Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« Quel Masaniello di Nichi...Grazie al federalismo fi... »

Armi chimiche abbandonate, nasce il coordinamento dei Comuni inquinati

Post n°1769 pubblicato il 28 Marzo 2011 da massimocoppa
 

ARMI CHIMICHE ABBANDONATE, NASCE
IL COORDINAMENTO DEI COMUNI INQUINATI
Finalmente fa sentire la sua voce quell’Italia vittima
della contaminazione dovuta agli arsenali segreti.
C’è bisogno dell’aiuto di tutti


Lo sapevate che le campagne ed i mari d’Italia sono disseminati di arsenali chimici prodotti dal fascismo, dal nazismo e dagli Stati Uniti, e poi abbandonati nelle fasi finali e subito dopo la seconda guerra mondiale?

E’ la sconvolgente tesi portante del libro “Veleni di Stato”, scritto da Gianluca Di Feo, giornalista dell’”Espresso”, pubblicato da Rizzoli (Euro 10,50) nel 2009 ed accolto dal silenzio assordante di istituzioni e mass media tradizionali...

E’, onestamente, un libro che tutti dovrebbero leggere, anche se fa molto male. Dovrebbero leggerlo, beninteso, coloro che amano conoscere la verità, per quanto scomoda, ed in primis gli amministratori locali.

Per rompere finalmente questo muro di gomma un gruppo di associazioni e comitati ha deciso di riunirsi per chiedere che venga finalmente fatta chiarezza sui rischi di questi veleni sepolti nel mare e nel terreno del nostro Paese.

Si è quindi costituito “Veleni di Stato”, cioè il “Coordinamento Nazionale Bonifica Armi Chimiche”, che si prefigge il monitoraggio e la bonifica dei siti contaminati da ordigni bellici chimici inabissati o interrati durante e dopo il secondo conflitto mondiale.

Il Coordinamento è formato da semplici cittadini, docenti universitari, professionisti, giornalisti ed attivisti ambientali che sono rappresentanti di associazioni e comitati operanti nelle zone più colpite in Italia: l’isola d’Ischia con il Golfo di Napoli, il lago di Vico, Molfetta, Colleferro, Pesaro e Cattolica. Presto entreranno a far parte del Coordinamento nuove realtà in rappresentanza di altre aree  fortemente colpite in Lombardia, Piemonte, Lazio e Abruzzo.

Il Coordinamento è aperto al contributo di tutti. Ha attivato un sito Internet all’indirizzo www.velenidistato.it, che per ora si collega ad un blog. L’indirizzo mail generale è: info@velenidistato.it; inoltre il Coordinamento nazionale è presente come “Veleni di Stato” su Facebook e su YouTube all’indirizzo www.youtube.com/user/velenidistato

Utilizzando documenti dei servizi segreti britannici, non più coperti dal sigillo della riservatezza, documenti militari americani (prima resi pubblici e poi nuovamente coperti dal segreto di Stato), e materiale d’archivio tedesco, Di Feo ricostruisce con mirabile precisione la storia delle armi chimiche italiane. Volute dal fascismo e sperimentate, con orribili effetti, in Libia ed in Etiopia, hanno fatto il paio con gli arsenali creati dalla Germania hitleriana. Come se non bastasse, una volta sbarcate in Italia le forze armate americane hanno trasferito nel nostro Paese una quantità enorme di armi chimiche a stelle e strisce. Nessuno, alla fine, le ha utilizzate sullo scenario europeo: la paura della devastante ritorsione avversaria ha dissuaso tutti, scoraggiando persino la follia hitleriana. E’ stata una sorta di prova generale dell’equilibrio del terrore atomico, che si sarebbe instaurato di lì a poco.

Il problema è che questa ingente massa di materiale bellico chimico ha inquinato l’Italia sia per la sua produzione che per il suo smaltimento. Innanzitutto le fabbriche, potenziate dal regime fascista, hanno scaricato i propri venefici scarti compromettendo falde acquifere e terreni: ancora oggi, ad esempio, le acque sotterranee milanesi e le campagne dell’hinterland del capoluogo lombardo risultano fortemente inquinate.

Di Feo getta luce sulla clamorosa consistenza dell’arsenale chimico italiano ma, soprattutto, rivela che il nostro Paese è diventato, alla fine del secondo conflitto mondiale, un’immensa discarica segreta di materiale pericolosissimo; materiale che, ancora oggi, rilascia la sua eredità di morte inquinando l’ambiente ed attentando alla nostra salute, entrando nel nostro corpo sia direttamente che attraverso la catena alimentare. L’unica ricerca scientifica ufficiale fatta in Italia ha riguardato l’Adriatico e testimoniato che, nei pressi delle aree conosciute come sede di smaltimento di scorie chimiche, si sono verificate addirittura alterazioni e mutazioni della fauna ittica.

Ad utilizzare mare e terra come criminali discariche chimiche hanno cominciato i tedeschi, devastando l’Adriatico con migliaia di tonnellate di micidiale immondizia.
Quindi le autorità americane, non si capisce se per incoscienza o criminale cinismo, hanno affondato nel Golfo di Napoli e, in generale, nel Mediterraneo, migliaia di tonnellate di testate contenenti iprite, fosgene, lewisite ed altre diavolerie, sia italiane che statunitensi e tedesche. Si trattava degli armamenti più deperibili, meno sofisticati e, insomma, difficili da gestire e conservare. I migliori munizionamenti, invece, vennero trasferiti negli Stati Uniti.
Altrettante migliaia di tonnellate vegetano decomponendosi in aree industriali dismesse e, addirittura, in un Parco Nazionale.

Nel 1943, a Bari, si è verificato il più grosso disastro chimico nella storia dell’Europa occidentale: eppure è un episodio che resta sconosciuto ai più. Una nave americana colma di testate all’iprite saltò in aria in seguito ad un massiccio bombardamento tedesco: verranno contaminati mille militari angloamericani che si spegneranno negli anni successivi, avvolti dal segreto di Stato. Dei civili baresi colpiti e delle successive morti e malattie non si sa nulla, perché nessuna inchiesta è mai stata fatta e nessun registro realizzato.
Secondo documenti militari americani, resi pubblici per un breve periodo, nel Golfo di Napoli ed al largo dell’isola d’Ischia, tra il 1945 ed il 1946, sono state affondate imprecisate quantità di ordigni contenenti iprite, lewisite, fosgene, cloruro di cianuro (“cyanogen chloride”) e cianuro idrato (“hydrogen cyanide”).

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/massimocoppa/trackback.php?msg=10052573

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Vivianafio
Vivianafio il 28/03/11 alle 16:35 via WEB
Massimo sono convinta che gia le autorià lo sapevano, solo desso viene alla luce tale pericolo. ma sono anche convinta che non faranno niente o quasi,mi dispiace ma io la penso così .tutto il mondo deve avere tali pericoli. cosa potranno fare¿ realmente non lo so.anche perchè credo siano cose che nonsi possono distruggere o si? dimmi tu. un abraccio viviana
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/03/11 alle 16:45 via WEB
ma certo che le autorità lo sapevano! è ancor più grave, quindi, che continuino a fare finta di niente...
(Rispondi)
 
saverio.ancona
saverio.ancona il 28/03/11 alle 16:40 via WEB
L'Italia è una grande polveriera pronta a scoppiare. Molto in ritardo avvenimenti di una irreversibile tradicità, sono venuti a galla, vuoi per testimonianze inconfutabili, vuoi per scoperte casuali, vuoi per forme ritardate di coscienza e... poi, per interessi vari, il tutto è stato taciuto e nascosto. Vorrei citare: -La conquista del sud da parte dei piemontesi, i tanti inumani massacri, le violenze su quelle popolazioni, i furti e i falsi fatti storici osannati, ecc.; -Le foibe al nord, con i massacri compiuti da titini, comunisti, qualunquisti del caso...; -Il massacro dei partigiani bianchi durante il periodo della liberazione... un film lo evidenziò -"Porzus" - ma venne messo fuori causa; -I tanti veleni di Stato, i misteri, le violenze, nascoste per coprire compiacenti personagi e, non ultimo quello che il libro presenta... Tanti, troppi casi, non per caso ma voluti. Riflettere, prima che sia troppo tardi, riflettere anche sull'oggi e...su certi personaggi. Buona serata, Saverio
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/03/11 alle 16:44 via WEB
ma più che riflettere adesso è il momento anche di agire, e ci vuole l'aiuto di tutti per smuovere l'inerzia delle istituzioni
(Rispondi)
 
gallovil
gallovil il 28/03/11 alle 17:06 via WEB
SPerimao che si faccia finalmente qualcosa , bello ed interennate i tuoi post un abbraccio vilma
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/03/11 alle 17:25 via WEB
grazie, vilma: dobbiamo fare massa per sperare che qualche autorità si muova
(Rispondi)
 
ioxamicizia
ioxamicizia il 28/03/11 alle 17:06 via WEB
grazie per la segnalazione. ciao
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/03/11 alle 17:25 via WEB
grazie a te se vorrai recepirla
(Rispondi)
 
nonna.fra
nonna.fra il 28/03/11 alle 17:08 via WEB
troppe cose dovrebbero risolvere subito.. non hanno tempo e fanno finta di non sapere niente..
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/03/11 alle 17:25 via WEB
non hanno mai tempo, quando si tratta dell'ambiente...
(Rispondi)
 
patryinchains
patryinchains il 28/03/11 alle 17:13 via WEB
qualcosa del genere lo avevo sentito dire, anche se non nello specifico. tutto quello che è stato buttato nei fondali marini secondo me influisce anche in questi improvvisi maremoti, certo il clima cambia per molteplici aspetti, ma la violenza degli eventi e soprattutto la frequenza è tutto accelerato dall'inquinamente e da quello che si trova nel sottosuolo. Forse mi sbaglio? io non credo
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/03/11 alle 17:32 via WEB
non penso che l'inquinamento da materiale chimico provochi maremoti. Ma certamente fa malissimo all'ambiente ed alla salute
(Rispondi)
 
riccardo081257
riccardo081257 il 28/03/11 alle 17:21 via WEB
siamo pieni di sostanze letali sparse per tutta la penisola e tutti fanno finta di non sapere.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/03/11 alle 17:33 via WEB
è questa la cosa che più mi sconcerta!
(Rispondi)
 
dolly.1
dolly.1 il 28/03/11 alle 17:22 via WEB
Menzogne e omertà. Grazie Massimo. Un caro saluto. Dolly
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/03/11 alle 17:34 via WEB
ne siamo pieni! grazie a te!
(Rispondi)
 
paperino61to
paperino61to il 28/03/11 alle 17:41 via WEB
ben vengano Massimo questi libri, dovrebbero essere adottati come testi alle scuole. bravo a segnalarlo con questo tuo post.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:42 via WEB
grazie, ma dobbiamo ringraziare soprattutto il giornalista Di Feo; e ovviamente dobbiamo dare una mano al Coordinamento nazionale
(Rispondi)
 
ladyamira1
ladyamira1 il 28/03/11 alle 17:49 via WEB
si anche io credo che le autorità lo sapevano ...ora speriamo che si risolva .. grazie ..buon inizio settimana
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:43 via WEB
ma sicuramente qualcosa sanno; magari non conoscono i punti esatti (in alcuni casi)
(Rispondi)
 
principessa_ig
principessa_ig il 28/03/11 alle 18:06 via WEB
.......non ero a conoscenza di tutto ciò....se ne guardano bene dal renderlo pubblico....ed io che amo il mare....buona serata Massimo.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:43 via WEB
è una materia che dispiace a molti
(Rispondi)
 
superciro33
superciro33 il 28/03/11 alle 18:17 via WEB
alcune zonemarine sono pattumiere a cielo aperto di rifiuti tossici pericolosissimi come la MADDALENA, ma il governo della triade Berluska, Maroni, La Russa che ne sono a conoscenza non fanno assolutamente nulla!a chi rivolgersi se non alle organizzazioni ambientaliste? stimoliamo una grande manifestazione,forse allora qualcosa si muoverà.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:43 via WEB
è una bella idea!
(Rispondi)
 
zelda.57
zelda.57 il 28/03/11 alle 18:52 via WEB
Non conoscevo questa ipotesi, almeno non così come l'hai descritta tu, ma avevo sentito parlare di qualcosa di simile, da una persona, un mio conoscente, che ha lavorato all'Arsenale di Venezia. Evidentemente qualcosa comincia a muoversi. Grazie Massimo, credo che leggerò questo libro. Buona serata ^_^
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:44 via WEB
molto lentamente, ma stiamo cercando di sgretolare almeno il muro del silenzio, tanto per iniziare
(Rispondi)
 
kremuzio
kremuzio il 28/03/11 alle 18:57 via WEB
Ho letto del gas davanti Bari, ma ho anche pensato che il lento rilascio dovuto all'arrugginirsi dei contenitori fosse così lento da inibire i possibili danni. Però se li togliessero sarebbe meglio...
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:45 via WEB
invece, purtroppo, sono sempre nocivi e tossici, e potrebbero provocare alterazioni nel DNA della catena alimentare
(Rispondi)
 
mokia_2011
mokia_2011 il 28/03/11 alle 19:02 via WEB
pazzesco!! Salteremo per aria prima o poi...!!
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:46 via WEB
non sono armamenti esplosivi, ma sono cmq pericolosi ed estremamente tossici
(Rispondi)
 
marylu472008
marylu472008 il 28/03/11 alle 19:27 via WEB
Non conoscevo le zone specifiche ma ho già sentito parlare di vari ritrovamenti nei nostri mari che se non sbaglio sono stati monitorati ma sono ancora sul posto...in quanto al sapere o meno non solo gli ultimi governanti a far finta di niente ma anche tutti i precedenti partendo proprio dall'ultima guerra che hanno permesso ed accantonato il tutto..io non credo che anche se cominciano a ripulire le varie zone si arriverebbe alla totale distruzione, senza contare l'inquinamento già rilasciato nei mari e nel terreno...ma se lo faranno passeranno secoli...ciao
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:47 via WEB
se non si comincia mai, poi, è ancora peggio...
(Rispondi)
 
gryllo73
gryllo73 il 28/03/11 alle 19:59 via WEB
scelte irraginevoli in quegli anni un pò tutti hanno fatto quello che volevano finche si continua a ragionare così c'è ben poco da sperare
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:48 via WEB
c'erano altre sensibilità ambientali, ma al giorno d'oggi non possiamo continuare a mettere la testa sotto la sabbia
(Rispondi)
 
ferrarioretta
ferrarioretta il 28/03/11 alle 20:23 via WEB
Anche durante la Guerra del Golfo....hanno combinato qualcosetta.....
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:48 via WEB
le armi chimiche vengono usate ancora oggi, alla faccia delle varie convenzioni internazionali
(Rispondi)
 
semprepazza
semprepazza il 28/03/11 alle 20:50 via WEB
Non lo sapevo e questa notizia aggiunge nuove inquietudini a quelle già funeste che sentiamo ogni giorno sullo stato del pianeta e, attualmente, sull'inquinamento nucleare... non si salva nessuno. Sembra che tutti abbiamo i nostri cadaveri più o meno nascosti sul territorio ma sicuramente dannosi anche se coperti dal silenzio.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 17:49 via WEB
dannosi di sicuro, anche se le autorità vogliono far finta di niente
(Rispondi)
 
rosatililiana
rosatililiana il 28/03/11 alle 21:49 via WEB
ma non possono dire che erano all'oscuro di tutto...sapevano e...sanno...ma fanno i finti tonti...e non fanno nulla per risolvere il problema ...notte ..Giulya
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 18:59 via WEB
qualche volta magari è vero che non sanno, ma è vero pure che sono di un'inerzia incredibile
(Rispondi)
 
jigendaisuke
jigendaisuke il 28/03/11 alle 21:52 via WEB
so che nel caso dell'iprite nel mare barese, era coperta da segreto militare sia in GB che negli Usa, fino a pochi anni fa.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 19:00 via WEB
sono argomenti spesso ancora coperti da segreto
(Rispondi)
 
muscalanz54
muscalanz54 il 28/03/11 alle 21:53 via WEB
credo poco nelle istituzioni che possono tornare su suoi passi ..sono tutti malati di protagonismo-.-.-. un saluto
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 19:16 via WEB
è per questo che dobbiamo alzare la voce e farci sentire
(Rispondi)
 
Ziu.Padori
Ziu.Padori il 28/03/11 alle 22:09 via WEB
Era ora!!Anche dalle mie parti si trova roba di tutte le specie, dimanticate PER CASO. Buona serata!
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 19:16 via WEB
ci credo!
(Rispondi)
 
serena_sempre_88
serena_sempre_88 il 28/03/11 alle 22:16 via WEB
io guardo molta televisione ma di questa cosa non avevo mai sentito parlare..è veramente sconvolgente sapere che siamo circondati da tutti questi veleni
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 19:26 via WEB
figurati se questa è materia che buca in televisione!
(Rispondi)
 
grazia.pv
grazia.pv il 28/03/11 alle 22:57 via WEB
E poi ci si chiede la causa della moria dei pesci....e degli umani, di conseguenza. Ciao
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:02 via WEB
e degli umani, soprattutto
(Rispondi)
 
fri30
fri30 il 28/03/11 alle 23:10 via WEB
L'unica cosa che sanno dire e che non corriamo nessun pericolo, tutto va bene e noi, ma guarda le publicità............?siamo un popolo ricco, bello e felice..................a dimenticavo...il popolo dei cartoni animati,ciao Massimo,Fran.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:04 via WEB
appunto, tutta fantasia
(Rispondi)
 
nagi51
nagi51 il 29/03/11 alle 00:07 via WEB
Una vera polveriera insomma..avevo senti che la mafia aveva affondato delle navi con scorie pericolose .. le armi scaricate nell'adriatico dagli americani..durante la guerra del Cossovo ..ma delle vecchie molto pericolose armi..della vecchia guerra no ...sono contenta dell'informazione ma anche preccupata buonanotte :-))
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:04 via WEB
lo so: ma si è taciuto anche troppo, secondo me
(Rispondi)
 
TheBlackLily
TheBlackLily il 29/03/11 alle 07:43 via WEB
brividi..
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:06 via WEB
giustificati
(Rispondi)
 
eric.trigance
eric.trigance il 29/03/11 alle 08:32 via WEB
Grazie per questo post che ci informa..
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:07 via WEB
faccio quel che posso, nel mio piccolo
(Rispondi)
 
fiammancora56
fiammancora56 il 29/03/11 alle 09:51 via WEB
Grazie.Ho letto e diffondo
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:07 via WEB
grazie!
(Rispondi)
 
ladymaria45
ladymaria45 il 29/03/11 alle 09:53 via WEB
mi associo a riccardo...tutti sanno,ma nessuno parla fanno finta che il problema non esiste... certo ancora non hanno riflettuto bene come speculare su questo problema...quando lo troveranno ci sarà la corsa all'oro come nel vecchio far west.....buona vita a tutti...
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:09 via WEB
guarda, sarei anche disposto a tollerare un magna-magna sugli appalti per le bonifiche: ma che si facciano!
(Rispondi)
 
skipper007
skipper007 il 29/03/11 alle 10:56 via WEB
E poi ci meravigliamo dell'aumento di tumori in tutta Italia, con la catena alimentare siamo tutti soggetti ad ingerire questi veleni. Ciao Massimo un bell'articolo il tuo... Paolo
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:10 via WEB
infatti: è incredibile quello che mangiamo, beviamo, respiriamo...
(Rispondi)
 
Spitama
Spitama il 29/03/11 alle 11:32 via WEB
Questi sono gli effetti di una informazione sbilanciata. Ci fanno sapere solo ciò che a establishment interessa. Bisogna sempre scavare per trovare un indizio di verità. Buona giornata
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:12 via WEB
è così: più vado avanti e più mi rendo conto che c'è sempre più bisogno del giornalismo d'inchiesta, cosa che invece scarseggia in italia
(Rispondi)
 
lapassionetua
lapassionetua il 29/03/11 alle 12:00 via WEB
Grazie per questa notizia non ne sapevo nulla vado al sito...
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:12 via WEB
diffondiamola
(Rispondi)
 
farfallanarrante
farfallanarrante il 29/03/11 alle 13:56 via WEB
Buonagiornata Massimo, interessante questo post.. saluti Farfalla
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:13 via WEB
interessante ma inquietante...
(Rispondi)
 
ellaessa
ellaessa il 29/03/11 alle 14:15 via WEB
Come sempre siamo gli ultimi a venire a conoscenza di queste notizie, finché una voce vera e sincera non s'innalza nel mare delle falsità e dei sotterfugi che ci circondano, ci lasciano nel completo buio e nell'ignoranza di ciò che è nocivo. Grazie per questa segnalazione, prendo subito nota. Patrizia
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:14 via WEB
grazie a te per averla recepita
(Rispondi)
 
whiteflower3
whiteflower3 il 29/03/11 alle 15:34 via WEB
Ormai non mi stupisco più di niente. Grazie per questo tuo post. Mi informerò sull'argomento, credo che si debba spingere le autorità ad occuparsene ed è giusto che facciamo sentire la nostra voce. Un saluto Susan
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:16 via WEB
il libro di di feo è una miniera di notizie
(Rispondi)
 
lali51
lali51 il 29/03/11 alle 16:20 via WEB
hai proposto un tema interessante ,anche gli ultimi conflitti vedi nel kosovo si parla di proiettili con uranio impoverito tutto ciò che bellico in un conflitto è nocivo per noi e per l'ambiente
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:17 via WEB
anche adesso in libia pare stiano usando missili a testate di uranio impoverito, estremamente inquinante e cancerogeno per l'ambiente colpito e le persone che ci vivono
(Rispondi)
 
maddamark
maddamark il 29/03/11 alle 16:28 via WEB
Lo sapevano e lo sanno!! E' sempre la solita storia. Il segreto di Stato, comodamente, copre cose teribili. Ne verremo a capo quanto riguarda l'uranio impoverito e le relative leucemie?Fare le cose per bene costa.....buon pomeriggio Maddalena
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:18 via WEB
e quello è solo un aspetto moderno. qui si parla di armi datate, ma ancora oggi micidiali ed inquinanti
(Rispondi)
 
pazzaserialkiller666
pazzaserialkiller666 il 29/03/11 alle 17:15 via WEB
M viene solo da pensare a cm sarà ridotto il mondo fra un pò d anni.. Anzi, meglio nn pensarci... Ciao. Killer
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:18 via WEB
già adesso, purtroppo
(Rispondi)
 
fatamatta_2008
fatamatta_2008 il 29/03/11 alle 17:32 via WEB
Ricordo anni fa di avere visto un servizio sul ritrovamento di barili pieni di sostanze chimiche scaricate nel mare davanti a Bari dalle navi durante la guerra..e di casi di leucemia legati a questi prodotti...poi come al solito tutto è passato sotto silenzio...non rimane che l'indignazione per vivere in un paese dove queste cose passano sempre sotto silenzio o chi ne parla viene in qualche modo messo a tacere...ciao prendo i link dei siti Lilly
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:42 via WEB
l'unica arma che abbiamo è informare quante più persone possibile e sensibilizzare l'opinione pubblica
(Rispondi)
 
sagittaire
sagittaire il 29/03/11 alle 18:10 via WEB
Tutti sanno ma tutti tacciono vero...quando leggo queste cose mi chiedo, nostri figli e nipoti che farano di questo mondo avvelenato, e questo mi rende triste ...buona sera Massimo
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:43 via WEB
il problema è cosa questo mondo farà di loro (e di noi)
(Rispondi)
 
shadow_15124hfukrl
shadow_15124hfukrl il 29/03/11 alle 18:12 via WEB
Guai a parlarne nei telegiornali, in Italia è sempre sarà top secret
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:43 via WEB
i TG non parlano di niente, praticamente!
(Rispondi)
 
assia.k
assia.k il 29/03/11 alle 19:41 via WEB
lo fanno passare per un gravissimo problema, quando ben sapevano, che il problema ce l'avevano in casa da molto tempo.. buona serata
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:45 via WEB
no, veramente le autorità fanno finta di niente e dicono che va tutto bene. fosse per loro...
(Rispondi)
 
anna1952b
anna1952b il 29/03/11 alle 20:06 via WEB
Tutti sanno...tutti abbiamo rovinato la terra ...ma igroriamo perchè vogliamo vivere senza sapere...cosa è rimasto... tutto è nocivo tutto inquinato ...molte cose causano danni all'uomo...ma tranquilli andiamo avanti...grazie di averci imformati...buona serata a te.Anna
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 20:51 via WEB
non dobbiamo mollare, ma parlare e denunciare
(Rispondi)
 
fuorischemi
fuorischemi il 29/03/11 alle 21:20 via WEB
perfettamente d'accordo... faro' quello che posso per diffondere.... grazie per l'informazione!
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 29/03/11 alle 21:30 via WEB
grazie a te per la disponibilità
(Rispondi)
 
caiodentato
caiodentato il 29/03/11 alle 21:47 via WEB
Tutti lo sanno ma nessuno ne parla troppi interessi sotto, per non parlare del Giappone di questi giorni ci dicono solo una millesima parte di quello che è successo.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 30/03/11 alle 09:15 via WEB
be', non è proprio che tutti lo sappiano... nel Golfo di Napoli, ad esempio, non sappiamo bene dove stiano queste bombe
(Rispondi)
 
carbonediamante
carbonediamante il 29/03/11 alle 22:41 via WEB
che dire: l'Italia più che ad un "bel paese" assomiglia sempre di più ad un "groviera".
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 30/03/11 alle 17:32 via WEB
ad una groviera piena di veleni
(Rispondi)
 
BLACKAENIMA
BLACKAENIMA il 29/03/11 alle 23:11 via WEB
Speriamo che chi di dovere non fosse a conoscenza di tutto questo e che prenda i dovuti provvedimenti... Mah... Nessuno sapeva, nessuno ha fatto, nessuno ha parlato... Il governo italiano certo che è coerente, non cambia mai! Cmq hai ragione, scusami per l'errore di non averti detto che ho aperto il blog... Ti aspetto al prossimo post eh... Un bacio
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 30/03/11 alle 17:33 via WEB
le autorità sanno molto in diversi casi
(Rispondi)
 
Reginella78_A
Reginella78_A il 30/03/11 alle 10:18 via WEB
Tra i veleni del dopo guerra e i veleni attuali non saprei cosa scegliere.....
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 30/03/11 alle 17:33 via WEB
tanto ce li prendiamo tutti cmq
(Rispondi)
 
nella65vit
nella65vit il 30/03/11 alle 12:39 via WEB
Povero mare.Povera natura.Grazie per la diffusione della notizia.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 30/03/11 alle 17:34 via WEB
grazie per averla letta e diffondila a tua volta: il Coordinamento ha bisogno di sostenitori
(Rispondi)
 
tabatass
tabatass il 30/03/11 alle 23:36 via WEB
sconvolgente è dire poco! grazie per queste importanti informazioni! un caro saluto Morel
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 31/03/11 alle 13:27 via WEB
prego e diffondile
(Rispondi)
 
alfazioso
alfazioso il 31/03/11 alle 00:43 via WEB
ricordo che quando ero bambino e stavo dietro la finestra del balcone pensavo che i vetri dovevano sciogliesi e saltarmi in faccia per via di un esplosine nucleare!la tv di allora mandava in onda spesso immagini del genere!
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 31/03/11 alle 13:28 via WEB
nel frattempo veniamo avvelenati da arsenali dimenticati
(Rispondi)
 
maria0051
maria0051 il 31/03/11 alle 02:35 via WEB
Lo dico sempre che non mi ispirano fiducia. Sono CAROGNE. scusa Massimo, ma quando ci vuole ci vuole e se le mettessero sotto il ..lo loro vedessi che farebbero cose un tantino più giuste. ciao ASS..
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 31/03/11 alle 13:28 via WEB
ah ah ah! che immagine suggestiva!
(Rispondi)
 
stellaelektra
stellaelektra il 31/03/11 alle 05:05 via WEB
Sapevo che nei nostri mari giacevano inesplosi missili e bombe della seconda guerra mondiale ma, non immaginavo che il problema fosse così grave ed esteso. Guardiamo con preoccupazione al Giappone, si parla tanto del nucleare....non sapendo che viviamo già in un mare di veleno. Grazie per questo post Massimo....grazie di cuore! ti auguro una buona giornata ciao. Giusy
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 31/03/11 alle 13:31 via WEB
infatti le bombe tradizionali, con il solo esplosivo, ora appaiono quasi rassicuranti e innocue...
(Rispondi)
 
SoBBona
SoBBona il 31/03/11 alle 17:42 via WEB
Nella mia zona fanno occhiali...sai quanti acidi ci saranno qui e li...? E quanti tumori? eppure la zona è una zona turistica montana...insomma...siamo un Paese che si fa di acidi di tutti i tipi..sigh Buona serata!
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 31/03/11 alle 20:15 via WEB
è per questo che alla fine diventiamo acidelli...
(Rispondi)
 
dolcementetua6
dolcementetua6 il 31/03/11 alle 20:33 via WEB
Dovremmo far qualcosa ma non a parole a fatti! Interessante il tuo spazio lascio il mio saluto con estrema simpatia :)
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 31/03/11 alle 21:02 via WEB
lo si sta facendo con questo coordinamento nazionale: io sono il responsabile per Ischia ed il Golfo di Napoli
(Rispondi)
 
assia.k
assia.k il 31/03/11 alle 20:45 via WEB (Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 31/03/11 alle 21:05 via WEB
meno male! ;-)
(Rispondi)
 
joulesal
joulesal il 31/03/11 alle 21:04 via WEB
Informazione sopra tutto. Bravo Massimo. Buona serata, JouleSal
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 01/04/11 alle 11:50 via WEB
grazie. diffondi!
(Rispondi)
 
maria0051
maria0051 il 01/04/11 alle 02:20 via WEB
ASPETTA E SPERA..LA CONOSCO QUESTA ALTERNATIVA?. CIAO MASSIMO
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 01/04/11 alle 11:51 via WEB
chi visse sperando...
(Rispondi)
 
Strega_Morgause
Strega_Morgause il 01/04/11 alle 08:32 via WEB
-Anche- per questo il mare muore e non è un gioco di parole...
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 01/04/11 alle 11:52 via WEB
purtroppo no
(Rispondi)
 
claudia.sogno
claudia.sogno il 01/04/11 alle 12:07 via WEB
Il problema di tante iniziative pacifiste, anti nucleari, anti tutto, è di avere spesso molto fumo e poca sostanza: mancano le prove, ma a volte, in qualche fortunata congiunzione astrale, qualcuno, magari sottovoce, parla. Così accade nel romanzo "Le tre pallottoleLa spiegazione del titolo arriva alla fine del libro, assieme a un'inquietante consapevolezza. A dispetto di tutti i trattati di non proliferazione del nucleare a scopo bellico, degli accordi plurilaterali circa il veto all'impiego di armi atomiche, queste sarebbero già in uso da anni. Più piccole e meno scenografiche di quelle di Hiroshima e Nagasaki, ma per il resto esattamente equivalenti. Con un piccolo proiettile atomico è possibile sventrare un edificio, creare un cratere radioattivo, amputare arti senza che le vittime quasi se ne accorgano. Soprattutto, e questo sembra essere il vero scopo, è possibile ottenere l'effetto più sporco e disumano delle bombe atomiche: la contaminazione di aria acqua e suolo attraverso polveri fatte di nano particelle che nessun filtro riesce a bloccare, l'avvelenamento lento e apparentemente senza colpevoli di popolazioni che abitano l'area interessata
(Rispondi)
 
 
claudia.sogno
claudia.sogno il 01/04/11 alle 14:43 via WEB
Anche il titolo si ribella alla segretezza ... È uscito freudianamente incompleto eccolo,"il segreto delle tre pallottole"
(Rispondi)
 
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 01/04/11 alle 17:22 via WEB
però non ho capito se pensi che valga o no la pena di fare una lotta di verità e per l'ambiente
(Rispondi)
 
 
 
 
claudia.sogno
claudia.sogno il 05/04/11 alle 08:10 via WEB
Percorro il cammino di quella lotta da tempo,fuori e dentro l'Assiociazione Vittime Uranio Impoverito Buona giornata Massimo
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 06/04/11 alle 16:54 via WEB
quello di cui ti occupi è un altro tipo di problema, ma indubbiamente gravissimo e tristissimo
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.