Creato da lightdew il 06/06/2007

emozioni

dell'anima

 

 

« Come neveDammi la forza »

Yo te cielo

Post n°1278 pubblicato il 01 Novembre 2020 da lightdew
 

 

 

 

foto lightdew jr

 


Guardo il cielo
Mentre la vita se ne va
Mentre felice
Dipingo per un'ultima volta
Però tu sei stato tutto il cielo
Frida è il mio nome che tutto il mondo saprà
Ti amo molto di più di allora
Non ci sono più le nuvole
Solo la realtà
La vita non è niente e non si ripete
Questo cielo è un nuovo verbo che ho inventato per te
Io ti cielo*
affinché le mie ali
si aprano a dismisura
per amarti senza confini
Scegli sempre
Chi ti guarda come fossi una magia
E assapora senza paura la solitudine
Un sogno non è niente e non si ripete
Frida è il mio nome che tutto il mondo saprà

 

 

 

 

Yo Te Cielo - Canzone per Frida, ha il testo e la musica del grande Maestro compositore Remo Anzovino

Frida, nel 1947, in una lettera al poeta Carlos Pellicier, ad un certo punto inventa un verbo e glielo dedica: “Yo te cielo, asi mis alas si extienden enormes para amarte sin medida”; "Io ti cielo, affinchè le mie ali si aprano a dismisura per amarti senza confini".

Remo nelle sue pagine racconta che si è lasciato trasportare da queste parole e, durante la registrazione della colonna sonora di “Frida, Viva la Vida”, è nata “Yo Te Cielo”. Ha immaginato Frida, sul letto di morte, dipingere il suo ultimo quadro, guardare il cielo, con la consapevolezza di chi sa già di essere un mito.
Questa è la prima canzone  interamente anche il testo, interpretata in maniera sublime da Yasemin Sannino e alla tromba dall’immenso Flavio Boltro.

Questo è il video intriso di bellezza, diretto da Giacomo Citro e prodotto da Sony Masterworks.

 

 


 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog