Contatta l'autore

Nickname: lunarossa.1974
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 46
Prov: NA
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

FACEBOOK

 
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Ultime visite al Blog

bulltorino2015words_62cerinosergiobrunelli72enri130christianvisJesus0adannyrenzihadrusgio0madevixrobertalemmarotax1lesaminatorearcopaljehu
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

No alla censura! Basta con l'imbroglio!

Questo blog è pubblicato in base all'art. 19 della Dichiarazione Universale dei diritti dell'Uomo, all'art. 10 della CEDU, all'art. 11 della Carta di Nizza, all'art. 6 del Trattato sull'Unione Europea, all'art. 21 della Costituzione Italiana.

La libertà d'espressione fa parte del patrimonio giuridico e morale mondiale.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Creato da: lunarossa.1974 il 16/02/2007
Senza nè Santi nè Eroi.

 

 
« Questo governo garantisc...Monsignor Fisichella imp... »

I giudici di Milano dicono si all'eutanasia

Post n°100 pubblicato il 09 Luglio 2008 da lunarossa.1974

 




La Corte d'appello civile di Milano autorizza il padre e tutore di Eluana Englaro, ragazza in stato vegetale da 16 anni a seguito di un incidente stradale ad interrompere il trattamento di idratazione e di alimentazione che per tutti questi anni l'hanno tenuta in vita.

Era dal 1999 che il padre chiedeva di interrompere quel che lui definiva un accanimento terapeutico.

Ora può farlo.

I giudici hanno così documentato le ragioni che li hanno spinti a tale soluzione:


  • a) è già stata provata l'irreversibilità dello stato vegetativo permanente della giovane ed

  • b) è dimostrata la convinzione di Eluana, quando era pienamente cosciente, di preferire la morte all'essere tenuta in vita artificialmente senza più capacità percettive e avere contatti con il mondo esterno.


I firmatari del decreto in cui si autorizza la sospensione del nutrimento a Eluana sono il giudice della prima sezione civile della Corte d'appello di Milano Filippo Lamanna e i giudici del collegio Giuseppe Patrone e Paolo Negri Della Torre.


Il provvedimento può essere applicato da subito ma un'ulteriore pressione vien fatta al genitore e tutore.

Il consiglio di attendere il termine dei 60 giorni poiché teoricamente è possibile farvi ricorso davanti alla Cassazione.

Chi mai avrebbe la temerarietà e l'arroganza non meno la presunzione di fargli ricorso?

Non i familiari, ne gli amici o vicini di casa.

Tuttavia dobbiamo prendere tutti in considerazione la possibilità che la Santa Chiesa Romana, temendo gli sfugga di mano la sua lotta all'eutanasia possa Essa stessa opporsi e presentare ricorso.

Se ciò non accadesse sarebbe per noi, comuni mortali e per tutti gli Welby una grande e grave conquista.

I giudici: "Decisione inevitabile"

Per il collegio giudicante che ha emesso il verdetto, la decisione è stata "inevitabile" dopo aver accertato "la straordinaria durata del suo stato vegetativo permanente, l'altrettanto straordinaria tensione del suo carattere verso la libertà e la sua visione della vita". Una concezione della vita - spiega il giudice Lamanna - inconciliabile con la perdita totale e irreversibile delle proprie facoltà psichiche e la sopravvivenza "solo biologica del suo corpo, in uno stato di assoluta soggezione passiva all'altrui volere".

La Corte d'appello ha anche escluso che la scelta del tutore, il padre di Eluana, "sia stata espressione di un suo personale giudizio sulla qualità della vita" della figlia anziché di quest'ultima, e sia che vi siano stati altri "fini o interessi se non quello di rispettare la volontà" della ragazza.

Il padre: "Ha vinto lo Stato di diritto"

Il papà di Eluana, Beppino Englaro, ha commentato così la decisione della Corte d'Appello: "Ha vinto lo Stato di diritto".

Laddove vince lo Stato di diritto perde forse lo Stato del Vaticano?

È questo che intendeva dire il papà?


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

ARRESTATECI TUTTI

COPIA E INCOLLA NEL TUO BLOG