Le1001Redazione

Una redazione in più vesti, perché ha molto da dire e comunicare, e qui lo farà in maniera scherzosa, perché dedica tutta la serietà al proprio lavoro! 1001: dolce

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Post N° 3

Post n°3 pubblicato il 10 Settembre 2006 da le1000e1redazione

Ma anche il 2005 non è stato esente da tale

incontro divora-cultura e divora de tutto...

Guardate un po' cosa è successo l'anno

scorso...

Un consueto incontro:
la nostra "riunanza"

di Germana Luisi

È ormai diventato un appuntamento fisso quello

 con la redazione: ma cosa si combina realmente

sotto il caldo sole del 31 luglio, tra libri e soppressate?



Carissimi lettori, questa volta ho scritto un articolo diverso dai

soliti, e non me ne vogliate se, per una volta, non leggerete

nulla di Arte, Filosofia, Letteratura, Sociologia o Storia.


Non abbiate paura, non avete sbagliato rivista e il vostro

computer non sta dando i numeri; ma, se di numeri vogliamo

parlare, effettivamente questo nuovo di Scriptamanent.net

racchiude una piccola sorpresa. Ripeto: piccola, anzi piccolissima,

 ma sufficientemente grande per renderlo diverso dagli altri, e

magari anche un po’ più speciale.


Dovete sapere che una volta all’anno, e solo per un’occasione

ben precisa (per l’appunto questa!), ci diamo una regola che…

infrange le regole! In ogni giornale, in ogni rivista che si rispetti

(e mi auguro che Scriptamanent.net rientri, a vostro giudizio,

tra queste!), gli articoli, sono scritti generalmente in prima

persona plurale; oggi, dunque, ci siamo “autopermessi” di

cambiare le carte in tavola: la regola ha subito, come si dice,

uno “strappo”.


Abbiamo preso questa decisione per un motivo sostanziale:

vogliamo creare un clima confidenziale, intimo, farvi avvicinare

e invitarvi tra noi, per rendervi partecipi, in parte, di

quell’atmosfera che abbiamo respirato noi della redazione (in

compagnia di collaboratori e amici), non molto tempo fa, immersi

in una bella e calda giornata estiva.
Mi sa che non riusciremo a dividere con voi quell’ottimo vino

Critone-Librandi che, invece, abbiamo trangugiato noi, ma una

cosa è certa: alla fine del racconto sentirete di conoscerci meglio

o comunque, seppur vagamente, vi sarete fatti un’idea migliore

(o peggiore!) di noi.


E già, perché voi, “sfogliando” la rivista, leggete articoli, racconti

e rubriche, ma probabilmente vi chiedete anche: «come lavora

la redazione?», «e cosa fanno tutti questi collaboratori?», e poi

«chissà il direttore, Fulvio Mazza (ma chiamiamolo pure il Capo…

a lui – anche se dice il contrario – piace!), che tipo è?».


È la vostra occasione per scoprirlo mentre cercherò di

raccontarvelo…

In “fuga” verso Decollatura
La maggior parte degli italiani, nonostante si parli sempre più di

crisi economica, continua ad andare in vacanza e, che sia

all’estero o all’interno della nostra penisola, le mete estive più

ambite sono quasi sempre spiagge e mari puliti.


Eppure, ve lo assicuro, il 30 e il 31 luglio molti di noi hanno

abbandonato ombrelloni e pedalò, pinne e racchettoni e,

dall’Adriatico allo Ionio, da Nord a Sud (isole comprese!), si

sono diretti in cerca di un celebre, famoso e glorioso luogo

calabrese (che ovviamente nessuno conoscerà, ma scriviamo

così perché il Capo, vivendo lì e considerandolo caput mundi,

ne sarà contento!) chiamato Decollatura.


Cosa poteva spingere giornalisti (o aspiranti tali), redattori e

collaboratori ad intraprendere un così lungo (per alcuni!) e

tortuoso (per tutti!) viaggio? Mi permetto di rispondere usando

un neologismo fresco fresco e creato per l’occasione: si

svolgeva l’ormai famosa “riunanza” (vi piace il neologismo?), un

po’ riunione e un po’ vacanza!


Sappiate che, e mi rivolgo a chi non ha avuto la ventura (ahilui!)

di leggere il resoconto dello scorso anno (tranquilli, siete

sempre in tempo: www.scriptamanent.net/scripta/public/dettaglioNewsCategoria.jsp?ID=1000633),

 che “noi” siamo sparpagliati su tutto il territorio nazionale e

lavoriamo e comunichiamo attraverso lunghe email che, in caso

di problemi da risolvere o decisioni da prendere, possono

rimbalzare da un redattore all’altro, formando una catena infinita

di parole.


Da bravi redattori, anche noi ci troviamo spesso a discutere di

maiuscole e minuscole, di virgolette alte o virgolette basse, del

punto singolo o dei tre punti, del corsivo o del tondo, di trattini

e lineette. E non pensate che, solo perché ci siamo incontrati in

un mese dove la parola lavoro è da tutti temuta e tutti fa

rabbrividire, abbiamo tralasciato questi discorsi impegnativi.

Anzi, addirittura li abbiamo ampliati e approfonditi.

 
Certo, il Capo ha saputo prenderci dal verso giusto! E per

“verso giusto” intendo la “gola”. Cos’altro se no? Abbiamo

mangiato divinamente e, tra una correzione e una proposta

redazionale, le mani di tutti si allungavano sulla tavola,

perennemente imbandita, per gustare prodotti locali: formaggi,

pomodori, salumi, frutta di stagione. Capitava che qualcuno

sussurrasse «bianco», qualcun’altro «rosso», altri ancora «rosa»,

e vi assicuro che nessuno tra noi chiedeva matite e pastelli

colorati per la correzione di bozze: era semplicemente un modo

 gentile per farsi versare nel bicchiere il profumato Cirò rosato,

il corposo Duca San Felice o il fruttato Labella.


Ma diciamo la verità: il Capo non ci ha solo viziato sperando di

farci lavorare meglio (anche perché, dopo il terzo bicchiere di vino,

 le conseguenze sono ovvie!), ma soprattutto per darci

l’opportunità di conoscerci e socializzare, dato che per molti di

noi l’incontro decollaturese è stato il primo ritrovo ufficiale e,

soprattutto, “fisico”!

Il lavoro (?) del primo giorno
Come accennavo poco più su, il 30 mattina un primo gruppo

(quello dei redattori) è partito per raggiungere Decollatura; la

gran parte, invece, è arrivata il giorno seguente. A tutti coloro

giunti in macchina, però, è toccato il medesimo percorso pieno

di curve e stradine disegnate tra abeti e castagni, pini e querce.

 Paesaggio bellissimo, e su questo non ci piove! Ma perdersi

all’ora di pranzo, quando lo stomaco brontolava e il sole in cielo

brillava del suo massimo splendore… è stata un’esperienza

memorabile!


Però, come si dice, è valsa la pena attendere anche se, con un

certo margine di certezza, ipotizzo che la penseranno

diversamente Mirko Altimari, Ilaria Attisani, Alessandro Chidichimo

e Katia Stabile che, dopo aver preparato e imbandito la tavola per

dare il benvenuto ai colleghi, hanno dovuto farsi un bel po’ di

penitenza, cercando, nell’attesa, di non cadere in tentazioni

culinarie!
Dopo aver consumato un pranzo succulento, che si è prolungato

per circa due ore, e dopo aver degustato il “tartufo” di

Lara Esposito (nella fattispecie non redattrice ma artigiana

gelataia), divenuto oramai un’istituzione, si è passati a

correggere e rivedere, in parte, gli articoli della rivista cartacea,

 Rnotes, anche questa edita dalla Rubbettino e anche questa

diretta, come ben saprete, da (sempre lui!) Mazza.

 
La correzione è andata avanti per un bel po’, mentre si

avanzavano proposte e suggerimenti, e lì dove l’indecisione era

grande, ci ha pensato il Capo a togliere tutti da inutili imbarazzi.

 
E vi pare che dopo tanta fatica la redazione non avesse bisogno

di nutrirsi e abbeverarsi perché già ora di cena? Così di nuovo

tutti allegramente a tavola, e sempre con “fratel” vino e “sorel”

soppressata! Di tempo, però, non se n’è sprecato e, tra un

boccone e l’altro, si è cercato di stabilire i nuovi compiti.

 
Marco Gatto, che fino a luglio ha coordinato la rivista, e ora

proiettato verso nuove esperienze, ha ceduto lo “scettro” a

Luigi Grisolia, che ha subito mostrato tutte le buone qualità

che ogni bravo “condottiero” deve possedere.

 
Inoltre, lo stesso Luigi, è stato eletto fotografo ufficiale per i

numerosissimi click scattati durante i due giorni di permanenza,

giustamente privilegiando, nella scelta dei soggetti, il “gentil

sesso”!


Loredana Leone, playmaker e dunque collante tra autori e

redattori (ma non solo!), dovrà (per sua gioia?) continuare a far

girare ogni giorno un ingente numero di e-mail.


Le discussioni, a volte serie, a volte meno, si sono prolungate

fino a tarda ora (le quattrooo!) quando (dopo MAIUSCOLE e

minuscole, “virgolette alte” e «virgolette basse», tondi e corsivi,

grassetti), tutti stanchi, ma contenti, abbiamo concordato l’ora

del risveglio: una nuova giornata di lavoro e di piacere ci aspettava!

L’arrivo di amici e collaboratori
La mattina seguente, dopo una ricca colazione e dopo i mitici

biscotti al miele e al cioccolato del – Mazza docet – mercato

equo solidale, i “partecipanti” si sono divisi: una parte lavorava

(o fingeva di farlo?) al computer, mentre un nutrito gruppo,

capitanato da Sandra Migliaccio e assistito da Luca Muzi,

affettava, preparava e sbucciava.


Per l’ora di pranzo doveva essere tutto pronto, stavano per

arrivare tutti i collaboratori, fissi e saltuari.


Questi sono una parte essenziale della redazione. A loro è

affidato il compito di leggere e correggere i testi che, prima di

essere pubblicati, necessitano di molteplici sguardi. Carini,

disponibili, pazienti e singolari: nel pomeriggio erano tutti

(o quasi!) presenti. Qualcuno è arrivato in ritardo, altri hanno

 purtroppo, per cause di “forza maggiore” (o l’hanno fatto per

 non “sgobbare”? Il dubbio rimane!), dovuto rinunciare al

piacevole incontro.

 
Peccato! Non solo si sono persi momenti profondamente piacevoli,

 ma non hanno assistito alla riunione ufficiale delle 15,30,

quando il Capo, dopo averci deliziato con cibi e bevande

(ricordiamo l’infuso alla liquirizia: buonissimo ma in presenza

del vino… ubi maior minor cessat!) ci ha altresì ricordato che

eravamo lì anche (o soprattutto?) per parlare dei nostri

impegni professionali.


Dopo aver ribadito le corrette modalità di lavoro, l’importanza

della puntualità e la serietà nel rispettare ciascun ruolo, è

passato alla distribuzione dei libri. Bicchieri, piatti e posate

hanno lasciato il posto a innumerevoli volumi. La tavola è

stata all’improvviso invasa da testi in cerca di un lettore,

nonché futuro recensore, trasformandosi in cattedra: e qui il

Capo ha potuto tenere una breve ma incisiva lezione su come

si fa giornalismo, sull’importanza e la chiarezza di un titolo, sul

contenuto dei sottotitoli, mostrando concreti esempi di buon

giornalismo e cattivo giornalismo.


Tutti i partecipanti e gli invitati (che forse avrebbero preferito

tuffarsi dal pedalò o spalmarsi creme e cremine sotto il sole),

quindi, oltre al piacere di condividere una giornata con colleghi

e amici, hanno potuto ampliare le proprie conoscenze e

frequentare un corso “intenso”, più che intensivo, di redazione

e di giornalismo!


Perché (e qui abbandono la semiserietà e torno ad essere per

le conclusioni, ahimè, seria!) ognuno di noi, giovane o meno

giovane, con più o meno esperienza, ha sempre da imparare,

e qualche volta, da insegnare. Ascoltare e confrontarsi è

fondamentale, soprattutto in un lavoro di squadra come questo.

 
Professionalità, serietà e umiltà sono le caratteristiche principali

che “muovono” le riviste, e quelle che il Capo ha voluto

trasmetterci.


È principalmente per questo che, seppur con un pizzico di

divertimento e di piacere, le cose continuano a funzionare e, ci

auguriamo per il futuro, ad andare sempre meglio.

 
Se voi avreste preferito leggere un articolo di Storia o Filosofia,

non lo sapremo mai (a meno che non scriviate alla redazione!),

ma forse, se siete arrivati a leggere fin qua, è perché, in fondo,

vi ha fatto piacere seguirci, attraverso questo breve racconto

“semiserio”, nei nostri due giorni decollaturesi.

 
E a me (a noi, anzi!) ha fatto piacere condividerli con voi!

Germana Luisi

(www.scriptamanent.net, anno III, n. 24 

settembre-ottobre 2005)

ECCHICEEEE.......,


   

                 

        

 

 

 
 
 

Post N° 1

Post n°1 pubblicato il 09 Settembre 2006 da le1000e1redazione

Ciao! Innanzitutto comincio a farvi parlare di me da chi fa parte di me... E già, perché le riunioni dei miei pargoli scriventi sono tutte da raccontare!

Guardate un po' che cosa è successo nel "lontano" 2004...

A «scuola di redazione»:
stavolta parliamo di “noi"

Sonia Vazzano ci racconta una riunione sui generis

 della redazione di «Scriptamanent» e di altre testate.

 Così, dopo degustazioni, e libagioni, ecco le amabili (?)

 “strigliate” dei tanti (troppi!) “capi”. Vi riportiamo,

insomma, uno spaccato, semiserio, della nostra attività

«Per fatto personale». Di solito si dice così quando si vuole utilizzare un mezzo generale – come, in questo caso, la rivista che state leggendo

 adesso – per illustrare una questione d’interesse anche personale.
Questo è, più o meno, uno di quei casi. Stiamo difatti parlando di «noi». Un gruppo di giornalisti, saggisti, aspiranti (o presunti) tali che realizzano questa ed altre pubblicazioni della Rubbettino editore. E, pur coscienti di correre il rischio dell’autoreferenzialità, abbiamo reputato utile, anche per i lettori, raccontare uno spicchio di un nostro “vissuto” collettivo.
E, al fine di non prenderci troppo sul serio, abbiamo pensato di farlo in un modo (molto!) semiserio.

Tra sorrisi e triste realtà, ecco come la barca va!
Spesso la vita ci porta a percorrere strade mai esplorate e ad incontrare persone mai conosciute. Così, quasi per caso, per un indecifrabile eppure preciso disegno che è ancora in costruzione e che si arricchisce ogni giorno di nuovi particolari.
Chi l’avrebbe mai detto, poi, che in un calda giornata d’estate (una come tante, eh!), mentre chi può si dirige al mare in cerca di un bel bagno rigenerante, c’è anche chi sale in montagna, non per una scampagnata o per riposo, ma per… tutt’altro.
È così che ci ritroviamo tutti a Decollatura, nella “capitale” (come la definisce il nostro “Capo”; da questo momento, per facilità di racconto, “lui” si chiamerà così), ma che di capitale ha poco o niente per i grandi amanti della città eterna.
Eppure, strano a dirsi, si sta bene ugualmente. Sarà l’aria montanara, la frescura dei boschi. Sarà che sono terminate le curve che sembravano non finire mai, “delizia” per coloro che non vanno troppo d’accordo con simili scampagnate in automobile…
C’è un clima particolare, insomma, tra le “montagne della Rubbettino” e, tra quelle montagne, arriviamo, chi prima, chi dopo, anche noi, da posti differenti come, del resto, pure noi siamo.

Le insalate e il lavoro di una calda giornata estiva
E, difficile a credersi, pur tra mille diversità, ci si ritrova facilmente insieme a pulire cespi di insalata (il migliore in tutta l’attività culinaria è stato eletto Paolo Bonesso che, da buon piemontese, ha ben governato sabaudamente tutta la cucina), a lavare pomodorini, affettare pane e altre delizie caserecce (ma qui largo alle donne: Ilaria Attisani, Teresa Borghetti, Rossella Bufano e Sandra Migliaccio) acquistate per l’occasione. Sì, l’occasione: quella di un incontro di redazione tra noi di «Scriptamanent» ed «Rnotes», le riviste dirette da Fulvio Mazza (è lui il “Capo”!) per la Rubbettino; fiore all’occhiello, quest’ultima, di un paesello silano, Soveria Mannelli, che, tra i tanti picchi montuosi, ne ha anche uno veramente “acculturato”…
Ma non perdiamoci in chiacchiere su insalate e dintorni (o contorni); appena arrivati, già si lavora e, in questo modo, cominciamo a conoscerci. In verità, i nostri nomi li sapevamo anche prima, ci lega, infatti, un’assidua frequentazione costituita da e-mail lunghissime con svariati problemi da risolvere – testi riempiti con cento colori ed evidenziati in mille modi diversi – che sono state all’origine di alcune nostre relazioni. Ma questo è niente rispetto all’incontro personale. Così, ti accorgi che dietro un indirizzo di posta elettronica strano si nasconde, in realtà, il più comune dei personaggi (come il “prof.” Pino Licandro che, visto da vicino, è assai meno temibile che su carta). In fondo, siamo tutti “personaggi” in questo appuntamento, con i nostri impegni, le nostre difficoltà, le nostre passioni, le nostre lunghe conversazioni al telefono col “Capo” per ascoltare “pazientemente” (!?) le direttive su come risolvere questioni di ogni genere.
Una virgoletta a caporale o una all’inglese; una lettera maiuscola o una minuscola; un corsivo o un grassetto; un “b”, un “i” o un “br” (i famosi “tag” internettiani per i grassetti, i corsivi ecc.). Questi sono i nostri dilemmi di tutti i giorni. Tuttavia, oggi le nostre occupazioni sembrano altre, tra formaggi, peperoni e melanzane arrostite; ma chi ha detto che siamo saliti in cima a questa montagna solo per leccornie varie?
E, infatti, mentre si aspetta la romana (Petr)Ungaro, scampata a stento dalle mani della Polizia stradale (trattasi di Carla Petrungaro, ma i lettori delle due riviste la conoscono come “Emma Ungaro”), il Tripodi (Rino, il coordinatore della rivista che – ahivoi! – state leggendo) trova il tempo per fare “scuola di redazione”. I “kamikaze”, oltre alla già “consunta” Angela Luisa Garofalo, sono Luigi Ambrosi, Deborah Ferraro e, ahimè, la sottoscritta.
Il “Capo”, nel frattempo, organizza il tutto per il “vero” evento del giorno: «La conferenza sulla soppressata di Decollatura», tenuta dal “prof.” Ennio Bonacci, presidente dell’“Accademia” della stessa.

Prelibatezze da gustare e incontri importanti
Mai si erano visti tanti uditori attenti di fronte ad una dissertazione sulla famosa “lacrima” (per i poco informati ci riferiamo alla goccia di salutare grasso che fuoriesce tagliando il prelibato salume) o sull’arte della degustazione di un tale prodotto tipico (ci piace sottolineare, in questo contesto, l’attenzione particolare dimostrata dai due giovanissimi simpaticoni della redazione, Mirko Altimari e Marco Gatto, che per somiglianza di tesi culturali e fanciullezza, vengono ribattezzati dalla Garofalo come «i gemelli separati alla nascita»).
La soppressata ha colpito, eccome se ha colpito! Anche se – e qui si apre un dibattito d’alta valenza culturale – c’è chi propende per un’altra specialità locale: il “capicollo”. Per “rispondere” a tale colpo interviene subito il “Capo” offrendo di “annaffiare” il tutto – complice il suo amico Librandi – con abbondanti dosi di «Critone», «Terre Lontane» e «Duca San Felice».
In verità, soppressata e vino non sono stati i soli a lasciare il segno durante la mattinata, perché la punta di diamante della riunione è stato l’“Incontro”. Non temete, non mi è scappata una maiuscola di troppo (non rischio, conseguentemente, la prevista pena dei cento anni di purgatorio), l’“Incontro” va effettivamente con l’iniziale maiuscola. Visto che stiamo parlando del “Capo del Capo” di questo nostro “anomalerrimo” (sennò che anomalia sarebbe?) gruppo di giornalisti, saggisti, aspiranti (o presunti!) tali: Florindo Rubbettino. Nel caso ci fosse una sola persona che non lo conoscesse, eccomi qui a colmare la sua crassa ignoranza: si tratta dell’Editore (con la “E” maiuscola: un po’ di piaggeria con le persone giuste ogni tanto ci vuole...). E chi mai se lo sarebbe immaginato così. Pensavamo di incontrare un matusa – un po’ su di peso, con barba bianca e folta, pelato e con occhialini da intellettuale – e, invece, siamo rimasti estasiati dal giovane in abbigliamento “casual”. L’aria da intellettuale, pur tra tanta magnificenza, c’era, però, ugualmente, eccome! Gli sono bastate poche parole. È stato il suo modo per dirci grazie del nostro impegno e per congratularsi del (parole sue) «buon esito» delle riviste.

La “mitica” riunione
Subito dopo, si ripensa alla pancia e qui entrano in campo i “tartufi-gelati decollaturesi” (generosamente offertici da Lara Esposito, che, oltre all’aspirante giornalista, fa la collaudata gelataia), degustati sotto i folti rami della ginestra rossa e gialla del “Capo” (unico esemplare in tutto il mondo).
E chi pensava fosse finita alle cinque del pomeriggio (come me, che incominciavo a credere sarebbe stata buona cosa rientrare alle nostre case, per la verità alcune davvero lontanucce) si sbagliava di grosso, perché il “bello” arrivava solo in quel momento.
«Riunione! Riunione!» si ode a destra e a manca.
Attorno ad un tavolo il “Capo”, il Tripodi e la Garofalo (Angela Luisa, colei che sorride sempre – bontà sua –, nonostante tutto il lavoro che l’attanaglia) sono pronti per l’evento “clou” della giornata.
Credevate ci fossimo fatta tutta quella strada solo per le fette di soppressata, per qualche bicchiere di vino o per il gelato-tartufo di Decollatura? Sciocchi! Quello era solo il modo migliore per indorare la pillola, un po' alla Mary Poppins, ricordate? «Basta un poco di zucchero e la pillola va giù», diceva la canzone, e speriamo scenda anche stavolta.
Introduce il “Capo”, con lodi e critiche; prosegue la Garofalo che, con il suo sorriso di sempre, discetta di stili, capoversi, corsivi, grassetti, apostrofi, accenti, lineette, parentesi, maiuscole, minuscole, titoli, sottotitoli, occhielli, catenacci, box, riquadri, “abstract”, didascalie, fotografie e chi più ne ha più ne metta. Conclude il Tripodi con ulteriori consigli, precisazioni e regole tecniche e stilistiche nuove da stabilire tutti insieme.

Povero Umberto Eco!
E non manca una vera e propria “presa per i fondelli”. Per dimostrarci che, talvolta (spesso?) eccediamo nel correggere i “malcapitati” autori, la Garofalo, complice il “Capo”, ci aveva sottoposto, nei giorni precedenti, la lettura di uno scritto di tale «Teo Beromcu». Un testo, in verità, migliore di altri, ma che molti di noi hanno emendato qua e là. Tutto normale se non che quel “tale” era Umberto Eco il quale, inconsapevolmente, si era prestato alla burla. Al che ci siamo convinti di eccedere, talvolta, nelle correzioni (ma, chissà, magari anche il “grande Eco” ne meritava davvero qualcuna!).
Comunque, per rendere immortale la nostra “gaffe”, non è esclusa la realizzazione di un articolo che potremmo titolare nel seguente modo «Come correggere Umberto Eco e vivere (in?)felici».

Grandi e “piccini”: compagni di viaggio!
Insomma, anche il 31 luglio (sabato, per giunta!) si sgobba. Ma questo, in verità, lo avevamo intuito da subito, perché «lavoro» è la parola d’ordine di questo gruppo, che non mi risulta si fermi mai completamente.
Chi ha inventato le vacanze, noi non lo conosciamo di certo. Il “Capo”, più o meno, ci dà sempre qualcosa da fare e questo, in fondo, specie per i più giovani, è un bene, perché impariamo tanto e i buoni risultati ottenuti ci spingono a continuare.
Basta scherzare, ora. Guardiamoci negli occhi.
Siamo tutti attorno ad un tavolo. Nel frattempo si è unita a noi anche una delle più prolifiche articoliste, Dora Anna Rocca che (santa donna!) ci ha spiegato quanta pazienza necessiti per sopportare le nostre “angherie” di redattori. Più insofferente, invece, Luigi Costanzo, altro nostro “autore-vittima” della redazione, che balzella di qua e di là.
Ci osserva attentamente anche Nunzia Chiodo. Personaggio-chiave, quest’ultimo; è tramite lei, difatti, che molte delle nostre “buone intenzioni” diventano realtà concreta. È lei, fra l’altro, che – all’interno della Rubbettino – si trova talvolta a dover filtrare i nostri cambiamenti (e qui risuonano ancora gli strali del “Capo”: «Dobbiamo pensare per tempo alle correzioni, non farle dopo che i testi sono già andati alla “Prestampa”!»).
Ma, attorno al “Capo”, ruota, grazie ad una “joint venture” fra la Banca popolare di Crotone e la stessa Rubbettino, un’altra importante iniziativa: quella della collana dei volumi «Le città della Calabria», alla quale pure partecipano molti dei presenti. In questa chiave come non rilevare la presenza, fra noi “picciotti”, di un giovane storico del calibro di Francesco Campennì?
Dunque, alcuni di noi, lo si sarà compreso a iosa, sono più giovani, altri meno; siamo un gruppo in cui si riesce ad imparare da tutti, anche dagli ultimi arrivati, perché ognuno ha sempre qualcosa da offrire, basta che sia disposto a farlo con umiltà e sacrificio.
Chissà, magari un giorno qualcuno diventerà importante, guadagnerà come i “grandi”, e, se ci riuscirà, sarà anche per merito di questo nostro “Capo” (sviolinata!) che ha la capacità di credere nelle persone di cui si circonda. E questo incondizionatamente.
È così che un incontro banale (diciamo pure godereccio) agli occhi dei più, si svela per ciò che è realmente. Riunione di intenti, di menti e di pensieri che balenano tutti in una sola testa: il prodotto, sia multimediale, sia cartaceo, delle “nostre” pubblicazioni.
Il gruppo che sta dietro a tali realtà editoriali è singolare (su questo non c’è dubbio), costituito da individui che imparano, tanto e ogni giorno, di più e meglio. Siamo persone che si mettono in gioco senza paura, con la voglia di scoperta; che cercano di superarsi con l’aspirazione di crescere; che sperano di costruirsi con tanti desideri e auspici.
Speranze di un piccolo mondo che può partire anche da qui; tra una fetta di soppressata e un “tag” del Tripodi (grande cranio, soprattutto lui!), che cerca di mettere insieme situazioni e orizzonti diversi, con tanta… tanta pazienza.

Grazie ai lettori…, ma questa volta anche a noi
La nostra giornata finisce così. Tra nuovi propositi e altrettante speranze. Come quella di migliorarsi sempre, e altresì con la consapevolezza di fare già tanto e (scusate la modestia, ma – se lo ritenete – smentiteci senza pietà!) anche abbastanza bene. È la prima cosa che ci ha detto il “Capo” all’inizio della riunione, prima di elencarci tutte le nostre malefatte. Sì, perché non siamo perfetti neanche noi; ma cerchiamo di capirlo, visto che proprio questo è il primo passo per crescere tutti, e insieme. Soprattutto perché la nostra redazione è sparpagliata in tutta Italia, da Bologna a Reggio Calabria, da Cosenza a Roma, da Torino a Catanzaro, da Vibo Valentia a Lecce (e con freschi inserimenti che vanno da Latina a Rimini), e spesso è difficile riuscire ad incontrarsi per scambi di vedute e per riunioni come queste.
La giornata trascorsa tra di noi è servita in primo luogo a questo (il “Capo” ci ha visto bene ad organizzarla): conoscerci meglio, per apprezzarci di più e per poter lavorare insieme con più entusiasmo e spirito di gruppo. Come ogni riunione che si rispetti, all’appello è mancato qualche collaboratore. Peccato (per loro, soprattutto!). In compenso, però, si sono aggiunti a noi alcuni giovani usciti freschi freschi della «Scuola estiva di giornalismo», organizzata a Limbadi da Pantaleone Sergi (digressione: che personaggio! Riesce contemporaneamente a fare l’inviato speciale de “la Repubblica”, il docente universitario, il sindaco del suo paese e l’editore della Bios, una casa editrice specializzata in Sanità...). Si tratta di ragazzi che il nostro “Capo” ha conosciuto in occasione di una sua lezione nella suddetta scuola e che ha voluto rendere partecipi del nostro progetto. Certamente qualcuno di loro presto si unirà veramente a noi.
Mi è piaciuto raccontarvela così, la nostra giornata, con la sua freschezza e sostanza, perché tra “home pages”, “link” importanti e meno, interviste accattivanti, era giusto, per un momento, far conoscere il vero volto che si nasconde dietro queste due nostre riviste. E, soprattutto, l’impegno e la passione che le contraddistinguono.
A partire da ora, leggendo un nuovo “link” di filosofia e di storia, si potrà scorrere una vita intera, che nasce da incontri differenti. Esperienze di cultura, di valori, di relazioni umane, che si celano anche nelle pagine lette da tanti, ma che forse vengono (le relazioni, speriamo, non le pagine) “avvertite” solo da pochi.
E per una volta non ringraziamo scrittori o personaggi famosi. Semplicemente, nel ringraziarci tra noi, vi salutiamo tutti, convinti di avervi raccontato un pezzo delle nostre storie di tutti i giorni, sperando l’abbiate conosciuto ed apprezzato per la sua “leggerezza”, pur carica di mille insegnamenti…

Sonia Vazzano

(«www.scriptamanent.net», anno II, n. 15, settembre 2004)

Ed eccovi alcuni di noi che in quell'estate di due anni fa erano presenti, tra cui The Boss Fulvio, Luigi, Mirko, Lara e taaaaaaanti altri...

Lara Esposito

                    

 (da sinistra) Pino Licandro, Carla Petrungaro, Rino Tripodi, Fulvio Mazza (The Boss) e Marco Gatto

 

Mirko Altimori

                       

 Luigi Ambrosi con piatto in allegato

 
 
 
« Precedenti
 
 
 

INFO


Un blog di: le1000e1redazione
Data di creazione: 08/09/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

canzuinirenyxrenyxElisa_Di_Bellagiulykefrancorendedesualucaspoonprof.LivioEliiisafede2005romastopmonetaunicawwfscuola.prgi33fra38romaemiliominagiusystar78elenacamminati
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom