Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« La rivincita dello Stato...

Che soddisfazione, il governo viene sulle mie posizioni...

Post n°2090 pubblicato il 18 Maggio 2020 da massimocoppa
 

 

 

CHE SODDISFAZIONE, IL GOVERNO VIENE SULLE MIE POSIZIONI...

E’ una bella soddisfazione, per me, constatare che il governo italiano, dopo aver chiuso una nazione intera per due lunghi mesi, improvvisamente, per bocca del suo premier Conte in diretta televisiva, afferma di volersi assumere il rischio di una recrudescenza del contagio da Coronavirus, ma di voler riaprire le attività produttive e commerciali perché “non ci possiamo permettere” di continuare a stare fermi…

Finalmente l’hanno capito pure a Roma ciò che io, insieme agli imprenditori del Veneto e della Lombardia, oltre che da Confindustria, diciamo da settimane: e cioè che restare fermi significa morire economicamente; significa sopravvivere al virus ma poi morire di fame. Una prospettiva che a me, onestamente, non va proprio giù.

Perdiamo ogni giorno fette di clientela internazionale, che si rivolgerà ad altri Paesi; ma non voglio stare qui a ripetere ciò che ho detto negli ultimi post.

Piuttosto, c’è da fare un’amara considerazione: forse si poteva evitare di chiudere tutto e creare il deserto? Forse si poteva continuare a lavorare, pur con le dovute cautele?

Io in ufficio ho continuato ad andarci: credo che le fabbriche potessero evitare di fermarsi.

I fondamentali della nostra economia sono ormai asfittici, e chissà se riusciranno a risollevarsi.

Il dietrofront è meglio tardi che mai, ma chissà se servirà. In ogni caso è stato confermato il fatto che le Regioni hanno più potere del governo (in uno Stato, bisogna ricordarlo, che NON è federale): infatti pare che Conte non volesse riaprire ancora niente, ma che abbia dovuto capitolare di fronte alle Regioni in rivolta.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Rispondi al commento:
massimocoppa
massimocoppa il 18/05/20 alle 21:08 via WEB
il governo è succube delle regioni, questo ormai è chiaro
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: