Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« Coronavirus, paura infon...Coronavirus, la psicosi ... »

Coronavirus, la prima vittima è la verità

Post n°2084 pubblicato il 12 Marzo 2020 da massimocoppa
 

CORONAVIRUS, LA PRIMA VITTIMA E’ LA VERITA’

Come in tutti i conflitti, anche nella guerra al coronavirus la prima vittima è la verità.

Ha cominciato la Cina, dicendoci poco e niente; quando il problema è diventato troppo grosso, allora le autorità hanno deciso di correre ai ripari. In questo i cinesi hanno avuto una marcia in più perché, ancora oggi, in quel Paese, vige un sistema totalitario, dove il governo è onnipotente, e quel popolo è (purtroppo) abituato a millenni di governi autoritari.

Secondo gli esperti l’Italia ha reagito benissimo all’emergenza: le istituzioni hanno fatto e fanno quanto necessita. Ma sono gli stessi esperti che prima ci hanno detto che era solo un’influenza, poi che chi non ha sintomi non è contagioso; poi che lo è un po’; poi che lo è; poi che non si sa!

Ed il nostro governo è quello che prima ha detto che è tutto sotto controllo, poi che “show must go on”, poi che è solo un problema lombardo ed ora pretende che ci segreghiamo in casa e muriamo vivi?

Le nostre autorità sono le stesse che ci impongono di redigere un’autocertificazione per ogni metro che dobbiamo fare? La burocrazia italiana è capace di trasformare anche la tragedia in farsa!

Infine, le nostre istituzioni sanitarie sono le stesse che prima hanno detto “calma e gesso” ed ora ci fanno sembrare quasi di essere sull’orlo di un’estinzione di massa.

Si dice che due potrebbero essere i motivi di una stretta drammatica quale quella annunciata ieri sera dal premier Conte: il governo vuole terrorizzarci scientemente, perché quando ci ha detto con le buone che dovevamo comportarci in un certo modo, ce ne siamo fregati. Se questa fosse la motivazione, sarebbe triste: significa che per gli italiani ci vuole la frusta. Diciamo che non è il massimo della maturità, per un popolo.

L’altra motivazione sarebbe da ricercarsi nella scarsa disponibilità di posti-letto di terapia intensiva in tutta Italia. I cinesi sono capaci di realizzare un ospedale vero e proprio (non una tendopoli) in dieci giorni per mille posti letto: in Italia non ne siamo capaci?! C’era bisogno del coronavirus per scoprire tutta l’insipienza del nostro sistema sanitario nazionale.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Rispondi al commento:
elyrav
elyrav il 17/03/20 alle 08:08 via WEB
Proprio stato di assedio!!! :(
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: