Creato da Fanny_Wilmot il 01/02/2015

INSTABILITAS LOCI

(appunto il dis-appunto)

 

« Fiori di geloPasto nudo »

Meglio non essere mai nati

Post n°623 pubblicato il 06 Dicembre 2018 da Fanny_Wilmot
 

Negli ambienti filosoficamente illuminati circola questa domanda:"Quante persone dovrebbero esserci al mondo?". Il quesito non riguarda la salvaguardia dell'ambiente o della specie umana ma il fatto che, come scrive il filosofo David Benatar nel suo Meglio non essere mai nati, nascere è molto peggio che non nascere. Questo perché tutti gli esseri senzienti, anche gli animali, sono capaci di provare dolore e la sua presenza è sempre un male. Ovviamente il Nostro trova moralmente ammissibile il suicidio, posto che l'affetto o l'amore che l'aspirante suicida prova per amici e parenti dovrebbe indurlo a desistere.

Citando David Benatar:

"Non nego affatto che esista l'amore e neppure nego che i genitori amino i loro figli. Mi limito a sostenere che i benefici che genitori ricavano dal mettere al mondo figli che poi ameranno non supera gli enormi svantaggi che questi ultimi subiranno nel corso della loro esistenza. A mo' di chiarimento: se siamo disposti a riconoscere che a un sadico dia grande piacere infliggere dolore ad altre persone, non significa negare l'esistenza di quel piacere e aggiungerei subito che esso non giustifica affatto tale sofferenza".

A parziale consolazione di anime troppo sensibili valgano queste parole di Virginia Woolf:

"Dopotutto c'è un drammaturgo più grande di Shakespeare, di Ibsen o di Shaw. La natura".

In alto:  Missing Someone di Jorge Daniel Segura

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/lorgoglioriccio/trackback.php?msg=14014234

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
arienpassant
arienpassant il 06/12/18 alle 13:40 via WEB
Caro Benatar, a me non piace il pompelmo e quest'affermazione, perché abbia un senso, presuppone una conoscenza. Se non conoscessi il sapore del pompelmo non potrei affermare che non mi piace. Credo che questo valga anche per poter affermare che "nascere è molto peggio che non nascere". Quest'affermazione io la riscriverei così: "poiché nascere potrebbe essere molto peggio che non nascere, bisognerebbe dare ad ogni essere vivente la possibilità di spuntare nel proprio testamento biologico la casella 'se potesse accadere, vorresti rinascere?'"
Vedi Benatar, io credo che la vita sia fatta anche di sofferenze, a volte soprattutto di sofferenze. Alcune dovute a nostri errori, altre gratuite ed immeritate, altre ce le cerchiamo. Se toccasse a me di spuntare la casella io vorrei rinascere perché penso che ne valga la pena. Sicuramente vorrei meno sofferenze sia per i miei errori sia per quelli gratuiti. Quelle sofferenze che invece mi sono cercato (amicizie e donne, le rivorrei perché sono quelle le sofferenze che mi hanno fatto crescere molto più delle gioie).
Sul suicidio chi può dire che sia moralmente ammissibile visto che ci sono, attualmente, circa 7 miliardi di morali al mondo (senza contare quelli che ne hanno almeno due: una che raccontano ed una con la quale agiscono). Io posso esprimermi solo sull'aspetto etico in termini sociali e considero il suicidio un reato penale.
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 06/12/18 alle 17:01 via WEB
Se mi fosse chiesto "vorresti ancora tornare a nascere?" ad oggi risponderei di sì, malgrado tutto. Per quanto riguarda la questione del suicidio, sono fermamente convinta che ognuno può decidere della propria vita e della propria fine. Quando la vita si fa sofferenza intollerabile, è sacrosanto decidere di farla finita, e lo dico con tutto il rispetto dovuto a situazioni che mi auguro non dover mai conoscere.
 
   
Utente non iscritto alla Community di Libero
arienpassant il 06/12/18 alle 19:22 via WEB
Ed io concordo con entrambe le tue risposte anche sul suicidio laddove ciascuno dovrebbe avere il diritto delle proprie scelte dalle più piccole a quella estrema sulla propria vita e nemmeno me lo sogno di discutere il suicidio assistito o meno.
Fermo restando però che il suicidio non si tramuti in danno verso la collettività, quindi se ti butti giù dal balcone e non muori, io rispetterò la tua scelta e ti finirò con un colpo di pistola come si fa per i cavalli. Diversamente, lasciarti in vita, ma parzialmente o totalmente invalida, si tramuta in un danno per la collettività che dovrà pagare per la tua sopravvivenza.
Quindi, come recita la pubblicità sul gioco "suicidiamoci con responsabilità". ;)
 
Dizzly
Dizzly il 06/12/18 alle 22:28 via WEB
Forse prima di Benatar...non essere mai nati, non essere, essere niente ..il sileno dionisiaco e la sua contrapposizione apollinea ...nato per se stesso, "inevitabile", quieta potenza: il dolore si libera nel sogno, mi viene in mente questo. La citazione invece la trovo fallace, buonanotte
 
Narcysse
Narcysse il 06/12/18 alle 23:54 via WEB
Ha pienamente ragione: se evitava di nascere nessuno se ne sarebbe lamentato!! Filosofo? Mah...
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 07/12/18 alle 08:30 via WEB
Eppure di quanta considerazione gode ancora l'élite intellettuale solo perché può fregiarsi di titoli che a ben guardare non significano molto...ho trovato veri filosofi tra contadini e persone che della semplicità facevano la loro cifra.
 
   
Narcysse
Narcysse il 07/12/18 alle 09:29 via WEB
“Oggi chiamano filosofi se stessi
gli insegnanti di filosofia”....(Ivano Fossati)
Ne trovo piu in un bambino...o in un anziano oggi di filosifia...Tempi bui...per gli umili saggi...
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
Fanny U il 07/12/18 alle 09:50 via WEB
Non del tutto finché ci saranno persone come noi in grado di discernere l'oro dal dorato.
 
     
arienpassant
arienpassant il 07/12/18 alle 13:00 via WEB
Credo che valga non solo nella filosofia ma valga in tutti i campi genericamente definiti artistici. Vale nella letteratura, nella pittura, nella musica ed in modo particolare nella poesia che proprio essa ha una definizione che intimamente possiamo assegnare a qualsiasi cosa. Un quadro, una scultura, un romanzo, un sorriso, un cielo, un culo ed anche ad una composizione in versi. Una definizione che non può essere autorizzata dalla firma dell'autore altrimenti la poesia sarebbe un mestiere. In realtà di robe che fanno cagare, se non guardassimo prima alla firma, ce n'è in ogni libreria, museo, galleria o negozio di dischi.
"Tu cosa fai nella vita?"
"Sono uno scrittore"
"E tu?"
"Sono un poeta"
"Ah, sei anche tu uno scrittore"
"No, io scrivo poesie"
"No, scrivi in versi." :)
 
     
Narcysse
Narcysse il 07/12/18 alle 15:07 via WEB
Un mondo pazzo che cerca alibi alle proprie gesta iunsensate in ognuno sia disposto “ad vendar l’anma a e Dgeval” (romagnolo) pur di avere un seguito... A me toccan poco... il mio primo filosofo è Un tizio di Nazareth... povero e poco credibile ai piu... a proposito presto festeggia il compleanno :-))
 
     
Narcysse
Narcysse il 07/12/18 alle 15:09 via WEB
2018 anni mi pare...Imperatore più, imperatore meno...
 
     
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 07/12/18 alle 15:17 via WEB
La domanda è: perché non torna dal momento che siamo messi così male?
 
     
arienpassant
arienpassant il 07/12/18 alle 16:05 via WEB
Già, bella domanda Fannì. Evidentemente chi aveva davanti agli occhi il film dell'eternità ritenne che quello fosse il momento più buio dell'umanità. Quindi gli Hitler o i Roosvelt sono stati solo dei ragazzacci ma nulla di più. Non lamentiamoci, il peggio è passato.
Oppure ha scelto un giorno a caso. Affari suoi.
L'unica cosa che mi sentirei di dirgli è che chi vuole fa e chi non vuole delega. Peggio ancora, non bisognerebbe puntare il dito contro chi manda i bambini a combattere. O no?
 
     
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 07/12/18 alle 17:50 via WEB
Ci sono tante di quelle crudeltà nel mondo che la lista sarebbe pressoché infinita, ma quel che è peggio è che, almeno secondo il mio sentire, l'uomo è cattivo per natura e quindi non potremo che reiterare i reati per l'eternità.
 
     
Narcysse
Narcysse il 07/12/18 alle 21:23 via WEB
Non concordo...L'uomo non è per natura cattivo. Molti uomini sono cattivi ed egoisti. L'esempio dei giusti ha sempre prevalso. Abbiamo creato molte buone cose. Molte ne abbiamo create di cattive. Ma io vedo il bicchiere mezzo pieno...Tre quarti pieno. Mentre l'uomo si rigenera nonostante i suoi errori...Il pianeta ne paga tutte le conseguenze e non riuscirà a recuperarsi. Non se continueremo a sfruttarlo come stiamo facendo.
 
     
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 07/12/18 alle 22:02 via WEB
A me non pare che l'umanità si stia rigenerando, a me pare che si stia imbarbarendo...ci sono gli uomini di buona volontà, e ringraziamo il cielo, ma se non invertiamo la rotta, ci sarà un collasso dell'intero sistema.
 
     
Narcysse
Narcysse il 07/12/18 alle 21:16 via WEB
La fede non insegna a domandare...se non il perdono ed il bene per noi e per l'altro. Disperare e domandarsi il perchè degli errori umani è umano non è divino. Occupiamoci di noi...C'è tanto da fare. Io molto preoccupato per questo nostro pianeta; lo uccideremo.
 
surfinia60
surfinia60 il 07/12/18 alle 17:45 via WEB
Inutile cercare verità assolute od universalmente accettabili, anche perchè la cosiddetta verità è tale per qualcuno e non per tutti. Siamo uomini e donne e ci formiamo un'opinione in base all'esperienza personale. Io che sono pessimista per eccellenza e che spesso invoco la morte, ma che allo stato attuale non praticherei, posso dire la mia. Ma sarebbe inopportuno che applicassi la mia idea di vitamorte a tutto il genere umano. Quindi affermare che è 'meglio non essere mai nati' per molti puo' essere una bestemmia inaccettabile. C'è ancora tanta gente che è felice di essere nata, salvo cambiare idea e uccidersi portandosi dietro qualcuno, con l'idea che "se me ne vado io, porto con me un po' di altra gente". E' un argomento complesso e molto sfaccettato. Probabilmente io stessa, in modo molto maldestro, l'ho appena accennato.
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 07/12/18 alle 17:53 via WEB
E' un argomento che ho voluto appuntarmi proprio perché complesso, tanto da aprire la porta anche a emotività scomposte.
 
   
surfinia60
surfinia60 il 08/12/18 alle 09:06 via WEB
Mi stai dando della scomposta? :-)
 
     
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 08/12/18 alle 09:27 via WEB
No assolutamente! spesso sono sulla tua stessa linea d'onda...a meno che la scomposta non sia io e allora... :))
 
     
surfinia60
surfinia60 il 09/12/18 alle 22:28 via WEB
Evviva le emozioni scomposte! Siamo ancora vive! :)
 
     
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 10/12/18 alle 07:52 via WEB
Direi! :)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.