Creato da Fanny_Wilmot il 01/02/2015

INSTABILITAS LOCI

(appunto il dis-appunto)

 

Horror, che passione!

Post n°642 pubblicato il 04 Gennaio 2019 da Fanny_Wilmot
 

Fui iniziata all'horror da Poe, dalle sue short stories. Avrò avuto dieci anni, mese più mese meno, ma già godevo della narrazione chirurgicamente offerta al lettore; era spaventevole - ovviamente - ma anche eccitante. Da quell'antica fascinazione non mi sono più ripresa perché indagare l'incubo mi è congeniale.

Quantunque ritenuto un sottoprodotto, l'horror, se di qualità, ha il merito di mettere in discussione le fondamenta della conoscenza, invitandoci a un bagno di umiltà. I razionalisti storcano pure il naso ma nel mio cuore, da sempre, ci sono Shining, L'esorcista, The Entity, Profondo Rosso.  È di questi giorni il rinnovato interesse per The Haunting of Hill House, serie tv che indaga i rapporti tra umano e non-umano, tra disperazione e bisogno di riscatto: sconsigliata agli amanti dello jumpscare di bassa lega, vivamente raccomandata a chi è affetto da acuteness of the senses.

 

[...] And when many weeks had passed, and but little remained to do, save one brush upon the mouth and one tint upon the eye, the spirit of the lady again flickered up as the flame within the socket of the lamp. And then the brush was given, and then the tint was placed; and, for one moment, the painter stood entranced before the work which he had wrought; but in the next, while he yet gazed, he grew tremulous and very pallid, and aghast, and crying with a loud voice, 'This is indeed Life itself!' turned suddenly to regard his beloved:- She was dead!

E. A. Poe, The Oval Portrait

 

Death has reared himself a throne

In a strange city

Alone...

 
 
 
Successivi »