Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« STOP AI MIGRANTI ECONOMI...“Stare nel flusso”, il m... »

GLI ITALIANI DIVENTANO RAZZISTI E PREMIANO LA XENOFOBIA DELLA LEGA

Post n°2043 pubblicato il 20 Giugno 2018 da massimocoppa
 

 

Sondaggio choc della Ipsos: la forza politica di Salvini diventa il primo partito italiano
GLI ITALIANI DIVENTANO RAZZISTI E PREMIANO
LA XENOFOBIA DELLA LEGA

Un sondaggio della Ipsos di Pagnoncelli sta suscitando legittimo scalpore.

La Lega è diventata il primo partito italiano con il 30,1 % di consensi; il Movimento 5 Stelle è sceso al 29,9 %. Alle elezioni politiche di marzo la Lega aveva “appena” il 17 %, mentre i Grillini erano al 32,7 %!

Un sorpasso clamoroso ed un quasi raddoppio dei consensi, dunque, che oltretutto ha portato alla morte di Forza Italia, ristrettasi ulteriormente dal 14 all’8,7 %.

Come mai succede questo? Difficile non metterlo in relazione con le dichiarazioni ed azioni xenofobe, anti-immigrati, di Salvini.

Ecco la situazione italiana: abbiamo un governo composto da un partito di dilettanti allo sbaraglio, i Grillini, che ora intensificheranno la demagogia (l’unica cosa che sanno fare e che conoscono) per non perdere ulteriori consensi; ed un partito, la Lega, che sta facendo le prove generali per un restringimento dei diritti umani con correlata persecuzione di interi gruppi etnici.

Agli italiani tutto ciò piace moltissimo e io sono sconvolto: vogliamo, dunque, davvero picchiare e scacciare le persone perché sono diverse, nere, extracomunitarie? Ci vogliamo davvero dimenticare quando eravamo noi italiani ad essere i diversi, gli zulù, i “terùn” ecc.?! Abbiamo dimenticato quando, in Svizzera, apparivano nei locali pubblici cartelli con scritto “vietato l’ingresso ai cani e agli italiani”?!

Dove sono più gli “italiani, brava gente”?

Siamo un Paese scristianizzato, dove persino la parola del Papa è ignorata e respinta perché a favore dei migranti!

Quando la Lega poneva legittime questioni collegate al federalismo fiscale prendeva il 14 % dei voti e faceva da ruota di scorta a Forza Italia: ora che si è lanciata nella guerra agli immigrati fa il pienone di consensi!

Questa polarizzazione razzista è dovuta in gran parte anche ai mass media, che ci bombardano da anni con le notizie degli sbarchi, dandoci la percezione di essere assediati da un mondo ostile e nemico che vuole rapinarci e distruggerci.

Io sono un lettore professionale di giornali, eppure ho dovuto apprendere da pubblicazioni specialistiche che, in realtà, in Italia abbiamo una percentuale di immigrati che è tra le più basse d’Europa, oltretutto con problemi di inserimento quasi inesistenti, specie se paragonati alla Francia, per esempio, dove l’estremizzazione islamica delle periferie è un problema gravissimo.

Spesso, inoltre, si fa confusione tra gli immigrati regolari e quelli clandestini; ed inoltre tra i clandestini che vogliono solo lavorare e quelli dediti alla delinquenza abituale. Sono i delinquenti che dobbiamo reprimere duramente (di tutte le origini, anche italiani), per i quali dobbiamo buttare via la chiave della cella; non dobbiamo perseguitare i poveri Cristi che sfuggono alla miseria del loro Paese, come già noi abbiamo fatto per decenni!

Infine, è giusto riconoscere l’esistenza del problema politico sollevato dalla Lega, con la richiesta di condivisione dei compiti con l’Unione Europea, ma non è giusto l’atteggiamento becero ed illegale verso i migranti in mare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog