Creato da lafarmaciadepoca il 13/10/2010

La farmacia d'epoca

Raccolta di scatole e flaconi di farmaci di ieri - di Giulia Bovone

Messaggi di Luglio 2019

Neurotonal Locatelli

Post n°584 pubblicato il 22 Luglio 2019 da lafarmaciadepoca
 

 

Il farmaco di oggi è uno dei tanti ricostituenti “senza stricnina” nati tra gli anni Trenta e Quaranta del Novecento. “Come mai senza stricnina?”, vi chiederete. Perchè bastava ed avanzava il metilarsinato di sodio!

Il Neurotonal della Tullio Locatelli Farmaceutici di Padova, infatti era un ricostituente a base di sali. La parte cationica del sale era rappresentata dal sodio, mentre quella anionica poteva cambiare. In questo caso abbiamo glicerofosfato di sodio, formiato di sodio, e metilarsinato di sodio.

Di questa triade il glicerofosfato di sodio è ancora modernamente utilizzato per il trattamento degli stati d’ansia, spesso in combinazione con la valeriana, mentre il metilarsinato di sodio e il formiato di sodio sono stati soppiantati, a favore di molecole più sicure ma soprattutto efficaci.

La Tullio Locatelli Farmaceutici di Padova fu molto attiva nella prima metà del Novecento, concludendo la sua attività intorno alla fine degli anni Settanta.

Nonostante possieda questa scatola da quasi ormai un anno, non sono riuscita a trovare indicazioni circa la fondazione precisa: se ricordate qualcosa di questa azienda farmaceutica fatemelo sapere con una mail o un commento!

Ecco la foto della scatola:

Neurotonal

 

Misura 8,7 cm x 7,1 cm x 2,5 cm e risale alla fine degli anni Trenta. Ogni scatola costava 13,50 Lire (prezzo medio per un ricostituente in fiale dell’epoca). La confezione in cartone conteneva 10 fiale da 2 cc, e consentiva di effettuare un trattamento da 10 giorni, ripetibile secondo necessità medica in caso di deperimento, esaurimento nervoso, anemie secondarie ed altri stati astenici.

Grazie per aver letto il post!

 
 
 

Curiosità: i cachou aromatici

Post n°583 pubblicato il 09 Luglio 2019 da lafarmaciadepoca
 

 

Il prodotto di oggi non è propriamente farmaceutico, ma semplicemente una di quelle curiosità che d’ogni tanto catturano la mia attenzione nei mercatini dell’antiquariato.

Si tratta di due bustine di quello che può essere considerato l’antenato dei chewing – gum, ossia il cachou aromatico.

Generalmente i cachou tradizionali sono in pastiglie, mentre questi fogliettini erano uno dei prodotti più economici che si potessero trovare per rinfrescare l’alito o semplicemente per pulirsi i denti.

I foglietti di carta in foto nascevano infatti per essere masticati e poi buttati esattamente come un moderno chewing – gum.

Svolgendo alcune ricerche su questi prodotti, ho trovato poco o nulla. All’inizio quando li acquistai pensai che potessero essere dei chiudi – lettera inseriti nella bustina dei cachou, ma annusandoli si può notare che quelli più interni presentano un residuo di odore di oli essenziali vari (più forte nei cachou Principe Umberto), piuttosto pungenti, come chiodi di garofano o noce moscata. Odore che però non è così marcato sulla confezione esterna, perfettamente piatta e non bombata, come se dal principio avesse contenuto un prodotto sottile.

Inoltre non sono presenti macchie indicative circa il contenuto delle bustine. Fossero state delle caramelle, dopo tutto questo tempo, un minimo di traccia l’avrebbero lasciata e poi nessuno conserverebbe delle bustine di caramelle per mettervi all’interno dei chiudi lettera.

Ovviamente questo è quanto ho rinvenuto fin d’ora. Se qualcuno dovesse saperne di più può inviarmi un messaggio.

Ecco la foto delle bustine e del loro contenuto:

Cachou aromatici

 

Misurano entrambe 5 cm x 3,8 cm e sono spesse pochi mm. Sono coeve, databili tra gli anni Venti e Trenta.

Come potete vedere dall’immagine, la cura con cui erano creati questi prodotti era praticamente nulla e le immagini sui cachou e le stampe delle bustine lasciano alquanto a desiderare, ma d'altronde, dovevano solo essere economici!

Grazie per aver letto il post!

 

 
 
 

Pasticche antisteriche

Post n°582 pubblicato il 03 Luglio 2019 da lafarmaciadepoca
 

In un mercatino, il nostro lettore Claudio P. ha rivenuto una scatola di Pastiglie Antisteriche dell'Officina del Profumo di Santa Maria Novella di Firenze che risale agli anni Cinquanta / Sessanta.

Fronte della scatola:

Pasticche Antisteriche

Retro:

Pasticche Antisteriche

 

Grazie per aver letto questo brevissimo post e ancora grazie a Claudio P. per avermi inviato le foto.

 

 
 
 

AREA PERSONALE

 

TO ALL NON ITALIAN SPEAKERS

Do you need help with your old chemist tins?
Do you want to know more about Italian pharmaceutical history?
Do you have informations about Italian medical history that you want to share with other people?
Feel free to email me! I speak English, French and Latin ( you don't know when an ancient Roman could show up), so not speaking Italian is no more a problem.

Welcome to La Farmacia d'Epoca!

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

COLLABORAZIONI

Deliri Progressivi

 

Spazio Salute

 

ULTIME VISITE AL BLOG

kremuziomassimocoppalisabel22lafarmaciadepocabottuclaletiartethe_gallas27carmela29timbowhirpus89pilgryale_chouealbertthewolf48lacey_munroodi_et_amo0ela9225
 

FACEBOOK

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom