche o politiche, e di menomazioni fisiche, mentali o psicologiche!!!!!No a qualunque forma di violenza!!! A presto...
 
YORNON
YORNON il 29/10/07 alle 00:15 via WEB
La vedo spesso in giro tra blog e, se non sbaglio anche nel mio lei è passato, quindi mosso a curiosità, sono venuto a trovarla, quindi la saluto, in bocca al lupo su tutto e notte... Fausto.
 
 
cile54
cile54 il 29/10/07 alle 00:57 via WEB
Grazie della visita e del saluto. Quando ho un attimo di pausa giro in cerca di blog creativi. Ricambio la buona notte
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

SI IUS SOLI

 

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE