Creato da: Fanny_Wilmot il 01/02/2015
(appunto il dis-appunto)

 

 
« Archiviando il NataleQuello che i nuovi profi... »

Onori

Post n°762 pubblicato il 16 Gennaio 2020 da Fanny_Wilmot
 

"A volte, ha detto, si divertiva a pescare nei bassifondi di Internet, dove i lettori esprimevano le loro opinioni sui propri acquisti letterari più o meno come avrebbero potuto valutare i risultati di un detersivo. Ciò che aveva appreso, analizzando tali opinioni, era che il rispetto della letteratura era di facciata, e la gente non si faceva scrupolo a maltrattarla. Era divertente, in un certo senso, veder attribuire a Dante una sola stella su cinque e descrivere la Divina Commedia come "pura merda", ma per una persona sensibile poteva essere deprimente, finché non ti ricordavi che Dante, come tutti i grandi scrittori, traeva la sua visione da una profondissima comprensione della natura umana e sapeva badare a se stesso. Era una posizione di debolezza, a suo avviso, vedere nella letteratura qualcosa di fragile che andava difeso, come facevano molti suoi colleghi e contemporanei".

tratto da Onori di Rachel Cusk

Farebbe la differenza poter impedire agli ignoranti di classificare Dante con una sola stella, ma poiché questo non è possibile, lasciamo grugnire i porci - per me gli ignoranti sono tali- ridendoci su. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/lorgoglioriccio/trackback.php?msg=14753567

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
nahan
nahan il 18/01/20 alle 21:36 via WEB
Non si crucci! Metter l’arte in classifica, poi! Ascolto (semmai) il festival di Sanremo nel beato disinganno del folclore della tradizione. Ma la sfida… Per tacer poi di Campielli, talent e tutti gli eccetera. E offendo d’ignorante solo l’intelligente che con tal dono non ne usa la finezza!
(Rispondi)
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 18/01/20 alle 21:58 via WEB
In effetti mi sono crucciata un po' troppo (il titolo la dice lunga), ma davvero non se ne può più, svilire persino l'Arte!
(Rispondi)
 
mario_000
mario_000 il 20/01/20 alle 19:12 via WEB
Con la età sono diventato tollerante e ti evito un commento aspro che il post comunque merita.
(Rispondi)
 
AVV_PORFIRIORUBIROSA
AVV_PORFIRIORUBIROSA il 25/01/20 alle 17:43 via WEB
Preferisco Erasmo da Rotterdam ... e non comprendo neppure per quale motivo abbia scritto qualcosa ... Stulticia Loquitur
(Rispondi)
 
boezio62
boezio62 il 25/01/20 alle 19:36 via WEB
Perche' mai si sente l'esigenza di classificare pure l'arte...mah. Mi torna in mente "L'Attimo fuggente" e sorrido. . . . "Comprendere la Poesia, di Jonathan Evans Prichard, professore emerito: ‘Per comprendere appieno la poesia dobbiamo anzitutto conoscerne la metrica, la rima e le figure retoriche e poi porci due domande, uno, con quanta efficacia sia stato reso il fine poetico e due, quanto sia importante tale fine. La prima domanda valuta la forma di una poesia, la seconda ne valuta l’importanza. Una volta risposto a queste domande, determinare la grandezza di una poesia diventa una questione relativamente semplice; se segniamo la perfezione di una poesia sull’asse orizzontale di un grafico e la sua importanza su quello verticale, sarà sufficiente calcolare l’area totale della poesia, per misurarne la grandezza. […] Procedendo nella lettura di questo libro esercitatevi in tale metodo di valutazione." . . . Il professor Keating poi commenta: “Escrementi! Ecco cosa penso delle teorie di J. Evans Prichard. Non stiamo parlando di tubi, stiamo parlando di poesia, ma si può giudicare la poesia facendo la hit parade? Gagliardo Byron, è solo al quinto posto, ma è poco ballabile”. . . . ;-))))))
(Rispondi)
 
delego.in.te
delego.in.te il 29/01/20 alle 18:17 via WEB
Dante è morto e non ha bisogno delle classifiche. Certe cose fanno più male al limite quando sei vivo, tipo Italo Svevo i cui libri appena pubblicati furono degli insuccessi avversati dalla critica (addetti ai lavori). Questi ultimi sono molto peggio del cretino che passa per caso, sia vicino a un'opera d'arte vera che sul web. In fondo puoi dire che è un cretino insignificante e anonimo, ma quando il critico, pur essendo cretino, è molto influente, sono in pochi quelli che hanno il coraggio di dirglielo.
(Rispondi)
 
mastro.zero
mastro.zero il 07/02/20 alle 15:23 via WEB
Aria di festa qui come al solito. :(
(Rispondi)
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 12/02/20 alle 19:27 via WEB
E quale sarebbe la notizia?
(Rispondi)
 
Callistenico
Callistenico il 15/02/20 alle 15:12 via WEB
Ma è gioco facile indignarsi con chi definisce Dante "pura merda" ma bisognerebbe capire da cosa è originato il giudizio. Probabilmente l'avrei pensata così anche io se non avessi avuto un insegnante d'eccezione che me lo fece conoscere prima della scuola ("Se questo è un uomo" e il capitolo dedicato al Canto di Ulisse) perché con un particolare docente del liceo - fortunatamente durato poco - avrei rischiato un giudizio simile pure io e non certo per colpa di Dante. Fra l'altro mi è capitata in mano, su una bancarella, un'edizione anni '20 della Commedia a cura di certo Prof. Cesare Polacco, "edizione corredata di spèdienti per la memorazione" (sic) perché nella prefazione si sosteneva essere scopo principale della Commedia quello di "saperne citare ampli brani nella conversazione". Che è il modo migliore di suscitare commenti come quello deprecato. Il problema poi non è che gli ignoranti possano o meno assegnare una stella. E' proprio il principio delle stelle che è sbagliato in qualunque ambito lo si voglia applicare. Ed è più onesto in fondo chi trovi il coraggio di dare una sola stella a Dante dei tanti che gliene darebbero anche millanta ma si guardano bene dall'averlo letto e men che meno rileggerlo al di là dell'incipit, della bocca sollevata dal fiero pasto o dallo stracitato (ed erroneo) "non ti curar di lor ma guarda e passa".
(Rispondi)
 
arienpassant
arienpassant il 05/03/20 alle 14:28 via WEB
Volendo essere provocatorio, ma anche no, direi che dubitare che Dante piuttosto che Raffaello o altri siano artisti o meno è più che lecito e l'ignoranza c'entra ben poco perché se a dubitarne sono io ecco che mi si da dell'ignorante ma se a dubitarne è un critico d'arte con tanto di diplomini e curricula, ecco che a lui viene concesso il diritto di avere un'opinione differente. Come se l'arte fosse un discorso esclusivamente tecnico (in questo caso mi chiederei come si possa parlare di poesia). Per secoli. e mica è finita, vale in tutte le discipline artistiche, l'arte la decide una combriccola di intellettualoidi che, per il proprio tornaconto, orienta le opinioni (la Chiesa è stata la più grande diga costruita dall'uomo), da un altro lato, anche questo esiste da secoli, l'arte viene decisa dalla combriccola di mercanti che orienta o, meglio, decide il mercato. E sono gli stessi che decidono il prezzo delle mutande di Marylin Monroe. Direi che senza accorgercene, da un lato diamo dell'ignorante a chi considera Dante uno scribacchino ma, allo stesso tempo, poi, ci chiediamo come sia accettabile che l'arte abbia una classifica ed io sono d'accordo che l'arte non debba avere classifiche tipo quelle puttanate delle maiuscole. Arte con la A maiuscola; Uomo o Donna con la emme o la di maiuscola; Amore con la A maiuscola. Differenze nelle quali cadiamo da soli nelle classifiche laddove, invece, non ci sono maiuscole o minuscole che tengano, perché l'arte o è arte oppure non lo è. E questo vale per l'arte come per l'uomo o la donna o l'amore o un uovo in tegamino. Quindi, da un lato ci piacciono le classifiche quando ci vantiamo dei Leonardo o Dante, sottostando appecorinati a tutto l'ambaradan costruito intorno all'arte e, da un altro lato, vorremmo dare dell'ignorante a chi dice "a me nun me piace".
(Rispondi)
 
surfinia60
surfinia60 il 06/03/20 alle 20:01 via WEB
Fanny is back? :-)
(Rispondi)
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 10/03/20 alle 22:33 via WEB
Non sono tornata perché non me ne sono mai andata. E non vi ho dimenticati, come potrei? See you around.
(Rispondi)
 
 
mario_000
mario_000 il 12/03/20 alle 11:54 via WEB
Well, see you around dovrebbe significare che da qualche parte ci sei, ma evidentemente non qui se il vuoto produttivo ad oggi dura da gennaio. Verra' l'estate e pandemia permettendo anche l'autunno, e poi chissa'--ma qui dentro il Pil langue :) Bacio
(Rispondi)
 
 
surfinia60
surfinia60 il 13/03/20 alle 18:14 via WEB
In questo clima da arresti domiciliari il pensiero spesso corre agli 'amici' virtuali. Quelli reali (molto pochi nel mio caso) sono untouchable quindi siamo presenti come si puo'. Sono certa che non te ne sia andata, ma il calo di produzione è innegabile. Una semplice constatazione, la mia, non certo una critica. Del resto io stesso sono poco produttiva. La mente è troppo monopolizzata dal problema del momento e parlare d'altro mi sembra banale, forse a torto. Anyway, see you around!
(Rispondi)
 
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 18/03/20 alle 15:58 via WEB
Io invece sono molto produttiva perché, costretta a restare in casa, leggo di più e produco molti post...cara Surfinia, sei pure capitata nel mio blog e non mi hai riconosciuta :)
(Rispondi)
 
 
 
 
surfinia60
surfinia60 il 20/03/20 alle 21:23 via WEB
Una volta mi dicevi in privato dove trovarti
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 20/03/20 alle 22:28 via WEB
Infatti, e c'ho provato anche due giorni fa, ma ricevi messaggi solo dagli amici...domani riproverò :)
(Rispondi)
 
sblog
sblog il 16/03/20 alle 07:24 via WEB
Ciao. Per la prima volta NON mantengo una promessa, nei comportamenti che mi impongo (talvolta scioccamente) qui tra noi dei blog. Sono qui per rappresentarti che il mio pensiero è venuto a trovarti spesso in questi giorni difficili per tutti. Solo questo. Ciao. :)
(Rispondi)
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 18/03/20 alle 15:54 via WEB
Mi piacerebbe sapere se questo tuo disattendere una promessa sia frutto del coronavirus oppure no...Anch'io, per restare nel virtuale, ho pensato a quanto siamo stupidi a volte, ci lasciamo irretire da dinamiche che dovremmo lasciare fuori da questo contesto che dovrebbe essere un porto franco e che invece tramutiamo in un luogo di scaramucce infantili (tra te, me e altri amici "di blog" per fortuna non si è mai andati oltre). Detto ciò, anch'io ho pensato a voi amici-fantasmi e un po' di nostalgia mi spinge ogni tanto a riaffacciarmi qui. Ma questo blog ha fatto il suo tempo. Ora sono un'altra persona. :)
(Rispondi)
 
 
 
sblog
sblog il 18/03/20 alle 16:50 via WEB
:)
(Rispondi)
 
 
 
mario_000
mario_000 il 20/03/20 alle 09:20 via WEB
Le persone cambiano? e tu non sei un'altra persona, in fondo mi chiamavi stregone. Tu tornerai qui un giorno come sei sempre tornata, lascia che il tempo faccia il suo corso. So long... Mario
(Rispondi)
 
 
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 20/03/20 alle 17:18 via WEB
Io, per motivi miei, preferisco tenere la messaggeria chiusa; ma tu, Stregone, perché non controlli la tua messaggeria?
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
 
mario_000
mario_000 il 20/03/20 alle 18:46 via WEB
direi si, le messaggerie chiuse sono come cassette postali sbarrate, ma uno dice si tratta di un piccolo trucco per non ricevere pubblicita' ( o lettere d'amore che mi paiono piu' o meno la stessa cosa) Non fossi cosi' vecchio e disincantato direi che sono lusingato. -Deve essere il virus che mi morde le caviglie :) -
(Rispondi)
 
mastro.zero
mastro.zero il 17/03/20 alle 16:02 via WEB
Hello
(Rispondi)
 
 
Fanny_Wilmot
Fanny_Wilmot il 18/03/20 alle 15:55 via WEB
Hi!
(Rispondi)
 
Narcysse
Narcysse il 18/03/20 alle 14:59 via WEB
Come stai?
(Rispondi)
 
sblog
sblog il 21/03/20 alle 21:39 via WEB
.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.