Creato da Fanny_Wilmot il 01/02/2015

INSTABILITAS LOCI

(appunto il dis-appunto)

 

« Kamala Harris, come te n...I ristoranti del futuro »

Le indiane senza utero per colpa della crudeltà dei maschi

Post n°820 pubblicato il 09 Novembre 2020 da Fanny_Wilmot
 

Nello Stato indiano del Maharashtra sono 4.600 le donne che si sono sottoposte a un'isterectomia tra il 2016 e il 2019, ma secondo le organizzazioni umanitarie i numeri reali sarebbero molto più alti. Significherà pur qualcosa se nel solo distretto del Beed esistono 99 cliniche specializzate nell'isterectomia.

Ogni anno tra ottobre e novembre mezzo milione di persone emigrano nella "cintura dello zucchero", a lavorare per sei mesi nelle piantagioni; il mukadam, l'appaltatore, paga in anticipo le giovani coppie con cifre che si aggirano intorno ai mille euro per l'intera stagione. Quando mestruazioni abbondanti e gravidanze ostacolano il lavoro di raccolta, il mukadam consiglia alle donne di andare dal medico, il quale a sua volta raccomanderà loro di rimuovere l'utero, a fronte di infezioni anche banali. Le disgraziate non esitano a finire in sala operatoria innanzitutto perché hanno già prole, e dunque la conseguente infertilità non costituisce un problema, e poi perché nessuno le informa che l'amputazione porterà a una menopausa innaturale con relativi scompensi ormonali, carenza di calcio e non di rado dolori permanenti.

Questa terribile realtà è stata portata alla luce da un articolo del quotidiano indiano Hindu Business Line, dal titolo "Perché tante donne nel Beed non hanno l'utero", in seguito al quale è emerso che questo stato di cose perdura dagli anni '90. La crudeltà dei medici e gli interessi dei mukadam (che hanno diritto a una percentuale sugli interventi) hanno avuto gioco facile sulle sugar girls dal momento che sono povere, analfabete, impiegate in nero e senza assicurazione sanitaria. Nel 2019 il Parlamento del Maharashtra ha istituito una commissione per far luce sui misfatti, ma finora non ci sono state sanzioni nei confronti dei delinquenti di cui sopra.

L'India è al primo posto dei paesi più pericolosi per le donne. Oltre all'orrore dell'isterectomia, le indiane sono da sempre oggetto di forme di sfruttamento che sfiorano la schiavitù. L'associazione Makaam si batte per i loro diritti.

La foto è di Chloe Sharrock

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/lorgoglioriccio/trackback.php?msg=15216791

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
ormalibera
ormalibera il 09/11/20 alle 23:07 via WEB
la malvagità dell'uomo non conosce limiti.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
arien il 11/11/20 alle 15:22 via WEB
Partendo dall’assunto che tutto l’universo in ogni sua componente è regolato da una legge (causa ed effetto), è evidente che definire la “causa” una colpa non è corretto. Essa è sempre e solo una causa e la crudeltà, ad esempio, è sempre e solo un effetto.
Il maschio non è crudele. I suoi comportamenti sono solo l’effetto della causa e la causa dei suoi comportamenti è dovuta ad un difetto evolutivo.
A differenza della donna, il maschio si è evoluto meno e se non avesse avuto la donna al fianco si sarebbe evoluto ancora meno. Diciamo che il maschio ha tempi evolutivi molto più lenti della donna e deve proprio ad Eva se si evolve perché mentre per la donna è naturale apprendere facendo dell’esperienza virtù ovvero mettendola al servizio di quell’intelligenza che per lei non è un optional, il maschio invece, poiché non fa dell’esperienza virtù, la sua intelligenza ha uno sviluppo più pigro e deficitario.
Restando su causa ed effetto, la sua limitata intelligenza non è una colpa ma è solo l’effetto di una causa fisica ovvero, considerato che sia il maschio che la femmina discendono dalla scimmia, solo a contare il pelo è evidente che la donna si è evoluta molto più in fretta perdendo totalmente ogni traccia dei suoi avi. E’ diventata un bipede a tutti gli effetti, e che bipede! Nella sua evoluzione ha valorizzato in termini estetici e geometrici tutte quelle parti del corpo che nel quadrupede fai fatica ad apprezzare singolarmente: seno, fianchi, schiena, lato B, collo, cosce, mani e fianchi. Il maschio invece, la rassomiglianza con i suoi avi non se la porta dietro solo in termini di pelo, ma anche in altro. Basta osservare, ad esempio, le espressioni ed i comportamenti dei maschi di gruppo nelle parate, negli addestramenti dei marines, alle partite o quando si affacciano ai balconi ad arringare le masse, tipo gli Hitler, i Mussolini o i Trump. L’espressione delle labbra, il roteare degli occhi, il movimento delle braccia, sono sufficienti ogni volta a riportare il maschio indietro di qualche milione d’anni.
L’animalità residua che sta nel maschio non è, quindi, una colpa ma solo un ritardo evolutivo.
In termini di crudeltà, un leone che cattura una gazzella sbranandola e divorandola è solo sopravvivenza.
Il maschio invece, essendo, a differenza dell’animale, dotato di tracce d’intelligenza si distingue da esso realizzando quell’ibrido fra animale ed uomo che si definisce bestia.
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
fanny il 11/11/20 alle 15:59 via WEB
Non a caso (oggi mi ripeto, ma tant'è) per il titolo ho scelto il sostantivo maschi e non uomini; ora qualche maschietto potrebbe dire che la tua è solo una sviolinata, lo sai vero? :)
 
   
boezio62
boezio62 il 15/11/20 alle 16:14 via WEB
Ollala'.Hai Cancellato il mio commento all'orribil e descrizione,discriminatoria di Arien scagliata indistintamente sull'intera India e su tutti gli appartenenti al sesso maschile,di cui (presumibilmente) anch'egli fa parte per colpa delle trimillenarie tradizioni culturali indiane di sopraffazione? Sconteremo noi,incolpevoli e aperti alla societa, le colpe degli avi Di Buddha? Ormai la deriva orwelliana è quella.Riscrivere la Storia con la morale del Presente:2000 anni di filosofia classica occidentale buttati nel cesso. Il tuo spazio è tuo ma se cancelli commenti critici pur mancando di alcuna offesa diretta e indiretta,alcun riferimenti personali(come potrei mai farne) ma limitandomi a criticare i contenuti,ne prendo atto.Vuoi il coretto del pol.correct?Basta saperlo.
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
fanny il 15/11/20 alle 16:22 via WEB
Posto che ho stima di te, non mi piacciono i toni esagerati, e l'uso dell'aggettivo nazista, seppur contestualizzato, era eccessivo. Se ti sei sentito offeso, ti chiedo scusa, ma tieni anche presente che da qualche settimana gravita in questo spazio un personaggio che non esita a prendere la palla al balzo per scrivere cavolate e offendere. E l'ultima palla di cui si è servito era proprio l'aggettivo di cui sopra.
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
arien il 16/11/20 alle 00:07 via WEB
Oilalà @Boezio, vedo che il tuo risentimento verso la mia discriminazione di genere è ben più forte e radicato rispetto al mio verso la discriminazione ultratrimillenaria operata e realizzata religiosamente dal maschio nella realizzazione di società a suo esclusivo controllo, malgrado le iconografie fini a se stesse di costituzioni che chiacchierano di parità di diritto ed opportunità.
In termini calcistici direi che tifiamo per squadre diverse, tu per il maschio dominante ed io per la parità dei diritti. A differenza di te, non difendo parrocchie storicamente indifendibili.
 
     
boezio62
boezio62 il 16/11/20 alle 10:11 via WEB
@Arien Non è questione di parrocchie,perche' io non sono un militante e mi sforzo di praticare l'ardua prassi del "pensiero oggettivo" a differenza tua che riporti in questi commenti,il conformismo culturalista del progressismo mediatico che ben riconosco da una "posizione dissidente",la mia.Il commento che hai fatto sopra è decontestualizzato storicamente e culturalmente.Un unico calderone in cui il livore nichilista si sfoga indifferentemente e orrendamente su un genere biologico la cui colpa è solo d'essere tale.Se mettessimo nelle tue parole al posto di "maschio" un altro sostantivo che ha causato milioni di morti nel '900 in ogni area del mondo (ebreo,borghese,Utu,gli Uomini Nuovi di Pol Pot scegli tu,poi ti scrivo quanti milioni di morti ha provocato) avremmo gli stessi contenuti di odio che quei genocidi hanno creato:nazisti,comunisti,religiosi,tribali.Non mi pare tu te nerenda conto e ben inteso non cancellerei mai il tuo commento,emersione di una nascente ideologia neo-totalitaria,nella contemporaneita'occidentale che pretende (ingenuamente) di cambiare i lati peggiori del mondo...ma facendone tabula rasa. Come per ogni ideologia prevaricatrice,come sempre nella Storia "Le strade dell'Inferno sono lastricate di buone intenzioni..." (Karl Marx;L'ideologia tedesca,codice 14182)
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
arien il 16/11/20 alle 13:41 via WEB
@Boezio
“Se mettessimo nelle tue parole al posto di "maschio" un altro sostantivo che ha causato milioni di morti nel '900 in ogni area del mondo (ebreo,borghese,Utu,gli Uomini Nuovi di Pol Pot scegli tu,poi ti scrivo quanti milioni di morti ha provocato) avremmo gli stessi contenuti di odio che quei genocidi hanno creato:nazisti,comunisti,religiosi,tribali.”

Ecco, anche tu caschi nel punto d’arrivo di discussioni stantie sulla differenza fra fascismi e comunismi, quando c’è sempre quello che non avendo nulla da dire, se ne esce con: “allora contiamo chi fra i due ha fatto più morti”.
Tu, fra l’altro, per entrare nel numero dei morti citi anche alcune paternità:“(ebreo,borghese,Utu,gli Uomini Nuovi di Pol Pot scegli tu,poi ti scrivo quanti milioni di morti ha provocato)” e, così preso dalle tue citazioni, dalle tue definizioni, dalle tue letture, intese solo come letture ma acritiche perché evidentemente la tua ideologia ti vieta di essere critico verso quello che leggi. Ideologia del tipo “la Roma si ama, non si discute”, nemmeno ti sei accorto di esserti scavato la fossa.
Ebbene ci sto, facciamo il giochino della conta dei morti, col tuo:
““Se mettessimo nelle tue parole al posto di "maschio" un altro sostantivo che ha causato milioni di morti nel '900 in ogni area del mondo.”
Meglio ancora, te lo semplifico il giochino, fallo da solo e non mettere al posto di “maschio” un sostantivo, ma fai un passettino avanti ed al suo posto anziché usare il “sostantivo” di comodo che non identifica il genere (Maschio/Femmina) tipo “olocausto” o “nazismo” o “fascismi” o quello che ti pare, scrivici direttamente il nome del suo rappresentante così ne definiamo anche il sesso, il genere. Ad esempio, scrivici Hitler o Mussolini o Pol Pot o Pinochet o il suo papà Nixon o Roosvelt o, se dovesse venirti in mente, il nome di una donna. Se non ti viene a mente, però, non provarci con Circe dicendomi che trasformava gli uomini in “porci” perché, santa donna, ci aveva visto giusto ben prima di me ed è stata anche fortunata perché non ha dovuto sorbirsi repliche e definizioni:
“un genere biologico la cui colpa è solo d'essere tale.” (il maschio), e meno male perché anche le donne sono a capo di movimenti e sempre “a difesa” dei loro diritti. Movimenti che non hanno fanno stragi, fosse comuni, genocidi, morti. Dài, mettici i nomi delle donne che hanno partorito, costruito e realizzato l’olocausto, le persecuzioni agli ebrei, il genocidio degli Indiani d'America, i fascismi, i KKK, il mercato degli schiavi, le razzie colonialistiche, l'apertheid, le torri gemelle, l'aggressione all'Iraq e quella all'Afghanistan, Guantanamo, le bombe atomiche usate dall’uomo contro l’umanità, dai. Tu che sei quello del “pensiero oggettivo” che fai? Usi l’oggettività quando e come ti conviene? Solo per accomunare la donna alle porcate del maschio e poi nei diritti la tratti buttandole l’osso delle quote rosa come si fa col cane? Che fai le le usi anche tu a tuo piacimento?

“un genere biologico la cui colpa è solo d'essere tale.” (il maschio)
All’anima del “pensiero oggettivo”. A meno che “pensiero oggettivo” non significa considerare la donna “oggetto”, tipo:
“Dai mettiamoci 5 minuti a tavolino e sbolognamogli qualche quota rosa e ce le togliamo dalle palle”.
“E la Costituzione?”
“Ma chi se ne fotte della Costituzione, quelle sono robe da intellettuali... anche loro devono campare.”
Ed io sarei un militante? Certo, militante di quei diritti usati solo come slogan intellettualoidi. Tu invece non sei un militante dell’indifendibile maschilismo storico?
 
     
boezio62
boezio62 il 23/11/20 alle 12:41 via WEB
@Arien [[Dopo qualche tempo di forzata assenza, rispondo al tuo commento che mischia ulteriori provocazioni gratuite e tesi talmente strampalate da sembrare solo trollaggio digitale,riportando le tue frasi e riquadrando le mie risposte e sforzandomi di restare ai contenuti,sorvolando sull'astio polemico di molti passaggi]] Ecco, anche tu caschi nel punto d’arrivo di discussioni stantie sulla differenza fra fascismi e comunismi, quando c’è sempre quello che non avendo nulla da dire, se ne esce con: “allora contiamo chi fra i due ha fatto più morti”. [In una coazione a ripetere i tuoi schemi conflittuali insisti nell’evitare il “soggetto” delle discussioni per attribuire all’interlocutore di turno,i tuoi preconcetti: Quando mai ho scritto vediamo chi ha fatto piu’ morti tra fascismi e comunismi???] Tu, fra l’altro, per entrare nel numero dei morti citi anche alcune paternità:“(ebreo,borghese,Utu,gli Uomini Nuovi di Pol Pot scegli tu,poi ti scrivo quanti milioni di morti ha provocato)” e, così preso dalle tue citazioni, dalle tue definizioni, dalle tue letture, intese solo come letture ma acritiche. Perché evidentemente la tua ideologia ti vieta di essere critico verso quello che leggi. Ideologia del tipo “la Roma si ama, non si discute”, nemmeno ti sei accorto di esserti scavato la fossa. [[Tu non sai nemmeno chi sono ma ti permetti di attribuire giudizi,reiterando provocazioni nientemeno che sulle “mie letture” e perfino di stabilire,TU,che sono “acritiche” :DDD Premesso che è divertente vedere come annaspi quando non riesci a mettere il nemico di turno negli schemini da turista del dibattito, non ho trovato nei testi di Scienze Politiche l’ideologia “romanista” .Prova col Liverpool di Klopp o il Barcellona di Guardiola:D ]] Dài, mettici i nomi delle donne che hanno partorito, costruito e realizzato l’olocausto, le persecuzioni agli ebrei, il genocidio degli Indiani d'America, i fascismi, i KKK, il mercato degli schiavi, le razzie colonialistiche, l'apertheid, le torri gemelle, l'aggressione all'Iraq e quella all'Afghanistan, Guantanamo, le bombe atomiche usate dall’uomo contro l’umanità, dai. [[Questa è “la perla delle perle”….LE donne “INQUANTODONNE” appartengono quindi ad una razza superiore per intelligenza.disinteressate al potere,incapaci di volonta’ di dominio,naturalmente inclini a praticare la dolcezza e la bonta’,inibite alla sopraffazione che appartiene solo alla specie “Homini Lupus”,peluria inclusa? Vediamo un po’…quindi chiedi ,un elenco e lo chiedi con supponenza strafottente all’interlocutore sbagliato. Ottimo. Hatshepsut (1458 a.c.),Nefertiti (1330 a.c.)Cleopatra 30 a.c.,,la sanguinaria madre di Nerone (Agrippina) le Auguste bizantine Irene,Galla Placidia,le principesse mogli di Re barbari Teodolinda,Teodosia che influirono sui loro Re-sposi,sull’opportunistica conversione al Cristianesimo.,la Grancontessa Matilde che guerreggio’ per decenni con l’Imperatore Federico,per non dire delle spregiudicate Zarine di Russia Caterina I° e II°,dell’imperatrice d’Austria Maria Teresa,di Elisabetta 1° col nascente impero e la Regina Vittoria che governo’ l’espansionismo coloniale inglese e pure negli ultimi 50 anni altri fulgidi esempi di disinteressato Governo e superiore bonta’ femminea come Margaret Thathcher,Golda Meir,Hillary Clinton,frau Merkel…governanti di democrazie occidentali protagoniste di “guerre preventive”,guerre coloniali,operazioni di omicidi extragiudiziali di capi palestinesi,distruzioni pianificate dell’economie di interi paesi da colonizzare.Pr tacere delle figure di secondo piano manager,politici,attiviste,responsabili di Enti Internazionali che hanno mostrato aggressivita’ e omologazione agli schemi del Sistema dominante una volta avuta la possibilita’ di esercitare qualche forma di potere…quindi,tutte queste AMABILI SIGNORE a che Sesso appartengono? Tu,ne sono certo,risponderai sono solo “eccezioni che confermano la regola” :D Ma è una colossale stupidaggine identificare l'elemento biologico come UNICA CAUSA per spiegare nientemeno che TUTTA la Storia dell’Umanita’.]] Tu che sei quello del “pensiero oggettivo” che fai? Usi l’oggettività quando e come ti conviene? Solo per accomunare la donna alle porcate del maschio e poi nei diritti la tratti buttandole l’osso delle quote rosa come si fa col cane? Che fai le le usi anche tu a tuo piacimento? “un genere biologico la cui colpa è solo d'essere tale.” (il maschio) All’anima del “pensiero oggettivo”. A meno che “pensiero oggettivo” non significa considerare la donna “oggetto”, tipo:“Dai mettiamoci 5 minuti a tavolino e sbolognamogli qualche quota rosa e ce le togliamo dalle palle”.“E la Costituzione?”“Ma chi se ne fotte della Costituzione, quelle sono robe da intellettuali... anche loro devono campare.” Ed io sarei un militante? Certo, militante di quei diritti usati solo come slogan intellettualoidi. Tu invece non sei un militante dell’indifendibile maschilismo storico [[No,caro provocatore seriale,chi ha una formazione storica non si lascerebbe andare a questi deliri discriminatori.Piu’ semplicemente la natura umana e le condizioni di contesto,periodo storico,volonta’ di dominio e forza applicabile per ottenerlo,determinano gli eventi cosi’ come il fatto che la biologia naturale ha fatto della nostra specie “Uomo”,quella piu’ forte fisicamente rispetto alla donna e quindi dominante, come ogni altra specie di mammiferi presente sulla terra ma il Male,se vogliamo connotarlo moralisticamente,è presente in entrambi i sessi. La violenza e la sopraffazione sono all’origine di ogni Dominio,poi subentrano le sovrastrutture culturali,politiche,religiose a giustificarne l’affermazione.E’ così su scala infinitamente inferiore ma fondamento della Societa’ Umana anche nella conflittualita’ di coppia. Medea,Fedra,Clitennestra,Procne sono invenzioni maschiliste dei Trumpisti o l’esempio letterario ma concreto della sanguinaria vita di corte fin dalla prima antichita’ in cui la figura femminile era centrale e non disdegnava inganni,tradimenti,malvagita’ abiette? Ma passiamo oltre la cultura e la filosofia della Greca Antica,radice imprescindibile delle culture occidentali e vediamo cosa ci propone per l'Avvenire l’ideologia a cui manifesti appartenenza così fanatica. Be',ora puoi redimere il mondo dalle “porcate del maschio” (cit.) seguendo questa aberrante tesi biologica. Se L’UOMO è come dici tu “causa di ogni Male”,non resta che portare alle ovvie conseguenze questa convinzione. Rieducazione forzosa? Sottomissione in quanto “razza inferiore e apportatrice di lutti”? Sterilizzazione e alla fine l’eliminazione dal Pianeta? Perche’ no? Il femminismo,il globalismo multiculti e antira'non è forse “tollerante,inclusivo,pacifista” e percio’ “buono e “umano””? Sii coerente e fonda o associati ad un Movimento per lo sterminio delle Specie maschili. Tanti cari saluti,vi aspettiamo io e altri 3,7 miliardi di uomini a pie’ fermo]]
 
     
Utente non iscritto alla Community di Libero
arien il 23/11/20 alle 21:32 via WEB
Bentornato @Boezio, credo che sia tu che io abbiamo espresso abbondantemente le rispettive opinioni e sulla discriminazione femminile che ha come contraltare il potere assoluto del maschio, metterla in discussione sarebbe fare i terrapiattisti. Diverso è “teorizzare” che essa dipenda da un fattore biologico come ho fatto io lanciandomi nel paradigma:vuoi vedere che il maschio ha dei problemi biologici? Infatti non mi sbagliavo, perché almeno uno mi ha dimostrato che i problemi biologici li ha. E ti ringrazio per averlo fatto scrivendo:

“il fatto che la biologia naturale ha fatto della nostra specie “Uomo”,quella piu’ forte fisicamente rispetto alla donna e quindi dominante, come ogni altra specie di mammiferi presente sulla terra”.

1) Quindi, è colpa della biologia se il “maschio ominide, essendo più forte fisicamente, è dominante.
Bene, concordo. Peccato però che hai aggiunto:

2) “come ogni altra specie di mammiferi presente sulla terra”.

E qua devo ringraziarti perché non ti sei mica accorto che hai messo sullo stesso piano intellettuale il maschio e l’animale.
Non hai riflettuto sul fatto che se l’animale è dominante ed utilizza la forza e la violenza, questo è normale proprio perché è nella sua natura esserlo.
Non ti sei accorto che parlare di diritto, di democrazie, di rispetto, di non-violenza è quello che ci distingue dal mammifero animale? Ma che fai? Non distingui più e affermi:

“il fatto che la biologia naturale ha fatto della nostra specie “Uomo”,quella piu’ forte fisicamente rispetto alla donna e quindi dominante, come ogni altra specie di mammiferi presente sulla terra”.

Quindi, a parte che anche tu sei finito nella biologia, cosa fai?
3) Giustifichi la dominanza del maschio attribuendola alla biologia che lo ha reso più forte della donna (in poche parole: prepotenza e violenza animale) dimenticandoti che è dotato d’intelligenza! Così mandi al macero filosofi, padri costituzionali, grandi intellettuali e tutte le citazioni all’ingrosso che non fai mai mancare.
Mi pare evidente che proprio il punto 3, sposa in pieno la mia provocazione biologica ovvero il maschio, a differenza della donna, è rimasto a metà fra animale ed uomo ovvero è un ominide con poche tracce d’intelligenza.
Un’ultima cosa, visto che hai elencato delle regine, ti sei fatto sfuggire qual è la condizione che regola le successioni nelle monarchie affinché, “obtorto collo”, una donna possa assurgere al trono. Una condizione scritta anch’essa dall’ominide laddove la regina intesa come moglie del Re, deve figliare finché non fa il maschio)! Donna-oggetto! Anche per Neferiti, appartenendo ad una civiltà ed epoca ancora più orrendamente maschilista, credo che valesse la stessa regola. Così come per tutte le religioni, quelle che, anch’esse, se le sono scritte i maschi a propria immagine e somiglianza, per non farsi mancare niente in nessun campo. Solo i greci hanno avuto la sensibilità d’inventarsi una religione democratica, fatta di dei e dee. Unica religione dove gli dei sono anche più stronzi degli uomini. I greci, però, erano altra gente. Gente unica ed inarrivabile da qualunque altro popolo al mondo.
Ciao.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Forma Mentis il 16/11/20 alle 07:50 via WEB
Peccato per la cancellazione del messaggio, era un esempio da manuale di reductio ad Hitlerum, ne faccio collezione.
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
fanny il 16/11/20 alle 09:43 via WEB
Non potendo accontentare tutti, accontento me; tuttavia lo ribadisco, il problema è l'ingerenza degli idioti... tra persone intelligenti anche le discussioni più accese restano stimolanti, persino quando si vuole ragionare/dimostrare per assurdo.
 
 
boezio62
boezio62 il 16/11/20 alle 10:14 via WEB
Purtroppo l'avevo scritto di getto,non ne ho copia,lieto che fosse apprezzato come commento critico,senza alcun riferimento personale.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ULTIMI COMMENTI

A questo punto direi che il "il clima di...
Inviato da: fanny
il 10/01/2021 alle 16:23
 
E con identico spirito legga la mia. :-)
Inviato da: nahan
il 10/01/2021 alle 15:31
 
In realtà la mia affermazione voleva avere un respiro, per...
Inviato da: fanny
il 10/01/2021 alle 14:53
 
Io, l'analfabeta, la leggerei tutta... senza...
Inviato da: nahan
il 10/01/2021 alle 10:40
 
Quindi io sarei l'amante ideale...
Inviato da: fanny
il 10/01/2021 alle 09:32