Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"

DAL 20 MAGGIO 2022 QUESTO BLOG
NON ACCETTA PIU' COMMENTI ED HA CANCELLATO LA LISTA AMICI.
SE VUOI SAPERE PERCHE', CLICCA
QUI.

 


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 

 
« Gli orrori in Ucraina ra...Le ricchezze ucraine fan... »

Il 67 % degli italiani dice “no” al condizionatore pur di aiutare l’Ucraina

Post n°2130 pubblicato il 14 Aprile 2022 da massimocoppa
 

IL 67 % DEGLI ITALIANI DICE “NO”
AL CONDIZIONATORE PUR DI AIUTARE L’UCRAINA

Da un sondaggio effettuato per “Repubblica” dalla Demos di Ilvo Diamanti emergono risultati sorprendenti.
Le persone che, sui mass media e sui social network, strillano sfacciatamente a favore della Russia nel conflitto ucraino, o fanno mille distinguo e premesse, si esercitano nell’odioso sport del benaltrismo, professano falsi pacifismi interessati a salvaguardare solo il proprio culo, ed ambiguamente distribuiscono uguali responsabilità a tutti, pur molto rumorose e vistose sono, in realtà, la minoranza degli italiani.
Una minoranza cospicua (20 per cento), ma pur sempre minoranza.
Il premier Draghi ha icasticamente chiesto agli italiani se preferiscono la pace, e quindi infliggere un danno gravissimo alla Russia bloccando le importazioni di gas e petrolio, o preferiscono tenere il condizionatore acceso d’estate, sacrificando l’Ucraina ed i suoi civili inermi, consentendo la prosecuzione dei crimini di guerra di cui Mosca si sta macchiando.
Ebbene, gli italiani sono stati chiarissimi.
Il 61 % dei nostri connazionali si dice “molto preoccupato” per la guerra.
Il 76 % afferma che l’invasione russa dell’Ucraina sia “grave e ingiustificata”; il 20 % la giudica “grave, ma la Russia ha delle ragioni”; solo il 3 % sostiene che “ha fatto bene”.
Per quanto concerne la reazione dell’Italia, il 70 % degli italiani è favorevole alle sanzioni economiche contro Mosca (25 % contrario), il 59 % è addirittura favorevole a rinunciare a tutte le importazioni energetiche dalla Russia (contrario il 37 %), il 57 % vorrebbe un boicottaggio dei prodotti russi (39 % contrario) ed il 51 % concorda con l’invio di aiuti militari all’Ucraina (47 % contrario).
Netta è la risposta ad un quesito espresso chiaramente: “Per rendere più efficaci le sanzioni contro la Russia e cercare di porre fine alla guerra in Ucraina gli italiani dovrebbero rinunciare ad alcuni consumi energetici, ad esempio per il riscaldamento o l’aria condizionata. Lei sarebbe disposto a farlo?”. Ebbene, il 67 % degli italiani ha risposto “sì”.
Segnali confortanti, dunque, per questo Paese: non siamo, o non siamo tutti, un branco di egoisti “cazzi miei”. Siamo scioccati da quanto sta accadendo, dai crimini di guerra contro i civili indifesi e dal campionario di orrori che giornalisti di tutto il mondo e civili con i social media stanno documentando da febbraio, e siamo disposti a stringere duramente la cinghia per far cessare questo stato di cose.
Sarebbe stato interessante sottoporre agli italiani un altro quesito, ma non è stato fatto: saremmo anche disposti ad intervenire militarmente e direttamente, ovviamente nell’ambito della cornice NATO, per fermare i russi?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/massimocoppa/trackback.php?msg=16200625

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
maxforte60
maxforte60 il 14/04/22 alle 13:18 via WEB
Sono dell'idea che tutti hanno risposto no al condizionatore e poi se ne fottano degli Ucraini e quando farà caldo..... aria fresca a tutto spiano e se non potranno accendere il clima scenderanno in piazza e saranno loro i primi a sparare contro gli Ucraini.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 14/04/22 alle 13:36 via WEB
In effetti il sondaggio precisava altresì che sono, appunto, intenzioni; bisognerebbe poi vedere se seguiranno i fatti
(Rispondi)
 
paperino61to
paperino61to il 15/04/22 alle 08:11 via WEB
caro Massimo io ai sondaggi ho sempre creduto poco, e si sa che nel nostro paese si dice una cosa poi se ne fa un'altra. Che poi a fare il sondaggio sia un pseudo giornale come la Repubblica, mi lascia ancora più dubbioso. con questo sia chiaro che sono contro qualsiasi Guerra...ma vorrei tanto almeno x un giorno vedere in televisione, radio, giornali, permettessero di dare la parola ai "russi", anche xchè il "pensiero Unico" è molto ma molto pericoloso x quella cosa chiamata democrazia...ciao
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 16/04/22 alle 15:30 via WEB
ma sai com'è, dare la parola ad un popolo a cui un dittatore dice cosa dire e cosa pensare non mi sembra granché utile, se non ad esporci ancora alla vergognosa propaganda russa
(Rispondi)
 
elyrav
elyrav il 15/04/22 alle 08:35 via WEB
Trovo assurda la frase di Draghi ma da uno come lui non mi posso aspettare altro. Dagli italiani idem. Comunque questa volta mi hanno sorpresa. Sai chi se ne frega del condizionatore. Mi riesce impossibile pensare che si possa mettere un condizionatore prima della vita delle persone. Serena giornata
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 16/04/22 alle 15:31 via WEB
Invece è una frase icastica e ficcante, che va dritta al punto. Poi non è scontato che le persone antepongano le vite umane ai propri porci comodi
(Rispondi)
 
 
 
elyrav
elyrav il 19/04/22 alle 08:23 via WEB
Io l'ho trovata idiota. Forse non è scontato ma trovo che è vergognoso mettere le vite umane dopo i propri bisogni. Un condizionatore per una vita umana? Allucinante. Nel mondo in cui viviamo forse no ma è allucinante.
(Rispondi)
 
simona_77rm
simona_77rm il 16/04/22 alle 10:37 via WEB
Non so proprio come andrà a finire questo problema del gas.... Spero che questo imminente viaggio in Africa dei nostri politici porti a stipulare contratti che ci aiutino a superare (almeno in parte) il nostro enorme problema di approvviggionamento energetico. Credo che sarà un anno molto duro per l'Europa tutta...
Auguri sinceri di Buona Pasqua caro Massimo, estensibili in famiglia...
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 16/04/22 alle 15:32 via WEB
Auguri anche a te e cerchiamo di essere ottimisti. Ora viene il caldo, il gas serve molto meno ed il nostro governo si sta muovendo velocemente per soluzioni alternative, come l'Unione Europea, del resto. Non avrei mai creduto di dover elogiare Draghi e la UE...
(Rispondi)
 
jigendaisuke
jigendaisuke il 16/04/22 alle 19:43 via WEB
Perchè non riesco a credere a quel 67%? Io comunque non ce l'ho nemmeno il condizionatore
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 17/04/22 alle 09:24 via WEB
neanche io, eppure vivo praticamente in un'isola tropicale...
(Rispondi)
 
 
 
amici.futuroieri
amici.futuroieri il 17/04/22 alle 14:25 via WEB
io lavoro insieme ad amici su uno studio sul Holodomor visto come un genocidio voluto e realizzato da stalin. Per questo sto traducendo vari scritti e documenti che raccontano soprattutto la storia del dombass e delle aree limitrofe tra il 1929 e il 1935. Posso dirvi che tali fatti sono fondamentali per capire quello che accade oggi e per contro la pochezza del nostro governo. Io sono per una conferenza internazionale sotto il patrocinio dell'onu e in questo contesto la fine dell'assedio di Kiev aiuta
(Rispondi)
 
 
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 19/04/22 alle 13:09 via WEB
conosco benissimo la vicenda dell'Holodomor, la carestia pilotata da Stalin per affamare gli ucraini. Ma pensavo, appunto, che queste cose fossero finite con Stalin
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
 
amici.futuroieri
amici.futuroieri il 20/04/22 alle 18:42 via WEB
si è finita con lui anche se i fatti di oggi si possono far risalire a quello poichè dopo lo sterminio per fame dei 14 milioni di ucraini ci fu l'insediamento di popolazioni russofone nella regione e oggi ci sono i loro eredi
(Rispondi)
 
rteo1
rteo1 il 17/04/22 alle 11:40 via WEB
Buona Pasqua, e che "sia fatta la volontà dello spirito del mondo".
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 17/04/22 alle 11:48 via WEB
auguri e che sia fatta la pace
(Rispondi)
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 19/04/22 alle 21:05 via WEB
Spero che, alla fine delle tragedie, non emerga qualcuno a definirsi "Vincitore". Già da ora mi appare una vergogna per tutte le organizzazioni sovranazionali e internazionali che mi appaiono più oscure dei contentendenti. Tenendo conto della confusione mondiale resta solo qualche speranza di ravvedimento parziale. Un saluto.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 20/04/22 alle 10:29 via WEB
onestamente, stavolta non vedo alcun comportamento oscuro o ambiguo: il mondo civile mi sembra molto chiaro nell'opporsi all'aggressione russa
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.