Creato da Fanny_Wilmot il 01/02/2015
(appunto il disappunto)

Ultimi commenti

Le anime resilienti devono essere considerate qui una bella...
Inviato da: sblog
il 14/06/2018 alle 11:08
 
Uh. Sapessi quante volte, sono stato un compasso.
Inviato da: je_est_un_autre
il 13/06/2018 alle 08:33
 
Quanto la capisco...
Inviato da: nahan
il 06/06/2018 alle 14:53
 
:)
Inviato da: sblog
il 05/06/2018 alle 20:06
 
Fanny č visceralmente concorde...con buona pace di Mary :)
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 05/06/2018 alle 16:58
 
 

 

Quando ti incontravo...

Post n°567 pubblicato il 13 Giugno 2018 da Fanny_Wilmot

 

Quando ti incontravo, nelle serate in mezzo agli altri, mi sembrava di essere un compasso. Mi sentivo inchiodata in un punto, con l'anima che ti seguiva ovunque tu andassi. Tenendoti a distanza.

Stefania Rossotti

Se non sapessimo che queste righe sono state scritte da una donna, potremmo presumere che a scriverle sia stato un uomo? Io credo di sì. Per quanto superficiali, infantili e talvolta bastardi, anche gli uomini sanno amare da lontano. Nella mia vita c'è un uomo che mi ama da sempre e c'è pure il fantasma di un ragazzo che non ho mai dimenticato e che ha preferito un'altra. Le stagioni intercorse ci hanno separati definitivamente e infine tramutati in anime resilienti. L'amore resta in circolo, però. Come una segreta tirranide. Tenendoci a distanza.

 

And so I wake in the morning
And I step outside
And I take a deep breath and I get real high
And I scream from the top of my lungs
What's going on?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »