Blog
Un blog creato da micasalv il 31/12/2009

mamma pensiero

Dopo essere diventata mamma ecco qui il mio mamma pensiero

 
 

OM MANI PADME HUM

 

VOGLIO FARTI UN REGALO
QUALCOSA DI DOLCE
QUALCOSA DI RARO

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI LINK PREFERITI

 

AUGURI A TUTTE LE MAMME

Post n°24 pubblicato il 09 Maggio 2010 da micasalv
 

La festa della mamma ha origini antichissime ed è diffusa in tutto il mondo.
In Italia, come in molti altri paesi viene festeggiata la seconda domenica del mese di Maggio.
Negli Stati Uniti pochi anni dopo la  fine della guerra di secessione, nel maggio 1970, Julia Ward Howe organizzò una festa delle "madri della pace" e propose di fatto l'istituzione del Mother's Day come momento di riflessione contro la guerra.
Il presidente Woodrow Wilson decise di ufficializzare la festa della mamma nel 1914 con l'accordo del congresso  e di festeggiarla la seconda domenica di maggio.
In Norvegia si festeggia la seconda domenica di febbraio
In Argentina la seconda domenica di ottobre
In Spagna la prima domenica di maggio
In Francia l'ultima domenica di maggio
In Thailandia il 12 agosto
In Egitto e Marocco il 21 marzo
In Russia l'ultima domenica di novembre
In Indonesia il 22 dicembre.

 
 
 

BUON INIZIO SETTIMANA!

Post n°23 pubblicato il 02 Maggio 2010 da micasalv
 

 
 
 

A DOMANI...

Post n°22 pubblicato il 29 Aprile 2010 da micasalv

 
 
 

OM MANI PADME HUM

Post n°21 pubblicato il 28 Aprile 2010 da micasalv
 

Questo è il mantra di Avalokiteshvara, il mantra più recitato e conosciuto anche dai non buddhisti. Può essere recitato per lunghi periodi di tempo, sgranando il mala, il rosario buddhista, durante la vita comune o la meditazione.
Om Mani Padme Hum viene recitato per ottenere la liberazione, quindi la pace e la libertà dalle sofferenze, e si dice che sia così potente che anche un animale sentendolo otterrà una rinascita umana e quindi la possibilità di conoscere il dharma e raggiungere l'illuminazione. Il mantra non ha un significato letterale come frase compiuta, bensì hanno significato le sei sillabe che lo compongono.

Om è composta da tre lettere: A, U e M. Queste simbolizzano il corpo, la parola e la mente impuri del praticante all'inizio del suo sentiero verso la liberazione. Alla fine del sentiero, simbolizzano il corpo, la parola e la mente puri di un Buddha.
Quindi, al tempo stesso, Om indica la possibilità che vi sia una trasformazione dall'impurità alla purezza: il sentiero della liberazione.

Mani, due sillabe, significa "gioiello", simbolizza la bodhicitta, cioè l'intenzione altruista di raggiungere l'illuminazione per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.

Padme, due sillabe, significa "loto", simbolizza la saggezza, la conoscenza. La comprensione dell'impermanenza, della vacuità, dell'interdipendenza, la conoscenza che recide ogni illusione e offuscamento. Mani Padme è anche l'epiteto di Avallokitesvara.

Hum chiude il mantra nella perfezione, come pure anche molti mantra, e significa " concedi" la mente onniscente e le realizzazioni, e simbolizza l'indivisibilità di metodo e conoscenza, di compassione e saggezza.

Le sei sillabe del mantra significano che con la pratica di un sentiero che sia l'unione di metodo e saggezza è possibile trasformare corpo, parola e mente impuri nel corpo, nella parola e nella mente puri di un Buddha. La Buddhità, la natura del Buddha, è all'interno di ciascuno di noi così come è all'interno del mantra Om Mani Padme Hum.

La frase intera ha anche il significato di : " O gioiello sul fior di loto, concedimi tutte le realizzazioni" oppure " Concedimi l'ispirazione per ottenere l'unione di metodo e saggezza".

Si racconta che molti anni fa mille prìncipi fecero voto di diventare Buddha. Uno solo riuscì a raggiungere l'illuminazione e divenne il Buddha che noi conosciamo come Gautama Siddharta. Avaloketeshvara tuttavia fece voto di non entrare nel Nirvana fino a quando tutti gli altri prìncipi non fossero diventati loro stessi dei Buddha. Nella sua infinita compassione fece anche voto di liberare tutti gli altri esseri senzienti dalla sofferenza dei vari regni del Samsara. Prima di ciò il Buddha pregò: "Possa aiutare tutti gli esseri ma se mi dovessi stancare di questo enorme lavoro il mio corpo dovrà essere frantumato in mille pezzi".
In primo luogo si dice sia disceso nel regno dell'inferno risalendo gradualmente attraverso il mondo dei fantasmi affamati e più in alto sino al regno degli Dei. Da quel punto gli capitò di guardare in basso e vide stupefatto che, anche se aveva salvato innumerevoli esseri dall'inferno ancora una maggior numero vi si stava riversando. Fu un immenso dolore e per un momento perse la fede nel suo nobile voto ed il suo corpo esplose in mille pezzi. Nella sua disperazione chiamò in aiuto tutti i Buddha. L'aiuto si manifestò e venne da ogni parte dell'universo, come dice un testo, sotto forma di leggera tormenta di fiocchi di neve. Con il loro immenso potere i Buddha lo ricomposero nella sua completezza e da allora Avalokiteshvara ebbe undici teste e mille braccia e sul palmo di ogni mano vi era un occhio a significare quell'insieme di saggezza e nobiltà che contraddistinguono la vera compassione. In questa forma era ancora più splendente e più forte per poter aiutare tutti gli esseri. La sua compassione si sviluppò ancora più intensamente ripetendo questo voto davanti ai Buddha: " Non potrò uscire dal Samsara sino a quando tutti gli esseri senzienti non avranno raggiunto l'illuminazione". Si dice che per il dispiacere ed il dolore del Samsara dai suoi occhi sgorgarono due lacrime, con la benedizione dei Buddha si trasformarono in due Tara. Una Tara nella forma verde che rappresenta la forza attiva della compassione e l'altra Tara nella forma bianca che rappresenta l'aspetto materno della compassione. Tara significa "Colei che libera - Colei che ci accompagna attraverso l'oceano del Samsara".
Nel Mahayana Sutra vi è scritto che Avaloketeshvara ha donato il suo Mantra al Buddha e Buddha, a sua volta, gli ha assegnato il suo speciale e nobile incarico di aiutare tutti gli esseri dell'universo a raggiungere l'illuminazione. In quel momento su di loro discesero fiori, la terra tremò e nell'aria echeggiò il Mantra "OM MANI PADME HUM".

 
 
 

PREPARATIVI PER IL BATTESIMO...CHE STRESS

Post n°20 pubblicato il 28 Aprile 2010 da micasalv

E' gia da un pò che sto organizzando il battesimo di Simone.

...andava tutto per il meglio...

quando poi è arrivata la doccia gelata!!

La cerimonia era stata programmata per il 1 Agosto, in quanto la persona scelta come padrino poteva solo in quella data.

Francesco, il mio migliore amico storico, un fratello direi, doveva essere gia il padrino del mio primogenito, ma poi si era trasferito da poco in Spagna e l'apertura di una nuova attività non gli ha permesso di esserci, con mia grande delusione, in quanto avevo sempre detto che il mio primo figlio sarebbe stato retto a battesimo proprio da lui.

Allora per Simone ci siamo preparati in tempo, e appena è nato ci siamo messi daccordo sulla data prevista per il suo rientro in Italia per le vacanze estive...

Ristorante prenotato

 

Bomboniere scelte

Partecipazioni da spedire

Ma poi arriva la giornata di domenica 25 Aprile!!!!

Il parroco mi ha detto di procurarmi i certificati di cresima del padrino e la madrina di Simone, così ho chiamato il mio amico Fra' (da me soprannominato anche scimmione) per farmi dire dove potevo andare per procurarmi il suo certificato visto che lui dalla Spagna non credo potesse fare molto.

Io: "Fra, senti, dove posso andare per prendere il certificato di cresima?"

Fra: "Il certificato di cosa?"

IO: "Il certificato della tua parrocchia qui in Italia, che attesta che hai fatto la cresima"

Fra "Michè, io la cresima non l'ho fatta, è un problema????"

SAREI SPROFONDATA!!!!!!!!!!!!

Io: "NOOOOOOOOOO e perchè, senza certificato non puoi fare da padrino a mio figlio!!"

C'è rimasto di cacca!!! Ma anche io, e pensare che l'ho sempre sognato sto giorno!!! Tutto andato in fumo, la consolazione è che almeno ci sarà lo stesso per il battesimo, e spero che in futuro sarà anche presente nella vita dei miei figli come è stato nella mia.

 

 
 
 
Successivi »
 
 

...LA MUSICA CHE MI GIRA INTORNO...

TEARDROP

Dentro al caldo ventre materno non possiamo nemmeno immaginare quello che, la fuori, ci aspetta: come potremmo sognare qualcosa di cui non abbiamo, ancora, nessuna immagine? Come potremmo esserne spaventati? Come potremmo esserne attratti? Siamo qui e ci nutriamo di piccole percezioni: messaggi che ci arrivano tra i su......oni della fisiologia materna, un battito ritmico perfetto, e quelli più confusi provenienti dall'esterno. I rumori sono la nostra tranquillità. Questo piccolo spazio il nostro regno.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

novecento68bellaciniludomcostanzatorrelli46dadopachluckamartrenzoelucia0patt1958icchiavglupolo0laelia1francescopadoan_1962r.rosa_66chry87kluce_77
 

 

ULTIMI COMMENTI

La scelta di padrini e madrine č sempre particolare, cosė...
Inviato da: mumonboard
il 23/03/2011 alle 11:46
 
Buona notte cara, un abbraccio Rosy
Inviato da: bluiceee
il 18/11/2010 alle 22:38
 
Ciao carissima , spero tu stia bene , con i tuoi bellissimi...
Inviato da: bluiceee
il 11/11/2010 alle 21:30
 
Buon mercoledi' carissima , sono ritornata dopo un...
Inviato da: bluiceee
il 03/11/2010 alle 11:04
 
buon fine settimana...ciao
Inviato da: sunty67
il 29/05/2010 alle 22:16