Sia quel che sia

I'll go on my way, anyway!

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

PORTAMI IL GIRASOLE...

Portami il girasole ch'io lo trapianti nel mio terreno bruciato dal salino e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti del cielo l'ansietà del suo volto giallino.

Tendono alla chiarità le cose oscure, si esauriscono i corpi in un fluire di tinte:queste in musica. Svanire è dunque la ventura delle venture.

Portami tu la pianta che conduce dove sorgono bionde trasparenze e vapora la vita quale essenza; portami il girasole impazzito di luce.

E. Montale

fiore

 

KAHLIL GIBRAN

Gli affetti del cuore
sono come i rami del cedro;
se l'albero perde un ramo robusto,
soffre, ma non muore.
Riversa tutta la vitalità
nel ramo accanto,
perchè possa crescere 
e riempire il posto vuoto

 

K. GIBRAN


La farfalla che svolazza intorno alla lampada finchè non muore
è più ammirevole della talpa
che vive in una galleria oscura.

Gif

 

A. BARICCO

Provo ad articolare in modo più elegante: dispiace, in quel vino, il fatto che cerchi la via più breve e veloce per il piacere, anche a costo di perdere per strada pezzi importanti del gesto del bere. Usando termini romantici e quindi pienamente nostri: è come se si sotituisse all'idea di bellezza, quella di spettacolarità; è come se si privilegiasse la tecnica all'ispirazione, l'effetto alla verità....la spettacolarità diventa un valore. Il valore.

 

D.DIDEROT

Si corre lo stesso rischio a credere troppo che a credere troppo poco.

 

 

N.HIKMET

Scoiattolo

Living is no laughing matter:
you must live with great seriousness
like a squirrel, for example,
I mean without looking for something
beyond and above living

……………………………

La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
come fa lo scoiattolo, ad esempio,
senza aspettarti nulla dal di fuori o nell’al di là.
Non avrai altro da fare che vivere.

Alla vita, Nazim Hikmet

 

 

Incancellabile

Post n°72 pubblicato il 07 Novembre 2010 da lunarossa.73

Dopo tanto tempo eccomi qui,  in questo spazio solitario, dove speranze, sorrisi, dubbi, rabbia, rivendicazioni, sono rimaste ingabbiate…

Mi spiace per chi visita oggi questo spazio e si ritrova un bel macigno, abbiate pazienza, siete sempre liberi di visitare altrove o di  lasciare un commento  sul tema.

Volevo farlo da tempo ma ero restia a scrivere ancora …Lo faccio oggi e non c’è una ragione ben precisa,  se non il silenzio assordante di questa domenica uggiosa.

 Riporto un post che una donna lesse tempo fa e che unito ad altri post ignobili, cambiò la sua vita, per la  violenza e l’ironia crudele con cui qualcuno senza buon senso lo aveva scritto....un blog con il suo nome e con dati talmente personali che non potevano esserci dubbi sull’attendibilità della sua scoperta ….L’ho tenuto nel mio pc sperando che la vicenda in una manciata di pochi mesi si sarebbe risolta in qualche  modo…invece i vili autori sono taciturni adesso ma sempre liberi,  impuniti e mai sazi del danno che hanno procurato….e lei non esiste più. La vita è ingiusta a volte…

Questi vampiri, dopo poco tempo, trasferirono  il post i in un altro spazietto del blog, nel 2007, che abili… non potevano farla troppo  sporca evidentemente!  Mi chiedo come facciano a camminare a testa alta, come possano guardare i loro figli e trasmettere loro onestà e verità…mi chiedo tante cose e come sempre la risposta soffia nel vento….Intanto  lei non c’è più…

Caro…….
sapere che sarò morta, quando leggerai questa lettera, mi esalta: se stai leggendo, ora, è perché la mia cremazione è già avvenuta ed io, in buona sostanza, non esisto più. E’ eccitante sapere che queste parole saranno sotto i tuoi occhi soltanto quando non potrai più vedermi né avermi con te: mi sembra quasi di poter riuscire, finalmente, ad ostentare la mia forza di volontà, quella che mi ha permesso di liberarmi di te. In un modo o nell’altro.
Ricordi quando, dopo le lunghe litigate, ti dicevo: “io ho un progetto”. Beh, questo era il mio progetto. Uccidermi. Non che io l’abbia fatto per la frustrazione di uscire sempre sconfitta, dalle discussioni con te: non sono così stupida, Vittorio, e lo sai bene. Il mio progetto è superiore. Perché – vedi – io non morirò realmente. Io potrò vederti. Da morta, sì, io potrò vederti. Mi basta il tempo necessario ad osservarti reagire alla mia dipartita: mi basta poter constatare che sarai effettivamente distrutto. E quella sarà la mia rivalsa, l’essere riuscita a distruggerti nel modo più spietato che io riesca ad immaginare. Lascia che ti dica come dovranno avvenire le cose, in che modo vorrei che tu ti comportassi. E non pensare che questa lettera sia un testamento: queste non sono affatto le mie ultime volontà. Prendile pure come una sorta di istruzioni per l’uso: ecco, sì, le istruzioni per l’uso della mia morte. Certo, puoi ignorarle: sei libero di agire come meglio credi e, del resto, è sempre stato così. E’ piuttosto un mio capriccio, quello di constatare se le mie previsioni corrisponderanno, poi, alla realtà dei fatti. Permetti che io lo soddisfi, questo primo ed ultimo capriccio.
Dunque. Punto primo. Secondo i miei piani, dovrai essere tu a trovarmi. Probabilmente sarò riversa sul tavolo della cucina, bianca come un cencio, forse anche un po’ violacea, e avrò la siringa ancora infilata nel braccio. Sì, sai, ho pensato che, avendo deciso di morire, sarebbe stata una buona idea quella di sapere cosa si prova a farsi di eroina, almeno una volta nella vita. La dose, però, sarà massiccia, tagliata con l’acido o non so che altro: quel che conta è che sarà letale. Perciò, sarai tu a trovarmi. M’inietterò la dose intorno alle sei del pomeriggio, in modo tale che quando tornerai, alle sette e mezzo, mi troverai già morta da un pezzo. Spero di non puzzare, onestamente: sai bene ch’è una cosa che proprio non sopporto, il cattivo odore. Dicevo che mi troverai, mi chiamerai a gran voce, comincerai a preoccuparti, mi alzerai il viso, probabilmente tirandomi i capelli, e poi ti renderai conto che non respiro. Il tuo viso sarà una maschera di orrore: sarai terrorizzato, annichilito, disperato. Allora chiamerai l’ambulanza, che – di sicuro – impiegherà un tempo infinito ad arrivare: i medici ti diranno che ormai non c’è più niente da fare e mi porteranno all’ospedale, all’obitorio o che so io. Tu sarai sempre lì, domandandoti dove posso aver trovato il coraggio per fare una cosa simile: domandandoti come la tua piccola panda possa aver pensato ad una cosa tanto spaventosa.
Punto secondo. Dovrai telefonare ai miei, e tu detesti i miei genitori dal profondo del tuo cuore. Ma dovrai chiamarli e ti risponderà mia madre. A quel punto, le dirai – con la voce rotta – che sono morta, che mi sono ammazzata, che devono venire subito in città. Mia madre ti chiederà se sei impazzito, ti dirà che mi ha sentita solo poche ore fa [sì, le ho telefonato io: concedimelo, volevo sentirla prima di andarmene all’altro mondo], poi inizierà ad urlare e infine cadrà a terra svenuta. Ci saranno altre mille telefonate, parlerai anche con mio padre, scoprirai che non è così borghese come lo immaginavi, li inviterai a casa nostra per tutto il tempo che occorre. E loro arriveranno prima di quanto ti aspettassi: mia madre sarà a pezzi e mio padre sarà un uomo distrutto. Li impressionerà il fatto che, dopo tutto, tenevi a me tanto da non riuscire più a spiccicare due parole di senso compiuto e, ciononostante, ti daranno addosso – non so quanto velatamente, forse per niente – e poi ti chiederanno con insistenza perché avrei dovuto darmi la morte. Vorranno una risposta da te, amore mio, e tu dovrai trovarne una, ed anche sufficientemente credibile. Altrimenti ti uccideranno.
Punto terzo. Dovrai combattere un’aspra battaglia per la mia cremazione: i miei genitori vorranno, senza dubbio, che io abbia un bel funerale tradizionale, con tanto di bara e marmo lucido. Ma tu sai perfettamente che io non sopporto l’idea di putrefarmi, murata dentro un loculo buio. Perciò combatterai contro di loro e, alla fine, dovrai vincere. Farai in modo che io venga bruciata dentro un inquietante forno mortuario, sceglierai un’urna dentro cui conservare le mie ceneri e poi dovrai arrenderti a infilarle da qualche parte, in un posto oscuro, perché la legge italiana non ci permette di disporre dei nostri cadaveri. Ahimè, pensano di poterci controllare persino da morti… ma questo è un altro discorso.
Punto quarto. Improvvisamente, dopo tutti gli obblighi pratici di cui dovrai e vorrai [perché lo vorrai] occuparti, comincerai a pensare al perché. Sarà come un fulmine a ciel sereno: il pensiero di me, di quello che può essermi passato per la testa, t’invaderà le sinapsi e inizierai a non pensare ad altro. Non potrai esimerti dal passare giornate intere, settimane, mesi, forse anni, a chiederti come posso aver compiuto un gesto tanto azzardato, in qualche modo coraggioso, di certo sconcertante: questa lettera vuole fornirti una piccola spiegazione. Questa lettera, anzi, si propone proprio di intervenire nel mentre ti ritrovi a frugare tra la mia roba, ad infilare la testa in tutto quello ch’è stato mio: voglio aiutarti. Non ti dirò espressamente perché l’ho fatto ma sappi che non sono disperata, non sono pazza, non sono schifosamente irrazionale [come ti piace definirmi]: forse, forse sono solo una donna capricciosa oppure una donna innamorata o magari una bambina incastrata per sempre dentro un corpo che non è il suo.
Punto quinto. Chiuderai questa lettera nel cassetto più remoto della tua scrivania Ikea, chiuderai a chiave lo sgabuzzino, dopo averci stipato dentro ogni mio bene materiale: t’imporrai di non pensare più a tutto quello ch’è stato, di non versare più una sola lacrima [ma non ne verserai molte, sta tranquillo], di non avere più a che fare con quei due malati di mente dei miei genitori. Scoprirai ch’è più difficile di quanto pensassi, smettere di tormentarti per me, e il numero dei tuoi bicchieri di whiskey salirà inesorabilmente, rendendoti cerebralmente un’ameba. Dormirai poco, lavorerai tanto e male, scoprirai di portarti dentro un dolore fin troppo simile al mio, a quel dolore contro cui hai sempre voluto opporre il dono mistico del raziocinio. E poi, così di punto in bianco, un giorno, dormirai: per ventiquattro ore, forse, dormirai come un bambino. E, al mattino, io sarò, in un certo senso, sparita.
Punto sesto. Ti convincerai di potermi cancellare via, come con un clic del mouse: penserai che, prima o poi, l’idea di me si allontanerà nell’eterno, in un qualcosa di molto simile al tramonto del tempo, e ti sentirai sollevato. T’illuderai, amore mio: t’illuderai che sono stata soltanto una parentesi, una parentesi lunga quasi dieci anni, nell’arco di una vita, ch’è la tua. Quella vita che ti ritrovi in testa ogni giorno, contro cui non sai più che razza di lotta ingaggiare.
E’ stato così bello che non saprei in che altro modo finire.
Amandoti, e dolorosamente,

………………..

 
 
 

Love in the cartoon

Post n°71 pubblicato il 21 Giugno 2010 da lunarossa.73

 

http://www.youtube.com/watch?v=ugb5NATuSNE

 

 

 

 

 

 
 
 

Blindness

Post n°70 pubblicato il 20 Giugno 2010 da lunarossa.73

 

 

Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, la pietra che ha cambiato posto.

Josè Saramago

 

 
 
 

U2

Post n°68 pubblicato il 10 Maggio 2010 da lunarossa.73

 

Happy happy happy birthday!

In occasione dei suoi primi 50 anni...

http://www.youtube.com/watch?v=Yi52HjJbwVQ&feature=related

Magnificent

 

http://www.youtube.com/watch?v=ZpDQJnI4OhU&feature=related

One

Mary J. Blidge, U2

 http://www.youtube.com/watch?v=gwKEdFoUB0o&feature=related

 Walk on 

 

 

  

 
 
 

Uselessness

Post n°67 pubblicato il 29 Aprile 2010 da lunarossa.73

 

In questa vita imperfetta abbiamo bisogno anche di una certa quantità di cose inutili. Se tutte le cose inutili sparissero, sarebbe la fine anche di questa nostra imperfetta esistenza.

 

[Murakami]

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: lunarossa.73
Data di creazione: 28/11/2009
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giullare1gmachiavel_liBastardocomepochio.1acquaeventolunarossa.73valentinacaronetracciadilupothegrouchyjokerSoniagra68piacevoleincognitaMorrriss_00Marlon.Brandyrussareinvenetomezzanotte_per_tesantos1964
 

I MIEI LINK PREFERITI

 

MISS POPPINS

M. Poppins Ricordo che tempo fa, un alunno mi chiamò Mary Poppins...

A volte basta poco perchè una giornata diventi magica!

Mi son tornati alla mente sorrisi, gesti, parole raccolte in questi anni...trovo persino un disegno con dedica che mi fece un'alunna nel 2003...Incredibile la forza che hanno i ricordi!                   

Per un'attimo, ho dimenticato la miseria e la bassezza che l'"amore"mi ha regalato in questi mesi...

 

EDUCERE ?!

Questa mattina una ragazzina aveva gli occhi pieni di lacrime, ero lì per un suo compagno, ma vedendola, decido di farla uscire un attimo per farla calmare e capire cosa fosse successo...era terrorizzata, si sentiva mortificata e tremava dal nervoso...una ragazzina esile, dagli occhi intelligenti, delicata come un bocciolo, tutto perchè la sua insegnante non era soddisfatta dell’ interrogazione e l'aveva“ minacciata” di darle 4...ma se ha dei voti sempre alti…perchè umiliarla così!?! La ragazzina continuava a ringraziarmi...eppure non avevo fatto nulla di speciale, l'avevo solo ascoltata e fatta sorridere...

 

KAHLIL GIBRAN

 

Colui che ripete quel che non comprende 
non è migliore di un asino che porti un carico di libri.

 

EDUCERE

Sabato mattina...

in una classe seconda

Insegnante: Leonardo cosa significa borghese?

Alunno : beh, quello che viene dal borgo

 e in una classe terza

Insegnante:sai cosa significa emulare?

Alunno: si si, certo….scaricare da emule  

 

B. PASTERNAK

In ogni cosa ho voglia di arrivare

sino alla sostanza.

Nel lavoro, cercando la mia strada,

nel tumulto del cuore.

 

Sino all'essenza dei giorni passati,

sino alla loro ragione,

sino ai motivi, sino alle radici,

sino al midollo.

Eternamente aggrappandomi al filo

dei destini, degli avvenimenti,

sentire, amare, vivere, pensare

effettuare scoperte.

                       

 

 

 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom