Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« BUONE FESTE"Achtung! Banditen" »

Arrestano un assessore di Procida, ma ai giornali campani poco importa...

ARRESTANO UN ASSESSORE DI PROCIDA, MA AI GIORNALI CAMPANI POCO IMPORTA...

Un giovane assessore dell’isola di Procida, Antonio Carannante, ieri mattina è stato confinato agli arresti domiciliari con l’accusa, particolarmente infamante per un politico, di estorsione. Carannante, che oltretutto è un avvocato, avrebbe costretto un imprenditore di sessantacinque anni a versare ventimila Euro ad una cliente del suo studio legale per evitare che venisse presentata una denuncia per presunti abusi edilizi.
La circostanza ha suscitato enorme impressione nella comunità procidana ed anche sull’isola d’Ischia. Carannante viene da tutti descritto come ottima persona: un giovane disponibile e gentile, e così sembra anche guardando le sue numerose apparizioni sulla televisione locale ischitana, Teleischia.
Se è vero che l’abito non fa il monaco e potrebbe benissimo essere che sotto le amabili sembianze di un professionista si nasconda un genio del male, io spero, tuttavia, che siamo di fronte ad un errore giudiziario e che l’arrestato sia innocente.
Ho scritto ben tre libri sulla comunicazione (vedi QUI, QUI e QUI), sono stato un giornalista (secondo qualcuno lo si resta in eterno, come per i sacerdoti ed i Carabinieri) e la comunicazione fa ancora parte del mio lavoro attuale ma, alla veneranda età di 51 anni compiuti, devo evidentemente ammettere che ci sono dei comportamenti dei media che non capisco proprio, specialmente per quanto concerne la carta stampata, mio primo amore professionale e su cui mi sono formato.
Infatti, mentre i due quotidiani locali editi ad Ischia (a Procida non ce ne sono), “Il Golfo” ed “Il Dispari”, si sono occupati ampiamente del fatto, diversamente hanno agito i quotidiani della Campania, con parziale eccezione del “Mattino” di Napoli, che ancora oggi resta il maggior quotidiano del Meridione. Questi ha dedicato all’accaduto un articolo firmato dai corrispondenti locali di Procida e di Ischia. L’articolo appare in taglio basso ed a pag. 29 ma, considerando che il “Mattino” si occupa anche delle notizie nazionali ed estere, diciamo che lo spazio è da considerare sufficiente. Tuttavia la notizia non è segnalata nella prima pagina della sezione campana (e nemmeno in quella nazionale, a questo punto direi ovviamente).
L’inserto napoletano di “Repubblica” non riporta la notizia nella prima pagina locale. Qualcosa su Procida, in realtà, in copertina c’è, ma è il desiderio e l’impegno della comunità locale ad ottenere l’ambito riconoscimento di capitale europea della cultura 2022… In questo “Repubblica” si conferma un giornale incredibilmente snob. Al fatto dell’arresto dedica un trafiletto (una colonnina) senza la foto dell’arrestato, ma mettendo la foto del pubblico ministero Woodcock, che ha chiesto la misura restrittiva. Davvero “Repubblica – Napoli” non è stata in grado di trovare una foto di Carannante, nemmeno dai suoi profili social su Internet?! Sorge forte il sospetto che ci sia stato l’intento di proteggerlo, vista anche l’esiguità dello scritto…
Il sospetto si ingigantisce allo scoprire che addirittura il “Corriere del Mezzogiorno”, inserto campano del “Corriere della Sera”, IGNORA TOTALMENTE l’avvenimento!
Bisogna dunque domandarsi, retoricamente: davvero l’arresto di un assessore campano in carica è un fatto non degno di adeguata attenzione nemmeno da parte delle redazioni locali dei due maggiori quotidiani nazionali?! Non sarebbe, cioè, una notizia?!
Io non so se dietro questo atteggiamento ci siano strafottenza, ignavia, pigrizia o un maldestro tentativo di protezione dell’arrestato (che, ripeto, spero sia innocente): ma questi comportamenti sono uno dei motivi per i quali i quotidiani, e specie quelli italiani, vengono venduti sempre di meno. E con ragione, direi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: