Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« Amoroso + Boombadash e l...

La vittoria del “NO” e’ come uccidere una mosca con un cannone…

Post n°2095 pubblicato il 22 Settembre 2020 da massimocoppa
 

LA VITTORIA DEL “NO” E’ COME UCCIDERE
UNA MOSCA CON UN CANNONE…

Non ho voluto interferire con indicazioni di voto ma, ora che tutto è compiuto, qualche parolina sul referendum costituzionale la vorrei spendere.

Cominciamo subito col dire che ho votato “NO”.

Faccio cioè parte di quella minoranza di italiani che ha respinto la riduzione dei parlamentari.

Ohibò, sarò impazzito? Niente affatto, così come non lo è quel 30 % di elettori che ha votato come me. Non siamo pazzi, ma non siamo nemmeno tutti corrotti o parenti di parlamentari o persone che lavorano presso parlamentari.

Vorrei spiegare perché uno come me, che è sempre stato d’accordo con la battaglia per ridurre le vergognose spese della politica italiana, messo di fronte ad un’occasione d’oro, ha respinto la possibilità di tagliare un bel po’ di deputati e senatori.

Premesso che ero assolutamente consapevole che il mio sarebbe stato solo un “beau geste” d’opinione, tanto sapevo benissimo che il “SI” avrebbe stravinto, ho respinto il modo con cui si vuole conseguire il risparmio: falciando persone che, bene o male, sono state liberamente elette dal popolo italiano.

Sono rimasto poi sorpreso nell’apprendere, solo nelle ultime settimane (i media si erano ben guardati dal specificarlo, per anni), che, per abbassare gli stipendi e ridurre i benefit dei parlamentari non solo non è necessaria una legge costituzionale, ma non c’è bisogno nemmeno di una legge ordinaria: basta (udite, udite!) un provvedimento amministrativo dei presidenti delle Camere!

E perché non lo emanano?!

Praticamente per uccidere una mosca abbiamo sparato con un cannone!

Nel frattempo i superstiti continueranno a ricevere stipendi scollegati dalla realtà e dalla produttività, insieme a benefit talmente assurdi da apparire surreali.

Non mi sta bene la riduzione dei parlamentari, perché la nostra è una Repubblica parlamentare, e ridurre il numero degli eletti significa, tout court, ridurre la rappresentatività del popolo italiano. Adesso gli italiani rappresentati da ogni parlamentare diventano enormemente di più, con danno appunto del collegamento tra elettori ed eletti.

Lasciamo stare che, anche quando ci sono stati i collegi uninominali con il sistema elettorale maggioritario, e cioè l’apoteosi del concetto di eletto che rappresenta e tutela gli interessi del collegio territoriale di provenienza, questo spesso non è accaduto. Penso che ognuno di noi conosca, perlomeno per sentito dire, un deputato o un senatore eletto nelle proprie zone e che, per cinque anni, non ha preso una sola iniziativa per il territorio rappresentato e, oltretutto, nemmeno si è fatto vedere.

Ma è il concetto che conta: stabilire un nesso tra elettori ed eletti è vitale per una democrazia.

Ho l’età per ricordare che, già dai tempi di Craxi, molti si sono posti, con forza, il problema della nostra Costituzione, accusandola di essere superata dalla storia. Specialmente i socialisti volevano una riforma verso un sistema presidenziale, così da far eleggere Craxi direttamente dal popolo e conferirgli un enorme potere. Quindi, in realtà, le critiche alla Costituzione del 1948 erano speciose e pretestuose. Tuttavia è vero che il parlamentarismo italiano porta a crisi di governabilità, a maggioranze ballerine e, insomma, a governi deboli che non hanno la forza di fare gli interventi che servono in economia, nella finanza, nel sistema infrastrutturale, nella legislazione del lavoro e via discorrendo.

Ma quella Costituzione non è sbagliata o pasticciata: anzi, è perfetta. È stata fatta apposta così, perché venivamo dalla dittatura fascista e da una guerra mondiale disastrosa, e non si voleva più correre il rischio di consegnare tutto il potere ad un uomo solo.

Bene, si dirà: ma i tempi sono cambiati.

Lo credevo anch’io.

Ma quando ho visto, dopo Craxi, Berlusconi, e poi Renzi e infine Salvini, ho capito che agli italiani l’“uomo forte” piace sempre, per cui credo che l’opzione presidenzialista non vada bene per noi. Vorrei tenermi la Costituzione ben stretta, ma già l’hanno vulnerata con l’assurda riforma delle autonomie regionali, con tutti i problemi che ne sono nati, ed ora si annunciano riforme ben più incisive e vistose. E io tremo. Per questo ho votato “NO”.

Spero vivamente che chi ha votato “SI”, cedendo alle sirene della demagogia e del populismo dei Grillini, non abbia un giorno a pentirsene amaramente.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: