**TEST**
Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« Il magnifico self-contro...Coronavirus, paura infon... »

L'estate anche d'inverno e la fine del mondo

Post n°2082 pubblicato il 17 Febbraio 2020 da massimocoppa
 

L’ESTATE ANCHE D’INVERNO E LA FINE
DEL MONDO

Forse a quasi tutti, di fronte all’ennesima tracimazione di Greta Thunberg dagli schermi televisivi o di qualche device elettronico, se non dal giornale (per chi lo legge ancora), sarà capitato di pensare o addirittura dire: “Ancora! Ma a chi vuole scocciare, questa?”.
La sua insistenza ed il suo iperattivismo, diciamo la verità, sono fastidiosi, specie se – come accade – ci rimproverano il nostro stile di vita (individuale, sociale e nazionale) che sta portando il mondo al disastro ecologico.
Ne
l mondo ci sono statisti, forze politiche ed economiche e finanche alcuni studiosi che negano il nesso tra il riscaldamento globale e l’inquinamento da sostanze combuste.
Abbiamo appreso che il Polo Nord è ormai navigabile d’estate e che, in inverno, a Stoccolma, in Canada e persino in Groenlandia possono aversi temperature primaverili; pochi giorni fa abbiamo saputo che in Antartide hanno registrato venti gradi: un fatto assurdo, anche se nell’emisfero meridionale ora è estate.
Abbiamo provato a consolarci pensando che si tratti di eventi eccezionali. Ma quando, come sta accadendo da mesi, constatiamo che, in larga parte d’Italia, quest’anno l’inverno non è proprio arrivato, ci coglie un’inquietudine profonda; anche perché i fenomeni sono sotto i nostri occhi e non si possono negare.
E non sono fenomeni passeggeri ma, durando ormai da novembre, sembrano duraturi: si ha l’impressione di aver varcato un confine invisibile, ma potente; di aver passato un orribile punto di non ritorno.

Io vivo ad Ischia, che amo ironicamente definire “un’isola tropicale”, anche perché sono una persona che detesta il caldo (dovrei e vorrei vivere in mezzo alla neve, ma purtroppo il mio destino è stato diverso).
Però diciamo che, in passato, i mesi invernali assomigliavano a quello che in teoria dovevano essere. Ma le cose sono molto cambiate.
Di stupore in stupore, a parte qualche settimana di venti gelidi da Nord (altra cosa
assurda, perché storicamente Ischia è soggetta a venti dai quadranti meridionali), ho assistito e assisto a fenomeni incredibili: nel mio giardino ci sono vermi e lumache come fossimo in estate; le mosche non sono andate mai veramente via; ci sono anche i mosconi (qualche giorno fa, nel mio ufficio, è entrata quella che noi chiamiamo una “scazzocchia”, che sarebbe un enorme insetto rumoroso che sbatte contro i vetri finché non lo fai uscire, tipico dell’estate); le mie rose sono fiorite fino a dicembre (!); poi erano state potate basse per l’inverno, ma da una pianta si è allungato un ramo che ha partorito un fiore, il quale si è pure aperto; in altre zone dell’isola le rose non sono mai sfiorite. Mi è spuntata la menta! La menta a febbraio! Mi sono fatto un mojito fuori stagione, ma vedo che la mia menta viene già mangiucchiata dai parassiti, fuori tempo anche loro. Dalle ortensie stanno spuntando i boccioli. Non ho mai smesso di strappare le erbacce.

In campagna il mio cammino incrocia lucertole e serpenti, come d’estate, e viene ostacolato da rovi ed erbacce altissime, come nei mesi caldi.
I panni stesi sono quasi asciutti dopo appena una giornata, e se non sono asciutti completamente è colpa dell’umidità (la quale esiste sempre, anche d’estate), non del freddo (che non c’è).
Da diversi giorni a casa mia non accendiamo neanche più il riscaldamento: fa sudare!
Nel piccolo bagno del mio ufficio i moscerini non se ne sono mai andati. E potrei continuare con gli esempi.
Questi fenomeni sono così assurdi, anche per le mie latitudini, che nel nostro dialetto, commentandoli, scuotiamo la testa e concludiamo: “Chesta è fine ‘e munne”, e cioè: “Questo significa che il mondo è alla fine”.
Insomma, di quali altre prove abbiamo bisogno per renderci conto che siamo sull’orlo del disastro e cambiare rotta?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Rispondi al commento:
massimocoppa
massimocoppa il 18/02/20 alle 10:34 via WEB
è una cosa assurda
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: